6 Lezioni sulla decarbonizzazione dell'energia dai paesi leader

28 January 2020
6 Lezioni sulla decarbonizzazione dell'energia dai paesi leader

Cina, Costa Rica, Danimarca, Etiopia e Regno Unito sono più avanti di molti altri. La produzione e l'uso dell'energia sono responsabili di circa tre quarti delle emissioni globali di gas serra. Tre strategie principali possono aiutare i paesi a soddisfare i bisogni energetici con zero emissioni di carbonio: ottimizzare, elettrificare e decarbonizzare. Alcuni paesi hanno migliorato l'intensità energetica, il grado di elettrificazione dell'uso dell'energia, e la parte della loro elettricità che proviene da fonti a zero carbonio. Greenpeace: Sono necessarie tre strategie principali in tutti i principali settori che utilizzano energia - edifici, trasporti e industria - così come nel sistema energetico. Greene: Alcuni paesi hanno fatto progressi significativi negli ultimi decenni su queste tre strategie, ma alcuni hanno fatto pochi progressi su due o più indicatori. Il Regno Unito ha fatto alcuni dei migliori punteggi su questi indicatori negli ultimi decenni sulle tre strategie, ma alcuni paesi devono migliorare l'efficienza, elettrificazione, elettrificazione, decarbonizzazione, veicoli elettrici, trasporto, trasporto e sistema energetico.


Contenuti correlati   #biomassa  #emissioni assolute  #energia rinnovabile 


Arrivare a un sistema energetico a zero emissioni di carbonio èessenziale. Sarà un grande sforzo, che richiede investimenti significativi in nuove infrastrutture a basse emissioni di carbonio, dallecentrali elettriche rinnovabili ai veicoli elettrici, agli elettrodomestici efficienti e agliedifici megliocostruiti. Mentrepochissimi paesi sono sulla buona strada, Cina, Costa Rica, Danimarca, Etiopia e Regno Unito sono più avanti di molti altri.

Questi paesi sono in tutto il mondo a tutti i livelli di sviluppo. Alcuni sono arrivati dove sono per intenzione; altri sono stati aiutati dalla geografia o dalla storia. Eppure tutti loro rivelano lezioni sulla transizione a emissioni zero necessaria in tutti i paesi perevitare i peggiori impatti del cambiamento climatico.

Come possono i paesi raggiungere un'energia a carbonio zero?

La produzione e l'uso dell'energia rappresentano circa tre quartidelle emissioni globali di gas serra, il che la rende l'elemento più importante di una strategia a emissioni zero per molti paesi. Tre strategie principali possono aiutare i paesi a soddisfare i bisogni energetici con zero emissioni di carbonio:ottimizzare, elettrificare e decarbonizzare. Essenzialmente, tutti i paesi hanno bisogno di:

  1. Ridurre l'uso di energia attraverso una migliore efficienza (ottimizzare);
  2. Spostare la domanda di energia verso l'elettricità e lontano dalla combustione di combustibili fossili (elettrificare); e
  3. Passare interamente a tecnologie a zero carbonio per generare elettricità (decarbonizzare).

Queste strategie sono necessarie in tutti i principali settori che utilizzano energia - edifici, trasporti e industria - così come nel sistema energetico.

Alcuni paesi sono più avanti di altri in queste tre strategie, come indicato dai loro miglioramenti nell'intensità energetica, nel grado di elettrificazione dell'uso dell'energia e nella porzione di elettricità che proviene da fonti a zero carbonio. Cina, Costa Rica, Danimarca, Etiopia e Regno Unito hanno alcuni dei migliori punteggi su questi indicatori nei più recenti dati disponibili, o hanno fatto progressi significativi negli ultimi decenni su due o più indicatori.

Ottimizzare

Elettrificare

Decarbonizzare

Miglioramento dell'intensità energetica (diminuzione % dell'uso di energia per unità di prodotto economico - MJ/GDP PPP)

Elettricità come parte del consumo finale di energia (%)*

Generazione di elettricità da fonti a zero emissioni di carbonio**, come % di tutta la produzione di elettricità

Paese

Tasso annuale di cambiamento (1990-2000)

Tasso annuale di cambiamento (2010-2016)

Cambiamento del tasso di cambiamento tra il 1990-2000 e il 2010-2016

1990

2017

Cambiamento tra il 1990 e il 2017

1990

2017

Cambiamento tra il 1990 e il 2017

Cina

7.1%

4.7%

-2.4%

6%

24%

18%

19%

28%

9%

Costa Rica

-0.6%

2.1%

2.7%

19%

22%

3%

98%

98%

1%

Danimarca

1.9%

3.9%

2.0%

19%

20%

0%

2%

55%

53%

Etiopia

-0.5%

6.0%

6.5%

0%

2%

2%

88%

100%

12%

Regno Unito

1.6%

4.1%

2.5%

19%

22%

3%

23%

45%

22%

Totale OCSE

N/A

N/A

N/A

20%

24%

4%

39%

40%

1%

Totale non OCSE

N/A

N/A

N/A

10%

19%

9%

30%

28%

-2%

Mondo

1.5%

2.3%

0.8%

15%

20%

5%

36%

33%

-3%

* Limitato al consumo dei settori industriale, dei trasporti e dell'edilizia - agricoltura, consumo di combustibili non energetici e altri usi vari esclusi.

