Integrazione: la pietra angolare della transizione energetica

22 February 2017 da Hannover Messe
Integrazione: la pietra angolare della transizione energetica

Più di 1.200 aziende partecipano alla fiera dell'energia alla HANNOVER MESSE di quest'anno. I temi chiave nel 2017 saranno la digitalizzazione della transizione energetica, le centrali elettriche virtuali, l'integrazione dei sistemi energetici e le soluzioni innovative di stoccaggio dell'energia. L'Agenzia tedesca per l'energia (dena) è organizzata in collaborazione con una serie di associazioni industriali tedesche, tra cui la bdew, BEE, bne, GTAI, VDE, VDMA, VKU e ZVEI. La linea di mostre Plazas include un display degli attuali progetti di transizione energetica Kopernikus del tedesco

"Presenteremo i risultati iniziali del nostro studio pilota in un quadro per una transizione energetica integrata che garantisce la fattibilità commerciale del processo andando avanti", spiega il CEO di dena Andreas Kuhlmann. "La fiera tedesca dell'energia è progettata per promuovere un dialogo costruttivo sulle soluzioni intelligenti che resisteranno alla prova del tempo", dice il Dr. Veit Hagenmeyer.


Contenuti correlati   #mercato dell'energia  #tecnologie digitali  #deutsche messes 


Ultra-efficiente, rinnovabile e digitale: Il sistema energetico di domani sarà fondamentalmente diverso dal suo cugino contemporaneo.

La forma del nostro futuro energetico si rivelerà nelle esposizioni delle oltre 1.200 aziende che partecipano alSalone dell'energia alla HANNOVER MESSE di quest'anno. Su una superficie espositiva combinata di circa 43.000 metri quadrati, queste aziende presenteranno una vasta gamma di soluzioni intelligenti per il sistema energetico integrato di domani. Le esposizioni copriranno l'intera gamma di argomenti energetici, da

  • fornitura decentralizzata,
  • generazione eolica,
  • integrazione,
  • stoccaggio dell'energia,
  • efficienza energetica e
  • mobilità elettrica, fino alle
  • reti intelligenti.

L'Energy show sarà supportato da una serie di forum tecnici nei padiglioni 12, 13 e 27. I forum avranno come tema principale "l'energia integrata" e saranno caratterizzati da vivaci discussioni tra esperti su tutte le questioni chiave che sono critiche per il futuro del nostro sistema energetico", dice Benjamin Low, direttore globale della Deutsche Messe responsabile della fiera Energy alla HANNOVER MESSE.

L'Integrated Energy Plaza sarà ancora una volta il cuore pulsante della fiera Energy di quest'anno. Sarà caratterizzata da un proprio programma di forum, esposizioni aziendali e display interattivi.

I temi chiave del 2017 saranno la

  • la digitalizzazione della transizione energetica,
  • le centrali elettriche virtuali,
  • l'integrazione dei sistemi energetici e
  • soluzioni innovative di stoccaggio dell'energia.

La linea di esposizioni della Plaza include un'esposizione degli attuali progetti di transizione energetica Kopernikus del Ministero federale tedesco dell'istruzione e della ricerca, nonché un aggiornamento sugli ultimi progetti gestiti nell'ambito del programma di sviluppo "Shop Window for Intelligent Energy - Digital Agenda for the Energy Transition" (SINTEG) del Ministro federale tedesco per gli affari economici e l'energia. Il programma del forum di Plaza sarà organizzato dall'Agenzia tedesca per l'energia (dena) in collaborazione con una serie di associazioni industriali tedesche, tra cui bdew, BEE, bne, GTAI, VDE, VDMA, VKU e ZVEI.

"Il raggiungimento di un sistema energetico a prova di futuro è molto più che la semplice digitalizzazione di tutti i singoli componenti. Ciò che si richiede è una transizione energetica concertata e integrata - uno sforzo altamente coordinato che coinvolga tutti gli attori chiave e le tecnologie, in tutti i settori rilevanti. Le aziende e le organizzazioni all'Integrated Energy Plaza dimostreranno come questo può essere fatto in pratica. "Presenteremo i primi risultati del nostro studio pilota in un quadro per una transizione energetica integrata che assicura la fattibilità commerciale del processo in futuro", spiega il CEO di dena Andreas Kuhlmann.

