5 passi per una solida strategia energetica

02 October 2017 da Jürgen Ritzek
5 passi per una solida strategia energetica

Molte aziende hanno già sviluppato qualche tipo di strategia energetica. Ma non affrontano esplicitamente le implicazioni strategiche dei megatrend globali. Per farlo, raccomandano 5 passi per costruire una solida strategia energetica. Il più grande ostacolo per molti rimane la percezione che l'energia sia solo un costo da gestire. E per le aziende più piccole, le aziende devono avere una strategia coerente per impegnarsi con gli stakeholder al di là degli aspetti operativi come l'aumento dell'efficienza o la diversificazione delle fonti energetiche. La tariffazione a secco, i nuovi meccanismi di finanziamento, le smart grid e lo stoccaggio delle batterie sono nuove opportunità, ma sono in una fase iniziale con nuove politiche e regolamenti in via di sviluppo. Coinvolgere le parti interessate chiave per sostenere le politiche che incoraggiano la trasformazione verso i nuovi sistemi energetici deve essere all'ordine del giorno. E devono coinvolgere i clienti, le comunità, gli investitori e i dipendenti perché le nuove soluzioni porteranno le aziende a diventare parte integrante del futuro sistema energetico - lontano anni luce dal vecchio contratto di acquisto dell'energia del passato.


Contenuti correlati   #sviluppi  #cambiamenti climatici  #energie rinnovabili 


Secondo l'articolo recentemente pubblicato nella Harvard Business Review "Energy Strategy for the C-suite", l'energia sta scalando l'agenda aziendale. Questo è vero e basato sul

  • il cambiamento climatico e la regolamentazione globale del carbonio,
  • le crescenti pressioni sulle risorse naturali,
  • le crescenti aspettative sulla performance ambientale aziendale,
  • innovazioni nelle tecnologie energetiche e nei modelli di business, e
  • il crollo dei prezzi delle energie rinnovabili

Tutti rappresentano dei megatrend che portano a un ambiente di business che cambia, con nuovi rischi e nuovi percorsi per la creazione di valore.

Secondo Andrew Winston, George Favaloro e Tim Healy, molte aziende hanno già sviluppato qualche tipo di strategia energetica. Ma manca l'integrazione con la strategia generale e non affrontano esplicitamente le implicazioni strategiche dei megatrend globali. Per farlo, raccomandano 5 passi per costruire una solida strategia energetica.

1. Iniziare con il mandato del livello C

Anche se non è una novità, questo è un MUST per iniziare: L'impegno del CEO e una chiara struttura di governance sono le fondamenta di qualsiasi implementazione di successo.

Ciò significa che l'amministratore delegato dovrebbe nominare un dirigente di alto livello che funga da campione. A seconda del settore potrebbe essere il COO o il CFO. Il primo compito di questo dirigente senior è quello di assemblare un team interfunzionale da operazioni, strutture, finanza, legale, approvvigionamento e sostenibilità.

2. Integrare l'energia nella visione e nelle operazioni dell'azienda

Il team deve iniziare con la valutazione dell'impatto energetico interno ed esterno dell'azienda. Ci sono varie domande a cui rispondere, come "Quanta energia usa la nostra azienda e quanto costa? Che impatto ha sugli indicatori finanziari chiave come il costo dei beni venduti? Capitalizziamo le opportunità di utilizzare le energie rinnovabili? Come si concilia questo con le aspettative di clienti, investitori e dipendenti, e come ci confrontiamo con la concorrenza?

Le risposte riveleranno rapidamente le opportunità e le lacune di performance e permetteranno di sviluppare un piano d'azione.

Un compito chiave è poi quello di creare i giusti schemi di incentivi in tutta l'organizzazione. Questo deve essere supportato da consigli su come integrare le considerazioni energetiche con altri processi e priorità strategiche. Un esempio è la valutazione del rischio. I responsabili delle strutture e delle operazioni dovrebbero considerare l'energia nella loro pianificazione della resilienza e della continuità aziendale.

Un'altra area chiave è l'allineamento dell'approvvigionamento con gli utenti di energia. I precedenti contratti di energia con certe strutture di prezzi on-off peak potrebbero sembrare diversi quando si considerano nuove soluzioni di stoccaggio o di risposta alla domanda nei processi di utilizzo dell'energia. Specialmente quando si integrano le rinnovabili on-side.

