Ecco come le compagnie energetiche europee vedono il futuro (prossimo)

05 July 2017 da Guy Champniss
Ecco come le compagnie energetiche europee vedono il futuro (prossimo)

Due giorni alla prima conferenza europea sull'energia, eurelectric 2017, rivelano come le utility si stiano rapidamente adattando - e guardando avanti - a una nuova era di opportunità. Tre anni fa, meno della metà dei delegati di questa conferenza vedeva un'opportunità nella decarbonizzazione. Per questo evento del 2017, quel numero è salito a oltre l'80%. La capacità di produzione di Tesla deve aumentare esponenzialmente nei prossimi sei trimestri per raggiungere gli obiettivi. Ciò significa che 350.000 Model 3 da soli devono essere consegnati nel 2018, che rappresentano oltre il 75% di tutte le vendite di auto Tesla nell'anno. Questo equivale a un ramp-up in

che è due volte più ripida della produzione di aerei durante la seconda guerra mondiale. Non potrebbe esserci un'illustrazione più adatta in termini di nascita e rinascita di un'industria. Ma la produzione da sola non è l'unico problema di EV: Laszlo Varro della IEA ha illustrato la sfida inerente al fatto che milioni di persone caricheranno abitualmente durante la notte.


Contenuti correlati   #game changer  #uber  #startup cleantech 


Ecco come le aziende energetiche europee vedono il futuro (prossimo)

Due giorni alla principale conferenza europea sull'energia, eurelectric 2017, rivelano come le utility si stanno rapidamente adattando - e guardando avanti - a una nuova era di opportunità.

Due giorni in quello che sembra il weekend scelto dall'esecutivo di Lisbona, Estoril, hanno rivelato una visione piuttosto coerente di come le aziende elettriche europee vedono il loro futuro. È stata la conferenza annuale di Eurelectric, e su uno sfondo di vecchia grandezza europea (accoppiato con - sono lieto di dire - due caricatori di destinazione Tesla entro 20 metri dall'ingresso dell'hotel), le discussioni sono state diverse, dettagliate e inequivocabilmente ottimistiche.

Lontano dal lavoro quotidiano di lavorare con i rivenditori di energia a livello dei consumatori, è stata una sorpresa sentire queste aziende parlare in modo così entusiasta del potenziale - la centralità - dell'elettrificazione nel fornire un futuro senza carbonio. A livello dei consumatori siamo abituati alle preoccupazioni riguardanti l'alta rotazione dei consumatori, i nuovi concorrenti dirompenti, i margini in diminuzione e la corsa al ribasso. Ma qui si è parlato quasi esclusivamente del lato positivo, del potenziale dei fornitori di energia e del ruolo della digitalizzazione nello sbloccare questo potenziale. Come un membro del panel ha sottolineato nella sessione di chiusura, "il nostro business sta diventando rapidamente tanto sui dati quanto sugli elettroni".

Avendo ascoltato ogni keynote e panel dall'inizio alla fine, ecco i cinque take-away chiave di eurelectric 2017:

1. Sentite questo suono? Questo è il suono di un'industria che gira di 180 gradi.

Questo era imperdibile. L'industria energetica è concentrata su una nuova era di opportunità. Tre anni fa, meno della metà dei delegati di questa conferenza vedeva un'opportunità nella decarbonizzazione. Per questo evento del 2017, quel numero è salito a più dell'80%. Ed è importante sottolineare che l'alto calibro dei partecipanti a eurelectric rende questo numero ancora più sorprendente. Questi sono i decisori chiave del settore che stanno dietro a questa opportunità. Gran parte di questo ottimismo si basa sul potenziale di decentralizzazione della generazione e della distribuzione, così come l'immagazzinamento, su entrambi i quali torneremo. Ma l'impegno a mettere le aziende elettriche europee al centro dell'innovazione per soddisfare l'elettrificazione delle nostre società è stato chiaro. Questa non è più un'industria nervosa in ritirata, è un'industria che cerca di vincere.

