L'idrogeno della Russia per il Giappone

01 April 2020 da Vladimir Vinogradov
L'idrogeno della Russia per il Giappone

La Russia è pronta a prendere piede nel settore globale dell'idrogeno. Sembra un tentativo di essere un fornitore chiave per il Giappone, che ha obiettivi ambiziosi per l'adozione del carburante entro il 2050. La Russia è stata scottata in precedenza dai ritardi nell'assicurarsi una quota significativa del mercato del GNL. Gazprom ha annunciato il 20 febbraio che sta cercando di produrre idrogeno dal gas naturale. Questo è solo l'ultimo di una serie di annunci fatti negli ultimi sei mesi. Il Giappone sta puntando a sviluppare un sistema completo di idrogeno per diversificare le fonti di energia e ridurre il peso sull'ambiente, tra gli altri obiettivi. Alla fine del 2019

2019 un incontro tenuto dal Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria ha attirato delegati da 35 paesi, poiché il Giappone ha cercato di promuovere lo sviluppo dell'energia a idrogeno in tutto il mondo. L'Organizzazione giapponese per lo sviluppo della nuova energia e della tecnologia industriale si concentra sull'implementazione di prova delle catene di importazione di idrogeno. La strategia include il taglio del costo di produzione dell'idrogeno senza anidride carbonica per ridurre le emissioni. dall'idrogeno.


Contenuti correlati   #idrogeno liquefatto  #energia a idrogeno  #progetti a idrogeno 


La Russia è pronta a guadagnare un punto d'appoggio nel settore dell'idrogeno globale in quello che sembra un tentativo di essere un fornitore chiave per il Giappone, che ha obiettivi ambiziosi per l'adozione del carburante entro il 2050.

I piani del Giappone di sviluppare rapidamente strutture per l'importazione di idrogeno sembrano aver spinto la Russia a iniziare a redigere piani per un'economia dell'idrogeno orientata principalmente alle esportazioni globali, come suggeriscono i recenti sviluppi del Ministero dell'Energia russo e delle principali compagnie energetiche.

Essendo stata scottata in precedenza dai ritardi nell'assicurarsi una quota significativa del mercato del GNL, Mosca sembra determinata a cogliere quella che percepisce come la prossima grande opportunità nella tecnologia energetica.

Gazprom, il maggiore produttore statale di petrolio e gas, ha annunciato il 20 febbraio che sta cercando di produrre idrogeno dal gas naturale. Questo è solo l'ultimo di una serie di annunci fatti negli ultimi sei mesi.

Gazprom aveva detto nel settembre 2019 che stava discutendo le prospettive per l'uso e lo stoccaggio di metano-idrogeno con la compagnia energetica tedesca Uniper.

Sempre lo scorso settembre, il colosso dell'energia nucleare Rosatom ha detto di aver lanciato un programma per la produzione di idrogeno dall'eccesso di energia nucleare - tramite elettrolisi - destinato sia al mercato nazionale che a quello globale. Alla fine del mese, la stessa società ha firmato un accordo con l'Agenzia giapponese per le risorse naturali e l'energia per condurre uno studio di fattibilità nel 2020-2021 per esportare idrogeno dalla Russia al Giappone.

Alla fine dell'anno, anche lo stato russo ha aggiunto il suo peso alla raffica di interesse per i progetti di idrogeno. Il ministro dell'energia Alexander Novak a dicembre ha annunciato ufficialmente la creazione di un gruppo di lavoro incentrato sulla progettazione di una tabella di marcia per un sistema energetico a idrogeno nella Federazione Russa.

Il crescendo di annunci è arrivato dopo un incontro a porte chiuse tenutosi alla fine dell'estate che ha riunito Novak, i rappresentanti dei centri di ricerca energetica e le principali aziende energetiche, tra cui Gazprom, Rosatom, Rostec e Sibur.

Secondo il quotidiano russo Vedomosti, che ha riferito della riunione citando partecipanti anonimi, il convegno è stato informato da unrapportopubblicato dalla società di consulenza energetica russa EnergyNet.

Il rapporto afferma che la Russia sarebbe in grado di offrire idrogeno a un prezzo di 3,38 dollari al kg già tra il 2020-2025 e competere per il 10-15% del mercato mondiale entro il 2030.

Lunedì, S&P Global Platts ha valutato il prezzo month-ahead per l'idrogeno prodotto attraverso il processo di steam methane reforming (SMR) nei Paesi Bassi a 1,1045 euro/kg, compreso il capex e le emissioni di carbonio.

L'Agenzia Internazionale dell'Energia (AIE) prevede un calo del 30% del costo di produzioneidrogeno da energie rinnovabili- che Platts non sta ancora valutando - entro il 2030.

La base di risorse della Russia

Secondo il rapporto di EnergyNet, tre fattori principali permetterebbero alla Russia di diventare un protagonista dell'idrogeno: grandi riserve di acqua dolce; eccesso di capacità di produzione di energia e potenziale per costruirne altre; e infine, la sua vicinanza al Giappone, dove l'economia dell'idrogeno si sta sviluppando attivamente.

L'idrogeno verrebbe utilizzato principalmente nei settori del trasporto e del riscaldamento della Russia, ma la maggior parte della produzione dovrebbe essere destinata alle esportazioni, con l'infrastruttura che imita ciò che sta accadendo attualmente con il GNL, suggerisce il rapporto.