3. Seguire l'energia a tutti i livelli

Secondo gli autori, è spesso sorprendente per i dirigenti della C-suite che le aziende non possono dire facilmente quanta energia consumano a livello aziendale e operativo individuale. L'energia è tra le persone, i costi dei prodotti, le strutture e le attrezzature l'unica che il più delle volte non viene monitorata e gestita con attenzione.

E il monitoraggio e l'analisi dell'uso dell'energia possono rivelare anche problemi operativi che influenzano i costi, le prestazioni e la qualità.

Le aziende dovrebbero anche guardare giù nella loro catena di approvvigionamento. Soprattutto i fornitori di primo livello possono avere un grande impatto indiretto sui costi o sul raggiungimento degli obiettivi di carbonio, poiché sono anche esposti alla volatilità dei prezzi e sono responsabili di un livello significativo di carbonio per il prodotto o i servizi finali.

4. Passaggio alle energie rinnovabili e ad altre tecnologie avanzate

Il mercato delle tecnologie per l'energia pulita sta cambiando velocemente e le aziende hanno bisogno di capire le tecnologie così come le opzioni di finanziamento e i modelli di business sottostanti. Questo riguarda le energie rinnovabili ma anche, per esempio, lo stoccaggio, i contatori e i LED.

Per esempio, nel 2015, il prezzo medio dell'elettricità da nuovi progetti eolici con contratto a lungo termine negli Stati Uniti era di due centesimi per chilowattora!

Molte aziende stanno già sperimentando la cattura del calore di scarto per il riscaldamento e il raffreddamento, la combustione del metano dalle discariche, le celle a combustibile e molti altri.

Capire il finanziamento dietro le nuove opportunità è anche un'area che molte aziende conoscono poco al momento. Mentre la copertura spesso viene prima, i nuovi sviluppi del mercato finanziario verso le obbligazioni verdi e le valutazioni possono anche avere un impatto sui costi complessivi delle aziende e/o sulla capacità di accedere ai mercati dei capitali.

E ci sono ulteriori benefici che vanno dalla riduzione dei rischi politici quando si tratta di prezzi del carbonio, benefici per il marchio e opportunità per la differenziazione competitiva.

5. Coinvolgere gli stakeholder chiave

Le aziende devono anche avere una strategia coerente per impegnarsi con gli stakeholder al di là degli aspetti operativi come l'aumento dell'efficienza o la diversificazione delle fonti di energia.

Con i mercati dell'energia pulita che si evolvono rapidamente, non c'è più bisogno di comprare dalle utility locali regolamentate. Prezzi dinamici, nuovi meccanismi di finanziamento, smart grid, stoccaggio delle batterie o generazione di energia in loco sono nuove opportunità, ma sono in una fase iniziale con nuove politiche e regolamenti in via di sviluppo. Impegnarsi con le parti interessate per sostenere le politiche che incoraggiano la trasformazione verso i nuovi sistemi energetici deve essere all'ordine del giorno.

E hanno bisogno di impegnarsi con i clienti, le comunità, gli investitori e i dipendenti perché le nuove soluzioni porteranno le aziende a diventare parte integrante del futuro sistema energetico - lontano anni luce dal vecchio contratto di acquisto di energia del passato.

Conclusione

Il più grande ostacolo per molti rimane la percezione che l'energia sia solo un costo da gestire. E per le aziende più piccole che questo sia qualcosa solo per quelle grandi.

Ma questa è una percezione sbagliata. Secondo gli autori, i cinque passi possono essere fatti dalla maggior parte delle aziende, e daranno benefici sostanziali rapidamente.

"I driver del vantaggio competitivo sono sempre in evoluzione. Non molto tempo fa, la qualità era un'idea marginale e l'IT era solo un centro di costo. Ora la qualità è una posta in gioco, e la fluidità con i big data è mission-critical. L'energia è su una traiettoria simile. Ciò che una volta era nascosto in profondità nell'approvvigionamento sta aumentando per prendere il suo posto tra le leve chiave del successo aziendale".

 

Interessante anche

 

Fonte

Questo articolo è un riassunto basato sull'articolo pubblicato su Harvard Business Review nell'edizione di gennaio-febbraio (pp. 138-146)

https://hbr.org/2017/01/energy-strategy-for-the-c-suite