Produzione efficiente di acciaio in India

21 February 2016 da Ritu Bharadwaj

Bhavnagar è la sede del più grande gruppo di laminatoi d'acciaio del Gujarat. Crea prodotti di uso comune come le barre e l'acciaio strutturale laminando il materiale riscaldato in un laminatoio. Il settore della rilaminazione dell'acciaio nel suo complesso è uno dei segmenti più importanti dell'intera industria siderurgica indiana. C'è un'enorme opportunità di risparmiare risorse riducendo l'uso di carburante e materie prime attraverso la modernizzazione della tecnologia. Se replicato in tutta l'India, questo modello potrebbe contribuire a una vasta riduzione delle emissioni di CO2 - il che significa che il settore potrebbe mantenere la sua forte posizione economica mentre rende più verde la sua produzione. L'Istituto per la produttività industriale (IIP)

è un'organizzazione indipendente senza scopo di lucro il cui ruolo è quello di accelerare l'adozione di pratiche di efficienza energetica nell'industria. Clicca qui per maggiori informazioni sull'Istituto per la produttività industriale: www.iipnetwork.org.uk. Per un supporto confidenziale chiama i Samaritani allo 08457 90 90 90 000 o vai al membro del National Steel Council.


Contenuti correlati   #produzione di acciaio  #tecnologie  #modernizzazione 


Come la tecnologia e la formazione possono rendere più verde l'industria della rilaminazione dell'acciaio in India

Con un'economia in espansione, la domanda di materiali da costruzione è salita alle stelle in India. In particolare, il bisogno di acciaio è cresciuto negli ultimi anni, con la produzione che ha registrato un tasso di crescita annuale cumulativo di circa il 7% negli ultimi anni.

L'industria dell'acciaio è un fattore chiave per l'economia indiana, ma è anche responsabile di grandi quantità di rifiuti e di emissioni di gas serra. La produzione dell'acciaio è ad alta intensità energetica - e i processi di efficienza energetica non sono ancora entrati nelle operazioni quotidiane delle acciaierie in India. Ma questo sta cambiando.

Siamo stati entusiasti di far parte di un progetto di efficienza energetica per il settore della rilaminazione dell'acciaio a Bhavnagar, una città di medie dimensioni nello stato occidentale del Gujarat.

Bhavnagar è la sede del più grande gruppo di laminatoi d'acciaio del Gujarat. Come altri laminatoi d'acciaio, il cluster crea prodotti di uso comune come barre e acciaio strutturale mediante laminazione di materiale riscaldato in un laminatoio. Il settore in generale si basa su materie prime come lingotti, billette e vari tipi di rottami - ma a Bhavnagar, l'ottanta per cento delle acciaierie utilizza piastre d'acciaio provenienti da navi riciclate provenienti da Alang, uno dei più grandi cantieri di demolizione navale del mondo. Solo nel 2011-12, il cantiere ha lavorato 415 navi (3,86 milioni di tonnellate) e ha dato lavoro diretto a 50.000 persone e indiretto a centinaia di migliaia di lavoratori. È veramente una potenza economica per la regione.

In effetti, il settore della rilaminazione dell'acciaio nel suo insieme è uno dei segmenti più importanti dell'intera industria siderurgica indiana. È iniziato seriamente nel 1928 e oggi ci sono circa 1800 laminatoi in funzione in India. Il settore è largamente dominato da piccole e medie imprese (che rappresentano il 75% del settore), che godono di un vantaggio competitivo rispetto ai produttori più grandi grazie alla loro flessibilità nel produrre piccoli volumi per mercati di nicchia.

Tuttavia, l'efficienza operativa di queste piccole unità è tristemente scarsa, portando non solo a enormi perdite di energia, ma anche a significativi sprechi di materie prime. C'è un'enorme opportunità di risparmiare risorse riducendo l'uso di carburante e di materie prime attraverso la modernizzazione della tecnologia. Fare questo su larga scala porterebbe anche a un significativo miglioramento del carico inquinante (a livello locale e globale) e a un migliore ambiente di lavoro.

Per dimostrare il potenziale, abbiamo lavorato con un gruppo di laminazione dell'acciaio che si riforniva di rottami dal cantiere navale di Alang. La principale fonte di combustibile per il gruppo è il carbone polverizzato, un combustibile sporco che produce grandi quantità di gas serra e inquinamento quando viene bruciato. Abbiamo scelto di lavorare con il gruppo per il suo potenziale di ridurre le sue emissioni di CO2 attraverso misure di efficienza energetica, compreso il miglioramento del design del suo povero forno in modo da poter ridurre l'uso del carbone.

C'erano altre sfide che ostacolavano la loro capacità di eseguire operazioni efficienti - molte delle quali non sono limitate solo a questa città. La maggior parte dei proprietari dei mulini sono industriali di prima generazione senza alcuna educazione tecnica formale. Anche il caposquadra e il personale dell'acciaieria non hanno avuto una formazione formale, ma hanno acquisito le loro competenze sul posto di lavoro.

In generale, l'industria della rilaminazione dell'acciaio deve anche affrontare una serie di fallimenti del mercato, con un accesso limitato ai finanziamenti, alla tecnologia e alle informazioni relative al mercato. Questa situazione è aggravata dalla mancanza di sistemi efficaci per sostenere l'adozione di una produzione più pulita a livello industriale.

Per aiutare a superare tutte queste barriere, abbiamo condotto uno studio di fattibilità e, armati di migliori informazioni, abbiamo aiutato a migliorare il design e il funzionamento di un forno di riscaldo usato dal cluster. Questo è stato supportato da altre misure per garantire la corretta gestione della nuova tecnologia, tra cui la formazione degli operatori e dei supervisori dell'impianto, il monitoraggio dei miglioramenti e la collaborazione con la Shihor Steel Re-rolling Mills Association per garantire che il cluster avesse un supporto continuo. È importante che abbiamo anche aiutato a identificare un partner finanziario per garantire il successo dell'iniziativa.

Come risultato diretto del miglioramento della tecnologia, l'efficienza termica del forno è passata da un mero 21% al 30,5% e l'uso del combustibile è diminuito del 23%, che in termini assoluti equivale a 75 kg per tonnellata di prodotto, rispetto ai 97 kg per tonnellata di prodotto. Ogni anno, i miglioramenti hanno fatto risparmiare 330 tonnellate di carbone.

I laminatoi d'acciaio di Bhavnagar non sono gli unici ad avere tecnologie inefficienti e una mancanza di consapevolezza dell'efficienza energetica. Se replicato in tutta l'India, questo modello potrebbe contribuire a una vasta riduzione delle emissioni di CO2 - il che significa che il settore potrebbe mantenere la sua forte posizione economica mentre rende più verde la sua produzione.

L'Istituto per la produttività industriale (IIP) è un'organizzazione indipendente senza scopo di lucro il cui ruolo è quello di accelerare l'adozione di pratiche di efficienza energetica nell'industria. Somnath Bhattacharjee e Ritu Bharadwaj lavorano nell'ufficio indiano dell'IIP . www.iipnetwork.org