Rispondere al Coronavirus: Gli investimenti a basso contenuto di carbonio possono aiutare le economie a recuperare

20 March 2020
Rispondere al Coronavirus: Gli investimenti a basso contenuto di carbonio possono aiutare le economie a recuperare

La pandemia di COVID-19 è prima di tutto una tragedia umana. Il virus ha anche colpito la società come uno tsunami globale, interrompendo i viaggi, tagliando fuori le comunità. Un pacchetto di stimolo che includa l'aumento della produzione o dell'uso dei combustibili fossili sarebbe un terribile errore. Un'azione coraggiosa per il clima potrebbe fornire almeno 26 trilioni di dollari in benefici economici globali netti da qui al 2030 rispetto al business-as-usual. L'Indonesia è una delle più grandi economie del mondo e ha identificato un percorso di crescita a basse emissioni di carbonio, che va oltre gli attuali impegni climatici del paese e fornirebbe un tasso medio di crescita del PIL di

Il caso economico per lo sviluppo a basse emissioni di carbonio è pubblicato dalla New Climate Economy, che include la creazione di più di 65 milioni di nuovi posti di lavoro a basse emissioni di carbonio nel 2030, e sbloccherà una serie di benefici economici, sociali e ambientali in Indonesia, dice. Nel 2045, questi benefici includeranno più di 15 milioni di posti di lavoro aggiuntivi e 15 milioni di posti di lavoro extra, dice.


Contenuti correlati   #asma  #chiusura delle fabbriche  #cambiamento climatico 


La pandemia di COVID-19 è prima di tutto una tragedia umana, infettando più di 120.000 e uccidendo più di 4.200 persone a partire dal 12 marzo 2020. La perdita di vite umane è straziante e destinata a continuare a salire.

 

Il virus ha anche colpito la società come uno tsunami globale, interrompendo i viaggi, tagliando fuori le comunità, chiudendo le fabbriche e scuotendo i mercati economici. Il settore manifatturiero globale ha subito la suapeggiore contrazione dalla recessione del 2009. Goldman Sachs prevede unacrescita zerodei guadagni per le aziende statunitensi, mentre le compagnie aeree e le linee dicrocierasono in crisi perché la gente sceglie di rimanere a casa.

 

Non sorprende che questa grande perturbazione globale stia portando a una minore domanda di energia, che a sua volta riduce le emissioni globali di gas serra. La produzione industriale cinese è scesa dal 15% al 40% dall'inizio della crisi, portando ad uncalo delle emissioni di circa il 25% nello stesso periodo.

 

Le riduzioni delle emissioni causate dalle crisi economiche tendono ad essere temporanee - e possono portare alla crescita delle emissioni quando le economie cercano di rimettersi in carreggiata. Dopo la crisi finanziaria globale del 2008, per esempio, le emissioni globali diCO2 dalla combustione di combustibili fossili e dalla produzione di cemento sono cresciute del 5,9%nel 2010, più che compensando la diminuzione dell'1,4% nel 2009.

 

Con la pandemia che potrebbe innescare un rallentamento economico globale, i leader stanno già cercando dei modi per sostenere le economie dei loro paesi. Gli approcci che adottano per stimolare la crescita economica avranno effetti duraturi, quindi devono essere scelti con attenzione.

 

Ciò che i governi dovrebbero evitare è cercare di rilanciare le loro economie sulla scia di una crisi sanitaria globale esacerbandone un'altra - cioè l'inquinamento atmosferico. Un pacchetto di stimolo che include l'aumento della produzione o dell'uso dei combustibili fossili farebbe esattamente questo.

 

I pericoli per la salute del raddoppio dei combustibili fossili

 

Più di 5 milioni di persone nel mondo muoiono giàprematuramente ogni anno a causa dell'inquinamento atmosferico. Due terzi dellemorti per inquinamento atmosferico sono causate da combustibili fossili emessi da fonti come centrali elettriche, automobili e fabbriche. Gli esperti stimano che le malattie e la mortalità prematura associate all'inquinamento atmosferico del trasporto stradale sono costate ai paesi dell'OCSE 1,7 trilioni di dollari nel 2010. E l'inquinamento atmosferico e il coronavirus pongono entrambi maggiori rischi per le persone con condizioni respiratorie preesistenti come l'asma, quindi l'aggiunta al nostro carico di inquinamento atmosferico potrebbe esacerbare il contributo complessivo del coronavirus alle malattie e alle morti.

