Gli investimenti in energia pulita "devono essere più alti del 50%" per limitare il riscaldamento a 1,5C

13 August 2018 da Jürgen Ritzek
Gli investimenti in energia pulita "devono essere più alti del 50%" per limitare il riscaldamento a 1,5C

Un extra di 460 miliardi di dollari all'anno deve essere investito nell'economia a basse emissioni di carbonio a livello globale nei prossimi 12 anni. Questo è il 50% più alto dell'investimento aggiuntivo necessario per soddisfare un limite di 2C. Per fare la storia del carbone, dobbiamo investire nelle energie rinnovabili. L'accordo di Parigi dice che i paesi dovrebbero aumentare i finanziamenti per l'economia a basse emissioni di carbonio. Lo studio combina i risultati di sei diversi modelli di valutazione integrata (IAM) per rendere i suoi risultati più solidi. I risultati mostrano che un investimento extra di 132 miliardi di dollari in efficienza energetica è necessario tra il 2016 e il 2030 per raggiungere gli obiettivi NDC, rispetto a uno scenario business-as

come scenario normale. È anche paragonabile in scala a 100 miliardi di dollari di finanziamenti per il clima che i paesi ricchi hanno promesso ai paesi in via di sviluppo per aiutare a finanziare i loro sforzi per il clima. Ma manca già il bersaglio in termini di riduzione delle emissioni entro il 2025-2030. Torna alla home di MailOnline. torna a Carbon Brief.com/lfo.com.


Contenuti correlati   #gas  #gas naturale  #carbone 


Per fare la storia del carbone, dobbiamo investire nelle rinnovabili (Foto diThomas Wolf, CC BY-SA 3.0 DE)

Pubblicato per la prima volta suCarbon Brief.

Un ulteriore 460 miliardi di dollari all'anno deve essere investito nell'economia a basse emissioni di carbonio a livello globale nei prossimi 12 anni per limitare il riscaldamento globale a 1,5 C, dice un nuovo documento. Jocelyn Timperley dà un'occhiata.

Questo è del 50% superiore all'investimento aggiuntivo necessario per soddisfare un limite di 2C, dice il documento. È il primo a valutare la differenza negli investimenti e nei flussi monetari tra i due obiettivi di temperatura dell'accordo di Parigi, dice l'autore principale a Carbon Brief.

Il documento trova anche un aumento molto più veloce nell'energia a basse emissioni di carbonio e negli investimenti per l'efficienza energetica sarebbe necessario per limitare il riscaldamento a 1,5C. Nel frattempo, gli investimenti nel carbone non cambierebbero sostanzialmente tra uno scenario di 1,5C e 2C, dice l'autore principale, dal momento che un drastico ridimensionamento degli investimenti nel carbone è già necessario per raggiungere l'obiettivo dei 2C.

Flussi finanziari

L'accordo di Parigi dice che i paesi dovrebbero aumentare i finanziamenti per l'economia a basse emissioni di carbonio. L'articolo 2.1(c) dell'accordo impegna i firmatari a:

"Rendere i flussi finanziari coerenti con un percorso verso basse emissioni di gas serra e uno sviluppo resistente al clima".

Il documento, pubblicato su Nature Energy, mira a quantificare la scala dei flussi finanziari che potrebbero essere necessari per soddisfare gli obiettivi di temperatura generali dell'accordo di Parigi. Valuta quanto sarebbe necessario per quattro scenari.

Nel primo, i paesi soddisfano gli obiettivi stabiliti nei loro attuali impegni individuali sul clima ("contributi determinati a livello nazionale", o NDC). Nel secondo si cerca di raggiungere l'obiettivo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a "ben al di sotto di 2C". Il terzo scenario considera un mondo in cui l'obiettivo aspirazionale di Parigi di limitare il riscaldamento a 1,5 C è raggiunto. Questi sono confrontati con uno scenario di business-as-usual, senza ulteriori restrizioni delle attuali politiche climatiche ed energetiche.

Lo studio combina i risultati di sei diversi modelli di valutazione integrata (IAM) per rendere i suoi risultati più solidi. Ogni modello rappresenta il sistema energetico globale e le varie opzioni di mitigazione per il futuro in modo leggermente diverso. Tutti gli scenari sono in linea con un futuro "middle-of-the-road" dove le tendenze sociali, economiche e tecnologiche seguono ampiamente i loro modelli storici(SSP2).

I risultati mostrano che un investimento extra di 132 miliardi di dollari in tecnologie a basse emissioni di carbonio e in efficienza energetica è necessario tra il 2016 e il 2030 per raggiungere gli obiettivi NDC, rispetto a uno scenario business-as-usual.

Gli investimenti aggiuntivi necessari per soddisfare gli impegni sul clima ammontano a meno di un decimo dei 1.700 miliardi di dollari investiti nel sistema energetico globale nel 2016, secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia(IEA).

È anche paragonabile in scala ai 100 miliardi di dollari all'anno di finanziamenti per il clima che i paesi ricchi hanno promesso ai paesi in via di sviluppo per aiutare a finanziare i loro sforzi per il clima.

