Il nuovo decennio si apre con una cascata di chiusure di centrali a carbone negli Stati Uniti

03 February 2020
Il nuovo decennio si apre con una cascata di chiusure di centrali a carbone negli Stati Uniti

Le centrali elettriche a carbone hanno chiuso al secondo ritmo più veloce su record nel 2019, nonostante gli sforzi di Donald Trumps per sostenere l'industria. La stagione calda ha tagliato la domanda di elettricità, mentre i prezzi ultra-bassi del gas significano che più della domanda che rimane sarà soddisfatta da unità a gas piuttosto che da impianti a carbone. Le tendenze più ampie sono state giocate questo mese in più di una dozzina di stati americani. In Arizona, l'utility APS ha promesso di abbandonare il carbone entro il 2031, e la PacifiCorp, con sede in Oregon, ha annunciato piani per chiudere la sua centrale a carbone Cholla 4 da 395 megawatt nel

nel nord dell'Arizona nel 2020, con 15 anni di anticipo. E in Arizona, lo sviluppatore Daybreak Power sta ora lanciando un impianto di stoccaggio pompato da 3,6 miliardi di dollari, 2,2 gigawatt, che utilizzerebbe le linee di trasmissione dal sito Navajo per fornire energia generata dal sole. per fornire energia solare ai clienti fino alla fine del prossimo anno.


Contenuti correlati   #centrali a carbone  #carbone termico  #90 licenziamenti 


Il nuovo decennio si sta aprendo con una cascata crescente di chiusure di impianti nell'industria del carbone degli Stati Uniti, con gli investitori che abbandonano la nave, le entrate che vengono spinte verso il basso dai prezzi record del gas e delle energie rinnovabili, e le comunità che pongono domande sempre più difficili sugli impatti economici, ambientali e sanitari delle centrali a carbone in mezzo a loro.

"La fuga globale di capitali dal carbone termico e dal settore dell'energia a carbone è già al canotto nel 2020", hacommentato la settimanascorsa l'Istituto per l'economia dell'energia e l'analisi finanziaria, dopo l'annuncio inaspettato del gigante degli investimenti BlackRockche avrebbe dismesso i suoi asset di carbone. "Allo stesso tempo, l'asset manager Aegon ha annunciato un nuovo programma rafforzato di disinvestimento dal carbone. In totale, 116 banche e assicuratori significativi a livello globale hanno ora messo in atto politiche sul carbone sempre più severe per muoversi verso l'allineamento con l'accordo di Parigi."

La conclusione a cui giunge IEEFA: Con il 2020 che si apre su unesempio catastrofico degli impatti del cambiamento climatico incontrollato, "il greenwash aziendale si sta spostando verso politiche di sostanza".

Lo slancio negli Stati Uniti era già ben consolidato nel 2019, con le chiusure di carbone che hanno colpito 15,1 gigawatt (che sarebbero 15,1 miliardi di watt di capacità di generazione). "Le centrali elettriche a carbone degli Stati Uniti hanno chiuso al secondo ritmo più veloce su record nel 2019", nonostante gli sforzi di Donald Trump per "sostenere il settore",riferisce Reuters. I ritiri di carbone dell'anno, appena secondi ai 19.500 GW chiusi dal presidente Barack Obama nel 2015, sono stati sufficienti per alimentare circa 15 milioni di case americane.

Nel complesso, gli Stati Uniti hanno perso 39 GW di capacità di carbone da quando Trump ha assunto la Casa Bianca nel 2017.

Simile allesfide di prezzoche affrontano il petrolio e il gas del Nord America, l'analista diReuters John Kemp dice cheil carbonesta "affrontando la tempesta perfetta, con un inverno mite e il crollo dei prezzi del gas naturale che aggiungono ai loro problemi a lungo termine con la competitività e spingono più verso il pensionamento". La stagione calda ha tagliato la domanda di elettricità, "mentre i prezzi ultra-bassi del gas significano che più della domanda che rimane sarà soddisfatta da unità a gas piuttosto che da impianti a carbone". Nell'ultimo anno o due, inoltre, gran parte della concorrenza sui prezzi è venuta dal solare e dall'eolico, compresi alcuni progetti non sovvenzionati che hanno battuto sia il carbone che il gas in base al prezzo.

Le tendenze più ampie sono state giocate questo mese in più di una dozzina di stati americani.