2. Elon ha una collina da scalare.

Questo è interessante per noi, qui a Enervee - non solo perché molti di noi sono rumorosi sostenitori di ciò che Tesla sta realizzando, ma anche perché il nostro prodotto principale, Marketplace, avrà presto un fratello sotto forma di Autovee. Quindi questo take-away ottiene un po' più di spazio nella nostra lista!

Michael Liebreich della società di ricerca Bloomberg New Energy Finance ha messo la sfida davanti a Tesla in termini molto chiari. In breve, la capacità di produzione di Tesla deve aumentare esponenzialmente nei prossimi sei trimestri per raggiungere gli obiettivi. Ciò significa che nel 2018 devono essere consegnate 350.000 Model 3 da sole, che rappresentano oltre il 75% di tutte le vendite di auto Tesla nell'anno. Questo equivale a un ramp-up della produzione che è due volte più ripido della produzione di aerei durante la seconda guerra mondiale. Un confronto storico molto più poetico e saliente è questo: la produzione della Model 3 nel 2018 deve corrispondere a quella della Model T nel 1910. Non potrebbe esserci un'illustrazione più adatta in termini di nascita e rinascita di un'industria.

Ma la produzione da sola non è l'unico mal di testa degli EV. Laszlo Varro della IEA ha illustrato la sfida insita nell'avere milioni di persone che collegano i loro EV quando tornano a casa: modelli di ricarica non coordinati. Con l'auto di quasi tutti parcheggiata durante la notte tra il ritorno dall'ufficio e il giorno successivo, le persone sono solite caricare durante la notte, sia per comodità che per la sensazione che l'energia sia più economica, a causa della minore domanda. Ma questo secondo argomento sta rapidamente diventando un falso argomento, dato che le rinnovabili, e in particolare il solare, diventano una componente maggiore del mix energetico. Ora, la ricarica notturna non equivale necessariamente a un prezzo inferiore del kWh. Riconoscere che un'auto è, in media, parcheggiata per 20 ore al giorno è l'opportunità di portare il processo di ricarica in linea con le dinamiche di fornitura senza, soprattutto, interferire con la facilità del consumatore (che tutti hanno riconosciuto essere una linea rossa per l'adozione diffusa dei veicoli elettrici). La tecnologia e l'infrastruttura di ricarica più intelligente possono risolvere questo problema, dalla distribuzione dinamica nelle aree urbane ad alta densità di carica che regolano la potenza dei punti di ricarica per regolare e rimuovere il carico sulla rete, fino alle applicazioni per i consumatori che spingono verso tempi di ricarica migliori a casa, sulla base di tariffe dinamiche. Inoltre la ricarica bidirezionale (V2x) già vista in Giappone (standard ChaDeMo) apre l'opportunità di offrire riserve al mercato tramite un EV (tramite la funzionalità automatica di riserva di contenimento della frequenza sull'auto). Un fornitore europeo che lavora su tutto questo è Virta dalla Finlandia, una società fondata da 18 società di servizi finlandesi: controllare https://youtu.be/YPdI0YB90Ss

3. Non nel mio cortile

Virta, presentato sopra, offre anche l'opportunità per coloro che hanno punti di ricarica a casa EV di metterli a disposizione di altri nella loro comunità locale per guadagnare. Queste reti distribuite e a livello di comunità sono state molto discusse, con una chiara attenzione al beneficio del consumatore, come BrooklynMicrogrid.

Le micro-reti hanno un senso superbo per il proprietario di casa - sia finanziariamente che socialmente. Ma una domanda chiave è emersa in questa conversazione a livello di comunità: se i membri di una comunità sono sempre più dipendenti da una microgrid sia per il consumo che per la generazione, quale responsabilità hanno quei membri della comunità di continuare a pagare per la manutenzione e il mantenimento della rete più ampia, in cui la microgrid si trova? Non c'è stata una risposta chiara per questo, ma ha evidenziato una sfida fondamentale all'interno dell'utopia micro/off-grid che molti sposano con l'allestimento: ad un certo punto, la comodità quasi senza attrito deve essere pagata. Si può tracciare un parallelo tra questi sforzi e i più affermati perturbatori di piattaforme come Airbnb e Uber, dove possono sorgere conseguenze di attrito indesiderate - per coloro che si trovano su entrambi i lati della piattaforma.

