È in corso una rivoluzione energetica in Cile?

01 October 2018 da Jürgen Ritzek
È in corso una rivoluzione energetica in Cile?

Cinque anni fa, il Cile generava solo il 5% della sua elettricità da fonti di energia rinnovabile. Questa percentuale è più che triplicata negli ultimi anni, raggiungendo il 18% a maggio 2018. Il Cile ha un enorme potenziale per lo sviluppo delle energie rinnovabili, tra cui più di 1865.000 MW per progetti eolici, solari e idraulici. Il deserto di Atacama ha alcuni dei più alti livelli di radiazione solare del mondo. Le cooperative di generazione di energia sono quasi inesistenti in Cile. Non ci sono politiche pubbliche adeguate né incentivi, per esempio, tariffe di alimentazione e misurazione netta. Ma tutto ciò che luccica è

non è oro, dice Maximiliano Proaño. È tempo di pensare a una vera rivoluzione energetica".

Dice: "È tempo per il futuro del Cile è ancora una politica a lungo termine e non è il futuro del paese, ma è una questione di sicurezza energetica.


Contenuti correlati   #aste energetiche  #rivoluzione energetica  #America Latina 


Pubblicato per la prima volta qui

La quota di energia rinnovabile del Cile è triplicata negli ultimi cinque anni. Maximiliano Proaño dà un'occhiata alla politica dietro questa crescita massiccia, e la strada da percorrere.

A maggio, l'ex ministro dell'energia cileno Maximo Pacheco ha presentato il suo libro intitolato "Rivoluzione energetica in Cile", una sintesi della politica energetica del paese dal 2014 al 2018. Se è vero che durante questo periodo sono stati fatti importanti progressi, ci sono ancora molte questioni da risolvere prima di parlare di una vera rivoluzione energetica.

Il settore energetico cileno ha vissuto grandi cambiamenti negli ultimi anni. Cinque anni fa, il Cile generava solo il 5% della sua elettricità da fonti energetiche rinnovabili. Questa percentuale è più che triplicata negli ultimi anni, raggiungendo il 18% a maggio 2018. Questo esclude i grandi impianti idroelettrici di oltre 20 megawatt.

Prima del 2014, il contesto energetico cileno era complesso: risentiva pesantemente dell'interruzione delle forniture di gas dall'Argentina, oltre che di gravi e lunghi periodi di siccità. Inoltre, era difficile concedere permessi ambientali e c'era l'opposizione dei cittadini ai grandi progetti di impianti, così come pochi cambiamenti sul lato della generazione e scarsi investimenti in infrastrutture sia nel settore della generazione che in quello della trasmissione di energia.

Nel 2013, i prezzi medi di mercato delle due maggiori connessioni di rete, la Rete Interconnessa Centrale (Sistema Interconectado Central, SIC) ammontava a circa 112 dollari/MWh, mentre nella Rete Interconnessa del Grande Nord (Sistema Interconectado Central del Norte Grande, SING), raggiungeva i 108 dollari/MWh. Da novembre 2017, SIC e SING sono interconnessi come Sistema Eléctrico Nacional, SEN. Come tale, l'industria cilena ha affrontato uno dei prezzi dell'elettricità più alti di tutta l'America Latina.

 

 

Per contro, a maggio 2018, il 18% dell'elettricità cilena è stato generato da energia rinnovabile equivalente a 4134 MW. La ripartizione di tale percentuale è: 8% solare fotovoltaico, 6% eolico on-shore, 2% biomassa e 2% piccoli impianti idroelettrici (meno di 20 MW).

 

 

Inoltre, le aste di energia hanno ottenuto un prezzo inferiore del 75% nel 2017 rispetto al 2013, con un prezzo medio di 32,5 dollari MWh. È questa rapida crescita nell'uso delle energie rinnovabili che è stata celebrata dalle agenzie energetiche, dalla stampa internazionale e da leader ambientali come Al Gore, che l'ha definita una grande politica.

Quali sono state le ragioni di questa crescita massiccia?

I prezzi: Secondo il rapporto IRENA "Renewable Power Generation Costs in 2017", i costi installati dei progetti solari fotovoltaici utility-scale sono diminuiti del 68% (73% con metodologia LCoE) tra il 2010 e il 2017. I costi installati dei progetti CSP di nuova realizzazione sono diminuiti del 27% (33% con la metodologia LCoE) nel periodo 2010-2017. I costi installati per i nuovi progetti eolici onshore sono diminuiti del 20% (22% con la metodologia LCoE). Per l'eolico offshore, i costi installati totali sono scesi del 2% (13% con la metodologia LCoE) nello stesso periodo.

