I gruppi verdi delineano le loro priorità per fare dell'industria europea un leader globale

25 May 2020 da Rod Janssen
I gruppi verdi delineano le loro priorità per fare dell'industria europea un leader globale

I gruppi verdi hanno delineato le loro priorità per rendere l'industria europea un leader globale. Un'industria pulita e responsabile deve essere la risposta di Europes alla crisi del covid-19. Il solo settore delle energie rinnovabili impiega oggi circa 1,2 milioni di persone nell'UE. Questo numero è destinato ad aumentare rapidamente, anche nelle regioni carbonifere. L'Ufficio europeo dell'ambiente (EEB) ha avvertito che gli investimenti pubblici e privati devono essere completamente riorientati dai combustibili fossili e dalle pratiche commerciali dispendiose, e verso soluzioni circolari, a inquinamento zero e senza fossili. Questo è l'unico modo per garantire la decarbonizzazione dell'economia europea entro il 20

2040, ha detto l'EEB. Le EII si sono impegnate a raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050, delineando il loro masterplan per superare le sfide e sfruttare le opportunità. Essi includono i produttori di cemento, prodotti chimici, ammoniaca e acciaio, che rappresentano il 14% delle industrie ad alta intensità energetica. E la Commissione e il Parlamento possono fissarlo in un inquinamento zero.


Contenuti correlati   #trasformazione  #energia rinnovabile  #trasformare 


Mentre l'Europa si prepara ad abbracciare una nuova rivoluzione industriale all'indomani della crisi del covid-19, i gruppi verdi hanno delineato le loro priorità per fare dell'industria europea un leader globale. Un'industria pulita e responsabile deve essere la risposta dell'Europa alla crisi della covide-19, ha dichiarato un gruppo di ONG in un rapporto pubblicato questa settimana.

 

 

 

 

Trasformare l'industria per un futuro più resiliente - rapporto delle ONG

 

Il rapporto, pubblicato dopo che gli attivisti hanno giudicato la strategia industriale dell'UE troppo debole per realizzare l'ambizione del Green Deal europeo, esorta i leader europei a concentrare gli stimoli economici su settori in rapida crescita come le energie rinnovabili, l'efficienza energetica e l'eco-design. Tutti questi settori possono essere le fondamenta dell'industria di domani e offrire soluzioni a molteplici sfide, tra cui l'aumento della disoccupazione.

 

Il solo settore delle energie rinnovabili impiega oggi circa 1,2 milioni di persone nell'UE. Questo numero è destinato ad aumentare rapidamente, anche nelle regioni carbonifere, poiché la quota di energie rinnovabili è destinata a più che raddoppiare entro il 2030.

 

L'Ufficio europeo per l'ambiente (EEB), una delle organizzazioni che stanno dietro al rapporto, ha avvertito che gli investimenti pubblici e privati devono essere completamente riorientati lontano dai combustibili fossili e dalle pratiche commerciali dispendiose, verso soluzioni circolari, ad inquinamento zero e prive di combustibili fossili. Questo è l'unico modo per garantire la decarbonizzazione dell'economia europea entro il 2040, che è l'unica soluzione compatibile con lo scenario di 1,5 gradi dell'IPCC di.

 

Per raggiungere questo obiettivo, i leader europei e l'industria dovranno ripensare le tecnologie e i processi produttivi, trasformare i modelli di consumo e consentire una vita sostenibile, ha detto Davide Sabbadin, esperto di clima con l'EEB e autore principale del rapporto.

 

Sabbadin ha spiegato che questo significa che "l'Europa dovrà abbracciare catene di fornitura più brevi e diversificate e una produzione più locale".

 

Suzana Carp di Sandbag, un'altra organizzazione coinvolta nel rapporto, ha affermato che il rapporto "fornisce ai decisori politici un portafoglio di esperti di politiche verdi, che promuovono l'economia, in grado di fornire un'industria a zero emissioni, in un'Europa a inquinamento zero".

 

"Questo è il futuro che i cittadini dell'UE meritano e la Commissione e il Parlamento possono metterlo in moto attraverso il pacchetto di stimolo per la ripresa", ha aggiunto Carp.

 

Mercoledì prossimo, la Commissione europea dovrebbe annunciare un fondo di recupero senza precedenti per aiutare il blocco a superare le conseguenze della crisi della covide-19. Agnese Ruggiero, responsabile delle politiche con Carbon Market Watch, anch'essa coinvolta nel rapporto, ha affermato che "una ripresa verde richiederà la piena attuazione del Green Deal dell'UE". Questo include la prova del futuro del mercato del carbonio dell'UE". Deve finalmente diventare uno strumento per guidare la trasformazione pulita dell'industria europea".

 

I leader delle imprese si sono ripetutamente espressi a favore di un'industria più pulita, e molti di loro hanno aderito ad un'Alleanza europea per una ripresa verde in aprile.

 

In un rapporto pubblicato nel dicembre dello scorso anno, le industrie europee a maggiore intensità energetica (EII) si sono impegnate a raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050, delineando il loro piano generale per superare le sfide e sfruttare le opportunità. Tra le industrie coinvolte vi sono i produttori di cemento, prodotti chimici, ammoniaca e acciaio, che rappresentano il 14% delle emissioni totali dell'Europa.

 

Mentre i gruppi industriali hanno finora spinto soprattutto per lo sviluppo di nuove tecnologie, tra cui le tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio, i gruppi verdi hanno sottolineato la necessità di concentrarsi prima di tutto sulle tecnologie esistenti e sull'efficienza energetica e delle risorse.

 

Nelle parole di Keith Whiriskey di Bellona, che ha anche contribuito al rapporto, "questo è un momento in cui l'industria può essere creativa con le tecnologie alternative verdi e pulite già esistenti". L'Europa può dare il via al processo mettendo a disposizione dei centri industriali europei l'idrogeno, la CO2 e le infrastrutture per l'elettricità pulita".

 

Il rapporto è disponibile qui.