Avere conversazioni "impossibili" sull'energia

23 March 2020 da John Armstrong
Avere conversazioni "impossibili" sull'energia

L'autore spinge il lettore ad ascoltare quelli agli estremi per trovare un terreno comune. Possiamo essere d'accordo o meno sul fatto che il cambiamento climatico stia avvenendo, ma possiamo essere d'accordo che alcune tecnologie si muoveranno più velocemente di altre! La magia avviene davvero nel mezzo, quando riconosciamo che siamo in una transizione complessa, senza risposte univoche. L'idrogeno può essere la risposta in certe applicazioni, l'ammoniaca potrebbe alimentare gli aerei in certe circostanze (non ne sono del tutto convinto! ), a volte mantenere una vecchia auto per fare qualche chilometro è la risposta migliore. Un sacco di persone hanno "calore di bassa qualità" che potrebbero

potrebbero condividere con i vicini (centri dati, fogne, treni sotterranei per esempio)

E molte persone che cercano di garantire la sicurezza dell'approvvigionamento e di gestire i vincoli della rete elettrica locale. Lavorando insieme e pensando in modo ampio scopriamo che nessuna singola tecnologia offre la soluzione perfetta e che unendosi a volte può accadere la magia! Manteniamo aperto il dialogo sull'energia e godiamoci il viaggio che ci aspetta.


Contenuti correlati   #riscaldamento  #tecnologie  #dibattiti 


Nei miei recenti blog sulfuturo dell'energia ho avuto alcuni dibattiti molto interessanti su ciò che funzionerà e non funzionerà... Sono stato sfidato a considerare l'ammoniaca per i viaggi aerei, un passaggio completo all'idrogeno e alcuni dibattiti molto interessanti sull'impatto economico globale della riduzione significativa dei viaggi aerei.

Recentemente, durante i miei viaggi a lunga distanza, ho ascoltato un eccellente audiolibro chiamato "Come avere conversazioni impossibili". L'autore ti porta attraverso come affrontare le sfide in un mondo così divisivo e polarizzante... dove gli argomenti sono deliberatamente riportati agli estremi per guidare la reazione. Questo mi ha fatto pensare che abbiamo davvero bisogno di considerare come parliamo della transizione energetica...

Nel libro l'autore spinge il lettore ad ascoltare quelli agli estremi per trovare un terreno comune... quindi nell'energia credo ci sia molto da trovare.

1.Possiamo essere d'accordo o meno sul fatto che il cambiamento climatico sta avvenendo. Ho avuto alcuni dibattiti di recente con persone che semplicemente non credono che sia un problema. Tuttavia, quello su cui possiamo essere d'accordo è che c'è una tendenza globale per entrambi i paesi, le aziende e gli individui a cercare di ridurre le emissioni di carbonio in modo significativo - quindi le credenze individuali sulle conseguenze sono in gran parte irrilevanti!

2. Sappiamo che i nostri stili di vita saranno diversi in un decennio, forse non sappiamo il cosa o il come ma possiamo certamente concordare che sarà diverso.

3. Sappiamo che alcune tecnologie si muoveranno più velocemente di altre... se mi aveste detto anche solo cinque anni fa che avrei chattato con il mio riscaldamento tramite qualcuno chiamato "Alexa", avrei probabilmente detto che si trattava di 10-20 anni fa (Alexa ora ha preso possesso di casa mia!). Alcune tecnologie come l'eolico offshore sono pronte ora... mentre altre come l'idrogeno potrebbero aver bisogno di un po' più di tempo per svilupparsi. C'è ancora la possibilità di alcune tecnologie "cigno nero" per interrompere in futuro!

4.Siamo d'accordo che nessuno è perfetto! Semplicemente non si può vivere una vita a zero emissioni di carbonio .... Si può provare e si può lottare, ma nessuno di noi ci è ancora arrivato!

Nel mondo dell'energia ci sono molte persone che propugnano tecnologie, gridano al risparmio di carbonio e spingono su singole questioni... alcune delle quali vanno verso la "vergogna" dei miscredenti... questi punti di vista estremi rischiano di alienare le persone che cercano solo di andare avanti con la loro vita quotidiana, oltre a dare la falsa impressione che esistano proiettili d'argento che ci toglieranno tutte le preoccupazioni... eall'altra estremità dell'estremo rischiamo di convincere le persone che sono 'verdi' quando in realtà non lo sono - sì, è verde usare una tazza riutilizzabile... ma saltare su un volo o comprare una nuova auto (10 tonnellate di carbonio solo per fare se è un EV o no) fa scomparire quel contributo all'istante! (Sicuramente usate una tazza riutilizzabile a proposito... anche le piccole cose fanno una grande differenza!)

L'idrogenopuò essere la risposta in certe applicazioni, l'ammoniaca potrebbe alimentare gli aerei in certe circostanze (non ne sono del tutto convinto!), a volte mantenere una vecchia auto per fare pochi chilometri è la risposta migliore... Mi piacerebbe vedere molto più dibattito sui percorsi tecnologici... con numeri e opzioni reali.

La fornitura di riscaldamento e raffreddamento in particolare si presta all'incontro nel mezzo. Molte persone hanno un "calore di bassa qualità" che potrebbero condividere con i vicini (centri dati, fogne, trenisotterranei per esempio) così come molte persone che cercano di garantire la sicurezza dell'approvvigionamento e gestire i vincoli della rete elettrica locale. Lavorando insieme e pensando in modo ampio scopriamo che nessuna singola tecnologia offre la soluzione perfetta e che unendosi nel mezzo a volte può accadere la magia!

Manteniamo aperto il dialogo sull'energia e godiamoci il viaggio che ci aspetta!