** Nucleare, idroelettrico, geotermico, solare fotovoltaico, solare termico, eolico, maree

Fonti: Intensità energetica -https://trackingsdg7.esmap.org/ ; Consumo di elettricità e consumo di energia per settore, fonti di elettricità -https://www.iea.org/statistics/

Questi indicatori da soli non raccontano tutta la storia del percorso di decarbonizzazione di un paese e delle sue necessità, ma poiché sono disponibili dati comparabili per tutti i paesi attraverso l'AIEe la Banca Mondiale, permettonodi valutare tutti i paesi in modo coerente. E poiché questi sono indicatori relativi (percentuali) piuttosto che misure dirette di emissioni assolute, le emissioni legate all'energia dei paesi potrebbero ancora aumentare anche se migliorano in queste metriche. Questo è attualmente il caso della maggior parte delle economie in rapida crescita - dove la domanda di energia sta crescendo significativamente - ma non per molte economie sviluppate, dove la crescita economica, l'uso di energia e le emissioni sono disaccoppiate. Per raggiungere le emissioni nette-zero, i miglioramenti in queste metriche in tutti i paesi dovranno essere abbastanza grandi da superare la crescente domanda di servizi energetici.

Come i paesi stanno decarbonizzando i loro sistemi energetici?

Ci sono almeno sei fattori importanti dietro la decarbonizzazione di questi paesi:

  1. Investimenti nell'efficienza energetica: Cina, Danimarca, Etiopia e Regno Unito hanno tutti diminuito la loro intensità energetica ad un tasso annuale del 4% o meglio negli ultimi anni, un tasso significativamente superiore alla media globale del 2,3%. Questo indica che stanno migliorando l'efficienza energetica delle loro economie e riducendo la domanda di energia. La Cina, la Danimarca e il Regno Unito hanno tutti fissatoobiettivi di efficienza energetica e implementato una serie completa di politiche e programmi di investimento per aumentare l'efficienza energetica.
  2. Energia idroelettrica: In Costa Rica e in Etiopia, che ottengono quasi tutta la loro elettricità da fonti pulite, l'energia idroelettrica è stata la maggior parte della produzione dal 1990 a oggi. Questi investimenti originali nell'energia idroelettrica sono stati fatti prima che si diffondesse la preoccupazione di ridurre le emissioni di carbonio, quindi le decisioni erano probabilmente basate principalmente sull'economia di sfruttare risorse a basso costo e disponibili localmente. Ma questi non sono solo sistemi ereditati; entrambi i paesi hanno investito in ulteriore capacità idroelettrica man mano che la domanda di elettricità è cresciuta. L'energia idroelettrica è altrettanto importante nei sistemi elettrici del Brasile, della Colombia e del Kenya, che sono anch'essi vicini al carbonio zero. Nel frattempo, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso ottengono solo una media del 28% della loro elettricità da fonti a zero carbonio.
  3. Investimenti in energie rinnovabili non idroelettriche: I progressi di molti paesi nella decarbonizzazione dell'elettricità sono guidati dagli investimenti nell'eolico, nel solare fotovoltaico e nel geotermico. Il Costa Rica, la Danimarca e il Regno Unito sono passati dal non ricavare praticamente nulla della loro energia da fonti rinnovabili non idroelettriche nel 1990 al 20% o più nel 2017. Anche il Kenya ha aumentato considerevolmente la sua capacità, in particolare quella geotermica. La crescita delle rinnovabili in Cina è stata piccola come percentuale del suo fabbisogno di elettricità, ma enorme in termini assoluti, dato che ora è il più grande mercato per il solare e l'eolico nel mondo. Nel frattempo, il progresso globale sull'elettricità pulita si è fermato, con la quota di fonti a zero carbonio fondamentalmente bloccata al 30-35% dal 1990. Gli ultimi anni hanno mostrato un aumento della quota zero-carbonio - per lo più proveniente dal nuovo eolico e dal solare, mentre la quota del nucleare e dell'idroelettrico si sta riducendo - ma il progresso rimane lento rispetto all'urgenza di arrivare a zero.
  4. Lacrescente ricchezza e la modernizzazione economica sono correlate all'elettrificazione del settore energetico: La Cina è tra i paesi con la più forte crescita e la più alta quota di utilizzo dell'elettricità rispetto al consumo totale di energia. Quasi un quarto del suo consumo di energia è ora elettricità, in opposizione ad altre forme di energia come il consumo diretto di combustibili fossili come il gas naturale o il petrolio, rispetto al solo 6% del 1990. La crescita della quota di energia elettrica può essere vista in altri paesi che hanno sperimentato una rapida crescita economica e la modernizzazione, tra cui India, Indonesia, Messico, Turchia ed Emirati Arabi Uniti. Nel complesso, i livelli di elettrificazione negli altri paesi sono cambiati molto lentamente, con la media globale che è passata dal 15% al 20% dal 1990, guidata principalmente dai paesi in via di sviluppo. Affrontare questa lentezza e assicurarsi che l'elettrificazione raggiunga tutti gli usi finali all'interno di ogni settore è imperativo per la decarbonizzazione.
  5. L'elettrificazione degli edifici è stata significativa; i trasporti sono rimasti indietro: L'elettrificazione per settore varia considerevolmente. Di gran lunga la più grande quota di mercato dell'elettricità e la crescita è nel settore dell'edilizia, sia negli edifici residenziali che in quelli di servizio. A livello globale, l'elettricità ha aumentato la sua quota di mercato dal 19% di tutto il consumo energetico degli edifici nel 1990 al 31% nel 2017. La crescita è stata maggiore nelle economie emergenti (Brasile, Cina, Costa Rica, India e Indonesia), mentre i paesi a basso reddito e le economie sviluppate hanno generalmente subito meno cambiamenti. Ciò è correlato alla crescita delle classi di consumatori nelle economie emergenti e al loroacquisto di più attrezzature ed elettrodomestici elettrici, come illuminazione, ventilatori e condizionatori d'aria, e a una porzione minore di famiglie che utilizzano legna da ardere o altri combustibili tradizionali a base di biomassa. Anche il settore dei servizi - che è più elettrificato in generale - è cresciuto in queste economie. Al contrario, i trasporti sono elettrificati solo per circa lo 0-1% nella maggior parte dei paesi e hanno mostrato pochi cambiamenti negli ultimi tre decenni. La Cina è l'unica eccezione degna di nota, salendo al 3,4% dall'1,6% in questo periodo di tempo. Questo ha senso, dato che la Cina è anche il paese dei veicoli elettrici, ma anche lei ha una lunga strada da percorrere per un settore dei trasporti completamente elettrificato. Mentre il ritmodel cambiamento nei trasporti può essere acceleratoora, questo si riflettesolo parzialmente nei dati più recenti del 2017.
    Paese

