5 Strategie che realizzano simultaneamente la mitigazione e l'adattamento al clima

28 February 2020
5 Strategie che realizzano simultaneamente la mitigazione e l'adattamento al clima

Le zone umide costiere, le mangrovie e le fanerogame sono ecosistemi costieri unici. Difendono le coste dall'innalzamento del livello del mare tamponando le mareggiate e le inondazioni. Le foreste di mangrovie attualmente contengono l'equivalente di più di due anni di emissioni globali. Le pratiche agroforestali integrano diversi alberi o arbusti con colture e bestiame. Le tecnologie a basso contenuto di carbonio come i pannelli solari e le batterie possono fornire energia affidabile e pulita a servizi critici, come gli ospedali in aree remote che non sono già collegati alla rete, o sperimentano frequenti interruzioni di corrente, dicono. Gli autori: Le comunità hanno foreste protette che tengono

che detengono un quarto di tutto il carbonio fuori terra nelle foreste tropicali. Eppure queste comunità possiedono legalmente meno di un quinto di questa terra. Dicono che queste comunità dovrebbero migliorare il transito di massa affronta entrambe le sfide e migliorare le opzioni di trasporto per proteggere i diritti dei popoli indigeni per proteggere i loro diritti alla terra e proteggere i loro diritti e mezzi di sussistenza. Scrittori: Dobbiamo migliorare l'accesso alla loro terra.


Contenuti correlati   #pratiche agroforestali  #rischi climatici  #azioni climatiche 


Le azioni sul clima sono spesso rientrate in una delle due strategie: gli sforzi di mitigazione per abbassare o rimuovere le emissioni di gas serra dall'atmosfera, e gli sforzi diadattamento per adattare i sistemi e le società a sopportare gli impatti del cambiamento climatico. Questa separazione ha portato alla visione disinformata che affrontare il cambiamento climatico significa perseguireo la mitigazione o l'adattamento.

Questa divisione è controproducente e pericolosa, specialmente per i villaggi costieri, gli agricoltori, le piccole nazioni insulari e altre comunità in prima linea negli impatti del clima. La realtà è che adattamento e mitigazione sono due facce della stessa medaglia. In effetti, i metodi e le tecnologie chefrenano il cambiamento climatico e affrontano isuoi impatti esistono già.

Non è sempre possibile o pratico lavorare solo su azioni che siano sia di adattamento che di mitigazione. Né queste azioni sono una pallottola d'argento per risolvere la crisi climatica. Semplicemente, dove hanno senso, i governi e le comunità dovrebbero perseguire queste azioni. Qui sotto ci sono cinque soluzioni che possono frenare il cambiamento climatico e aiutarci a far fronte ai suoi impatti allo stesso tempo:

1. Proteggere le zone umide costiere

Paludi salmastre, mangrovie e fanerogame sono ecosistemi costieri unici che servono come sistemi naturali di filtraggio dell'acqua e habitat marini. Difendono le coste dall'innalzamento del livello del mare tamponando le ondate di tempesta e le inondazioni, e immagazzinano tonnellate di carbonio nelle loro radici e nei loro suoli. Le foreste di mangrovie attualmente contengono l'equivalente di piùdi due anni di emissioni globali, che verrebbero rilasciate nell'atmosfera e peggiorerebbero gli effetti del cambiamento climatico se queste foreste fossero distrutte.

Aumentare le zone umide costiere protette e recuperare circa il 40% della copertura globale dell'ecosistema entro il 2050 potrebbe mitigare un gigatone diCO2 all'anno - oltre treanni di emissioni. Gli sforzi per mantenere le zone umide costiere devono includere le comunità locali che dipendono da questi ecosistemi per le loro case e il loro sostentamento. Paesi come le Fijie la Papua NuovaGuinea hanno esperienze di successo sulla conservazione basata sulla comunità e sull'educazione per gestire queste zone umide e sostenere lo sviluppo delle comunità circostanti.

2. Promuovere i benefici dell'agroforesteria sostenibile

Con i cambiamenti d'uso della terra dovuti alla silvicoltura e all'agricoltura che rappresentanoquasi il 25% delle emissioni di gas serra antropogeniche, è chiaro che gli attuali schemi di gestione della terra devono cambiare. Le pratiche agroforestali integrano alberi o arbusti diversi con colture e bestiame. In particolare, i pascoli con alberi possono sequestrareda cinquea dieci volte più carbonio di aree senza alberi della stessa dimensione. Gli agricoltori possono anche essere più produttivi coltivando colture e allevando bestiame simultaneamente, usando molto meno terra. Diversificare le colture e includere il bestiame su queste terre può dare agli agricoltori ulteriori fonti di reddito e ridurre i rischi per i mezzi di sussistenza causati dal cambiamento climatico e dal tempo imprevedibile. Espandere l'uso di questo metodo a 554 milioni di acri a livello globale, che si stima richieda un investimento di 41,6 miliardi di dollari, potrebbe aiutare gli agricoltori a realizzare 699 miliardi di dollari di guadagni finanziari dalla diversificazione delle entrate.

