Gestione dell'energia del 21° secolo

31 July 2018 da Dr. Steven Fawkes
Gestione dell'energia del 21° secolo

Siamo quasi al 20% del percorso del 21° secolo. Dobbiamo rinfrescare il nostro pensiero e portare la gestione dell'energia nel 21° secolo. Gli audit energetici dovrebbero essere obbligatori. Ci sono molteplici benefici non energetici - molti dei quali sono molto più strategici e interessanti per i decisori che la semplice riduzione dei costi energetici. L'avvento dei big data analytics può identificare opportunità di risparmio anche in sistemi che si crede siano vicini all'optimum. Una buona gestione dell'energia è un aspetto della buona gestione. Ogni sviluppatore di progetti ha qualche salsa segreta nello sviluppo dei progetti anche quando le tecnologie sono ben note e standardizzate e ogni progetto è sviluppato e documentato

Il business case è puramente sulla spesa di capitale contro il valore del risparmio energetico nel corso della vita del progetto. Gli sviluppatori di progetti non hanno davvero la salsa segreta. Tutti i progetti non sono standardizzati e tutti gli sviluppatori di progetti devono essere standardizzati, anche quando sono noti e standardizzati. È essenziale per l'aggregazione e la crescita del mercato finanziario non è standardizzato.


Contenuti correlati   #idee  #risparmio energetico  #efficienza energetica 


Pubblicato per la prima volta qui

Crescendo ho amato tutto ciò che aveva a che fare con il futuro - in particolare il 21° secolo. TV21 era il fumetto da leggere ed era pieno di storie sulla vita nel 21° secolo, Thunderbirds, viaggi spaziali ecc. Per certi aspetti la realtà non è stata all'altezza di quei sogni, anche se Elon Musk sta facendo del suo meglio per realizzarli, ma in altri modi viviamo già in un mondo descritto da tempo dalla fantascienza - comunicatori universali per tutti (telefoni cellulari), e un computer gigante che può rispondere a qualsiasi domanda (internet).

Quando ho iniziato a pensare e a praticare la gestione dell'energia, è stato nel 20° secolo e sembra che alcuni modi di pensare alla gestione dell'energia siano rimasti bloccati nel 20° secolo. Ora siamo quasi al 20% del 21° secolo (difficile da credere, lo so), abbiamo bisogno di rinfrescare il nostro pensiero e portare la gestione dell'energia nel 21° secolo.

Consideriamo alcuni aspetti della gestione e dell'efficienza energetica e confrontiamo il pensiero del 20° secolo con quello del 21° secolo.

AspettoPensiero del 20° secoloPensiero del 21° secolo
Audit energeticiGli audit energetici portano alla realizzazione di progetti. Gli audit

energetici

dovrebbero essere obbligatori

.
Gli audit energetici da soli non portano a nulla - c'è bisogno di un impegno di alto livello e gli audit energetici sono solo uno strumento da usare quando si è impegnati ad affrontare l'efficienza energetica. Gli audit

energetici

devono confluire in casi aziendali migliori che identifichino, valutino e valutino il rischio di tutte le fonti di valore, cioè tutti i benefici energetici e non energetici.

I benefici del miglioramento dell'efficienza energeticaI benefici sono i risparmi sui costi dell'energia. I benefici ambientali diretti, per esempio le tonnellate diCO2 evitate, possono essere un beneficio sociale per il rapporto CSR.Ci sono molteplici benefici non energetici - molti dei quali sono molto più strategici e interessanti per i decisori che la semplice riduzione dei costi energetici. Il

risparmio

energetico

può essere il beneficio meno attraente di un progetto che migliora l'efficienza energetica e dovrebbe essere venduto per ultimo - come co-beneficio ai benefici non energetici

.
Monitoraggio e targeting (M&T) e misurazione e verifica (M&V)Ci dovrebbe essere un M&T a livello aziendale con alcuni M&V specifici per i grandi progetti. Qualsiasi altra cosa oltre a questo, il sub-metering ecc. è costoso.M&T, M&V, raccolta e analisi dei dati è economico. L'avvento dei big data analytics può identificare opportunità di risparmio anche in sistemi che si crede siano vicini all'optimum. Il monitoraggio fa parte

del ciclo Plan, Do, Check, Act di ISO 50001 ed è incorporato in ogni sistema di gestione dell'energia.