    Elettrificazione: Elettricità come parte del consumo finale di energia (%*), per settore

    Totale

    Industria

    Trasporto

    Edifici

    Tutti

    Residenziale

    Servizi

    199020171990201719902017199020171990201719902017
    Brasile18%20%24%22%0.3%0.3%34%61%23%46%77%92%
    Cina6%24%13%30%1.6%3.4%2%27%1%24%16%38%
    Colombia13%19%13%20%0.0%0.0%24%44%20%34%63%77%
    Costa Rica19%22%13%20%0.2%0.0%49%66%42%66%74%66%
    Danimarca19%20%27%32%0.5%0.8%27%28%21%19%42%46%
    Etiopia0%2%20%18%0.0%0.0%0%1%0%1%6%33%
    India6%15%14%20%1.7%1.3%3%17%2%14%12%39%
    Indonesia3%12%7%14%0.0%0.0%3%18%2%12%50%80%
    Messico10%18%18%34%0.2%0.2%16%33%11%29%63%52%
    Turchia11%21%21%30%0.3%0.4%9%30%5%21%71%45%
    Regno Unito19%22%27%35%1.2%1.0%28%32%22%25%47%50%
    Totale OCSE20%24%27%32%0.8%0.8%33%44%28%37%41%53%
    Totale non OCSE10%19%16%25%3.1%1.9%7%23%5%18%25%47%
    Mondo15%20%22%27%1.3%1.1%19%31%14%24%37%51%
    I valori potrebbero non corrispondere a causa dell'arrotondamento
  6. Impegni diretti verso l'energia pulita ed efficiente e la decarbonizzazione: Costa Rica, Danimarca e Regno Unito hanno tutti fissatoobiettivi di emissioni nette a zero a livello economicoper il 2050. Questi impegni per una completa decarbonizzazione si basano sui decenni di sforzi che questi paesi hanno già fatto verso l'efficienza energetica, le energie rinnovabili e lo sviluppo sostenibile. Altri paesi dovrebbero seguire il loro esempio nel fissare obiettivi di decarbonizzazione espliciti.

Come entrare in un percorso di decarbonizzazione

Alcuni paesi sono posizionati particolarmente bene per la decarbonizzazione. Ma questo non significa che altri paesi non possano essere leader, anche se non hanno ancora costruito delle fondamenta altrettanto solide attraverso azioni precedenti. Imparando dai leader, tutti i paesi possono tracciare una rotta verso un futuro a zero carbonio.

 

Autore: Eric Mackres

Credito immagine: Pixabay

Questo articolo è pubblicato sotto Licenza Creative Commons ed è apparso originariamente su World Resources Institute.