Cosa significa il "Pacchetto invernale" dell'UE per l'industria

18 December 2016 da Rod Janssen
Cosa significa il "Pacchetto invernale" dell'UE per l'industria

La Commissione europea ha pubblicato le sue proposte per il contributo dell'energia pulita nel soddisfare gli obblighi dell'UE per l'accordo sul clima di Parigi. Il pacchetto invernale è appropriatamente intitolato Energia pulita per tutti gli europei. Propone un obiettivo vincolante per il risparmio energetico per il 2030 e include raccomandazioni per adattare la direttiva sull'efficienza energetica, la direttiva sul rendimento energetico degli edifici e altri orientamenti esistenti. Ma ci sono proposte chiare, e un po' sconcertanti, anche per l'industria. E non sembra molto ambizioso che la Commissione aspetti che sia l'industria a guidare, e che si assegni il ruolo reattivo di semplice supporto. La pubblicazione della comunicazione è il punto di partenza

dei negoziati per definire un quadro politico a lungo termine per il 2030. I politici, le associazioni industriali, i gruppi ambientalisti, i gruppi di consumatori e altri lo analizzeranno e suggeriranno cambiamenti, approveranno alcune parti e contribuiranno a garantire che l'Europa stabilisca effettivamente un quadro per l'energia pulita per contribuire in modo significativo agli obblighi di Parigi sul clima. Quindi ora è l'occasione per correggere le debolezze,.


Contenuti correlati   #iniziative  #innovazione  #domanda di energia 


 

Riconoscere il contributo dell'industria all'energia pulita

La Commissione europea ha pubblicato le sue proposte per il contributo dell'energia pulita nel soddisfare gli obblighi dell'UE per l'accordo sul clima di Parigi.

Pubblicato il 30 novembre, il "pacchetto invernale" è appropriatamente intitolato "Energia pulita per tutti gli europei". La comunicazione propone un obiettivo vincolante per il risparmio energetico per il 2030 e include raccomandazioni per adattare la direttiva sull'efficienza energetica, la direttiva sul rendimento energetico degli edifici e altri orientamenti esistenti.

La comunicazione dichiara i tre obiettivi principali:

  1. Mettere l'efficienza energetica al primo posto
  2. Raggiungere la leadership globale nelle energie rinnovabili
  3. Fornire un accordo equo per i consumatori.

Le proposte si concentrano sulla domanda di energia e chiedono il coinvolgimento di tutti i consumatori, sia che si tratti di consumatori di tecnologie legate all'energia sia che si tratti di consumatori di energia. Se le proposte siano sufficienti a contribuire significativamente all'adempimento degli obblighi di Parigi sul clima da parte dell'UE è oggetto di dibattito.

Ma ci sono proposte chiare, e un po' sconcertanti, anche per l'industria.

La comunicazione include una valutazione d'impatto per l'industria usando scenari politici per calcolare che le proposte potrebbero ottenere riduzioni nell'industria entro il 2030 che vanno dallo 0,5% al 12%. Ma i risparmi sono principalmente guidati dal sistema di scambio delle emissioni dell'UE e dall'impatto dell'Ecodesign sulle prestazioni dei motori industriali. Negli scenari più ambiziosi, ci sono anche risparmi da misure orizzontali e dall'applicazione delle migliori tecnologie disponibili. I miglioramenti previsti dell'intensità energetica nell'industria sono minimi rispetto al settore residenziale o dei servizi.

Questa sembra una valutazione piuttosto parziale del potenziale di risparmio energetico nell'industria. La direttiva sull'efficienza energetica del 2012 ha sottolineato gli audit obbligatori per la grande industria, la promozione dell'efficienza energetica nelle PMI e la promozione dei sistemi di gestione dell'energia. Eppure la recente comunicazione non fa alcuna menzione di come gli audit industriali obbligatoriche sono stati completati possano essere utilizzati per intraprendere e monitorare le riduzioni dell'uso di energia e gli aumenti dell'efficienza energetica.

Il pacchetto non menziona la possibilità di usare questi audit per creare una banca dati dei risparmi potenziali. Non discute se la Commissione aiuterà a finanziare raccomandazioni specifiche che scaturiscono dagli audit. Cosa farà la Commissione per sostenere ulteriormente i sistemi di gestione dell'energia come l'ISO 50001? Tali sistemi sono cruciali per cambiare la cultura all'interno delle aziende e per raggiungere una reale efficienza.

La comunicazione include molte proposte per facilitare le azioni relative all'industria, comprese le iniziative per accelerare l'innovazione dell'energia pulita, promuovere la concorrenza, massimizzare la leadership dell'Europa nelle tecnologie e nei servizi di energia pulita per aiutare i paesi terzi. Inoltre, la comunicazione parla di stimolare gli investimenti e la leadership tecnologica che creeranno nuove opportunità di lavoro e miglioreranno il benessere dei cittadini.

Grado di impegno della Commissione nel realizzare il potenziale dell'efficienza energetica industriale

Eppure la comunicazione stessa solleva qualche dubbio sul grado di impegno della Commissione nel realizzare il potenziale dell'efficienza energetica industriale. Mentre la comunicazione dice che l'industria dell'UE deve essere in prima linea nella transizione dell'energia pulita, aggiunge che la "Commissione sosterrà le iniziative guidate dall'industria per promuovere la leadership globale dell'UE nell'energia pulita e nelle soluzioni tecnologiche a basse emissioni di carbonio".

Non sembra molto ambizioso per la Commissione aspettare che sia l'industria a guidare, e assegnarsi il ruolo reattivo di semplice supporto. Tanto più, quando in una discussione sulle industrie ad alta intensità energetica, la comunicazione sollecita ulteriori miglioramenti dell'efficienza energetica e nota che "Tali investimenti generalmente ripagano in termini di riduzione dei costi energetici." Davvero? La Commissione non è andata oltre il bisogno di menzionare che l'efficienza energetica fa bene alla linea di fondo?

Lapubblicazione della comunicazione è l'inizio dei negoziati per stabilire un quadro politico a lungo termine per il 2030. I politici, le associazioni industriali, i gruppi ambientalisti, i gruppi di consumatori e altri lo sezioneranno e suggeriranno cambiamenti, approveranno alcune parti e contribuiranno a garantire che l'Europa stabilisca effettivamente un quadro per l'energia pulita per contribuire in modo significativo agli obblighi climatici di Parigi.

Quindi ora c'è la possibilità di correggere le debolezze, attraverso una consultazione critica.