Il piano di finanziamento per il clima da mille miliardi dell'Europa

20 January 2020
Il piano di finanziamento per il clima da mille miliardi dell'Europa

Il piano europeo di investimenti Green Deal è progettato per attrarre almeno un trilione di euro di investimenti pubblici e privati nel prossimo decennio. Trasformare l'UE in un'economia neutrale per il clima entro il 2050 richiederà massicci investimenti in tecnologie energetiche pulite. Solo il raggiungimento di un obiettivo intermedio di riduzione dei gas serra del 40% entro il 2030 richiederebbe 260 miliardi di euro di investimenti aggiuntivi all'anno. Circa 300 miliardi di euro di investimenti privati e pubblici dovrebbero essere mobilitati attraverso InvestEU e i fondi ETS e altri 100 miliardi di euro dovrebbero essere attratti utilizzando il nuovo meccanismo di transizione giusta. Gli investimenti dei fondi dovrebbero aiutare soprattutto le regioni che sono fortemente dipendenti dal carbone fossile

carbone fossile che fornisce ancora circa un quarto della produzione di energia elettrica dell'UE. Il settore del carbone nell'UE impiega 238.000 persone in attività direttamente collegate, come miniere di carbone e centrali elettriche, in più di 100 regioni europee dalla Polonia alla Spagna. Nel 2015, c'erano 128 miniere di carbone in 12 paesi dell'UE e 207 centrali a carbone in 21 paesi dell'UE.


Contenuti correlati   #innovazione  #cambiamento climatico  #eus 


Scopri come l'Europa vuole finanziare progetti per affrontare il cambiamento climatico e sostenere le regioni più colpite dalla transizione verso un'economia verde.

Poco più di un mese dopo la presentazione del Green Deal europeo, la Commissione europea ha presentato una proposta dettagliata su come finanziarlo. Ilpiano d'investimento europeo Green Deal è progettato per attrarre almeno un trilione di euro di investimenti pubblici e privati nel prossimo decennio.

Perché è importante

Trasformare l'UE in un'economia neutrale per ilclima entro il 2050 richiederà massicci investimenti in tecnologie energetiche pulite. Solo il raggiungimento di un obiettivo intermedio di riduzione dei gas serra del 40% entro il 2030 richiederebbe 260 miliardi di euro di investimenti aggiuntivi all'anno, secondo le stime della Commissione.

Per saperne di più sulla risposta dell'UE al cambiamento climatico

Da dove verrà il denaro

Circa la metà del denaro dovrebbe provenire dal bilancio dell'UE attraverso vari programmi che contribuiscono a progetti climatici e ambientali, per esempio attraverso i fondi agricoli, ilFondo di sviluppo regionale, ilFondo dicoesione, Horizon Europee il programmaLife.

Questo a sua volta attirerebbe altri 114 miliardi di euro di cofinanziamento da parte dei paesi dell'UE. Circa 300 miliardi di euro di investimenti privati e pubblici dovrebbero essere mobilitati attraverso InvestEU e i fondi ETS e altri 100 miliardi di euro dovrebbero essere attratti utilizzando il nuovo meccanismo di transizione giusta, che è progettato per sostenere le regioni e le comunità che sono più colpite da una transizione verde, per esempio le regioni che sono fortemente dipendenti dal carbone.

Meccanismo di transizione giusta

Il meccanismo sarà basato su tre pilastri: il Just Transition Fund, il flusso di finanziamenti InvestEU e i prestiti della Banca europea per gli investimenti sostenuti dal bilancio dell'UE. Tutti questi strumenti dovrebbero attirare 100 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati - denaro che potrebbe essere utilizzato per i lavoratori per apprendere nuove competenze per i lavori del futuro, sostegno alle imprese per creare nuove opportunità di lavoro, nonché investimenti in energia pulita e l'isolamento delle case.

Gli investimenti del fondo dovrebbero aiutare soprattutto le regioni che dipendono dai combustibili fossili, come il carbone che fornisce ancora circa un quarto della produzione di energia elettrica dell'UE. Ilsettore del carbone nell'UE impiega 238.000 persone in attività direttamente collegate, come miniere di carbone e centrali elettriche, in più di 100 regioni europee dalla Polonia alla Spagna. Nel 2015, c'erano 128 miniere di carbone in 12 paesi dell'UE e 207 centrali elettriche a carbone in 21 paesi dell'UE.

Presentando la proposta agli eurodeputati il 14 gennaio, Frans Timmermans, il commissario responsabile dell'European Green Deal, ha detto: "È un messaggio ai minatori di carbone nelle Asturie, in Macedonia occidentale o in Slesia, ai raccoglitori di torba nelle Midlands irlandesi, alle regioni baltiche che dipendono dagli scisti bituminosi e a molti altri. Sappiamo che dovete affrontare un percorso più ripido verso la neutralità del clima e sappiamo che la prospettiva di un futuro diverso - un futuro più pulito - potrebbe essere una prospettiva accogliente in generale, ma la strada per raggiungerlo sembra scoraggiante oggi. Questo meccanismo di transizione giusta di almeno 100 miliardi di euro è un impegno che l'UE è al vostro fianco in questa transizione".

Cosa dicono gli eurodeputati

Il piano di investimento è stato discusso in Parlamento martedì 14 gennaio. Puoi guardare l'intero dibattito qui.

Siegfried Mureșan (PPE, Romania) ha chiesto di garantire che ci siano abbastanza risorse per alleviare gli effetti della transizione. "Inoltre non dovrebbe intaccare le politiche esistenti - né la coesione, né l'agricoltura, né la ricerca e l'innovazione. È una priorità aggiuntiva e dovrebbe essere finanziata in cima".

"Dobbiamo considerare la necessità di nuovi finanziamenti per sostenere questa trasformazione sociale ed ecologica", ha detto Iratxe García Pérez (S&D, Spagna). Vuole che almeno il 30% del prossimo bilancio a lungo termine dell'UE sia dedicato ad affrontare il cambiamento climatico.

Dragoș Pîslaru (Renew, Romania): "Chiedo a tutti gli stati membri di usare questi strumenti e di concentrarsi sugli investimenti nella risorsa più importante dell'Europa - i cittadini".

Niklas Nienaß (Verdi, Germania): "Possiamo appoggiare questa proposta se è sinonimo di una transizione chiara e giusta con piani concreti di eliminazione graduale per tutte le regioni carbonifere".

"Non è del tutto chiaro da dove verranno le risorse", ha detto Gianantonio Da Re (ID, Italia). "Anche i criteri per i beneficiari e come saranno distribuiti i fondi devono essere risolti".

Johan Van Overtveldt (ECR, Belgio), presidente della commissione per i bilanci, ha anche sottolineato la mancanza di chiarezza sulla provenienza di parte del denaro. "Siamo a favore di un'economia circolare, ma contro il 'riciclaggio di fondi e denaro'. Non siamo a favore delle avventure finanziarie".

Younous Omarjee (GUE, Francia), presidente della commissione per lo sviluppo regionale, ha detto: "Dobbiamo ridurre i costi sociali e sostenere le regioni in questa giusta transizione".

I prossimi passi

Le commissioni parlamentari competenti si occuperanno ora della proposta della Commissione permettendo ai deputati di discuterla più a fondo e di presentare emendamenti per migliorarla. Dopo di che dovrebbero iniziare i negoziati con il Consiglio sul testo finale.

 

Autore: Parlamento Europeo

Credito immagine: Shutterstock.com/Franco Lucato