David McCollum, ricercatore senior presso l'International Institute for Applied Systems Analysis(IIASA) e autore principale del documento, dice che questo significa che l'impegno di 100 miliardi di dollari sarebbe molto importante per i paesi in via di sviluppo per raggiungere i loro obiettivi NDC. Dice a Carbon Brief:

"È qualcosa che, in teoria, potrebbe essere fatto, se le priorità fossero fissate nel modo giusto ... Ma come sappiamo da questa ricerca e da altre ricerche, gli obiettivi NDC non ci portano da nessuna parte vicino a dove dobbiamo essere per 2C, e certamente non 1,5C. Ci mette sulla strada giusta, ma manca già il bersaglio in termini di riduzione delle emissioni entro il 2025-2030".

Il grafico qui sotto mostra i risultati del gap di investimento trovato dallo studio, così come l'investimento medio annuale molto più alto necessario fino al 2050. Ciò è dovuto alla necessità che gli investimenti in energia pulita accelerino oltre il 2030, aumentando la cifra media annuale.

 

Gap annuali di investimento globale nell'energia a basso contenuto di carbonio e nell'efficienza energetica in scenari politici ristretti, in media fino al 2030 e al 2050. Gli scenari considerano un mondo in cui gli impegni dei paesi NDC sono rispettati, e in cui i limiti di temperatura di 2C e 1,5C dell'Accordo di Parigi sono rispettati. Fonte: McCollum, D.L. et al.(2018) Materiale supplementare. Grafico di Carbon Brief.

2C vs 1,5C

Per l'obiettivo dei 2C, l'investimento annuale extra necessario nell'energia a basse emissioni di carbonio e nell'efficienza energetica da qui al 2030 aumenta a 303 miliardi di dollari. Gli investimenti a basso contenuto di carbonio supererebbero quelli per i combustibili fossili già nel 2025 e crescerebbero rapidamente in seguito, come mostrato nella figura sottostante. Circa due terzi di tali investimenti energetici sul lato dell'offerta oggi sono legati ai combustibili fossili, mentre il terzo restante è a basso contenuto di carbonio.

 

Proiezione dei percorsi di investimento annuali medi globali per raggiungere gli obiettivi 1,5C (verde), 2C (blu) e NDC (rosso), così come lo scenario business-as-usual (CPol; nero). I valori sono dati in investimenti sul lato dell'offerta come quota degli investimenti totali sul lato dell'offerta. Pertanto, questi valori non includono gli investimenti in efficienza energetica. Fonte: McCollum, D.L. et al. (2018) via Carbon Brief

Per l'obiettivo di 1,5C, sarebbero necessari altri 458 miliardi di dollari, dice lo studio. Questo significherebbe un "cambio di passo" in termini di importo investito per tonnellata di CO2 evitata, aggiunge.

Lo sforzo di investimento extra necessario per passare da 2C a 1.5C è stato sorprendente, dice McCollum:

"Passando da 2C a 1,5C, si tratta solo di poche centinaia di gigatonnellate di carbonio, ma gli sforzi di investimento - in particolare in questo breve periodo fino al 2030 - ciò che significa in termini di aumento delle energie rinnovabili e dell'efficienza è molto maggiore. Quindi è non lineare, in altre parole: c'è questo punto di svolta se vogliamo andare oltre i 2C e passare a 1,5C".

È anche importante notare che limitare le temperature globali a 1,5C dovrebbe avere dei vantaggi economici. Un documento pubblicato all'inizio di quest'anno ha trovato che il PIL pro capite sarebbe più alto del 5% entro il 2100 se le temperature si stabilizzassero a 1,5C piuttosto che a 2C.

Il declino del carbone

Una cosa che non cambia sostanzialmente tra gli scenari 1.5C e 2C, tuttavia, è la necessità di allontanarsi dagli investimenti in carbone senza sosta, dice McCollum.

Qui, la differenza passando da 2C a 1.5C è ancora meno investimenti in petrolio e gas naturale, trova il documento. In alcuni modelli, gli autori hanno trovato uno spazio limitato per gli investimenti nel gas naturale con la cattura e lo stoccaggio del carbonio(CCS). Nel frattempo, la quota di investimenti che va alla trasmissione e alla distribuzione dell'elettricità, già attualmente circa un quarto di tutti gli investimenti energetici, continuerà ad aumentare.

IlProf Sam Fankhauser, direttore del Grantham Research Institute on Climate Change and the Environment, dice che il punto chiave del nuovo studio è la necessità di utilizzare i flussi di capitale esistenti in modo diverso, piuttosto che mobilitare ulteriori capitali. Ha detto a Carbon Brief:

"Abbiamo bisogno anche di qualche investimento extra, ma la cosa principale è reindirizzare gli investimenti energetici esistenti dai combustibili fossili alle energie rinnovabili". Non c'è da sorprendersi, quindi, che l'accelerazione degli investimenti puliti supererà il declino degli investimenti in combustibili fossili entro 10 anni".

Aggiunge che lo stesso reindirizzamento di capitale è necessario in altri settori, come i trasporti, l'industria e la progettazione urbana.

________

Articoli correlati

 

Restate sintonizzati! Le migliori idee per l'efficienza energetica e la transizione energetica...

 

L'autore

Jocelyn Timperley ha conseguito un master universitario in chimica ambientale presso l'Università di Edimburgo e un master in giornalismo scientifico presso la City University di Londra. In precedenza ha lavorato per BusinessGreen, occupandosi della politica delle basse emissioni di carbonio e dell'economia verde.