Batterie incluse: Le Gigafactories fanno avanzare la transizione energetica tedesca

09 October 2018 da Jürgen Ritzek
Batterie incluse: Le Gigafactories fanno avanzare la transizione energetica tedesca

I paesi e i produttori europei si stanno muovendo sulle batterie. Questa è l'occasione per la Germania di portare posti di lavoro stabili nelle sue ex regioni minerarie, e finalmente eliminare il carbone. La Commissione europea ha istituito l'Alleanza europea delle batterie (EBA)

L'EBA dovrebbe incoraggiare gli investitori e le aziende ad aiutare ad alimentare la nascente industria delle auto elettriche, a rifornire la rete energetica in evoluzione e a generare migliaia di posti di lavoro altamente paganti e ad alta tecnologia. Diverse aziende, tra cui Tesla, stanno prendendo provvedimenti per costruire le cosiddette gigafactories in tutto il continente. E prima della sua prima riunione, la nuova Commissione del carbone della Germania ha citato le fabbriche di batterie verdi come una soluzione praticabile. L'UE potrebbe catturare un mercato delle batterie fino a 250 miliardi di euro all'anno a partire dal 2025. Il leader delle auto elettriche Tesla sembra vicino a fare presto un importante annuncio di investimento europeo. Se questi piani avranno successo, l'Europa potrebbe diventare l'hub della produzione di batterie, creando posti di lavoro e una migliore produzione di batterie e creando posti di lavoro per il futuro del continente.


Contenuti correlati   #Germania  #parchi eolici  #posti di lavoro rinnovabili 


Pubblicato per la prima volta qui.

I parchi eolici collegati alle batterie possono aiutare la Germania ad andare senza fossili (Foto di FrankSchwichtenberg, CC BY 3.0)

L'immagazzinamento dell'energia sarà un'industria enorme nella transizione alle rinnovabili, e i paesi e i produttori europei si stanno muovendo sulle batterie. Questa è la possibilità per la Germania di portare posti di lavoro stabili nelle sue ex regioni minerarie, e finalmente eliminare il carbone. L. Michael Buchsbaum dà un'occhiata.

Questo giugno, la più grande batteria d'Europa è andata online: un'enorme 50MWh a Jarelund, in Germania. Costruita da NEC ES, la batteria "EnspireMe" è una joint venture tra la società olandese di energie rinnovabili Eneco e Mitsubishi Corporation. È collegata ai parchi eolici regionali e permette all'energia immagazzinata nelle batterie di essere venduta nei mercati di riserva della Germania, dove fornisce il bilanciamento e la stabilizzazione della rete, o direttamente nella rete dove può competere contro il carbone e il gas.

Composto da 10.000 batterie agli ioni di litio, il progetto dimostra ulteriormente "i vantaggi economici di accoppiare l'immagazzinamento di energia con le energie rinnovabili, prima provato con il solare e ora con gli abbondanti generatori eolici nella regione di Jardelund", ha detto il CEO di NEC ES Steve Fludder alla messa in funzione.

Mentre la batteria da 100 MWh di Tesla in Australia rimane la più grande del mondo, ogni giorno vengono annunciati progetti di batterie giganti, soprattutto perché sempre più energie rinnovabili arrivano online. Sistemi di stoccaggio sempre più grandi sono la chiave per bilanciare gli array di energia eolica e solare. Il loro ruolo crescente nel mix energetico rafforza la richiesta di sviluppo di un'industria europea di batterie di prossima generazione.

Concepita come una situazione win-win, in ottobre la Commissione europea ha istituito la European Battery Alliance (EBA). L'alleanza dovrebbe incoraggiare gli investitori e le aziende a contribuire ad alimentare la nascente industria delle auto elettriche, a rifornire la rete energetica in evoluzione e a generare migliaia di posti di lavoro altamente pagati e ad alta tecnologia.

Ora diverse aziende, tra cui Tesla, stanno prendendo provvedimenti per costruire le cosiddette "gigafactories" in tutto il continente. E prima della sua prima riunione, la nuova Commissione del carbone della Germania(incaricata di eliminare gradualmente il carbone aiutando i lavoratori interessati) ha citato le fabbriche di batterie verdi come una soluzione praticabile per sostituire i posti di lavoro e le entrate quando i combustibili fossili saranno eliminati.

