ALLUMINIO EUROPEO: piano di recupero industriale sostenibile

26 May 2020 da Rod Janssen
ALLUMINIO EUROPEO: piano di recupero industriale sostenibile

I dati del 2019 mostrano che la produzione primaria in Europa è piatta, nonostante una crescente domanda di prodotti in alluminio. Ciò è dovuto alle tensioni sulla catena di approvvigionamento dell'alluminio causate da problemi commerciali a livello globale e dagli alti prezzi dell'energia. Ci sono 15 fonderie nell'UE, situate in dieci paesi: Francia, Germania, Grecia, Paesi Bassi, Spagna, Romania, Slovacchia, Slovenia. La riduzione totale delle emissioni di CO2 verrà dall'aumento del riciclaggio e da una decarbonizzazione del 70% nel settore primario. L'associazione ha anche pubblicato il suo Manifesto I+, la sua chiamata all'azione per i leader dell'UE per stabilire le giuste condizioni quadro per l'industria. Si basa sulle conclusioni della sua Vision 2050, il contributo di European Aluminium alla strategia di metà secolo per un'economia a basse emissioni di carbonio. In aprile, ha anche fornito una lettera ai leader dell'UE da parte dell'associazione e dei suoi CEO per superare le straordinarie sfide della pandemia COVID-19. per superare le sfide dell'economia globale del carbonio.


Contenuti correlati   #leader ue  #europa  #alluminio 


L'ALLUMINIO EUROPEO fornisce una serie di raccomandazioni per un piano di recupero industriale sostenibile

 

 

 

L'industria dell'alluminio è stata tradizionalmente considerata strategica in Europa, tuttavia, i dati del 2019 mostrano che la produzione primaria in Europa è piatta, nonostante la crescente domanda di prodotti in alluminio in una gamma di applicazioni strategiche. Ciò è dovuto alle tensioni sulla catena di fornitura dell'alluminio causate da problemi commerciali a livello globale e dagli elevati prezzi dell'energia in Europa. Gravi eccessi di capacità produttiva sui mercati globali, le severe normative UE e le sfide nell'accesso ai rottami di alluminio stanno esercitando ulteriori pressioni sull'industria. Per i prodotti semilavorati, il ritmo di crescita della domanda di laminati piatti europei ha subito un rallentamento e si è registrata una diminuzione della domanda di prodotti di estrusione.

 

 

 

Ci sono 15 fonderie nell'UE, situate in dieci paesi: Francia, Germania, Grecia, Paesi Bassi, Spagna, Romania, Slovacchia, Slovenia. Ci sono dieci fonderie nei paesi dell'EFTA (Norvegia e Islanda) e una fonderia nel Regno Unito. A livello globale, la Cina rappresenta circa il 56% della produzione totale. L'Europa rappresenta circa il 7% della produzione globale, di cui circa la metà proviene dall'interno dell'UE.

 

 

 

European Aluminium rappresenta l'intera catena del valore dell'industria dell'alluminio in Europa.La sua industria sta guidando la transizione verso un'economia circolare e neutrale dal punto di vista climatico, all'inizio di lunghe catene del valore che sono essenziali per i cittadini europei: trasporto (40%), edilizia e costruzioni (30%) e imballaggio (20%).

 

 

 

La crisi di COVID-19 sta avendo un impatto dirompente sulla catena del valore del settore e sulle operazioni quotidiane dei membri, che vanno dalla chiusura degli impianti a causa della minore domanda e delle restrizioni governative, alla carenza di lavoratori e ai problemi di liquidità. L'associazione ha fornito una serie di raccomandazioni a breve e medio-lungo termine per un piano di ripresa industriale sostenibile.

 

 

 

Sostegno economico e finanziario per il rilancio dell'economia

 

 

 

Per uscire dalla crisi, l'Europa deve ridurre una parte della pressione sugli attori economici, in particolare sulle piccole e medie imprese, sia a breve che a lungo termine. Deve inoltre ristabilire la fiducia e stimolare la domanda di prodotti e soluzioni sostenibili.

 

 

 

Rafforzare l'autonomia strategica dell'Europa nei mercati globali dell'alluminio

 

 

 

La concorrenza globale, soprattutto da parte della Cina, si intensificherà fortemente nel mondo post-COVID19 , minacciando ancora di più la resistenza dei produttori europei di alluminio. Il mantenimento della produzione di alluminio primario e riciclato è essenziale per la sovranità dell'Europa sulle materie prime.

 

 

 

Un mercato unico ben funzionante e condizioni di concorrenza eque

 

 

 

Nelle operazioni commerciali quotidiane, il settore vede che la risposta alla crisi attuale non è meno Europa, ma più Europa, e inizia con il nostro mercato comune europeo. È fondamentale garantire il trasporto di beni essenziali e il flusso di servizi attraverso i nostri confini, come ad esempio il settore medico, farmaceutico, alimentare ed energetico.A questo proposito, accolgono con favore le iniziative della Commissione europea sulle "Green Lanes" e sulla libera circolazione dei lavoratori per sostenere il funzionamento del mercato unico.

 

 

 

Un approccio coordinato per riavviare la produzione in condizioni di sicurezza

 

 

 

Il mantenimento della libera circolazione delle merci, dei lavoratori e dei servizi in condizioni di sicurezza dovrebbe essere una pietra angolare del piano di ripresa.

 

 

 

Osservazioni finali

 

 

 

European Aluminium ammette che l'industria dell'alluminio si trova ad un bivio, affrontando sfide considerevoli ma anche enormi opportunità commerciali e sociali. La sua Vision 2050 mostra il potenziale per decarbonizzare i suoi processi produttivi lungo l'intera catena del valore. Vision 2050 è il contributo di European Aluminium al dibattito, che definisce diversi scenari su come il settore può contribuire alla strategia dell'UE di metà secolo e delinea le condizioni necessarie affinché il settore possa realizzare il suo pieno potenziale di decarbonizzazione. La riduzione totale delle emissioni di CO2 deriverà dall'aumento del riciclaggio e da una decarbonizzazione del 70% nel settore primario. L'associazione ha anche pubblicato il suo Manifesto I+, il suo appello all'azione per i leader dell'UE affinché stabiliscano le giuste condizioni quadro affinché il settore realizzi il suo pieno potenziale strategico. Si basa sulle conclusioni della sua Vision 2050, il contributo di European Aluminium alla strategia di metà secolo per un'economia a basse emissioni di carbonio. In aprile, European Aluminium ha anche fornito una lettera ai leader dell'UE da parte dell'associazione e dei suoi CEO per superare le straordinarie sfide della pandemia COVID-19. Il settore industriale è senza dubbio pronto a far parte della soluzione alle sfide che ci attendono.

 

 

 

L'EEIP contribuisce alla Vision 2050 essendo partner di progetto del progetto finanziato dall'UE RETROFEED con ASAS in rappresentanza del settore dell'alluminio.Il suo obiettivo principale è quello di consentire l'utilizzo di una materia prima sempre più variabile, bio-based e circolare nelle industrie di processo attraverso il retrofit di attrezzature di base e l'implementazione di un sistema avanzato di monitoraggio e controllo, e fornendo supporto agli operatori dell'impianto attraverso un DSS - Decision Support System - che copre la catena di produzione.

 

Maggiori informazioni sul RETROFEED qui.