Ci si aspettano più politiche climatiche nazionali, ma quanto sono efficaci quelle esistenti?

28 November 2019
Ci si aspettano più politiche climatiche nazionali, ma quanto sono efficaci quelle esistenti?

Nel 2019, gli Stati membri dell'UE hanno riferito di aver già adottato o di voler adottare 1925 politiche nazionali e misure corrispondenti per ridurre le emissioni di gas serra. Molte di queste misure aiutano anche a raggiungere gli obiettivi di efficienza energetica e di energia rinnovabile. Mentre l'azione per il clima è chiaramente in corso in tutta Europa, gli Stati membri europei forniscono ancora prove insufficienti dell'efficacia e dei costi delle loro politiche. Questo briefing presenta una panoramica delle informazioni sulle politiche nazionali per la mitigazione dei cambiamenti climatici, riportate nel 2019 dagli Stati membri all'Agenzia europea dell'ambiente (AEA) ai sensi del regolamento sul meccanismo di monitoraggio dell'UE. Il numero di nuove politiche e misure segnalate è aumentato di circa il 27% tra

Ma le informazioni quantitative sui risparmi di emissioni effettivamente raggiunti dalle misure attuate (ex ante) rimangono insufficientemente segnalate. Ciò riflette anche la preparazione dei piani nazionali per l'energia e il clima, concepiti per raggiungere gli obiettivi climatici ed energetici 2030 dell'UE, ma non necessariamente legati al suo livello di ambizione. Tuttavia, il numero di politiche nazionali è ancora insufficiente.


Contenuti correlati   #legislazione comunitaria  #azione per il clima  #politiche pianificate 


Autore: Agenzia europea dell'ambiente

Nel 2019, gli Stati membri dell'UE hanno riferito di aver già adottato o di voler adottare 1925 politiche nazionali e misure corrispondenti per ridurre le emissioni di gas serra e raggiungere gli obiettivi climatici. Molte di queste misure aiutano anche a raggiungere gli obiettivi di efficienza energetica e di energia rinnovabile. Mentre l'azione per il clima è chiaramente in corso in tutta Europa, gli Stati membri dell'UE non forniscono ancora prove sufficienti dell'efficacia e dei costi delle loro politiche. Questo briefing presenta una panoramica delle informazioni sulle politiche e le misure nazionali per la mitigazione dei cambiamenti climatici, riferite nel 2019 dagli Stati membri all'Agenzia europea dell'ambiente (AEA) ai sensi del regolamento sul meccanismo di monitoraggio dell'UE.

Messaggi chiave

  • Il numero di politiche e misure nazionali segnalate dagli Stati membri per ridurre le emissioni di gas serra è aumentato di circa il 27% tra il 2017 e il 2019. La maggior parte delle nuove politiche e misure segnalate sono in fase di pianificazione.
  • Questo aumento è coerente con l'aumento segnalato dei risparmi di emissioni previsti entro il 2030. Riflette anche la preparazione dei piani nazionali per l'energia e il clima, progettati per raggiungere gli obiettivi climatici ed energetici dell'UE per il 2030. Tuttavia, il numero di politiche e misure nazionali riportate da un paese non è necessariamente legato al suo livello di ambizione.
  • Le informazioni riportate sulle politiche e misure nazionali sono migliori e più complete rispetto agli anni precedenti, in particolare sui risparmi di emissioni di gas serra attesi da queste misure (ex ante). Tuttavia, le informazioni quantitative sui risparmi di emissioni effettivamente conseguiti dalle misure attuate (ex post) rimangono insufficientemente segnalate.
  • Nel 2019, la maggior parte delle politiche e delle misure segnalate erano regolamenti o strumenti economici destinati all'approvvigionamento energetico o al consumo di energia (anche per i trasporti), attuati in risposta a una o più politiche dell'UE. Più del 10% delle misure riguardano l'agricoltura. Tuttavia, poche di queste misure agricole (18%) sono presentate con i risparmi di emissioni associati.

Nel 1992, nell'ambito della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), i paesi sviluppati si sono impegnati ad adottare politiche nazionali e a prendere misure corrispondenti sulla mitigazione dei cambiamenti climatici. Con l'accordo di Parigi del 2015, tutti i paesi si sono impegnati a perseguire misure interne di mitigazione per raggiungere gli obiettivi dei loro contributi determinati a livello nazionale.