In Arizona, l'utility APSha promesso di abbandonare il carbone entro il 2031, e la PacifiCorp, con sede in Oregon, ha annunciato pianiper chiudere la sua centrale a carbone Cholla 4 da 395 megawatt nel nord dell'Arizona nel 2020, con 15 anni di anticipo. Sempre in Arizona, dove il mastodontico impianto a carbone Navajo da 2.250 megawatt ha chiusoi battenti l'annoscorso, lo sviluppatore Daybreak Power sta ora proponendo un impianto di pompaggio da 3,6 miliardi di dollari e 2,2 gigawatt che utilizzerebbe le linee di trasmissione dal sito Navajo per fornire energia solare ed eolica a Los Angeles, Las Vegas e Phoenix.

"Stiamo parlando di assorbire enormi volumi di energia rinnovabile nel sud-ovest, e poi rilasciarla fondamentalmente durante la notte", ha detto il CEO di Daybreak Jim Day. "C'è un sacco di buone applicazioni per le batterie agli ioni di litio, ma lo stoccaggio di grandi quantità per periodi piuttosto lunghi... non è una buona soluzione".

I regolatori dell'Arkansas hannoapprovato un accordo tra l'U.S. Sierra Club e la Southwestern Electric Power Company per chiudere la centrale a carbone Dolet Hills da 650 MW in Louisiana, e l'Iowa Utility Board ha chiesto unostudio che potrebbe aprire la strada al ritiro anticipato del carbone.

L'Indiana, con il suo carico di carbone, ha visto una raffica di attività, con Hoosier Energy che si è impegnataa chiudere la sua centrale di Merom da 1.070 MW nel 2023, Indianapolis Power & Light che ha promesso adicembre di chiudere due impianti a carbone per un totale di 630 MW nel 2021 e 2023, e il minatore di carbone Sunrise Coal che ha annunciato 90 licenziamenti la scorsasettimana. Verso la metà del mese, il legislatore statale dell'Indiana Ed Soliday haintrodotto un disegno di legge che impedirebbe ai regolatori statali di chiudere prematuramente le centrali a carbone senza istruzioni da un'autorità federale diversa dall'Agenzia per la protezione dell'ambiente, o una determinazione di necessità pubblica nello stato.

La Sunflower Electric Power di Hays, Kansas, haabbandonato i piani per spendere 2,2 miliardi di dollari per costruire un nuovo impianto a carbone nello stato, mentre la domanda da parte dei clienti aziendali ha spinto due utility nel Kentucky, dipendente dal carbone, a pianificare un acquisto solare da 100 megawatt. La Public Service Company of Oklahoma ha finalizzato i piani per chiudere il suo impianto a carbone Oklaunion da 650 MW in ottobre.

I contribuenti del Minnesota dovevanoguadagnare 30 milioni didollari dai piani di Xcel Energy per mettere inattivo due impianti a carbone per sei mesi all'anno e tagliare milioni di tonnellate di inquinamento da carbonio lungo la strada. L'annuncio ha spinto le domande su se i servizi pubblici del Wisconsin potrebbero fare lo stesso, anche se la cooperativa Dairyland Power dello stato ha dettoche avrebbe chiuso il suo impianto di carbone di Genova entro la fine del prossimo anno, e gli analisti del Michigan hanno indicatomilioni di dollari che i contribuenti potrebbero risparmiare scaricando le piante di carbone antieconomiche.

In generale, gli analisti di Morgan Stanley e Moody's Investors Servicesi aspettavano che i clienti delle utility risparmiassero 8 miliardi di dollari all'anno nel passaggio dal carbone alle energie rinnovabili.

Nel sud-ovest, "Tri-State Generation and Transmission Association, sempre più sotto pressione dai suoi membri e dai sostenitori dell'energia rinnovabile per la sua dipendenza dal carbone, prevede di chiudere due delle sue centrali a carbone e una miniera di carbone in Colorado e New Mexico",riporta il Denver Post. E la scarsità d'acqua è stata una delle motivazioni dietro ladecisione di Xcel Energydi chiudere la sua centrale a carbone Tolk da 1.067 MW, che serve il New Mexico e il Texas, con un decennio di anticipo, nel 2032.

La copertura giornalistica ha anche messo in evidenza gli impatti ambientali locali della generazione a carbone, con la comunità della Georgia che ha accolto la più grande centrale a carbone del paese orapreoccupata che stia inquinando la fornitura d'acqua della città, e una lotta per il permesso d'acqua in Illinois che solleva lapreoccupazione che le miniere di carbone degli Stati Uniti del Midwest stiano "cercando di tagliare i regolamenti e di tagliare gli angoli" mentre lottano per sopravvivere.

 

Autore: Il mix energetico

Credito immagine: pxhere