I data center non sono i maiali dell'energia che pensavamo

27 March 2020
I data center non sono i maiali dell'energia che pensavamo

I ricercatori hanno sviluppato il modello più dettagliato fino ad oggi dell'uso globale dell'energia dei data center. Il modello fornisce una visione più sfumata dell'uso dell'energia dei data center e dei suoi driver. Sono necessari ulteriori sforzi per monitorare meglio l'uso dell'energia andando avanti, dice l'autore principale. Il supporto per lo studio è venuto dal Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti e Leslie e Mac McQuown, e UC Santa Barbara ha contribuito al lavoro. Altri ricercatori della Northwestern University, Lawrence Berkeley National Laboratory, Koomey Analytics e UC Santa Barbara hanno contribuito allo studio. Rilasciando il modello, il team spera di catalizzare più attività di ricerca su questo importante argomento.

La ricerca appare su Science.org. Per vedere lo studio, visitate il sito web di Futurity.org: www.futurity.com/sustainable energy use/sustaining- energy- efficiency-related news.com. Torna alla pagina puoi visitare il sito web. Potete anche visitare il sito. Potete ottenere la ricerca.


Contenuti correlati   #energy star  #efficienza energetica  #ulteriori ricercatori 


Anche se la domanda di dati è aumentata rapidamente, i massicci guadagni di efficienza da parte dei centri dati hanno mantenuto il loro uso di energia più o meno piatto negli ultimi dieci anni, secondo i ricercatori.

I ricercatori avvertono, tuttavia, che l'industria e il governo non dovrebbero lasciarsi cullare dai risultati.

Per trovare i loro risultati, i ricercatori hanno sviluppato il modello più dettagliato fino ad oggi dell'uso globale dell'energia dei data center. Il modello fornisce una visione più sfumata dell'uso dell'energia dei data centere dei suoi driver. Questo permetterà ai ricercatori di fare raccomandazioni politiche che possono aiutare la società a gestire meglio questo uso dell'energia in futuro.

 

DATA CENTER ED EFFICIENZA ENERGETICA

 

"Mentre i progressi storici in termini di efficienza compiuti dai data center sono notevoli, i nostri risultati non significano che l'industria IT e i responsabili politici possano riposare sugli allori", afferma l'autore principale Eric Masanet, titolare della cattedra di scienza della sostenibilità per le tecnologie emergenti e membro della facoltà della Bren School of Environmental Science & Management dell'Università della California, Santa Barbara. Masanet è stato in precedenza professore associato alla Northwestern University, dove ha condotto il lavoro.

"Pensiamo che ci sia abbastanza potenziale di efficienza residua per durare ancora diversi anni. Ma la crescente domanda di dati significa che tutti, compresi i politici, gli operatori di data center, i produttori di apparecchiature e i consumatori di dati, devono intensificare gli sforzi per evitare un possibile forte aumento dell'uso di energia nel corso di questo decennio", dice.

Pieni di apparecchiature di calcolo e di rete, i data center sono luoghi centrali che raccolgono, memorizzano ed elaborano i dati. Poiché il mondo si affida sempre più alle tecnologie ad alta intensità di dati, l'uso dell'energia dei data center è una preoccupazione crescente.

"Considerando che i data center sono imprese ad alta intensità energetica in un settore in rapida evoluzione, abbiamo bisogno di analizzarli rigorosamente", dice il coautore dello studio Arman Shehabi, uno scienziato ricercatore del Lawrence Berkeley National Laboratory.

"Analisi meno dettagliate hanno previsto una rapida crescita nell'uso dell'energia nei data center, ma senza considerare appieno i progressi storici di efficienza compiuti dal settore. Quando includiamo quel pezzo mancante, emerge un quadro diverso dei nostri stili di vita digitali", dice Shehabi.

 

3 RACCOMANDAZIONI PER I POLITICI

 

Per dipingere questo quadro più completo, i ricercatori hanno integrato nuovi dati provenienti da numerose fonti, comprese le informazioni sulle scorte di attrezzature dei data center, le tendenze di efficienza e la struttura del mercato. Il modello risultante consente un'analisi dettagliata dell'energia utilizzata dalle apparecchiature dei data center (come server, dispositivi di archiviazione e sistemi di raffreddamento), per tipo di data center (compresi i centri cloud e hyperscale) e per regione mondiale.

I ricercatori concludono che i recenti guadagni di efficienza fatti dai data center sono stati probabilmente molto più grandi di quelli osservati in altri importanti settori dell'economia globale.

"La mancanza di dati ha ostacolato la nostra comprensione delle tendenze dell'uso dell'energia nei data center a livello globale per molti anni", dice il coautore Jonathan Koomey di Koomey Analytics. "Tali lacune di conoscenza rendono la pianificazione aziendale e politica incredibilmente difficile".

Affrontare queste lacune di conoscenza è stata una delle principali motivazioni per il lavoro del team di ricerca. "Volevamo dare all'industria dei data center, ai politici e al pubblico una visione più accurata dell'uso dell'energia nei data center", dice Masanet.

I ricercatori hanno anche tradotto i loro risultati in tre raccomandazioni per i politici che possono aiutare a mitigare la crescita futura dell'uso dell'energia nei data center:

 

  1. Estendere la durata delle attuali tendenze di efficienza rafforzando gli standard energetici IT come ENERGY STAR, fornendo incentivi finanziari e diffondendo le migliori pratiche di efficienza energetica;
  2. Aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo nella prossima generazione di tecnologie di calcolo,immagazzinamento e rimozione del calore per mitigare l'uso futuro di energia, incentivando al contempo l'acquisto di energia rinnovabile per mitigare leemissioni di carbonio;
  3. Investire in attività di raccolta dati, modellazione e monitoraggio per eliminare i punti ciechi e consentire decisioni di politica energetica più solide per i data center.

 

"La realtà è che sono necessari più sforzi per monitorare meglio l'uso dell'energia in futuro", dice Masanet, "ed è per questo che abbiamo reso il nostro modello e i set di dati disponibili pubblicamente". Rilasciando il modello, il team spera di catalizzare più attività di ricerca su questo importante argomento.

La ricerca appare inScienza.

Il sostegno allo studio è venuto dal Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti e da Leslie e Mac McQuown. Altri ricercatori della Northwestern University, Lawrence Berkeley National Laboratory, Koomey Analytics e UC Santa Barbara hanno contribuito al lavoro.

 

Questo articolo è stato precedentemente apparso su Futurity.org