Piattaforme digitali nel settore energetico - definizione e prime applicazioni

04 September 2017 da Dr. Marius Buchmann
Piattaforme digitali nel settore energetico - definizione e prime applicazioni

Nei nostri ultimi due post ci siamo concentrati su diversi concetti per i mercati regionali di flessibilità in Europa e in Germania. Abbiamo sollevato la questione se il futuro degli operatori di rete di distribuzione sia nelle attività di piattaforma o nella proprietà degli asset di base. Nel post di oggi faremo un po' di luce sulle piattaforme e sul loro ruolo potenziale nel settore energetico. Il termine "piattaforma è usato per descrivere molte cose diverse", dice Gawer (2014)

Weiller e Pollitt (2003) dicono che non tutti i mercati a due lati sono piattaforme, e non tutte le piattaforme sono mercati a due lati. Per esempio, Facebook ha iniziato come una piattaforma unilaterale

piattaforma, ma ora è una piattaforma di mercato a più lati (le persone rimangono in contatto, pubblicità, notizie ecc.). E ci chiediamo in che direzione potrebbero evolvere in futuro le imprese di piattaforme nel settore dell'energia. E un criterio che restringe il numero di potenziali applicazioni dell'ICT è basato sull'ICT e l'ICT può offrire un valore intrinseco dalle piattaforme.


Contenuti correlati   #innovazione  #generatori  #risorse rinnovabili 


L'integrazione delle energie rinnovabili nel sistema elettrico è un compito impegnativo. Attualmente si stanno discutendo diversi concetti su come farlo. Nei nostri ultimi due post ci siamo concentrati su diversi concetti per i mercati regionali di flessibilità in Europa e in Germania. Inoltre, abbiamo sollevato la questione se il futuro degli operatori di rete di distribuzione sia nelle attività di piattaforma o nella proprietà di base degli asset. In tutti i nostri post recenti la discussione si è evoluta intorno ai mercati e alle piattaforme. Anche se sono due argomenti importanti, non sono la stessa cosa. Pertanto, nel post di oggi faremo luce sulle piattaforme e sul loro potenziale ruolo nel settore energetico.

Cosa sono le piattaforme?

Il termine 'piattaforma' è usato per descrivere molte cose diverse. Come ha sottolineato Gawer (2014), il termine piattaforma è usato in modo tecnologico (una tecnologia di base in un'architettura modulare), organizzativo (istituzioni che facilitano il coordinamento tra agenti) e in modo economico. Per ora, concentriamoci sull'ultima dimensione delle piattaforme. Ci sono alcuni criteri che vengono utilizzati per definire le piattaforme da una prospettiva economica. In generale, le piattaforme devono soddisfare almeno due criteri (cfr. Rochet & Tirole 2003):

1. Una piattaforma può essere definita come un intermediario tra diversi (almeno due) utenti o gruppi di utenti.

2. Una piattaforma affronta le esternalità della rete: Questo significa che il singolo utente di una piattaforma guadagna di più da questo servizio (maggiore utilità), più grande è il numero di utenti totali della piattaforma. Le esternalità trasversali sono nella maggior parte dei casi positive, per esempio più alto è il numero di negozi che accettano una certa carta di credito, più alto è l'incentivo per un consumatore ad usare questa carta di credito. Le esternalità same-side, d'altra parte, si verificano su un lato del mercato, in modo positivo o negativo, ad esempio, più alto è il numero di sviluppatori di app per un sistema operativo di smart phone, più alta è la concorrenza, che aumenta la concorrenza sui prezzi. Tuttavia, poiché questi criteri sono ancora molto generali, consultiamo Weiller & Pollitt (2003) per una definizione più precisa di piattaforme:

3. Una piattaforma è triangolare, il che significa che gli utenti interagiscono tra loro e con il fornitore della piattaforma.

4. Una piattaforma facilita il contatto diretto tra due parti, il che è diverso da altri intermediari come i rivenditori, che non facilitano questo scambio diretto.

