Riflessioni sulla recente plenaria dell'EEFIG del 2020

07 May 2020 da Rod Janssen
Riflessioni sulla recente plenaria dell'EEFIG del 2020

L'Energy Efficiency Financial Institutions Group (EEFIG) ha tenuto la sua sessione plenaria annuale a Bruxelles. L'EEFIG è stato istituito nel 2013 dalla Direzione generale dell'energia (DG Energia) della Commissione europea e dall'Iniziativa finanziaria del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP FI)

I fondatori ritengono che la creazione di EEFIG rappresenti la prima volta che un tale dialogo e piattaforma di lavoro è stato stabilito tra la Commissione e il settore finanziario sul tema del finanziamento dell'efficienza energetica. I risultati di tutti i gruppi di lavoro saranno utilizzati dalle istituzioni dell'UE, dalle istituzioni finanziarie e da altre parti interessate per rafforzare il loro modo di procedere. Ci sono state brevi presentazioni su tutte le

le attività del gruppo di lavoro sull'industria non sono state incluse nella plenaria in quanto era nelle prime fasi di attuazione. I gruppi di lavoro EFIG includono la tassonomia e l'etichettatura verde, le migliori pratiche finanziarie, i benefici multipli e gli indicatori di prestazione energetica a livello di asset. Questi gruppi includono. le migliori pratiche finanziarie e i benefici multipli. i risultati dei gruppi di lavoro del gruppo.


Contenuti correlati   #tappe  #trasformazione  #istituzioni dell'UE 


Il 18 febbraio, il gruppo delle istituzioni finanziarie per l'efficienza energetica (EEFIG) ha tenuto la sua sessione plenaria annuale a Bruxelles. L'EEFIG è stato istituito nel 2013 dalla Direzione Generale dell'Energia della Commissione Europea (DG Energia) e dall'Iniziativa Finanziaria del Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP FI) come sforzo per creare un dialogo aperto e una piattaforma di lavoro. I fondatori ritengono che la creazione dell'EEFIG rappresenti la prima volta che una tale piattaforma di dialogo e di lavoro è stata istituita tra la Commissione e il settore finanziario sul tema della finanza per l'efficienza energetica.

 

 

 

La plenaria è stata concepita per fornire ai partecipanti una combinazione di discorsi chiave sui più recenti sviluppi politici e di mercato, tavole rotonde di alto livello su questioni attuali in materia di finanza dell'efficienza energetica e aggiornamenti sulle attività in corso e pianificate dell'EEFIG.

 

 

 

Questa è la terza fase dell'EEFIG dal 2013. La prima fase si è conclusa con la consegna di un rapporto che ha fornito raccomandazioni alle istituzioni dell'UE, ai governi e all'industria finanziaria su come procedere per garantire che vi siano finanziamenti sufficienti per l'efficienza energetica, per assicurare che il settore finanziario sia meglio in grado di valutare e sostenere le misure di efficienza energetica e per superare le barriere in qualsiasi punto del ciclo del progetto che frustrano gli investimenti necessari. Queste raccomandazioni a partire dal 2015 sono ancora riviste e costituiscono la base del programma di lavoro.

 

 

 

La seconda fase si è basata su alcune delle raccomandazioni per sostenere principalmente le istituzioni finanziarie attraverso la creazione di un database open source per il monitoraggio e il benchmarking delle prestazioni degli investimenti in efficienza energetica (la Piattaforma per l'efficienza energetica a rischio dell'EEFIG o "DEEP"). C'è stato anche lo sviluppo di un quadro comune, accettato e standardizzato di sottoscrizione e di investimento per gli investimenti in efficienza energetica (la Guida alla sottoscrizione dell'EEFIG - Value and risk appraisal framework for energy efficiency finance and investments).

 

 

 

Ora, con la terza fase, gli obiettivi si sono ampliati in gran parte perché gli obiettivi di efficienza energetica a lungo termine dell'UE sono diventati più ambiziosi. Tale ambizione richiede azioni a molti livelli per garantire che vi siano sufficienti misure finanziate e attuate. Ora, con l'European Green Deal, ci sarà una maggiore necessità per tutte le parti interessate di aumentare il loro impegno per una maggiore efficienza energetica.

 

 

 

Tutti i partecipanti alla plenaria sapevano che il contesto sta cambiando e che avrebbero dovuto guardare dentro a ciò che la propria organizzazione può fare per sostenere lo sforzo complessivo. Se non erano convinti quando sono entrati nella sala, avrebbero dovuto esserlo quando sono usciti.

 

 

 

I messaggi di benvenuto di Claudia Canevari della DG Energia ed Eric Usher dell'UNEP FI sono stati seguiti da due importanti relatori.