Alla conferenza Intersolar di giugno a Monaco, Maroš Šefcovic (vice presidente della CE per l'energia) ha parlato con passione della creazione di un partenariato pubblico-privato a livello europeo, incentrato sulle batterie, simile al modo in cui è stato creato il produttore di aerei Airbus. Ha chiesto alla Commissione europea di elaborare schemi normativi e sviluppare protocolli di standardizzazione per aiutare gli stati membri ad attirare i produttori di batterie e gli investitori, e ha addolcito l'offerta promettendo di intensificare la ricerca e l'innovazione dell'UE "per collegarla meglio con le esigenze future dell'industria". Immediatamente disponibili fino al 2019 sono 110 milioni di euro per progetti di ricerca e innovazione legati alle batterie. E da qui al 2020, gli sviluppatori possono attingere a "un budget di 2,7 miliardi di euro disponibili nell'ambito del Consiglio europeo dell'innovazione per potenziali progetti di svolta e batterie", ha detto.

Mentre la direttiva CE sulle energie rinnovabili ha giocato un ruolo chiave nel convincere gli stati membri dell'UE a installare gli oltre 100 GW di capacità fotovoltaica (PV) che oggi generano energia, Šefcovic ha lamentato che l'Europa non è riuscita a creare un sostegno sufficiente per la produzione attraverso l'intera catena del valore. Commentando la perdita generale di quote di mercato dei produttori europei di fotovoltaico "a favore dei nostri concorrenti", è determinato a non fare lo stesso errore con le batterie.

"Vogliamo essere un trendsetter globale. Questo dovrebbe coprire l'intera catena del valore, dalla fornitura sostenibile delle materie prime, attraverso la produzione al riciclaggio. Questo e il prossimo anno, saremo in stretto contatto con gli organismi europei di standardizzazione per sviluppare standard europei - l'etichetta verde", ha detto Šefcovic.

Secondo alcune previsioni rialziste, l'Europa potrebbe catturare un mercato delle batterie fino a 250 miliardi di euro all'anno a partire dal 2025. Secondo questi scenari, coprire la sola domanda dell'UE potrebbe richiedere tra 10 e 20 gigafactories e grandi centri di produzione. Il leader dell'auto elettrica Tesla sembra vicino a fare presto un annuncio di investimento europeo importante. In un Tweet di metà giugno, il CEO Elon Musk ha scritto che "la Germania è una scelta di primo piano per l'Europa. Forse sul confine tra Germania e Francia ha senso, vicino ai paesi del Benelux".

 

Un altro potenziale sviluppatore, il consorzio TerraE, starebbe progettando di lanciare la produzione di batterie nel 2019 e avere due impianti con una capacità totale di 34 gigawatt in funzione entro il 2028. La startup svedese Northvolt, guidata dall'ex dirigente Tesla Peter Carlsson, mira a produrre batterie con una capacità di 32 gigawatt-ora entro il 2023. Ha già attirato un investimento di 10 milioni di euro dalla Scania, filiale di VW, e ha appena ricevuto l'approvazione della Banca europea per gli investimenti (BEI) per un prestito di 52,5 milioni di euro per un impianto dimostrativo di produzione di batterie. I piani prevedono la costruzione di una gigafactory nel nord della Svezia, con aziende come Vattenfall, ABB e Siemens presenti anche lì.

Se questi piani avranno successo, l'Europa potrebbe diventare il centro della produzione di batterie, creando posti di lavoro e una vita migliore per coloro che si trovano nelle regioni lasciate indietro dal passaggio al carbone. Prima della prima riunione della Commissione del carbone della Germania, è trapelata la notizia che anche loro si stanno concentrando sull'attirare i produttori di batterie in aree dipendenti dal carbone, dove circa 100.000 o più posti di lavoro sono in bilico.

 

 

Se la produzione di batterie inizia in Germania, i posti di lavoro rinnovabili potrebbero sostituire del tutto quelli del carbone

Gli ex siti minerari, così come le centrali nucleari e a carbone, sono intrinsecamente adatti alla riqualificazione come gigafactories: sono già rete elettrica e hub di trasporto e hanno una popolazione desiderosa di posti di lavoro stabili. Sostenere la crescita di centri di "gigaproduzione" di e-batterie verdi potrebbe fornire una soluzione elegante e high-tech per la Germania e l'Europa, nonché un modello per altri in tutto il mondo.

_____________

 

Restate sintonizzati! Le migliori idee per l'efficienza energetica e la transizione energetica...

 

Articoli correlati

L'autore

L. Michael Buchsbaum è un giornalista specializzato in energia e miniere e un fotografo industriale con sede in Germania. Dalla metà degli anni '90, ha coperto gli impatti sociali, ambientali, economici e politici della transizione dai combustibili fossili alle energie rinnovabili per decine di riviste industriali, giornali, istituzioni e clienti aziendali. Nato negli Stati Uniti, è emigrato in Germania e in Europa per documentare meglio l'Energiewende.