3. Decentrare la distribuzione dell'energia

La variabilità del clima avrà un impatto negativo sulle infrastrutture di trasmissione e distribuzione dell'elettricità dei paesi. Allo stesso tempo, lo sviluppo e la crescita della popolazione stanno aumentando la domanda e l'utilizzo di energia. I sistemi energetici centralizzati - con grandi centrali elettriche e infrastrutture collegate su lunghe distanze - sono più vulnerabili al cambiamento climatico poiché le interruzioni in un punto del sistema possono influenzare l'intera rete.

I sistemi decentralizzati - spesso alimentati da energia rinnovabile, con linee di trasmissione più corte e aree di distribuzione più piccole - sono più resistenti al clima. In caso di disastro, una comunità con la propria fornitura di energia decentralizzata non è colpita da interruzioni di corrente in altre aree. Fonti di energia più piccole e gestibili possono anche riprendersi dai disastri più rapidamente. Le tecnologie a basso contenuto di carbonio come i pannelli solari e le batterie possono anche fornire energia affidabile e pulita a servizi critici, come gliospedali in aree remote che non sono già collegati alla rete o che subiscono frequenti interruzioni di corrente.

4. Garantire i diritti alla terra delle popolazioni indigene

Le comunità indigene e locali gestisconoquasi il 50% delle terre del pianeta, da cui dipendono fino a 2,5 miliardi di persone per il loro sostentamento. Queste comunità hanno praticato i principi di adattamento sulle loro terre per generazioni, sviluppando un profondo corpo di conoscenze tradizionali che possono aiutare gli altri a capire come adattarsi a un ambiente che cambia.

Inoltre, i luoghi in cui le popolazioni indigene hanno diritti legali sulla loro terra hanno tassi di deforestazione almeno due volte più bassi rispetto ad aree simili senza una proprietà sicura, come si è visto in Bolivia, Brasile e Colombia. Le popolazioni indigene e le comunità locali hanno protetto foreste che contengono unquarto di tutto il carbonio fuori terra nelle foreste tropicali. Eppure queste comunità possiedono legalmente menodi un quinto di questa terra. Garantire i diritti delle popolazioni indigene assicurerà che possano mantenere la loro terra, proteggere le risorse naturali e sostenere meglio i loro mezzi di sussistenza di fronte al cambiamento climatico.

5. Migliorare il trasporto di massa

Il trasporto su strada rappresenta il 72%delle emissioni globali legate al trasporto, una percentuale che continuerà a crescere a meno che non diventino disponibili e accessibili più opzioni di trasporto a basse emissioni di carbonio. L'infrastruttura di trasporto è anche estremamente vulnerabile agli impatti del cambiamento climatico come le tempeste e il calore estremo. Le interruzioni della rete dovute a condizioni meteorologiche estreme colpiranno in modo sproporzionato le persone a basso reddito e altre popolazioni urbane vulnerabili che hanno meno opzioni di mobilità. Un trasporto di massa resiliente e a basse emissioni di carbonio affronta entrambe le sfide.

Espandere il trasporto pubblico urbano del 40% entro il 2050 potrebbe diminuire il numero previsto di auto sulla strada ed evitare 6,6gigatoni di emissioni di carbonio. Adattare e progettare il trasporto di massa per resistere ai rischi climatici come i disastri naturali, l'innalzamento del livello del mare o il calore estremo assicura che queste opzioni di trasporto siano sicure e affidabili a lungo termine. Questi miglioramenti possono influenzare l'uso e accogliere meglio la crescita futura.

Città come Romae Buenos Aireshanno integrato ulteriori misure di adattamento come l'isolamento termico degli autobus e l'inverdimento delle fermate e dei percorsi per migliorare l'esperienza dei pendolari. L'aumento del trasporto pubblico ha anche i benefici aggiunti di alleviare la congestione del traffico, ridurre gli incidenti e gli incidenti mortali, e migliorare la qualità dell'aria.

Dare priorità alle soluzioni per il clima che sono multitasking

Questi sono solo alcuni esempi di azioni per il clima che affrontano contemporaneamente l'adattamento e la mitigazione. Ne esistono molte altre che possono adattarsi a diversi settori, ecosistemi, paesi e comunità. La crisi climatica è enorme e urgente. Dati i fondi limitati, le risorse e l'attenzione che possono essere assegnati per risolverla, i responsabili politici devono dare priorità a questi sforzi integrati.

 

Autore: Isabella Suarez

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato su Istituto delle Risorse Mondiali.