Nutrire il mondo, preservare il pianeta

25 April 2022 da Sabine Alexandre-Klein
Nutrire il mondo, preservare il pianeta

Ensinger Mineral-Heilquellen, che vende acqua minerale in bottiglia dal 1952, ha implementato ulteriori misure di risparmio energetico, come un sistema di monitoraggio continuo dell'energia. Le strategie che hanno attuato finora hanno permesso non solo di risparmiare energia e costi all'azienda, ma hanno anche sviluppato un'immagine positiva del marchio come uno che applica pratiche commerciali sostenibili. L'importanza di un audit energetico esterno nel percorso verso la sostenibilità è stato dimostrato anche nella società spagnola Juan José Albarracín, S.A., un'azienda spagnola specializzata nella produzione e commercializzazione di paprika, in attività dal 1854.


Contenuti correlati   #conserve vegetali  #sostenibilità  #panino 


Conosci l'impatto ambientale del panino che hai mangiato a pranzo? La produzione di cibo richiede circa 30 per cento del consumo totale di energia del mondo ed è ancora altamente dipendente dai combustibili fossili. Inoltre, l'uso industriale dell'energia è responsabile di oltre il 70% delle emissioni globali di CO2. Quel panino ha un costo energetico elevato. Per rendere il consumo di quel panino più ecologico e assicurare un futuro più sostenibile, un progetto finanziato dall'UE chiamatoINNOVEAS propone di usare gli audit energetici per migliorare l'efficienza energetica dei processi industriali coinvolti nella produzione del tuo pranzo.

 

Uno dei collaboratori di lunga data di INNOVEAS è l'azienda francese Bonduelle, produttrice di conserve vegetali, che ha iniziato a inscatolare piselli nel 1926 e da allora si è espansa a livello globale, operando ora in oltre 100 paesi. Per il suo stabilimento di San Paolo, in Italia, l'efficienza energetica è stata una priorità fin dalla sua nascita nel 2010, diventando una routine dalla loro certificazione ISO50001 nel 2016. Per questa sede, l'azienda si è concentrata sullo sviluppo di un impianto ad alta efficienza energetica e sull'attuazione di interventi di gestione e formazione per assicurare che tutti i dipendenti fossero a bordo dei nuovi processi sviluppati. Claudio Ubiali, responsabile tecnico dello stabilimento Bonduelle San Paolo, sottolinea i risultati e il feedback positivo del personale:

"Il nostro personale si è molto impegnato sul tema dell'efficienza energetica, soprattutto dopo aver osservato i risultati tangibili raggiunti nel corso degli anni".

Bonduelle crede fermamente in un'economia sostenibile e intende essere un esempio di azienda fermamente impegnata in termini di trasparenza, responsabilità e performance ambientale e sociale. Il loro obiettivo è quello di ottenere la certificazione B Corp entro il 2025.

"Consiglierei a tutte le altre piccole e medie imprese di lavorare secondo la ISO50001, di non avere fretta per evitare di colpire di tanto in tanto il collo di bottiglia",

dice Claudio Ubiali. Un'altra azienda che punta alla sostenibilità è la tedesca Ensinger Mineral-Heilquellen, che vende acqua minerale in bottiglia dal 1952. Dopo aver ottenuto la prima certificazione ambientale nel 1997, l'azienda ha implementato ulteriori misure di risparmio energetico, come un sistema di monitoraggio continuo dell'energia. Le strategie che hanno attuato finora hanno permesso non solo di risparmiare energia e costi all'azienda, ma hanno anche sviluppato un'immagine positiva del marchio come uno che applica pratiche commerciali sostenibili, che è uno dei fondamenti principali dell'azienda. Il direttore del marketing Stefan Schurr descrive in dettaglio gli effetti positivi degli adeguamenti:

"Da un lato, questi interventi hanno portato a risparmi diretti, come il consumo ridotto di acqua con il nostro nuovo lavabottiglie o il minor consumo di aria compressa attraverso l'eliminazione delle perdite. Dall'altro lato, questi argomenti possono essere utilizzati nella comunicazione aziendale. Attraverso le classiche PR o i social media, possiamo informare i consumatori sulle nostre pratiche commerciali sostenibili e promuovere la nostra azienda e il marchio Ensinger".

L'importanza di un audit energetico esterno nel percorso verso la sostenibilità è stato dimostrato anche da Juan José Albarracín, S.A., un'azienda spagnola specializzata nella produzione e commercializzazione di paprika, in attività dal 1854.

