Come l'efficienza energetica e le energie rinnovabili beneficeranno di COVID-19

30 April 2020 da Jürgen Ritzek
Come l'efficienza energetica e le energie rinnovabili beneficeranno di COVID-19

Dal 1900 solo tre eventi hanno avuto un impatto maggiore di COVID-19 sulla domanda globale di energia: l'influenza spagnola, la Grande Depressione e la Seconda Guerra Mondiale. Possiamo già prevedere l'impatto a breve e/o lungo termine? Probabilmente no. Ma abbiamo bisogno della discussione, dello scambio di pensieri e questo dovrebbe coprire queste domande. Quanto segue riassume i pensieri suscitati dalle recenti pubblicazioni e attività dell'AIE e dalle discussioni e risposte risultanti, nonché dall'interazione diretta con le industrie ad alta intensità di risorse ed energia. Gli investimenti in efficienza energetica potrebbero essere collocati come una copertura, specialmente quando aggiungono anche valore sul lato CF. Un annuncio

annuncio di una svolta nel vaccino nel Q4-2020 (?) sarebbe probabilmente un cambio di gioco. Rischio tecnologico, incertezza, fiducia - questo è probabilmente ciò che guida il business nei prossimi Qs. È probabile che ci sia la necessità di fare una distinzione tra l'attività di sostituzione necessaria (linea di base) e l'attività di aggiornamento. La pianificazione del business guiderà il business.


Contenuti correlati   #efficienza energetica  #investimenti mirati  #pianificazione aziendale 


Dal 1900 solo tre eventi hanno avuto un impatto maggiore sulla domanda globale di energia rispetto a COVID-19: L'influenza spagnola, la Grande Depressione e la Seconda Guerra Mondiale. Così ora COVID-19. Possiamo già prevedere l'impatto a breve e/o lungo termine? Probabilmente no. Ma abbiamo bisogno della discussione, dello scambio di pensieri. Questo dovrebbe coprire queste domande:

 

  • Come sarà la ripresa?
  • Quale potrebbe essere il ruolo dell'efficienza energetica e delle energie rinnovabili?
  • E cosa significa questo per il business oggi?

 

Quanto segue riassume le riflessioni scaturite dalle recenti pubblicazioni e attività dell'AIE e le discussioni e risposte che ne sono scaturite, nonché l'interazione diretta con le industrie ad alta intensità di risorse ed energia e con i fornitori globali della rete EEIP. Come detto, questi sono pensieri e non risposte. Non vedo l'ora di ricevere i vostri commenti su EEIP LinkedIn o EEIP Twitter (Greencog).

Fornitura / combustibili fossili

Emily Chasan, la responsabile della finanza sostenibile di Bloomberg, ha commentato il suo ultimo articolo "Stranded Assets Are Now Everywhere" sull'aspetto degli asset di petrolio e gas che per la prima volta iniziano a perdere valore economico. E che questo non è solo dovuto all'attuale calo della domanda combinato con il crollo dei prezzi del petrolio - una situazione senza precedenti. Ma anche - o anche di più - dall'effetto a lungo termine che questa crisi ha sugli investitori. Il loro ridotto appetito per gli investimenti in combustibili fossili, che potrebbe accelerare le decisioni di diversione.

Approvvigionamento / rinnovabili

È interessante notare che l'AIE nel suo rapporto"Global Energy Review 2020 - the impact of the COVID-19 crisis on global energy demand and CO2 emissions" (pubblicato il 30.04.2020) ha scoperto che la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili è l'unica fonte che ha mostrato una crescita della domanda, trainata da una maggiore capacità installata e da un dispacciamento prioritario. Questo non rimarrà sottovalutato dagli investitori e potrebbe anche innescare un aumento degli investimenti nelle rinnovabili e nelle relative infrastrutture di smart grid.