Società di servizi energetici (ESCO) e contratti di rendimento energetico (EPC)Le ESCO e gli EPC sono la risposta a tutti i nostri problemi.Le ESCO e gli EPC sono applicabili in alcune circostanze limitate, principalmente nel settore pubblico. Non sono l'unica risposta e sicuramente non funzionano affatto nella maggior parte dei settori. Le ESCO e gli EPC sono solo uno dei tanti modi per portare finanziamenti ai progetti di efficienza energetica.
Misurazione del risparmio energeticoÈ difficile da misurare perché è un controfattuale ed è invisibile. Non può essere misurato.Le unità di energia risparmiata possono essere misurate e calcolate proprio come le unità di energia consegnata.
L'efficienza energetica è in qualche modo specialeÈ un'attività a sé stante. È una "crociata". Dovrebbe avere una priorità superiore a tutto il resto.L'efficienza energetica è parte di una soluzione energetica (e di risorse) integrata che include l'autogenerazione, la risposta alla domanda, ecc. Una buona gestione dell'energia è un aspetto della buona gestione.
Sviluppo del progettoLo sviluppo del progetto non è standardizzato e ogni progetto è sviluppato e documentato in modo diverso. Ogni sviluppatore di progetti ha qualche "salsa segreta" nello sviluppo dei progetti anche quando le tecnologie sono ben note e standard.Lo sviluppo del progetto e la documentazione possono essere standardizzati utilizzando sistemi come Investor Confidence Project's Investor Ready Energy EfficiencyTM. La

standardizzazione

dello sviluppo dei progetti e della documentazione è essenziale per l'aggregazione e la crescita del mercato finanziario. Gli sviluppatori di progetti non hanno una "salsa segreta".

Fare il business caseIl business case riguarda puramente la spesa in conto capitale rispetto al valore del risparmio energetico nel corso della vita del progetto.Il business case riguarda la spesa in conto capitale rispetto al valore di molteplici benefici energetici e non energetici nel corso della vita del progetto, di cui il risparmio energetico è solo uno. I benefici non energetici possono essere più strategici e attraenti per i decisori rispetto al solo risparmio energetico.
Rischio e incertezzaI progetti di efficienza energetica hanno un rischio basso, o addirittura "zero". Questo è stato spesso affermato anche se non avevamo dati e infatti i risultati erano incerti.Riconoscimento che i progetti di efficienza energetica hanno un rischio, anche se spesso non possiamo quantificare il rischio al momento. Il rischio è generalmente basso nei portafogli di progetti e sta diventando sempre più noto e compreso, ma per i singoli progetti i rischi effettivi sono meno noti.
Gestione dell'energiaUna pratica difficile da sistematizzare e fortemente dipendente dagli individui.Una pratica che può essere sistematizzata e incorporata nel funzionamento di un'impresa attraverso l'applicazione di ISO 50001.
Il valore di un kWh risparmiatoÈ lo stesso in ogni momento e in ogni luogo.È altamente specifico per il tempo e il luogo.
Sviluppo del progettoOttimizzare i componenti.Ottimizzare i sistemi, per esempio la progettazione integrata (che non è ancora molto comune).
Prezzi dell'energiaSalgono sempre.Salgono e scendono.
La disponibilità di investimentiNon ci sono soldi per l'efficienza energetica.Ci sono molti soldi per l'efficienza energetica - solo una carenza di progetti ben sviluppati e bancabili
Responsabili finanziari (CFO) e direttori finanziariI direttori finanziari sono stupidi a non investire in questi progetti "senza cervello" con periodi di recupero molto rapidi.I CFO possono essere razionali nel non investire, cioè possono avere cose più strategiche in cui investire, o possono considerare i benefici incerti perché non hanno visto le prove o non credono alla valutazione.
Frutti a basso costoCi sono molti progetti a costo zero e a basso costo che possono essere implementati facilmente - "low hanging fruit".Ci sono ancora molte misure no-cost e low-cost che potrebbero essere implementate attraverso una migliore gestione dell'energia (EnMS) e l'applicazione della ISO 50001. Dovremmo comunque bandire la frase perché anche le misure a costo zero e a basso costo richiedono uno sforzo.
Efficienza energeticaSi realizza attraverso specifici progetti di retrofit con l'obiettivo di ridurre i costi energetici.Si realizza attraverso investimenti di retrofit, investimenti in ristrutturazioni di impianti ed edifici effettuate per altri motivi non energetici, e attraverso investimenti in nuovi impianti ed edifici che migliorano l'efficienza media del settore.
RinnovabiliUn giorno potrebbero essere redditizie.Sono convenienti in molte situazioni.
Immagazzinamento dell'energia"L'elettricità non può essere immagazzinata. È fattibile

solo

in schemi idroelettrici massicci.

Il Santo Graal degli studi sull'energia.

Disponibile in diverse forme.

Diventa

rapidamente

più economico.

Economicamente redditizio in molte situazioni dietro il contatore e nella rete.

_____________

Articoli correlati

 

Restate sintonizzati! Le migliori idee per l'efficienza energetica e la transizione energetica...