 

 

 

Hans Van Steen, Direttore ad interim di Energie rinnovabili, Ricerca e Innovazione, Efficienza Energetica nella DG Energia, ha aperto la scena spiegando che il Green Deal è ora sul tavolo e che stabilisce chiari obiettivi di neutralità del carbonio. Ha sottolineato che si tratta di una transizione. La sfida per la comunità dell'efficienza energetica è che il consumo di energia in Europa deve essere dimezzato e sono necessari investimenti significativi (circa 250 miliardi di euro all'anno), il che significa che gli investimenti nell'efficienza energetica devono essere integrati e ha spiegato parte del sostegno disponibile attraverso l'Unione Europea. Infine, ha sottolineato che il Green Deal è una trasformazione della società. Questo non potrà mai essere sottolineato abbastanza.

 

 

 

Il secondo oratore principale è stato Andrew McDowell, Vice Presidente della Banca Europea per gli Investimenti. La banca ha attraversato la propria transizione e si è posizionata come Banca Europea per il Clima. McDowell ha spiegato come la banca abbia sviluppato una nuova politica di prestiti energetici nel 2019 con un grande impegno per l'efficienza energetica, lasciando ai partecipanti sei osservazioni lungimiranti:

 

  1. Un debito a basso costo non è sufficiente, abbiamo bisogno di un quadro politico forte (prezzi del carbonio e standard edilizi);
  2. Dobbiamo trovare modi più efficienti per fondere le sovvenzioni con il debito, in particolare per i proprietari di case;
  3. Dobbiamo far crescere il mercato delle ESCO e questo richiede un sostegno politico anche nei ministeri delle finanze;
  4. Abbiamo bisogno di campioni dell'efficienza energetica all'interno di tutte le istituzioni finanziarie;
  5. Abbiamo bisogno di un supporto di consulenza ben finanziato; e
  6. Dobbiamo riaprire il mercato della cartolarizzazione in Europa, in particolare per i mutui ecologici (GRMBS).

 

 

 

Ci sono state due sessioni di panel. La prima, moderata da Peter Sweatman, relatore dell'EEFIG, ha riguardato il lavoro in corso e pianificato dei gruppi di lavoro dell'EEFIG, che comprendono la tassonomia e il green tagging, le migliori pratiche finanziarie, i molteplici benefici e gli indicatori di performance energetica a livello patrimoniale. Ci sono state brevi presentazioni su tutti questi aspetti. La maggior parte del lavoro, oltre che per la tassonomia, è solo nelle fasi iniziali. Le attività del gruppo di lavoro sull'industria non sono state incluse nella plenaria in quanto si trovavano nelle prime fasi di attuazione. I risultati di tutti i gruppi di lavoro saranno utilizzati dalle istituzioni dell'UE, dalle istituzioni finanziarie e da altre parti interessate per rafforzare il loro cammino.

 

 

 

Il secondo gruppo, moderato da Carel Cronenberg della BERS, ha riguardato il ruolo dell'efficienza energetica nel contesto delle azioni degli IF per la decarbonizzazione dei loro portafogli. Il panel comprendeva rappresentanti di quattro istituzioni finanziarie:

 

  • Karen Degouve di Natixis,
  • Murray Birt della DWS Asset Management,
  • Sasja Beslik di J. Sofra Sarasin Asset Management e
  • Itske Lulof di Triodos Bank.

 

Anche se i dettagli saranno forniti ai membri dell'EEFIG, un punto è davvero importante: Sasja Beslik ha menzionato che in un'indagine condotta su 3000 aziende dell'UE, solo 170 sono state allineate all'Accordo sul clima di Parigi. I membri del panel, tuttavia, hanno anche spiegato cosa sta facendo la loro istituzione e come possono crescere.

 

 

 

Peter Sweatman, relatore dell'EEFIG, ha presentato i risultati di un'indagine condotta lo scorso autunno tra i membri dell'EEFIG. Il sondaggio ha mostrato il livello di interesse dei membri e i risultati sono stati utilizzati dalla Commissione, in particolare, in quanto raccomanda nuove attività e gruppi di lavoro nell'ambito dell'EEFIG.

 

 

 

Diana Barglazan, team leader dell'unità di efficienza energetica e politica energetica della DG Energia ha chiuso la riunione, esprimendo l'apprezzamento per tutti i relatori e per tutti gli interventi dei partecipanti.

 

 

 

Alla chiusura della riunione, come di consueto, molti hanno dovuto affrettarsi a partecipare ad altri incontri. Sì, è Bruxelles. Ma è stato incoraggiante vedere i molti che sono rimasti, e in gruppi di varie dimensioni, continuare a riflettere sui punti che avevano ascoltato. La piattaforma di dialogo avviata sette anni fa ha dimostrato che è più che mai necessaria se vogliamo raccogliere la sfida dell'European Green Deal.

 

 

 

 

 

Rod Janssen è Presidente dell'Efficienza Energetica nei Processi Industriali, membro dell'EEFIG, e parte del Consorzio che implementa la terza fase dell'EEFIG