Politica

Mentre i pacchetti di stimolo rapidi e di grandi dimensioni sono in fase di attuazione o di sviluppo, la grande domanda è: sosterranno lo status quo o accelereranno il percorso verso un'economia più sostenibile? Un chiaro motore della politica sarà il loro impatto sulla creazione di posti di lavoro. Ed è proprio per questo che l'AIE fa riferimento all'efficienza energetica: "L'esperienza ha dimostrato l'efficacia dell'inclusione dell'efficienza energetica nei programmi di stimolo", ha affermato il dottor Fatih Birol, direttore esecutivo dell'AIE. "Investimenti mirati possono ora creare posti di lavoro immediatamente e portare anche benefici a lungo termine per i consumatori, le imprese e l'ambiente". Il 21 aprile l'AIE ha coordinato un incontro della Commissione Globale per l'Azione Urgente sull'Efficienza Energetica per discutere il ruolo che l'efficienza energetica può svolgere nel migliorare l'efficacia dei pacchetti di stimolo. I risultati saranno pubblicati nei prossimi mesi e costituiranno la base per le raccomandazioni ai governi.

Business / Fornitore

In una recente discussione tra il fornitore globale di tecnologie per l'efficienza energetica e l'EEIP sugli effetti a breve e medio termine sul business per applicazioni quali la generazione decentralizzata di energia elettrica - cogenerazione con motori a pistoni, sistemi ORC ed energia eolica, controllo della temperatura - pompe di calore/refrigeranti industriali e aria compressa - compressori d'aria, sono emerse le seguenti sfide e opportunità:

Sfide

 

  • Giusto nessun flusso di cassa è una cifra chiave per la maggior parte delle aziende solo per sopravvivere - il che probabilmente si traduce in rinvii di investimenti non necessari, soprattutto per l'anno fiscale 2020. Ma questo significa anche che i contratti EPC o altre forme di contratto che diminuiscono l'OPEX (= CF in aumento) potrebbero essere un argomento di vendita molto forte.
  • I prezzi del petrolio sono molto bassi al momento, il che porta attualmente a una minore attrattiva finanziaria di una serie di progetti di efficienza energetica e di sistemi energetici. E anche se il lato dell'offerta sembra già reagire (OPEC, Russia ecc.), la domanda è ancora molto bassa e si stanno costruendo enormi riserve. Ciononostante, una volta che la domanda sarà aumentata, i prezzi del petrolio e del gas potrebbero aumentare rapidamente - almeno c'è un'elevata incertezza sull'andamento futuro dei prezzi, con un enorme rischio per il business. Gli investimenti per l'efficienza energetica potrebbero essere collocati come copertura, soprattutto quando aggiungono valore anche sul lato CF.

 

Tempistica

La più grande incertezza ancora. Un ritorno alla normalità è previsto solo dopo la disponibilità del vaccino - che potrebbe avvenire nellaseconda metà del 2021. L'annuncio di una scoperta del vaccino nel 4-2020 (?) sarebbe probabilmente una svolta. Anche se ci vogliono altri 6-12 mesi prima che la vaccinazione sia ampiamente disponibile, riporterebbe la fiducia nel mercato.

Tecnologia

Rischio, incertezza, fiducia - questo è probabilmente ciò che guida il business nelle prossime Q. Dal punto di vista tecnologico, ciò significa che le soluzioni con il minor tempo tra la firma del contratto e l'entrata in funzione, le maggiori opportunità di riduzione dell'OPEX e i minori rischi tecnologici (= nessuna innovazione ma soluzioni "testate") avranno le maggiori opportunità sul mercato.

Pianificazione aziendale

È probabile che sia necessario distinguere tra attività di sostituzione "necessaria" (baseline) e attività di aggiornamento. Anche per la baseline, le aziende dovranno probabilmente calcolare un taglio del 50% per il 2020, poiché i clienti cercheranno di posticipare gli investimenti almeno fino al 2021. Laseconda angolazione è probabilmente la "struttura contrattuale" in atto che si ricollega alle considerazioni sulla CF di cui sopra. Questi due angoli dovranno costituire la base di simulazioni di pianificazione aziendale a breve e medio termine.

Sommario

Molto probabilmente assisteremo a perturbazioni nei mercati del petrolio e del gas molto prima di quanto previsto in simulazioni come quelle del 2050. E l'intensità di lavoro "locale" dell'efficienza energetica e delle misure rinnovabili rende pensabile, che questo settore vedrà una spinta molto più forte di quanto previsto o pianificato nell'attuale simulazione del cambiamento climatico del 2030.

 

Cosa ne pensate?