5. Una piattaforma permette l'innovazione di servizi, prodotti o modelli di business complementari. Weiller & Pollitt (2003) fanno qui riferimento a iTunes per sottolineare l'importanza di questo criterio. Fondamentalmente, iTunes fornisce una piattaforma tecnologica che permette agli sviluppatori di app di aggiungere ulteriori servizi innovativi al suo sistema. Nella maggior parte dei casi, l'attuale business delle piattaforme fornisce un'innovazione tecnologica che permette agli utenti di un lato del suo mercato di costruire nuovi prodotti o servizi innovativi sopra questa innovazione tecnologica.

6. La concorrenza tra piattaforme è caratterizzata dal bundling o enveloping piuttosto che dal processo di distruzione creativa che conosciamo da altri settori in senso schumpeteriano: Enveloping o bundling qui si riferisce al fatto che la maggior parte delle innovazioni di piattaforma non creano un prodotto totalmente nuovo, ma piuttosto prendono una piattaforma esistente e usano una nuova tecnologia per raggruppare questo vecchio prodotto con nuove caratteristiche.

7. La tecnologia dell'informazione e della comunicazione (ICT) fornisce la base per le attività di piattaforma. L'ICT può essere considerata la General Purpose Technology (GPT) che fornisce la base tecnologica per le piattaforme. Tuttavia, la GPT è una componente molto più semplice della piattaforma che si concentra sul progresso tecnologico. Le piattaforme sono spesso descritte come mercati a due lati con due gruppi di utenti distinti su ciascun lato (ad esempio, autisti e motociclisti nel caso di Uber). Tuttavia, ci sono alcune eccezioni: Weiller & Politt (2003) hanno osservato che non tutti i mercati a due lati sono piattaforme, e non tutte le piattaforme sono mercati a due lati. Facebook, per esempio, ha iniziato come una piattaforma unilaterale (gli studenti dell'università rimangono in contatto), ma ora è una piattaforma di mercato multilaterale (le persone rimangono in contatto, pubblicità,

notizie ecc.).

Riassumendo, Weiller & Politt (2013) forniscono la seguente definizione di piattaforme, che fornisce una buona base per ulteriori discussioni:

 

A

mercato delle piattaforme è un mercato in cui le interazioni degli utenti sono mediate da un

intermediario, il fornitore della piattaforma, e sono soggette a effetti di rete.

Al contrario di un mercato o di una borsa commerciale, una piattaforma

intermediario deve offrire un valore intrinseco oltre la semplice mediazione

processo di mediazione per le due parti del mercato. Questo valore aggiunto di solito viene

dall'ICT e dall'innovazione complementare associata che aumenta

l'utilità e l'attrattiva della piattaforma per tutti i gruppi di utenti.(Weiller & Pollitt 2003:7)

Demand Response e servizi ausiliari - la prima piattaforma di mercato nel settore energetico?

Sulla base della comprensione di Weiller & Pollitt delle piattaforme, ci chiediamo in quale direzione potrebbero evolvere le imprese piattaforma nel settore energetico. Soprattutto un criterio utilizzato per definire le piattaforme restringe il numero di potenziali applicazioni: "ilvalore aggiunto delle piattaforme di solito viene dall'ICT e dall'innovazione complementare associata che aumenta l'utilità e l'attrattiva della piattaforma per tutti i gruppi di utenti". Dove possiamo aspettarci, nel settore energetico, che le innovazioni complementari si evolvano sulla base dell'ICT? Come abbiamo discusso in questo post, la digitalizzazione nel settore dell'energia inizia con la diffusione dei contatori intelligenti. Sulla base dei contatori intelligenti, i dati per le diverse piattaforme di mercato potrebbero diventare disponibili. Per ora, diamo un breve sguardo a due mercati correlati che si stanno attualmente evolvendo: La risposta alla domanda e la fornitura di flessibilità regionale (servizi ausiliari).

