I piani non sono niente, la pianificazione è tutto

18 February 2020 da Dr. Steven Fawkes
I piani non sono niente, la pianificazione è tutto

John F. Kennedy ha fornito la leadership per andare sulla luna fissando un obiettivo chiaro. La NASA ha guidato il piano per superare i molti vincoli che esistevano nel 1961. Il primo passo è accertare la situazione attuale, la linea di base. Bisogna identificare una serie di possibili progetti o interventi. Infine, qualsiasi piano deve essere finanziabile, il che richiede la comprensione sia delle risorse proprie dell'organizzazione che della sua capacità di utilizzare finanziamenti esterni. Raggiungere lo zero netto ha sicuramente bisogno di una visione e di una leadership, ma anche di un piano realistico e ben sviluppato. Per i piani complessi a lungo termine ci possono essere molte interazioni con fattori sia interni che esterni

fattori da considerare a diversi livelli. Può richiedere cambiamenti nelle strutture retributive per guidare il giusto tipo di comportamento in tutta l'organizzazione, un cambiamento che deve essere guidato da una forte leadership sostenuta dalla pressione degli azionisti. Se la vostra organizzazione ha bisogno di assistenza per sviluppare un piano completo a zero, contattate me o Alex Rathmell di EnergyProbation.


Contenuti correlati   #piani  #concetti  #piano 


In un blog precedente ho fatto riferimento alla leadership come l'elemento mancante nella spinta verso la rete zero. Ora stiamo vedendo emergere la leadership sulla questione, sia a livello nazionale - in alcuni paesi molto più che nel Regno Unito, devo dire - che nel mondo aziendale. La vera leadership però va oltre la definizione dell'obiettivo, deve includere la guida allo sviluppo di piani realistici e realizzabili per raggiungere l'obiettivo, e poi guidare la consegna.

Raggiungere "Net Zero" è un obiettivo molto chiaro, purché sia incorporato un calendario, un po' come "far atterrare un uomo sulla luna entro la fine del decennio e farlo tornare sano e salvo sulla terra". Gli obiettivi chiari sono sempre utili - non possono essere falsificati - o li raggiungi o non li raggiungi e come qualcuno ha detto una volta; 'gli obiettivi sono opzionali, i vincoli sono obbligatori'. Una volta che la leadership stabilisce, o anche solo considera, un obiettivo netto zero, l'organizzazione deve passare rapidamente alla formulazione di un piano d'azione realistico che stabilisca il percorso per superare i vincoli e raggiungere l'obiettivo, altrimenti è solo un'aspirazione. John F. Kennedy ha fornito la leadership per andare sulla luna fissando un obiettivo chiaro, ma la NASA ha guidato il piano per superare i molti vincoli che esistevano già nel 1961 e ha raccolto le risorse per raggiungere l'obiettivo. Quindi quali sono gli elementi di un piano coerente per raggiungere lo zero netto?

Naturalmente il primo passo è accertare la situazione attuale, la linea di base. Qualsiasi piano dovrebbe iniziare con una solida base che copra le emissioni Scope 1, 2 e 3. Chiaramente le emissioni Scope 3 sono più difficili da quantificare per molte organizzazioni e un certo grado di incertezza è comprensibile in quest'area. Per esempio, come fa un'università a misurare gli spostamenti degli studenti? Devono essere fatti dei giudizi pragmatici basati su ciò che è possibile e ciò che non lo è.

Poi bisogna identificare una serie di possibili progetti o interventi. Qui possono essere utili tecniche di creatività come il brain storming e il pensiero laterale. Tecniche come la progettazione integrata sono fondamentali per fare grandi passi avanti nel rendimento energetico e nelle emissioni piuttosto che semplici guadagni incrementali. Dobbiamo pensare fuori dagli schemi delle soluzioni convenzionali. Una volta identificati, i concetti di progetto devono essere valutati tecnicamente, economicamente e finanziariamente, e contestualmente.

Levalutazioni tecniche devono considerare lo stato dello sviluppo tecnologico e valutare la realtà che a volte è oscurata dalla pubblicità. Sarebbe insolito per molte organizzazioni prendere dei rischi nello sviluppo tecnologico, per quelle che lo fanno la decisione deve essere esplicita con una piena comprensione dei rischi e non implicita. Lo sviluppo tecnologico è sempre rischioso.

Lavalutazione finanziaria ed economica deve considerare tutti i benefici e non solo i risparmi sui costi energetici o le riduzioni delle emissioni. I benefici con valore strategico possono includere il posizionamento sul mercato, la pubblicità, una maggiore capacità di reclutare i migliori dipendenti ecc. e possono essere molto più preziosi dei risparmi sui costi. Un approccio di pensiero sistemico è necessario per identificare e valutare i benefici. Infine, qualsiasi piano deve essere finanziabile, il che richiede la comprensione sia delle risorse proprie dell'organizzazione sia della sua capacità di utilizzare finanziamenti esterni. Se i finanziamenti esterni devono essere utilizzati, il piano deve soddisfare i requisiti degli investitori.

L'analisi contestuale è una fase vitale ma spesso trascurata nello sviluppo del progetto di capitale. E' necessario controllare le interazioni sia tra i progetti che con altri fattori interni ed esterni, per esempio il futuro a lungo termine di un sito o di un prodotto deve essere adeguatamente considerato se c'è un progetto proposto per ridurre l'uso di energia e le emissioni. Alcune combinazioni di progetti sono additive mentre altre sono in conflitto. Per i piani complessi a lungo termine ci possono essere molte interazioni con fattori interni ed esterni da considerare a diversi livelli. Le stesse valutazioni tecniche, economiche e contestuali spesso interagiranno in un processo iterativo.

Qualsiasi piano deve considerare i rischi. Questo dovrebbe includere i rischi di inazione così come i rischi di azione. Dovrebbe iniziare con i rischi del cambiamento climatico, i cui parametri principali sono ben noti ad alto livello, ma per quanto possibile questi dovrebbero essere localizzati per riconoscere i rischi reali sull'organizzazione, fisicamente e finanziariamente. I rischi dell'azione e dell'inazione su tutte le parti interessate, compresi gli azionisti, i dipendenti, i clienti e le catene di approvvigionamento dovrebbero essere considerati.

Dopo la creazione e lo sviluppo del concetto con un grado sufficiente di robusta valutazione tecnica, economica e contestuale, supportata dall'analisi dei rischi, è necessario assemblare un portafoglio pratico di progetti e azioni con costi e tempi, un processo che può richiedere molte iterazioni. Poi il piano dovrebbe essere testato prima di passare alla consegna.

Raggiungere lo zero netto ha sicuramente bisogno di una visione e di una leadership, ma anche di un piano realistico e ben sviluppato. Sviluppare un tale piano è tutt'altro che banale. Realizzare il piano richiede duro lavoro e impegno a lungo termine, una realizzazione efficace può richiedere cambiamenti nelle strutture di remunerazione per guidare il giusto tipo di comportamento in tutta l'organizzazione, un cambiamento che deve essere guidato da una forte leadership sostenuta dalla pressione degli azionisti.

Come disse Dwight D. Eisenhower: "I piani non sono niente, la pianificazione è tutto". Se la vostra organizzazione ha bisogno di assistenza per sviluppare un piano completo a zero, e poi implementarlo,contattate me o Alex Rathmell di EnergyPro.