Un'analisi più dettagliata è disponibile nel rapportoOverview of reported national policies and measures on climate change mitigation in Europe in 2019, preparato dall'European Topic Centre on Climate Change Mitigation and Energy (ETC/CME). Sono disponibili anche informazioni dettagliate sullepolitiche e le misure introdotte dai paesi europei per ridurre le emissioni di gas serra e per raggiungere gli obiettivi relativi al cambiamento climatico e all'energia correlata.

Molte politiche pianificate segnalate in tutta Europa

Nel 2017, gli Stati membri dell'UE avevano ridotto le loro emissioni di oltre il 22% rispetto ai livelli del 1990. Secondo le loro stesse proiezioni, gli Stati membri prevedono che le politiche e le misure attuali possano fornire una riduzione del 30 % entro il 2030, rispetto al 1990, mentre le politiche e le misure aggiuntive pianificate potrebbero fornire una riduzione del 36 % entro il 2030.

Nel 2019, gli Stati membri hanno segnalato più misure esistenti e un numero significativamente maggiore di politiche e misure pianificate rispetto al 2017 (Figura 1). Questo aumento del numero di politiche e misure segnalate riflette la preparazione e la finalizzazione deipiani nazionali per l'energia e il clima, che stabiliscono come gli Stati membri prevedono di raggiungere i rispettivi obiettivi nell'ambito delle cinque dimensioni dell'Unione dell'energiae del clima entro il 2030. Non tutte queste politiche e misure aggiuntive sono ancora chiaramente definite e molte devono ancora essere attuate come riportato.

Figura 1 Numero totale di politiche e misure esistenti e pianificate riportate nell'UE-28 (a sinistra) e per paese (a destra)

Note: *2017 reporting, ** paesi non UE Fonte:In 2019, EU Member States reported that they had already adopted or were planning to adopt 1925 national policies and corresponding measures to reduce greenhouse gas emissions and achieve climate targets. Many of these measures also help achieve energy efficiency and renewable energy targets. While climate action is clearly taking place across Europe, EU Member States still provide insufficient evidence of the effectiveness and costs of their policies. This briefing presents an overview of the information on national policies and measures for climate change mitigation, reported in 2019 by Member States to the European Environment Agency (EEA) under the EU Monitoring Mechanism Regulation.Carichi CDRper l'obbligo "Politiche e misure nazionali (mitigazione del cambiamento climatico)" forniti da ETC/CME, 2019

La maggior parte delle misure segnalate sono strumenti economici e normativi che mirano alle emissioni di energia in risposta alla legislazione UE

Delle 1 925 politiche o misure di mitigazione del cambiamento climatico segnalate dagli Stati membri nel 2019:

  • la maggior parte si rivolge principalmente alle emissioni di gas serra legate all'energia (che rappresentano l'80% di tutti i gas serra emessi nell'UE). Le misure segnalate riguardano comunemente l'efficienza energetica negli edifici (18 %), la diffusione delle energie rinnovabili (16 %), il passaggio a carburanti a basse emissioni di carbonio o a veicoli elettrici (8 %) e l'efficienza energetica dei veicoli (7 %).
  • la maggior parte corrisponde a strumenti di politica economica (ad esempio, sussidi o tariffe di alimentazione, 44%) o strumenti di regolamentazione (ad esempio, standard di efficienza energetica, 43%).
  • molti (25%) sono stati attuati nei 5 anni successivi all'adozione del pacchetto clima ed energia del 2009 (cioè tra il 2010 e il 2014).
  • il numero di politiche e misure agricole ha mostrato un aumento relativamente grande tra il 2017 e il 2019, rispetto ad altri settori. Nel 2019, gli Stati membri hanno segnalato 212 politiche agricole con effetti sulle emissioni di gas serra. La maggior parte (72%) è stata attuata in risposta allapolitica agricola comune dell'UE. Gli obiettivi più segnalati sono la riduzione dell'uso di fertilizzanti/ concimi sui terreni coltivati (38 % di tutte le politiche e misure agricole) e il miglioramento dei sistemi di gestione dei rifiuti animali (30 %).