Mercati di piattaforma e servizi ausiliari da risorse distribuite

Nelle recenti discussioni negli Stati Uniti e in Europa, il coinvolgimento attivo dei generatori distribuiti nel mercato dei servizi ausiliari è considerato un'applicazione promettente per i mercati di piattaforma nel settore energetico. Come abbiamo introdotto nei nostri ultimi due post sui mercati regionali di flessibilità(qui potete trovare il dibattito europeo e qui il punto di vista della Germania), i mercati di piattaforma sono un approccio per coinvolgere attivamente i generatori rinnovabili distribuiti nei mercati di flessibilità (ad esempio per i servizi ausiliari come il controllo della tensione). Il vantaggio principale del mercato delle piattaforme per i servizi ausiliari è la capacità di accedere a diversi prodotti e di affrontare diverse esigenze. Qui, il potenziale delle piattaforme di permettere innovazioni complementari diventa un elemento chiave: Sappiamo che abbiamo bisogno della generazione distribuita per i servizi ausiliari in futuro, ma ci aspettiamo che il mercato delle piattaforme sviluppi prodotti e servizi aggiuntivi che aumentino l'utilità dei generatori distribuiti, degli aggregatori, degli operatori di rete, delle parti responsabili del bilanciamento e degli altri utenti della piattaforma. In questo modo, più generatori distribuiti dovrebbero essere attratti ad unirsi al mercato delle piattaforme e, infine, la piattaforma potrebbe essere usata per coinvolgere anche il lato della domanda, fornendo flessibilità dalla generazione e dalla domanda. Questo ci porta a una seconda applicazione dei mercati delle piattaforme nel settore energetico: La risposta alla domanda.

Mercati di piattaforma e risposta alla domanda

Specialmente negli Stati Uniti, la risposta alla domanda (DR) è già in applicazione. Fondamentalmente, possiamo definire la DR come cambiamenti temporanei nei modelli di utilizzo dell'elettricità dei consumatori finali che derivano dai cambiamenti del prezzo dell'elettricità o da altri tipi di incentivi(Albadi & El-Saadany, 2008). Pertanto, la risposta alla domanda mira a spostare il consumo di energia da un momento all'altro per aumentare l'efficienza del sistema, ma ciò non richiede che la DR riduca effettivamente il consumo totale di energia in quanto tale.

Per esempio, in California le tre maggiori Investor Owned Utilities (IOU) hanno già contrattato 320 MW (in tre aste) di capacità di risposta alla domanda. Tra questi fornitori di risposta alla domanda ci sono Tesla (con solo una piccola parte della capacità totale) e altre aziende come OhmConnect (più di 60 MW contrattati con le IOU). OhmConnect aggrega la flessibilità delle famiglie (riduzione del carico basata sul comportamento) e vende questa flessibilità alle IOU. Iniziative simili come Nest, che aggrega 50.000 termostati in California, o OPower forniscono con successo servizi di risposta alla domanda negli Stati Uniti (maggiori informazioni sulle iniziative DR negli Stati Uniti possono essere trovate qui @Greentechmedia). Tutte queste diverse iniziative hanno in comune il fatto che guadagnano dagli effetti di rete: Più grande è il numero di famiglie coinvolte, maggiore è il beneficio individuale per ciascuna di esse. Il potenziale per i mercati di piattaforma nel contesto della risposta alla domanda sembra essere enorme.

Mercati di piattaforma - una parte della transizione energetica con un enorme potenziale

La transizione energetica innesca una decentralizzazione della generazione, specialmente da risorse rinnovabili. I mercati di piattaforma potrebbero aiutarci ad aumentare il coordinamento e a sbloccare un nuovo potenziale di flessibilità dai generatori e dai nuovi carichi come i veicoli elettrici, lo stoccaggio delle batterie o le pompe di calore. Le prime iniziative negli Stati Uniti, specialmente a New York, mirano allo sviluppo dei mercati di piattaforma (vedi questo post per maggiori dettagli). Per ora, queste piattaforme sono solo concetti, ma vedremo presto molti sviluppi diversi in questo settore, soprattutto perché lo smart metering è ormai in corsa.

 

Articoli correlati