Secondo il Dr. Veit Hagenmeyer dell'Istituto di Informatica Applicata del Karlsruhe Institute of Technology (KIT), "la transizione da un sistema energetico centralizzato a uno più decentralizzato sarà la sfida chiave sulla strada per raggiungere un approvvigionamento energetico affidabile, conveniente e pulito". Egli considera lo sfruttamento delle energie rinnovabili l'equivalente di "un'operazione di raccolta di energia su una vasta area geografica". La sua organizzazione, il KIT, è impegnata ad affrontare le sfide di R&S poste dalla transizione energetica, e il dottor Hagenmeyer ha una visione chiara di ciò che il sistema energetico di domani deve essere in grado di fare: "È fondamentale che qualsiasi eccesso di energia da fonti rinnovabili sia trattenuto attraverso lo stoccaggio di energia, anche in altri vettori energetici, o reso utilizzabile attraverso la gestione intelligente della domanda e la gestione della rete". La conversione del surplus di energia eolica o solare in altri vettori energetici sarà un elemento cruciale di qualsiasi sistema energetico futuro. Questo può essere fatto in diversi modi, per esempio, da impianti di elettrolisi su larga scala che producono idrogeno, o da una varietà di sistemi power-to-liquid o power-to-chemicals.

Un altro dei partecipanti dell'Integrated Energy Plaza, il produttore leader di cavi per l'energia e le telecomunicazioni Prysmian Group, si concentrerà sui cavi intelligenti ad alte prestazioni come spina dorsale del sistema energetico di domani. "L'alimentazione e la trasmissione sicura e affidabile dell'energia rinnovabile è una delle grandi sfide rimanenti. Stiamo lavorando duramente per sviluppare prodotti per ogni parte del sistema energetico che aiutino a garantire il successo della transizione dai sistemi di generazione centralizzata di oggi a quelli distribuiti di domani. La trasmissione HVDC è particolarmente importante in questo contesto, perché rappresenta un'alternativa più ecologica per trasportare in modo efficiente grandi volumi di elettricità su grandi distanze", ha spiegato Hans Koch, Chief Commercial Officer di Prysmian Group Germany. "I cavi a media e bassa tensione per la distribuzione elettrica ai consumatori, così come i cavi che collegano i parchi eolici on- e offshore alla rete sono altrettanto critici, naturalmente".

Ma la transizione energetica non richiederà solo un'integrazione fisica. Si baserà anche sulla condivisione delle informazioni.

"Quello che serve è una mentalità che metta l'integrazione e i sistemi in cima all'agenda", sottolinea Low. "Ed è per questo che l'Energy show è specificamente progettato per riunire i diversi attori del settore energetico e per favorire un dialogo costruttivo sulle soluzioni intelligenti che resisteranno alla prova del tempo".

Al centro di tutto questo ci sarà la digitalizzazione.

Alf Henryk Wulf, presidente del comitato esecutivo di GE Power AG: "Tutti gli attori del settore energetico stanno cercando di garantire il loro vantaggio competitivo utilizzando le tecnologie digitali per collegare i loro beni ed eseguire l'analisi dei dati. Ecco perché abbiamo progettato il nostro sistema operativo Predix: per consentire alle aziende di sfruttare la potenza dell'internet industriale e guidare la trasformazione digitale del nostro settore. A un anno dal suo rilascio, Predix ha già una base di utenti di oltre 23.000 sviluppatori in tutto il mondo. La digitalizzazione del settore energetico permetterà a tutti i vari asset del sistema energetico - dalle varie forme di generazione di energia elettrica, alla trasmissione e allo stoccaggio, fino al consumo - di operare in modo affidabile ed efficiente".

 

Maggiori informazioni sul mercato dell'energia in transizione

 

Originariamente pubblicato su Hannover Messe