La Cina sta investendo 13 trilioni di dollari nell'edilizia. Perseguirà gli edifici a carbonio zero?

24 February 2020
La Cina sta investendo 13 trilioni di dollari nell'edilizia. Perseguirà gli edifici a carbonio zero?

La Cina ha il più grande mercato edilizio del mondo, costituendo il 20% di tutti gli investimenti edilizi a livello globale. Si prevede che la Cina spenderà quasi 13 trilioni di dollari in edifici entro il 2030. Le operazioni di costruzione sono responsabili del 28% delle emissioni globali di carbonio legate all'energia. Gli edifici a carbonio zero permetterebbero a paesi come la Cina di tenere il passo con gli attuali tassi di costruzione, riducendo al contempo le loro emissioni di gas serra. La Cina potrebbe costruire sul suo impegno del 2020 per certificare il 50% dei nuovi edifici come verdi entro il 2020. Solo nel 2016, il sistema di valutazione a tre stelle della Cina ha certificato quasi 5.000 edifici come verdi. Gli edifici a zero carbonio - che non producono emissioni nette

- sono ancora una parte nascente del settore dell'edilizia verde. Programmi di sensibilizzazione e formazione per proprietari di edifici, sviluppatori e investitori, oltre ai premi nazionali esistenti per l'edilizia, potrebbero diffondere la consapevolezza e aumentare l'impegno a ridurre l'uso di combustibili fossili per includere tutti i nuovi edifici. Il paese potrebbe aumentare l'ambizione di questo processo di certificazione per concentrarsi su progetti di edifici a carbonio zero per ridurre le emissioni entro il 2030.


Contenuti correlati   #pechino  #rinnovabili  #beijings 


La Cina è nel mezzo di un mega-boom edilizio. Il paese ha ilpiù grande mercato edilizio del mondo, costituendo il 20% di tutti gliinvestimenti edilizi alivello globale. Ed è solo destinato a crescere: Si prevede che la Cina spenderà quasi 13 trilioni di dollari in edifici entro il 2030.

Questo livello di costruzione senza precedenti ha implicazioni enormi - non solo per i cinesi, ma per tutti. Le operazioni edilizie sono responsabili del 28%delle emissioni globali di carbonio legate all'energia. Il modo in cui la Cina costruisce i suoi edifici alimenterà pericolosi cambiamenti climatici o aiuterà a creare un futuro più sostenibile per tutti.

Blocchi di costruzione per edifici a carbonio zero

Gli edifici a carbonio zero permetterebbero a paesi come la Cina di tenere il passo con gli attuali tassi di costruzione, pur abbassando le loro emissioni di gas serra. Facendo molto affidamento sull'efficienza e sull'energia rinnovabile, gli edifici a carbonio zero sono coerenti con l'obiettivo di raggiungere emissioni nette di gas serra pari a zero entro il 2050, una traiettoria chesecondo gli scienziati è necessaria per evitare i peggiori impatti sul clima.

 

 

Un promettente panorama politico per gli edifici a carbonio zero in Cina

Un nuovodocumento di lavoro del WRIcon casi di studio in Cina, India, Messico e Kenya mostra che questi paesi hanno già molte delle politiche giuste in atto per incoraggiare gli edifici a zero carbonio. Il documento esamina otto percorsi politici, tra cui cose come gli standard di costruzione, gli incentivi per l'efficienza energetica e la fattibilità dello sviluppo di energia rinnovabile in loco. Tutti i percorsi politici sono fattibili oggi in Cina, almeno con un'applicazione limitata, e l'efficienza energetica - la base per gli edifici a zero carbonio - è ben supportata dalle attuali politiche edilizie ed energetiche del paese.

L'efficienza energetica è stata nell'agenda del governo cinese fin dalla creazione del suo primostandard di progettazione nel 1986, ma le politiche iniziali sono state scarsamente implementate. L'interesse del settore pubblico e privato è rimasto basso fino agli anni 2000. Tuttavia, gli investimenti sono cresciuti negli ultimi anni con l'applicazione di regolamenti più forti, nuovi incentivi e l'emergere disistemi di valutazione ed etichette per l'edilizia verde.

La Cina ha preso molte misure per spianare la strada agli edifici a zero emissioni di carbonio. Il governo nazionale ha fissato l'obiettivo che il50% dei nuovi edifici siano certificati verdi entro il 2020, e diversi governi delle principali città sono andati oltre. Per esempio, le norme edilizie locali di Pechino sono più severe degli standard di efficienza nazionali. La cittàrichiede che tutti i nuovi sviluppi guadagnino il livello minimo (una stella) di certificazione dal programma cinese di valutazione degli edifici verdi a tre stelle, e sovvenziona gli edifici che raggiungono valutazioni più alte.