 

Durante le precedenti crisi economiche, un certo numero di paesi si sono rivolti rapidamente a pacchetti di stimolo che includevano investimenti in progetti infrastrutturali "pronti all'uso". In molti casi, questo includeva la costruzione di più centrali elettriche a carbone o altri combustibili fossili, il miglioramento delle strade, l'investimento in industrie pesanti come la produzione di automobili e altro. Seguire quel vecchio playbook per rispondere alla pandemia di COVID-19 sarebbe un terribile errore, poiché amplificherebbe la crisi sanitaria dell'inquinamento atmosferico.

 

La Cina ha sofferto di più di questa epidemia di COVID-19 finora, e ha anche alcuni dei più alti tassi di inquinamento atmosferico. Nel 2013, l'inquinamento atmosferico legato al carbone ha causato circa 366.000 morti premature in Cina. Naturalmente, la Cina non è sola. L'India ha 22 delle30 città più inquinate della Terra. Lo smog nella capitale Nuova Delhi è diventato così tossico nel novembre 2019 che il governo ha dichiarato un'emergenza sanitaria pubblica, chiudendo le scuole e invitando la gente a rimanere in casa.

 

Mentre i paesi cercano di dare alle loro economie una scossa tanto necessaria sulla scia dell'epidemia di COVID-19, i governi e le aziende che considerano i pacchetti di stimolo hanno essenzialmente due scelte: Possono bloccare decenni di sviluppo inquinante, inefficiente, ad alto contenuto di carbonio e insostenibile, o possono usare questo come un'opportunità per accelerare l'inevitabile passaggio a sistemi energetici e di trasporto a basso contenuto di carbonio e sempre più accessibili che porteranno benefici economici a lungo termine. Questi ultimi combatteranno anche di petto due grandi crisi: l'inquinamento atmosferico e la crescente emergenza climatica.

 

Il caso economico per uno sviluppo a basse emissioni di carbonio

 

La buona notizia è che un numero crescente di prove dimostra che perseguire una crescita a basse emissioni di carbonio e resistente al clima è il modo migliore per sbloccare benefici economici e sociali duraturi. Secondo la New Climate Economy, un'azione coraggiosa per il clima potrebbe fornire almeno 26 trilioni di dollari in benefici economici netti globali da qui al 2030 rispetto al business-as-usual. Questo include la creazione di più di 65 milioni di nuovi posti di lavoro a basse emissioni di carbonio nel 2030, equivalenti alla forza lavoro combinata del Regno Unito e dell'Egitto oggi.

 

Ciò che è vero a livello globale è vero anche su scala nazionale. L'Indonesia è una dellepiù grandi economiedel mondo. Il ministero della pianificazione del paese ha identificato un percorso di crescita a basse emissioni di carbonio, che va oltre gli attuali impegni climatici del paese e fornirebbe un tasso medio di crescita del PIL di oltre il 6% all'anno da qui al 2045. L'evidenza mostra che questo percorso di crescita a basse emissioni di carbonio supererà la crescita economica nell'ambito del business-as-usual fin dal primo anno in cui verrà perseguito, sbloccando anche una serie di benefici economici, sociali e ambientali in Indonesia. Nel 2045, questi benefici includeranno più di 15 milioni di posti di lavoro aggiuntivi - che sono più verdi e più pagati - una più rapida riduzione della povertà e benefici di genere e regionali.