Potenziale solare ed eolico: Il Cile ha un enorme potenziale per lo sviluppo delle energie rinnovabili, compresi più di 1865000 MW per progetti eolici, solari e idraulici. Il deserto di Atacama ha alcuni dei più alti livelli di radiazione solare del mondo.

Una politica pubblica: Il governo cileno ha sviluppato una politica pubblica energetica a lungo termine, l'Agenda energetica 2050. È stata presentata nel 2014 e include obiettivi, un nuovo ruolo per il settore pubblico, una tassa sulla CO2 e un'abbondante agenda legislativa.

Aste: La struttura delle aste cilene è stata definita una meraviglia di creatività. Sono state separate in due blocchi definiti dal tempo: orario e trimestrale. Mentre l'asta è ufficialmente neutrale dal punto di vista tecnologico, è impostata in modo da favorire alcune tecnologie, in particolare il solare (nel blocco orario) e l'idroelettrico e l'eolico (nei blocchi trimestrali destagionalizzati). Permette alle tecnologie intermittenti di massimizzare il loro potenziale senza dover incorporare una componente di stoccaggio ancora costosa.

La rapida diffusione delle energie rinnovabili ha sicuramente diversi effetti positivi, in particolare la lotta contro il cambiamento climatico e l'aumento della sicurezza energetica. Ma non è tutto oro quel che luccica.

I cambiamenti istituzionali per il settore energetico in Cile, come le aste di energia, sono stati diretti solo verso le grandi aziende. Mentre la capacità installata del sistema elettrico cileno è di 22531 MW, l'energia distribuita - attraverso un sistema di fatturazione netta - era solo 18,3 MW a maggio 2018.

Le cooperative di generazione di energia sono quasi inesistenti in Cile. Le ragioni principali per cui la diffusione delle energie rinnovabili è stata così difficile in Cile e non ha portato a una maggiore partecipazione dei cittadini sono dovute al fatto che non ci sono politiche pubbliche adeguate né incentivi, per esempio, tariffe di alimentazione e sistemi di misurazione netta in vigore. C'è anche una mancanza di regolamentazione specifica per le cooperative energetiche per favorire la loro fondazione e il loro funzionamento.

Inoltre, il Cile è ancora indietro nel raggiungere il suo obiettivo di efficienza energetica come parte dell'Agenda energetica 2050. Il governo non ha presentato iniziative di legge per affrontare questo tema, senza risultati rilevanti in materia. In primo luogo, nell'ambito dell'obiettivo 20/25 l'Agenda Energetica 2050 considera che nel 2025 una serie di misure permetterà di ridurre del 20% il nostro consumo di energia rispetto al consumo energetico stimato in una situazione simile senza queste misure.

Tuttavia, fin dalla sua introduzione nel 2014, l'obiettivo 20/25 non è mai stato realmente monitorato, mancando qualsiasi visione della presunta riduzione del consumo energetico cileno. Un altro annuncio importante è stato l'obiettivo di efficienza energetica tradotto in politica statale, anche la legge sull'efficienza energetica. Questo progetto, purtroppo, non è mai stato presentato dal governo cileno.

Quindi, è troppo presto per dire che il Cile ha realizzato una rivoluzione energetica negli ultimi anni. Mentre circa il 66% della capacità energetica è ancora generata da fonti fossili (gas, carbone e diesel), meno dello 0,1% della matrice elettrica è generata da energia cittadina, e il Cile manca di una politica pubblica di successo nell'efficienza energetica.

È possibile che il Cile abbia iniziato un processo di transizione energetica. In questo caso, l'attenzione dovrebbe essere posta sull'energia dei cittadini e sull'efficienza energetica. Spetta ora al governo pianificare una politica appropriata e alla società civile chiedere il cambiamento e sfruttare le nuove opportunità.

_____________

Articoli correlati

 

 

Restate sintonizzati! Le migliori idee per l'efficienza energetica e la transizione energetica...

 

L'autore

Maximiliano Proaño è un avvocato e scienziato sociale, e attualmente lavora come consulente parlamentare in questioni energetiche e ambientali. Ha una vasta esperienza di lavoro nel settore pubblico e nelle organizzazioni della società civile.