L'adozione di politiche e misure nazionali è anche guidata dalla legislazione dell'UE. Secondo gli Stati membri, le loro politiche nazionali sono per lo più legate alladirettiva sulle energie rinnovabili del 2009, alladirettiva sull'efficienza energetica del 2012, alladecisione sulla condivisione deglisforzi(che stabilisce obiettivi nazionali per le emissioni dei settori non coperti dal sistema di scambio delle quote di emissione dell'UE), alladirettiva sull'efficienza degli usi finali dell'energiae sui servizi energetici del 2006e alla rifusione delladirettiva sul rendimento energetico degli edifici del2010.

Un totale del 27% delle azioni nazionali riportate non sono direttamente collegate a una specifica politica dell'Unione europea. Le informazioni sulle singole politiche e misure sono disponibili in unvisualizzatore di dati online.

Le informazioni sull'efficacia delle politiche sono migliorate ma rimangono insufficienti, soprattutto per quanto riguarda gli effetti reali delle misure esistenti

Le informazioni qualitative sulle politiche e sulle misure aiutano a comprendere meglio la natura delle azioni per il clima a livello nazionale. Tuttavia, sono necessarie ulteriori informazioni sugli effetti di queste azioni per aiutare a identificare i successi e i fallimenti, e per fornire una base di conoscenza fondamentale per informare le decisioni politiche. Questo è il motivo per cui gli Stati membri devono anche riferire, se disponibili, informazioni quantitative sui risparmi di emissioni di gas a effetto serra ottenuti o previsti dalle politiche e dalle misure segnalate, singolarmente o per gruppi di politiche e misure.

La qualità delle informazioni comunicate nel 2019 è migliorata in termini di completezza, coerenza, accuratezza e trasparenza, rispetto alla comunicazione del 2017. Tuttavia, le informazioni quantitative sui risultati raggiunti, le valutazioni ex post delle politiche, i costi e i benefici e gli indicatori rimangono sotto-riportati.

Segnalazione degli effetti attesi dalle nuove politiche

La segnalazione degli effetti attesi, ex ante, delle politiche è migliorata nel 2019 rispetto al 2017, ma rimane insufficiente. 23 Stati membri hanno segnalato alcune informazioni sui risparmi di emissioni previsti. Il numero di politiche con tali effetti varia significativamente, da una in Portogallo a più di 60 singole politiche e misure in Germania e Spagna. In totale, gli Stati membri hanno segnalato risparmi ex ante per il 2030 per 500 politiche nazionali (Figura 2).

Mentre i dati quantitativi sui risparmi di emissioni ex ante riferiti dalle politiche nazionali potrebbero non essere completi, la combinazione dei dati riferiti fornisce un'indicazione di importanti tendenze generali. Le politiche nazionali legate alle politiche dell'UE sulla promozione dell'energia rinnovabile e la legislazione relativa al miglioramento dell'efficienza energetica dovrebbero fornire i maggiori risparmi di emissioni entro il 2030 (Figura 3). Di tutte le politiche dell'Unione europea, queste sono state anche segnalate più spesso come la ragione principale per l'attuazione di politiche e misure nazionali. Tuttavia, ci sono delle eccezioni a questa regola. Iregolamenti sui gas fluorurati non sono stati collegati a molte politiche nazionali, eppure l'impatto di queste politiche sui risparmi di emissioni è relativamente alto. D'altra parte, ci sono molte politiche e misure nazionali che sono state attuate come risultato della politica agricola comune, ma l'impatto riportato di queste è stato relativamente piccolo (4,7 MtCO2enel 2030). Le politiche agricole sono raramente quantificate (solo il 18% delle singole politiche e misure che riguardano il settore agricolo hanno almeno una stima quantitativa dei risparmi di emissioni previsti).