 

Un'infrastruttura sostenibile e a basse emissioni di carbonio deve essere centrale per qualsiasi stimolo guidato dal governo in risposta all'epidemia di COVID-19. I governi hanno un ruolo critico da svolgere nel definire strategie di investimento solide, ben articolate e sostenibili. Gli investimenti in infrastrutture sostenibili creano posti di lavoro oggi e molti altri benefici sociali ed economici domani. L'American Recovery and Reinvestment Act del 2009, per esempio, ha portato a una serie di benefici sociali ed economici, tra cui ilsostegno a circa 900.000 posti di lavoro in energia pulita negli Stati Uniti dal 2009 al 2015. Gli investimenti del pacchetto di stimolo dovrebbero anche aiutare a costruire la resilienza nelle nostre comunità agli impatti di un clima che cambia. La Global Commission on Adaptation ha scoperto che il beneficio netto degli investimenti in infrastrutture resilienti nel prossimo decennio nei paesi in via di sviluppo sarebbe di 4,2 trilioni di dollari nel corso della vita delle nuove infrastrutture, con un beneficio di 4 dollari per ogni dollaro investito.

 

I leader aziendali e il settore finanziario si stanno già svegliando sui rischi di investire in attività ad alto contenuto di carbonio e sui benefici del passaggio a un'economia resiliente e a basso contenuto di carbonio - e i governi dovrebbero seguire il loro esempio. Più di 16 grandi proprietari di beni con quasi 4 trilioni di dollari di investimenti a livello globale si sonoimpegnati a passare tutti i loro portafogli di investimenti a emissioni nette zero entro il 2050, e molti altri si stanno rapidamente allontanando dagli investimenti in combustibili fossili. Le aziende sostenibili stanno già sovraperformando i loro pari. Per esempio, leaziende impegnate nel 100% di energia rinnovabile hanno margini di profitto netto e guadagni migliori di quelle senza questo impegno. E le aziende che stanno gestendo e pianificando attivamente il cambiamento climatico si assicurano unritorno sugli investimenti del 18%più alto rispetto alle aziende che non lo fanno - e del 67% più alto rispetto alle aziende che si rifiutano di rivelare le loro emissioni.

 

L'azione per il clima è la chiave per la ripresa economica e la prosperità a lungo termine

 

L'epidemia globale di COVID-19 mostra senza ombra di dubbio che i governi hanno la capacità di intraprendere azioni urgenti e radicali per contenere le crisi. Questo non sarà facile e richiede che tutti noi facciamo la nostra parte. Tuttavia, mentre emergiamo da questa crisi immediata, dobbiamo essere chiari sul fatto cherispondere alla crisi economica a breve termine con cattivi investimenti a lungo termine non avrebbe senso. Invece, abbiamo l'opportunità di usare le misure di stimolo per rilanciare la crescita dopo la crisi sanitaria COVID-19 sia per frenare l'inquinamento atmosferico che per aiutare ad affrontare la crisi climatica.

 

La crescente urgenza della crisi climatica mostra il terribile bisogno di misure immediate per tagliare drasticamente le emissioni ora. E le opportunità per farlo, dati i nuovi sviluppi delle tecnologie pulite e i loro costi in calo, non sono mai state migliori. Mentre le restrizioni sui viaggi e le grandi riunioni sono una sfida, a loro volta possono anche aiutarci a cambiare il nostro comportamento verso modelli di lavoro, istruzione e viaggio che sono molto più sostenibili, compreso il riconoscimento delle opportunità e dei benefici più ampi del telelavoro e delle riunioni virtuali. Siamo costretti a resettare le nostre abitudini ora, ma dovremmo usare questo come un momento di apprendimento mentre usciamo dalla crisi.

 

Non possiamo rimandare l'emergenza climatica. Quest'anno, i paesi devono consegnare impegni nazionali sul clima per il 2030 allineati al raggiungimento di un mondo a emissioni zero entro il 2050.

 

Mentre COVID-19 e le sue ripercussioni economiche sono giustamente l'obiettivo principale di molti governi oggi, mentre cerchiamo di rilanciare l'economia, dobbiamo anche considerare il domani. Per i paesi che cercano di sostenere le loro economie in tempi turbolenti eraggiungere una crescita sostenibile a lungo termine, l'azione per il clima offre un'opportunità interessante.

 

 

 

Autore: Helen Mountford

 

Immagine: Unsplash/Guillaume de Germain

 

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato sul World Resources Institute.