La Cina ha anche creato ilpiù grande mercato del mondoper l'energia rinnovabile. Sulla base di questo successo, il governo nazionale ha introdotto una piattaforma commerciale per icertificati di elettricità verde, o GEC, che permetterà agli acquirenti di energia di rivendicare i benefici ambientali delle energie rinnovabili anche se non sono consumatori diretti. I Renewable Portfolio Standards (ufficialmente il ChinaRenewable Energy Consumption Obligation), approvati nel maggio 2019, stimoleranno ladomanda di GECs - e di energie rinnovabili in generale - richiedendo ai governi provinciali di raggiungere una percentuale minimadi rinnovabili (comprese le rinnovabili oltre all'idroelettrico) nel loro consumo complessivo di energia. I governi provinciali raggiungeranno i loro obiettivi lavorando con società di rete, rivenditori indipendenti e aziende che acquistano o producono direttamente la propria energia.

Spazio per il miglioramento

Tutte queste politiche hanno aiutato il settore dell'edilizia verde della Cina a crescere. Solo nel 2016, il Three-Star Rating System cinese ha certificatoquasi 5.000 edifici come verdi. Ma gli edifici a zero carbonio - che non producono emissioni nette - sono ancora una parte nascente del settore dell'edilizia verde.

Ci sono molte ragioni politiche, di mercato e tecniche per questo. Per esempio, l'energia rinnovabile è attualmente più accessibile per gliedifici commerciali e pubblici che per quelli residenziali. Lo spazio limitatosui tetti urbani scoraggia i proprietari di case dall'adottare energie rinnovabili in loco, mentre iregolamenti di mercatoimpediscono ai proprietari di edifici residenziali di acquistare energie rinnovabili fuori sede direttamente dai produttori di energia solare ed eolica. Inoltre, mentre la Cinaè un leader globale delle energie rinnovabili, è anche unleader globaledel carbone. Il paese ha bisogno di ridurre il suo uso di combustibili fossili per decarbonizzare completamente il settore dell'edilizia.

Come può la Cina incoraggiare più edifici a carbonio zero?

La Cina può intraprendere diverse azioni politiche chiave per aumentare gli edifici a zero carbonio. A livello nazionale e provinciale, lerevisioni periodiche del codice energetico aiuterebbero a garantire che i regolamenti sull'efficienza stiano al passo con le nuove tecnologie e i nuovi approcci. Il paese potrebbe costruire sul suoimpegno per il 2020di certificare il 50% dei nuovi edifici come verdi. La Cina potrebbe aumentare l'ambizione di questo processo di certificazione per concentrarsi sugli edifici a zero emissioni di carbonio, e potrebbe aumentare ulteriormente l'obiettivo di includere tutti i nuovi edifici entro il 2030.Programmi di sensibilizzazionee formazione per i proprietari di edifici, gli sviluppatori e gli investitori, oltre aipremi nazionali esistentiper gli edifici, potrebbero diffondere la consapevolezza e aumentare l'impegno. A più lungo termine, migliorare l'accesso dei proprietari di edifici ai contratti di acquisto di energia - contratti diretti tra produttori di energia e consumatori che garantiscono un prezzo fisso dell'energia - aumenterebbe drasticamente la fattibilitàdegli edificiresidenziali che acquistano energia rinnovabile fuori sede.

A livello locale, i governi possono iniziare a sviluppareprogetti dimostrativi di edifici a zero emissioni di carbonio per stimolare sviluppatori e investitori. I governi possono anche seguire l'esempio delle principali città cinesi, comePechino e Shanghai, rendendo le norme edilizie locali più rigorose di quelle nazionali, e fornendo sussidi prevedibili per gli edifici con prestazioni superiori alla media. Anche la definizione diobiettivi di energia rinnovabile per gli edifici pubblici e commerciali può aiutare a decarbonizzare l'uso dell'energia negli edifici.

Un futuro di edifici efficienti e puliti

Il settore edilizio cinese si trova di fronte a una storica finestra di opportunità - può decarbonizzare, o può esacerbare drasticamente la catastrofe climatica.

Ma la Cina non è certo l'unico paese a un bivio critico. L'edilizia sta aumentando in tutto il mondo, con il mercato globale delle costruzioni che dovrebbe raggiungere 12,9 trilioni di dollari all'anno entro il 2022. La Cina ha ilpiù grande mercato edilizio del mondo e quindi un grande potenziale per gli edifici a zero emissioni di carbonio. Ma anche altripaesi come India, Messico e Kenya hanno mercati considerevoli e un potenziale significativo. Le giuste politiche per incoraggiare gli edifici a zero emissioni di carbonio in questi paesi - e in tutto il mondo - permetteranno alle città di tenere il passo con la crescita, riducendo al minimo l'impatto ambientale e sociale degli edifici.

 

Autore: Tatsatom Gonçalves & Debbie Weyl

Immagine: Robynne Hu

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato sul World Resources Institute.