L'efficienza energetica sotto i riflettori a HM17

09 February 2017 da Hannover Messe
L'efficienza energetica sotto i riflettori a HM17

La fiera dell'energia a HANNOVER MESSE sarà di nuovo caratterizzata da un gran numero di aziende che dimostrano l'efficienza energetica. Glen Dimplex Deutschland GmbH fornisce sistemi di riscaldamento e raffreddamento che vanno dalle pompe di calore domestiche agli impianti industriali. "Energieeffizienz 360" ha lo scopo di aumentare la consapevolezza delle questioni energetiche negli ambienti industriali. Il successo di tali sistemi si basa sull'acquisizione, la visualizzazione e l'analisi dei dati energetici con riferimento ai dati di produzione sottostanti. L'efficienza energetica non dovrebbe essere fine a se stessa, dice Stefan Kapferer, presidente del comitato esecutivo della Federazione tedesca dell'industria dell'energia e dell'acqua (BD).

Come alternativa alla regolamentazione, egli cita vari grandi progressi negli ultimi 25 anni che, dice, sono stati raggiunti senza grandi interventi legislativi: "Tra il 1991 e il 2015, la produttività energetica tedesca - il rapporto tra la produzione economica e il consumo di energia - è migliorata di poco più del 50%". "Un approccio pesante alla regolamentazione dell'efficienza energetica potrebbe soffocare la crescita dell'economia europea.


Contenuti correlati   #dati energetici  #hannover messe  #efficienza energetica 


Più crescita per meno consumo di energia?

L'efficienza energetica può renderlo possibile. Anche quest'anno il salone dell'energia alla HANNOVER MESSE sarà caratterizzato da un gran numero di aziende che dimostrano proprio questo punto.

Una di queste aziende è Glen Dimplex Deutschland GmbH. La filiale tedesca del gruppo internazionale Glen Dimplex fornisce sistemi di riscaldamento e raffreddamento che vanno dalle pompe di calore domestiche agli impianti industriali. Il direttore delle comunicazioni di marketing Sigmund Perner delinea la prospettiva dell'azienda sull'efficienza energetica: "Come industria, dobbiamo fare di più per integrare l'uso del riscaldamento e del raffreddamento. Al momento, questi sistemi tendono ad essere separati. Ma integrandoli con sistemi intelligenti di gestione della temperatura, possiamo ottenere grandi risparmi sui costi per gli utenti industriali". Perner nota anche che c'è ancora molto da fare nei prossimi anni per garantire la conformità con l'imminente divieto dei refrigeranti dannosi per l'ambiente.

Non che il riscaldamento e il raffreddamento siano le uniche aree che offrono guadagni di efficienza. Infatti, c'è margine di miglioramento in quasi tutte le altre aree di produzione. Certo, realizzare questi guadagni è a volte difficile perché gli attuali prezzi relativamente bassi del petrolio sono una barriera per assicurare investimenti su larga scala nella tecnologia del risparmio energetico. Tuttavia parte del problema è la consapevolezza, o meglio, la mancanza di essa. Per questo motivo, in Germania, aziende di diversa provenienza si sono unite per formare "Energieeffizienz 360" - un'iniziativa che mira ad aumentare la consapevolezza delle questioni energetiche nei circoli industriali. L'iniziativa comprende Glen Dimplex Deutschland GmbH, Kaeser Kompressoren SE (sistemi ad aria compressa), Neuenhauser (tecnologia LED, illuminazione) e Gildemeister (consulenza sull'efficienza energetica). Una parte del brief dell'iniziativa è quella di evidenziare l'enorme possibilità di ottimizzazione tecnica per il miglioramento dell'efficienza nei contesti industriali. L'altro è quello di aumentare la consapevolezza del fatto che le singole parti del paradigma energetico possono essere integrate utilizzando i più recenti progressi nella digitalizzazione, rendendole così più efficienti sia da operare che da controllare.

Raggiungere questa integrazione richiede sistemi di gestione dell'energia ben progettati e guidati dai dati. Il successo di tali sistemi si basa sull'acquisizione, la visualizzazione e l'analisi dei dati energetici con riferimento ai dati di produzione sottostanti. "Si tratta di tracciare quanta energia viene usata, dove viene usata e quando", spiega Karsten Reese, direttore generale della IngSoft GmbH, un'azienda che sarà presente all'esposizione Digital Energy nel padiglione 12 della fiera Energy. IngSoft GmbH sviluppa software per la gestione energetica integrata. "L'innovazione di prodotto che presenteremo riguarda una soluzione software che utilizza algoritmi automatizzati per individuare i modelli tra migliaia di profili di carico energetico", spiega Reese, che accoglie con favore il crescente interesse per la trasparenza energetica tra le imprese industriali.

Naturalmente, la trasparenza richiede buoni dati, e per questo è necessaria una tecnologia di misurazione accurata e intelligente come quella che Janitza electronics GmbH presenterà alla fiera Energy. Le funzioni principali della tecnologia di misurazione di Janitza comprendono la determinazione della qualità della tensione, la misurazione della corrente differenziale e il rilevamento della corrente residua. Questi temi dell'integrazione, della misurazione e dell'efficienza energetica saranno senza dubbio anche tra gli argomenti che i visitatori specializzati e gli esperti discuteranno a fondo nei forum e negli stand degli espositori alla fiera Energy di quest'anno. In tutte queste discussioni, l'attenzione sarà concentrata sulle soluzioni di gestione dell'energia che aiutano a ridurre i costi operativi degli impianti e ad aumentare la competitività.

I fornitori delle tecnologie che guidano l'efficienza energetica stanno sperimentando una domanda crescente da parte dell'industria manifatturiera. Questo è senza dubbio dovuto in parte alla recente introduzione dell'audit energetico obbligatorio in alcuni paesi, tra cui la Germania, secondo la legge dell'UE, ma è anche guidato dall'ondata di digitalizzazione che sta spazzando praticamente tutti i processi produttivi.

Ma qualunque sia la sua forma e motivazione, ogni progetto di efficienza energetica deve avere un buon senso commerciale nel mercato competitivo di oggi. "L'efficienza energetica non dovrebbe essere fine a se stessa. Migliorare l'efficienza energetica nell'intera catena di produzione e fornitura funzionerà solo se i singoli utenti, proprietari e investitori della catena la percepiranno come un'offerta di benefici concreti", afferma Stefan Kapferer, presidente del comitato esecutivo della Federazione tedesca dell'industria energetica e idrica (BDEW). "Un approccio pesante alla regolamentazione dell'efficienza energetica potrebbe potenzialmente soffocare la crescita dell'economia europea. Potrebbe anche portare a un aumento della burocrazia di conformità ed essere molto costoso da amministrare. E questo eroderebbe l'accettazione pubblica dei programmi di efficienza energetica", avverte Kapferer. Come alternativa alla regolamentazione, egli cita vari grandi progressi negli ultimi 25 anni che, dice, sono stati raggiunti senza grandi interventi legislativi: "Tra il 1991 e il 2015, la produttività energetica della Germania - il rapporto tra la produzione economica e il consumo di energia - è migliorata di poco più del 50%".

Originariamente pubblicato su Hannover Messe