4. Hai incontrato il mio gemello?

Sulla scia dell'elettrificazione come parola della conferenza, c'è stata la digitalizzazione. Gran parte della discussione sull'opportunità si è concentrata sul ruolo della digitalizzazione nello sbloccare questa opportunità. Il nuovo presidente di eurelectic, Francesco Starace, ha discusso come ENEL stava migliorando drasticamente le prestazioni delle sue centrali elettriche - tutte le centrali elettriche - attraverso la digitalizzazione delle sue funzioni operative, e Ganesh Bell di GE Power è andato oltre per mostrare come la creazione di gemelli digitali degli asset delle centrali elettriche ha permesso agli operatori di capire meglio, prevedere e ottimizzare tali asset. Mentre quello che Bell ha chiamato "l'Internet delle cose grandi e importanti" non ha un impatto immediato su Enervee e la sua proposta rivolta ai consumatori, mostra potenzialmente un crescente apprezzamento e appetito all'interno dell'industria per il potere diagnostico e predittivo di buoni dati accoppiati a una forte analisi. In nessun luogo questo vantaggio può essere sfruttato più che con una migliore comprensione non solo dei clienti dell'energia, ma dei consumatori in generale.

5. Il futuro?

La statistica chiave del sondaggio su come i delegati vedono il futuro immediato del settore è già citata: L'80% vede la decarbonizzazione profonda come un'opportunità. Ma vale la pena notare un paio di altri risultati del sondaggio condotto durante l'evento:

  • Il 50% dei partecipanti crede che la digitalizzazione e la tecnologia saranno il più grande fattore di trasformazione del mercato (risposta numero 1), mentre il 41% (numero 2) crede in una nuova regolamentazione per l'innovazione.
  • Il 31% dei partecipanti vede il valore in un sistema energetico decarbonizzato per le utility essere trovato nei nuovi servizi e nella vendita al dettaglio (secondo solo al 42% che vede il valore a lungo termine nella distribuzione).

Entrambi questi risultati sono importanti per Enervee, in quanto indicano il crescente riconoscimento e l'appetito da parte dei vertici delle utility di offrire ai consumatori servizi migliorati e basati sul digitale.

Ma il nostro ultimo commento è un po' più cauto. A un certo punto dell'evento, un membro del pubblico ha chiesto a un gruppo di amministratori delegati (quattro, niente meno) se - in questa nuova era di centralità del cliente per le utility - temevano di essere interrotti dalle grandi aziende tecnologiche e di vendita al dettaglio, come Google, Apple o Amazon. La risposta è stata che queste aziende tecnologiche e di vendita al dettaglio non capiscono l'industria e ciò che serve per fornire il servizio. Un amministratore delegato ha affermato: "Google può essere bravo nello spazio digitale, ma capisce il nostro mondo? No. Sarebbero disposti a mettere gli stivali sul terreno per risolvere i problemi? Non credo".

La stanza era un po' più tranquilla in risposta a questo. Nonostante l'opportunità, è probabile che l'industria non voglia ancora togliere l'occhio collettivo a queste aziende. Dopo tutto, queste sono le aziende che sanno fin troppo bene come un'esperienza digitale convincente può capovolgere un settore e cambiare il modo in cui tutti noi ci comportiamo.

Enervee è la prima azienda al mondo di software-as-a-service che combina la scienza dei dati, la scienza comportamentale e il marketing digitale per guidare il risparmio energetico e l'impegno dei consumatori, trasformando il modo in cui compriamo. I prodotti Enervee includono Marketplace, Charge, Home e Insight. L'azienda ha sede a Venice, CA, con uffici in Germania e nel Regno Unito.

Per saperne di più sui prodotti e i servizi di Enervee, visitare enervee.com/business.

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare: Guy Champniss, PhD. VP, Insights & Outreach guy(at)enervee.com

 

Originariamente pubblicato qui

 

Da EEIP: e qui c'è una selezione di articoli correlati intorno alle utility