Tavola rotonda sul finanziamento dell'efficienza energetica industriale, 19 ottobre

03 October 2017 da Rod Janssen
Tavola rotonda sul finanziamento dell'efficienza energetica industriale, 19 ottobre

L'Energy Efficiency Financial Institutions Group (EEFIG), creato nel 2014, sta riprendendo gran parte delle discussioni politiche relative all'efficienza energetica industriale. EEFIG ha identificato molte delle barriere al finanziamento a lungo termine per l'efficienza energetica e ha proposto raccomandazioni politiche e soluzioni di mercato ad esse. Lo spazio è limitato, ma se desiderate maggiori informazioni e volete partecipare, contattatemi all'indirizzo rod.janssen@ee-ip.org. Le conclusioni del presidente saranno preparate e distribuite ai membri delle istituzioni europee e alle parti interessate. Il gruppo ha identificato una chiara opportunità di crescere e migliorare drasticamente gli investimenti in efficienza energetica. Eefig ha identificato la necessità di aumentare la priorità dell'efficienza energetica a livello di consiglio di amministrazione, di incorporare gli investimenti in efficienza energetica all'interno del dialogo e del processo standard di finanza aziendale e di incoraggiare le aziende ad essere più aperte con gli orizzonti di investimento, la portata e i ritorni per gli investimenti in efficienza energetica che accetteranno. per raggiungere i nostri obiettivi. e per incoraggiare l'industria a fornire vantaggi competitivi.


Contenuti correlati   #strategia  #istituzioni europee  #decisioni strategiche 


19 ottobre, Bruxelles - Tavola rotonda sul finanziamento dell'efficienza energetica industriale

Il 19 ottobre ci sarà una tavola rotonda speciale su invito per discutere le raccomandazioni dell'EEFIG (Energy Efficiency Institutions Group) e come il settore industriale si inserisce nella strategia globale di efficienza energetica dell'UE.

Lo spazio è limitato, ma se volete maggiori informazioni e volete partecipare, contattatemi a rod.janssen(at)ee-ip.org.

Il pacchetto sull'energia pulita che sta attualmente attraversando il processo di approvazione all'interno delle istituzioni dell'UE presta una notevole attenzione all'efficienza energetica. Per l'industria, non ci sono cambiamenti legislativi raccomandati. La fiducia è nel continuare l'attuazione degli articoli della direttiva sull'efficienza energetica del 2012. Questi riguardano in gran parte gli audit energetici obbligatori per le grandi aziende, la promozione dei sistemi di gestione dell'energia e il sostegno alle PMI.

Fortunatamente, l'Energy Efficiency Financial Institutions Group (EEFIG), creato nel 2014, sta assumendo gran parte delle discussioni politiche relative all'efficienza energetica industriale. L'EEFIG ha identificato molte delle barriere al finanziamento a lungo termine dell'efficienza energetica e ha proposto raccomandazioni politiche e soluzioni di mercato ad esse. Lo scopo del gruppo è quello di ottenere che le istituzioni finanziarie e altre parti interessate aiutino a trovare modi per superare il blocco degli investimenti. Ci sono finanziamenti disponibili, ma le banche hanno scarsa capacità e interesse a finanziare l'efficienza energetica, e i consumatori (in questo caso l'industria o le imprese o le istituzioni) sono riluttanti a decidere di intraprendere tali misure. Mentre ci sono alcuni investimenti, di sicuro, non sono su una scala che avrà un impatto reale che è necessario per raggiungere i nostri obiettivi a lungo termine. Uno dei problemi è che c'è una mancanza di standardizzazione nello sviluppo dei progetti e nella documentazione e questo è visto come una delle principali barriere per aumentare gli investimenti nell'efficienza energetica.

I membri di EEFIG hanno identificato una chiara opportunità per far crescere e migliorare drasticamente gli investimenti in efficienza energetica nelle aziende europee, industriali e non, di tutte le dimensioni, per fornire vantaggi competitivi a livello globale e locale. EEFIG ha identificato la necessità di aumentare la priorità dell'efficienza energetica a livello di consiglio di amministrazione, di incorporare gli investimenti in efficienza energetica all'interno del dialogo e del processo standard di finanza aziendale e di incoraggiare le aziende ad essere più aperte sugli orizzonti di investimento, sulla portata e sui ritorni degli investimenti in efficienza energetica che accetteranno.

La relazione finale del 2015 di EEFIG ha fornito le seguenti raccomandazioni riguardanti l'industria:

  • Il quadro politico dovrebbe sostenere positivamente le scelte di investimento di efficienza energetica delle imprese in punti chiave del loro ciclo di investimento
  • Le risorse e le facilitazioni pubbliche dovrebbero essere impegnate per stabilire sistemi dinamici ed efficaci per la condivisione delle informazioni e delle esperienze tecniche
  • Garantire che le politiche e le risorse nazionali e dell'UE lavorino efficacemente insieme per guidare la R&S e i risultati ottimali dell'efficienza energetica
  • Sostenere il chiarimento del trattamento normativo, fiscale e contabile e la standardizzazione dei contratti di rendimento energetico
  • L'identificazione delle opportunità di efficienza energetica e le pipeline di progetti investibili dovrebbero essere sostenute con strumenti di assistenza allo sviluppo di progetti per le PMI

EEFIG [link - http://www.eefig.com/] ha contribuito ad aumentare il profilo dell'efficienza energetica industriale, ma queste raccomandazioni rimangono, per la maggior parte, inattuate. Il 19 ottobre ci sarà una tavola rotonda speciale solo su invito per discutere queste raccomandazioni e come il settore industriale si inserisce nella strategia globale di efficienza energetica dell'UE. C'è un eccellente gruppo di panellisti che discuterà alcune delle questioni cruciali che i politici e i professionisti devono affrontare. Alcuni dei temi in discussione includono:

  • Quale sarà l'impatto di ulteriori sforzi per "de-rischiare" gli investimenti? C'è spazio per un'ulteriore standardizzazione del processo di investimento?
  • Come si può ridurre il rischio "percepito" al "rischio reale"?
  • Come possiamo incoraggiare l'industria a considerare gli investimenti in efficienza energetica come decisioni strategiche per migliorare la loro competitività complessiva?
  • Cosa si può fare di più per garantire l'attuazione di misure economiche di efficienza energetica?
  • Come motivare una maggiore attività di investimento privato per finanziare l'efficienza energetica industriale? Esiste la possibilità di raggruppare i progetti per ridurre i costi di transazione e renderli più interessanti per le istituzioni finanziarie?
  • Gli audit obbligatori previsti dalla direttiva sull'efficienza energetica hanno portato a investimenti significativi? Se no, perché? Se no, come?
  • I cambiamenti politici a livello europeo o nazionale possono incoraggiare maggiori investimenti in misure di efficienza energetica industriale?

Queste sono questioni importanti e dopo la tavola rotonda, le conclusioni del presidente saranno preparate e distribuite ai membri delle istituzioni dell'UE e alle parti interessate.

Lospazio è limitato, ma se desiderate maggiori informazioni e volete partecipare, contattatemi all'indirizzo rod.janssen(at)ee-ip.org.