Figura 2 Numero totale di politiche e misure con risparmi ex ante riportati nell'UE-28 (sinistra) e per paese (destra)

Note: * rendicontazione 2017 ** paesi non UE Fonte: caricamenti CDR per l'obbligo "Politiche e misure nazionali (mitigazione dei cambiamenti climatici)" forniti da ETC/CME, 2019In 2019, EU Member States reported that they had already adopted or were planning to adopt 1925 national policies and corresponding measures to reduce greenhouse gas emissions and achieve climate targets. Many of these measures also help achieve energy efficiency and renewable energy targets. While climate action is clearly taking place across Europe, EU Member States still provide insufficient evidence of the effectiveness and costs of their policies. This briefing presents an overview of the information on national policies and measures for climate change mitigation, reported in 2019 by Member States to the European Environment Agency (EEA) under the EU Monitoring Mechanism Regulation.Carichi CDR per l'obbligo "Politiche e misure nazionali (mitigazione dei cambiamenti climatici)" forniti da ETC/CME, 2019

Figura 3 I risparmi previsti segnalati dalle politiche nazionali collegate alle principali politiche dell'UE nel 2030

chart_1

Segnalazione dei risultati della valutazione ex post

Nel 2019, solo 10 Stati membri (Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Francia, Grecia, Ungheria, Lituania, Lussemburgo e Polonia) hanno comunicato informazioni sulle riduzioni delle emissioni ex post conseguite, e solo per 112 singole politiche e misure (8% di tutte le politiche comunicate) (Figura 4). Questo non permette un'analisi completa degli impatti delle politiche nazionali sul clima esistenti nell'UE e rende il confronto e la somma dei risparmi di emissioni ex post un esercizio altamente incerto.

Figura 4 Numero totale di politiche e misure con risparmi ex post riportati nell'UE-28 (sinistra) e per paese (destra)

Nota: * relazioni del 2017 ** paesi non UE Fonte: upload di CDR per l'obbligo "Politiche e misure nazionali (mitigazione dei cambiamenti climatici)" fornito da ETC/CME, 2019In 2019, EU Member States reported that they had already adopted or were planning to adopt 1925 national policies and corresponding measures to reduce greenhouse gas emissions and achieve climate targets. Many of these measures also help achieve energy efficiency and renewable energy targets. While climate action is clearly taking place across Europe, EU Member States still provide insufficient evidence of the effectiveness and costs of their policies. This briefing presents an overview of the information on national policies and measures for climate change mitigation, reported in 2019 by Member States to the European Environment Agency (EEA) under the EU Monitoring Mechanism Regulation.Carichi CDR per l'obbligo "Politiche e misure nazionali (mitigazione dei cambiamenti climatici)" forniti da ETC/CME, 2019

Le basse cifre evidenziano anche la necessità per gli Stati membri di aumentare gli sforzi per valutare più sistematicamente gli effetti delle loro politiche attuate. Il basso livello di informazioni quantitative riportate può essere spiegato in parte da ragioni tecniche. Per esempio, gli Stati membri non usano approcci e metodologie di valutazione comuni, e possono usare ipotesi diverse o trovare difficile separare gli effetti delle singole politiche dalle altre. Inoltre, alcuni responsabili politici possono preferire concentrarsi sulle nuove proposte e spesso non sono molto interessati a comunicare gli effetti reali delle azioni passate.

Informazioni dettagliate e trasparenti sulle politiche e le misure nazionali sono essenziali per tracciare l'azione sul clima a livello nazionale e comunitario. Inoltre, la valutazione delle politiche gioca un ruolo cruciale nei processi politici, per esempio, permettendo ai decisori politici di valutare il contributo di politiche specifiche al raggiungimento degli obiettivi di mitigazione del clima, e di comprendere i fattori di successo e gli ostacoli all'attuazione delle politiche. Ulteriori sforzi sulle attività di reporting e di valutazione sono considerati importanti per il sostegno della politica climatica. Il nuovoregolamento dell'UEsulla governance dell'Unione dell'energia e dell'azione per il clima dovrebbe facilitare lo snellimento e l'integrazione del reporting delle politiche e delle misure climatiche ed energetiche e dei loro effetti.

L'AEA completerà il database online delle politiche e delle misure con un catalogo di valutazioni delle politiche ambientali e climatiche, che sarà reso disponibile online nel 2020.

 

Autore: Agenzia europea dell'ambiente

Credito d'immagine: Myriam Zilles / Pixabay

Questo articolo è ripubblicato sotto la licenza Creative Commons CC BY 2.5 DK ed è apparso originariamente sul sito dell'AEA.