Fare in modo che i processi di prestito esistenti guidino l'efficienza energetica

20 August 2017 da Dr. Steven Fawkes
Fare in modo che i processi di prestito esistenti guidino l'efficienza energetica

Ogni giorno lavorativo vengono fatti prestiti, mutui, leasing e investimenti in nuovi edifici, ristrutturazioni e modernizzazioni di edifici, nonché aggiornamenti e sostituzioni di processi industriali e impianti di produzione. In quasi tutti i casi, l'efficienza energetica non è lo scopo principale dell'investimento finanziato. Ma i futuri livelli di efficienza energetica sono effettivamente decisi e bloccati, in alcuni casi a causa della lunga vita dei principali beni per molti decenni. La BERS è stata a lungo un pioniere nello sfruttare le opportunità offerte dalle attività quotidiane di prestito non legate all'efficienza energetica. ING Real Estate Finance (ING REF) ha fissato un'ambizione di

di ridurre le emissioni di CO2 del suo portafoglio olandese del 15-20% con un obiettivo di risparmio sui costi energetici di 50 milioni di euro all'anno. ING ha pagato per lo sviluppo di un'applicazione che è stata offerta a tutti i clienti - l'applicazione fornisce un'analisi dell'uso di energia dei clienti attraverso il loro portafoglio. E ING REF fornisce anche consigli ai clienti.


Contenuti correlati   #efficienza specializzata  #misure di finanziamento  #finanziatori verdi 


Fare in modo che i processi di prestito esistenti guidino l'efficienza energetica

Un recente articolo intitolato "All Lenders must be green lenders" dell'amico e collaboratore di EnergyPro negli Stati Uniti Sean Neil ha sottolineato un aspetto importante del finanziamento verde e dell'efficienza energetica che spesso sembra essere dimenticato e di cui abbiamo scritto per un po'.Questo è come ci assicuriamo che tutti i prestiti siano verdi, o nel caso specifico dell'efficienza energetica, come ci assicuriamo che tutti i finanziamenti raggiungano i livelli ottimali di efficienza energetica. Questo testo si basa sull'UnderwritingToolkit dell'EEFIGe sul lavoro che ho svolto per KAPSARC sul finanziamento della produttività energetica.

Ogni giorno lavorativo vengono effettuati prestiti, mutui, leasing e investimenti in nuovi edifici, ristrutturazioni e ammodernamenti di edifici, nonché aggiornamenti e sostituzioni di processi industriali e impianti di produzione. In quasi tutti i casi, l'efficienza energetica non è lo scopo principale dell'investimento finanziato, ma i futuri livelli di efficienza energetica sono effettivamente decisi e "bloccati", in alcuni casi a causa della lunga durata dei principali beni per molti decenni.Anche se i nuovi edifici, le ristrutturazioni o i nuovi impianti di produzione generalmente raggiungono livelli più alti di efficienza rispetto alle unità che sostituiscono a causa di a) tecnologie migliorate e b) regolamenti e codici di condotta più severi, molte opportunità economicamente vantaggiose per migliorare l'efficienza energetica vengono perse.Questo accade a causa di una serie di ragioni, tra cui la mancanza di conoscenza da parte di chi gestisce il progetto, la pressione del tempo, la natura conservativa della progettazione ingegneristica e il trattamento dei regolamenti come un obiettivo da raggiungere piuttosto che un livello minimo di prestazioni.Le banche e le istituzioni finanziarie possono giocare un ruolo attivo nell'assicurare che i progetti finanziati di tutti i tipi raggiungano livelli ottimali di efficienza oltre al business as usual, adattando il processo di prestito/investimento per includere domande sull'efficienza energetica e la fornitura di assistenza per identificare progetti validi. Facendo questo possono sia ridurre i rischi, finanziando misure che migliorano i flussi di cassa dei clienti, sia aumentare potenzialmente i prestiti.

La BERS è stata a lungo un pioniere nello sfruttare le opportunità fornite dalle attività quotidiane di prestito non legate all'efficienza energetica. Oltre ai progetti di efficienza specializzati, la BERS controlla tutte le richieste di prestitiindustriali ocommerciali per valutare il potenziale di miglioramento dell'efficienza energetica. La banca lavora poi con l'organizzazione del cliente per sviluppare i progetti prioritari e questi sono incorporati nella richiesta di prestito. Questo processo assicura che tutti i miglioramenti commercialmente e finanziariamente fattibili siano incorporati, migliora il flusso di cassa del cliente (che riduce il rischio di prestito) e aumenta il capitale impiegato.

Nel finanziamento immobiliare commerciale per l'acquisizione o il rifinanziamento di un edificio, un investitore o un prestatore in genere esamina la situazione finanziaria dell'edificio, i canoni d'affitto e la storia e richiede una valutazione delle esigenze fisiche (PNA) o una revisione comparabile. Può essere relativamente semplice rendere le valutazioni di efficienza energetica e le classificazioni come i certificati di prestazione energetica parte di quel PNA, e persino rendere gli standard di prestazione parte dei requisiti di un prestatore. Alcune banche, tra cui ING e ABN Amro, hanno implementato questo tipo di programmi e stanno andando oltre, fornendo strumenti per aiutare i proprietari a identificare le misure di efficienza energetica.

ING Real Estate Finance (ING REF) ha fissato l'ambizione di ridurre le emissioni diCO2 dal suo portafoglio olandese del 15-20% con un obiettivo di risparmio sui costi energetici di 50 milioni di euro all'anno. Ciò ha comportato il coinvolgimento di 3.000 clienti olandesi con 28.000 edifici. ING ha pagato per lo sviluppo di un'applicazione che è stata offerta a tutti i clienti - l'applicazione fornisce un'analisi dell'uso dell'energia del cliente nel suo portafoglio e identifica il potenziale risparmio energetico. Se il potenziale risparmio energetico supera i 15.000 euro, al cliente viene offerto un sondaggio energetico gratuito.

ING REF fornisce anche consigli ai clienti su quali sussidi sono disponibili (attraverso una terza parte specializzata) e ING REF offre un finanziamento al 100% per i miglioramenti di efficienza energetica da ING Groenbank con uno sconto dello 0,5% sui normali tassi di interesse. Entro i primi due anni, l'app è stata utilizzata per analizzare 18.000 edifici con una superficie totale di 10 milioni di m2 (65% del portafoglio di ING REF). ING mira a diffondere l'app in altri paesi europei.

La cosa importante qui è che, come dice Sean nel suo articolo, solo facendo piccoli aggiustamenti ai processi esistenti per i prestiti e gli investimenti, le banche e gli investitori potrebbero avere un effetto significativo sui futuri livelli di efficienza energetica, oltre a identificare ulteriori opportunità di prestito e ridurre i rischi.Le banche e gli investitori devono assicurarsi che tutti i progetti che finanziano, in qualsiasi settore essi siano, immobiliare, industriale, infrastrutturale, dei trasporti o della fornitura di energia, includano tutte le misure diefficienza energetica efficaci dal punto di vista dei costi. Se non lo fanno, aiutano e favoriscono gli sviluppatori e gli operatori a bloccare livelli inutilmente alti di spreco energetico per il prossimo futuro, a volte anche per decenni.