"Abbiamo esteso il nostro compromesso con la sostenibilità nel 2018, quando abbiamo effettuato un audit energetico esterno per capire dove potevamo migliorare ulteriormente. Da quel momento, abbiamo iniziato ad attuare le prime misure",

dice Cristina Vela de Oro, responsabile dei sistemi di qualità di Juan José Albarracín, S.A..

"Abbiamo sostituito il sistema di illuminazione con lampadine a LED in tutte le nostre strutture: stabilimento, laboratori e uffici e ci siamo mossi verso il 100% di energia verde. Oggi la nostra alimentazione proviene esclusivamente da fonti rinnovabili. Inoltre, abbiamo installato pannelli solari in gran parte dei nostri tetti come primo passo del nostro progetto di investimento solare e abbiamo migliorato il sistema della caldaia con un lavoro di isolamento termico delle tubazioni e delle attrezzature. D'altra parte, abbiamo ottimizzato le fasi principali dei nostri processi di produzione per migliorare la produttività".

Indipendentemente da quanto avanti nel processo di attuazione, tutte queste PMI hanno dovuto affrontare problemi simili, principalmente legati alla mancanza di conoscenza o alla resistenza da parte dei dipendenti e del management ad accettare la necessità di un cambiamento. Altre preoccupazioni come il costo degli investimenti iniziali, sia in termini di denaro che di tempo e risorse umane, sono state considerate una sfida. Per esempio, per Mix S.A., un produttore polacco di succhi di frutta fondato nel 1996, l'efficienza energetica è diventata parte della loro agenda nel 2020 dopo aver affrontato una certa riluttanza interna. Il CEO Jakub Cybura menziona:

"Cambiare l'atteggiamento e la mentalità di alcuni membri dell'organizzazione ha richiesto un lavoro intensivo e la spiegazione dei presupposti chiave così come la conoscenza sostanziale, risultando in un compito che richiede tempo e lavoro."

Nonostante questi problemi, in tutte queste piccole-medie imprese (PMI), l'implementazione di processi ad alta efficienza energetica e la transizione verso pascoli più "verdi" ha avuto molti vantaggi. A cominciare dai costi operativi ridotti associati agli interventi di risparmio energetico, passando per il riconoscimento industriale di certificazioni come l'ISO, e finendo con una migliore percezione sociale da parte di potenziali clienti e potenziali dipendenti che potrebbero essere attratti dalla possibilità di lavorare con un datore di lavoro con un'etica aziendale sostenibile dimostrabile.

"Negli ultimi anni, è diventato anche evidente che questa gestione sostenibile è un motivo importante per i giovani per fare domanda per un lavoro in azienda",

dice Stefan Schurr della Enginer Mineral-Heilquelle. Sulla base della loro esperienza, è essenziale che le PMI che stanno pensando di iniziare la propria rivoluzione "verde" si rendano conto dell'importanza dei piccoli interventi e del loro impatto positivo, sia a medio che a lungo termine. In tutti i casi citati, lo sviluppo di un'azienda efficiente dal punto di vista energetico è stato prima di tutto un processo top-down che ha richiesto il coinvolgimento iniziale della direzione, che ha poi trasmesso l'impulso al resto dell'azienda, che col tempo ha fatto della sostenibilità un concetto proprio. Come può confermare Jakub Cybura della MIX S.A. in Polonia:

"Il lavoro iniziale in questo settore è sicuramente un'iniziativa dall'alto verso il basso. La discussione, la sensibilizzazione e l'acquisizione delle conoscenze necessarie per cambiare la direzione nell'organizzazione, forzando cambiamenti permanenti nella gestione sono una responsabilità dei manager".

Un altro punto rilevante è quello di non temere il reclutamento di supporto esterno, soprattutto nelle fasi iniziali. Secondo queste aziende non esiste ancora una rete specifica di PMI focalizzata su questo tema. Ma Luisa Sileni dell'IIPLE -Istituto Professionale Edile di Bologna e coordinatrice del progetto INNOVEAS può confermare:

"Nelle prossime settimane il consorzio INNOVEAS lancerà la "Business Alliance for Climate and Sustainable Energy". Questa rete di stakeholder sosterrà le imprese europee nell'adozione di buone pratiche verso lo zero netto entro il 2050. Questa alleanza è uno dei risultati più importanti del nostro progetto triennale, perché è giunto il momento di offrire una rete e un supporto alle aziende più piccole".

La transizione verde non è un percorso veloce o facile, ma secondo queste aziende, il ritorno sia per l'azienda che per la società in generale vale lo sforzo. È tempo di fare un mondo "verde" del nostro pianeta blu.

 

Scritto da Rosa Garcia-Verdugo

Ricerca di Sabine Alexandre-Klein/ Corinna Hackenbroch