Mosca potrebbe voler evitare di ripetere lo stesso ritardo che la Russia ha subito prima di ottenere una quota significativa del mercato globale del GNL. Mentre nel 2009 stava già commissionando il suo primo progetto LNG, l'impianto Sakhalin-2, situato nell'Estremo Oriente russo con una capacità di 9,6 milioni di tpa, negli anni successivi Mosca ha continuato a concentrarsi in gran parte sul gasdotto, soprattutto nel bacino atlantico, e ha dovuto aspettare fino al 2017 per vedere commissionato un secondo impianto LNG, il progetto Yamal LNG di Novatek.

A quel tempo, la quantità globale di GNL consegnato aveva già superato i 400 Bcm e il mercato globale del GNL era dominato dall'Australia, dal Qatar e, ultimamente, dagli attori statunitensi.

Il Giappone spara il colpo di partenza

Il rapporto di EnergyNet vede nel Giappone la destinazione più vicina e più grande per la produzione di idrogeno potenziale russo, e mette in guardia sulla concorrenza dell'Australia, che sta anche sviluppando la tecnologia dell'idrogeno.

Mancando fonti interne di energia primaria, il Giappone sta puntando a sviluppare un sistema completo di idrogeno per diversificare le fonti di energia e ridurre il peso sull'ambiente tra gli altri obiettivi. L'Organizzazione giapponese per lo sviluppo della nuova energia e della tecnologia industriale è concentrata sull'implementazione di test di catene di importazione di idrogeno in Giappone. Alla fine del 2019 un incontro tenuto dal Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria ha attirato delegati da 35 paesi, poiché il Giappone ha cercato di promuovere lo sviluppo dell'energia a idrogeno in tutto il mondo.

A giugno, il gabinetto del Giappone ha adottato una strategia di riduzione delle emissioni a lungo termine nell'ambito dell'accordo di Parigi, compreso l'obiettivo per il paese di essere neutrale rispetto al carbonio subito dopo il 2050. La strategia include il taglio del costo della produzione di idrogeno senza anidride carbonica a meno di un decimo dei livelli attuali entro il 2050. La Tokyo Electric Power Company Holdings (TEPCO) del Giappone e la JXTG Holdings nel marzo 2019 hanno annunciato piani per costruire una delle più grandi stazioni di rifornimento di idrogeno del mondo a Tokyo entro la metà del 2020.

Nella corsa per rifornire il Giappone assetato di idrogeno, la Russia può già contare su un progetto pilota di produzione di idrogeno ora in costruzione presso la centrale idroelettrica di Ust-Srednekanskaya, il più grande impianto idroelettrico della Russia. L'impianto è situato strategicamente nella regione di Magadan, nel distretto dell'Estremo Oriente, molto vicino al Giappone.

La giapponese Kawasaki Heavy Industries e la russa PJSC Magadanenergo (parte del gruppo statale RusHydro) sono partner nell'impianto pilota di idrogeno, che mira a produrre idrogeno liquefatto per uso industriale. La stazione dovrebbe raggiungere la piena capacità entro il 2024.

Concorrenza australiana

Tuttavia, mentre la Russia si tira su i calzini per recuperare il ritardo nel mercato dell'idrogeno, anche l'Australia sta accelerando la sua collaborazione con il Giappone e la Corea sulla produzione del carburante.

I ministri del commercio australiano e giapponese si sono incontrati a Melbourne in gennaio per firmare una dichiarazione congiunta di cooperazione, affermando il potenziale dell'Australia come un grande esportatore di idrogeno, con il Giappone come destinatario chiave.

Il Consiglio Mondiale dell'Energia ha identificato l'Australia come un "gigante con il potenziale per diventare un giocatore chiave mondiale [nell'idrogeno]", mentre l'Agenzia Internazionale dell'Energia ha previsto che l'Australia potrebbe facilmente produrre l'equivalente di 100 milioni di tonnellate di petrolio in idrogeno per l'esportazione, abbastanza per sostituire il 3% del consumo globale di gas.

L'accordo vedrà l'Australia e il Giappone continuare a cooperare sul progetto Hydrogen Energy Supply Chain (HESC) a Victoria, uno sforzo verso la prima catena internazionale di approvvigionamento di idrogeno liquido del mondo.

Il ministro delle risorse e dell'Australia settentrionale, Matt Canavan,ha detto in un comunicato stampa di gennaioche l'Australia e il Giappone sono ben posizionati per massimizzare le opportunità presentate dall'idrogeno, sulla base di una lunga storia di scambi di energia e risorse di successo.

"L'Australia sta costruendo una base di produzione di idrogeno per favorire la crescita interna e soddisfare la futura domanda di esportazione in Giappone e nella regione", ha detto Canavan.

"Le opportunità sono grandi. Gli scenari sviluppati per la strategia nazionale dell'idrogeno indicano che un'industria australiana dell'idrogeno potrebbe generare circa 8.000 posti di lavoro e circa 11 miliardi di dollari all'anno di PIL entro il 2050", ha aggiunto.

L'Europa nel quadro

Mentre il Giappone è percepito come il principale acquirente potenziale di idrogeno russo, Mosca sembra ugualmente interessata a rifornire i mercati europei di energia senza carbonio.

Uno dei più grandi progetti di Gazprom attualmente in costruzione, il gasdotto Nord Stream 2 da 55 bcm/a che corre per 1.200 km dalla Russia alla Germania in mare aperto, è in grado di trasportare idrogeno, ha detto il segretario generale di Eurogas, James Watson, ai media alla fine di dicembre.

Con il costo di produzione dell'idrogeno che dovrebbe scendere drasticamente nei prossimi anni, gli sforzi della Russia oggi potrebbero essere cruciali per affermarsi come un attore importante nel mercato globale. Ma il suo successo, così come quello di altri produttori, dipenderà anche dai mercati di consumo chiave per evolvere rapidamente e creare sistemi di idrogeno uniti.