Come possiamo sfruttare questa crisi energetica a nostro vantaggio?

29 July 2022 da Erik Gudbjerg
Come possiamo sfruttare questa crisi energetica a nostro vantaggio?

Meno dell'1% degli edifici danesi viene ristrutturato ogni anno. Ciò significa che, in media, passano più di 100 anni tra la ristrutturazione di un edificio. Un investimento di 5 miliardi di corone danesi nella ristrutturazione degli edifici comunali può portare a un risparmio annuo di 430 milioni di corone danesi. Il risparmio energetico in sé può essere moltiplicato per un fattore fino a 2,5 grazie ai co-benefici dell'efficienza energetica. Potrebbe essere l'inizio di un'ondata di efficienza energetica con nuove e grandi opportunità di guadagno per le aziende danesi. Le aziende danesi dovrebbero rinnovare il 3% dei loro edifici ogni anno, quindi gli edifici saranno rinnovati in media a 33 anni di distanza l'uno dall'altro. Sarebbe un bene per l'economia e per l'ambiente e aiuterebbe l'Ucraina. Si metterebbe prima fine alla capacità della Russia di finanziare la guerra con l'esportazione di gas e petrolio, e poi si potrebbe creare un'ondata di opportunità di efficienza energetica per il futuro.


Contenuti correlati   #efficienza energetica  #ristrutturazione energetica  #rinnovamento energetico 


Alcuni di noi sono abbastanza anziani da ricordare le crisi petrolifere del 1973-74 e del 1979. Non era divertente. Divieto di circolazione la domenica, luci spente nei negozi al di fuori dell'orario di lavoro, luci stradali spente e temperature più basse ovunque.

Il fatto è che oggi possiamo essere felici della crisi petrolifera. Se non è stata l'inizio, la crisi è stata almeno un'enorme spinta per sostenere la posizione di forza che le aziende danesi hanno oggi in settori come le turbine eoliche, l'isolamento, l'elettronica di potenza (ad esempio Grundfos e Danfoss), le finestre e, non ultimo, la consulenza energetica nelle nostre numerose e qualificate società di ingegneria.

All'epoca, negli anni '70, la prima crisi petrolifera, in particolare, fu uno shock per la nostra società, poiché la Danimarca dipendeva più o meno al 100% dalle importazioni di petrolio. Ma rapidamente vennero stabiliti tre percorsi per ridurre la dipendenza dal petrolio arabo:

  • Espansione della rete di teleriscaldamento e creazione della rete del gas.
  • Produzione di energia rinnovabile
  • Efficienza energetica

Attualmente, l'attenzione è rivolta in gran parte solo alle energie rinnovabili.

Con questo non intendo denigrare la produzione di energia rinnovabile, perché ovviamente non possiamo farne a meno. Ma i maggiori progressi e la maggior parte dei posti di lavoro sono stati creati all'epoca grazie all'efficienza energetica.

Credo che oggi i responsabili delle decisioni lo abbiano dimenticato. È necessario rispondere prontamente all'aggressione della Russia all'Ucraina, ma il dibattito verte quasi esclusivamente sulla provenienza dell'energia che non vogliamo più acquistare dalla Russia. Che fine hanno fatto le nostre buone esperienze con l'efficienza energetica? Non è forse giunto il momento di raggiungere il livello successivo?

Il potenziale c'è. Solo per fare un esempio, meno dell'1% degli edifici danesi viene ristrutturato ogni anno, il che significa che, in media, passano più di 100 anni tra una ristrutturazione energetica e l'altra di un edificio. Questo non è certo un problema per gli edifici più recenti, che sono costruiti secondo alcune rigide normative energetiche e quindi hanno un basso consumo energetico. Ma la maggior parte del patrimonio edilizio è più vecchio e nel complesso il patrimonio edilizio rappresenta non meno del 40% del consumo energetico totale danese. Se prendiamo gli edifici comunali, il 68% ha una cattiva etichetta energetica D, E, F o G, e solo il 7% ha l'etichetta energetica A.

Ha quindi importanza? Sì, il consumo energetico di un edificio con etichetta energetica G è fino a 20 volte superiore a quello di un edificio simile con etichetta energetica A!

Perché vale la pena ristrutturare gli edifici con le prestazioni peggiori? Il gruppo di interesse Synergi ha effettuato un calcolo che dimostra che un investimento di 5 miliardi di corone danesi nella ristrutturazione degli edifici comunali può portare a un risparmio annuale di 430 milioni di corone danesi sulla bolletta energetica dei comuni e a una riduzione del 35% delle emissioni di CO2.E questo calcolo è stato fatto prima che la Russia attaccasse l'Ucraina e facesse aumentare ulteriormente i prezzi dell'energia! Inoltre, non vengono presi in considerazione i cosiddetti benefici non energetici, che sono co-benefici dell'efficienza energetica sotto forma, ad esempio, di riduzione dei costi di manutenzione e di un migliore ambiente di lavoro, ecc, e possono significare che il risparmio energetico in sé può essere moltiplicato per un fattore fino a 2,5.

Ma sicuramente i comuni non possono finanziare tutto questo se si vuole che scuole, asili nido e assistenza sociale siano accessibili in generale? In realtà sì, possono. Le ristrutturazioni energetiche non sono coperte dal massimale di costruzione e i comuni hanno il diritto di far finanziare le ristrutturazioni energetiche dalla propria banca "Kommunekredit". Un'altra buona opzione è quella di collaborare con il settore privato nei cosiddetti progetti ESCO, in cui il Comune finanzia la ristrutturazione e l'azienda privata ottiene i risparmi fino a quando l'investimento non viene ripagato.

Come ci si arricchisce nel lungo periodo? In primo luogo, otteniamo i risparmi, che in un tempo relativamente breve consentono ai comuni di avere una migliore consulenza per attività più sensate. In secondo luogo, è sempre accaduto che quando la domanda aumenta in un'area, aumenta anche l'ingegno. Questo è ciò che abbiamo visto negli anni '70. È stato l'aumento della domanda a dare il via o a esercitare ulteriori pressioni sullo sviluppo di finestre ad alta efficienza energetica, sull'isolamento, sulle pompe di risparmio e sulla consulenza in materia di energia, ecc.

Non dovremmo vedere se possiamo avviare questo processo anche nel 2022? Ad esempio, potremmo chiedere ai nostri comuni di rinnovare il 3% dei loro edifici ogni anno. Sarebbe un bene per l'economia e per l'ambiente, e sarebbe anche un bene per l'Ucraina, perché metteremmo prima fine alla capacità della Russia di finanziare la guerra con l'esportazione di gas e petrolio. E poi potrebbe essere l'inizio di un'ondata di efficienza energetica con nuove, grandi opportunità di guadagno per le aziende danesi.

Cosa stiamo aspettando?