Turchia: Strategia di efficienza energetica industriale

16 October 2016 da Rod Janssen
Turchia: Strategia di efficienza energetica industriale

La Turchia sta creando le basi per un'efficace strategia di efficienza energetica industriale. L'efficienza energetica è una priorità dichiarata sia per le politiche energetiche che per quelle sul cambiamento climatico in Turchia. La Turchia sta pianificando il recepimento della direttiva europea sull'efficienza energetica. La Banca Mondiale ha recentemente fornito più di 200 dollari per progetti di efficienza energetica nelle PMI. Nel 2016 è stato stimato che circa 100 su 1.200 grandi impianti industriali ad alta intensità energetica applicano la norma. Un progetto UNDP/UNIDO sta lavorando per aiutare a sviluppare unità di gestione energetica nelle zone industriali organizzate. Le OIZ sono progettate per permettere alle aziende di operare all'interno di un ambiente

un ambiente favorevole agli investitori con infrastrutture e strutture sociali pronte all'uso. Uno sviluppo importante è come i sistemi di gestione dell'energia (ISO 50001) siano diventati un successo nel paese. Si stima che 100 su 100 dei grandi impianti industriali hanno applicato lo standard nel 2016.

nel 2016, in particolare, ha organizzato la formazione iniziale per gli esperti nelle aziende e formare esperti per diventare one-stop-.


Contenuti correlati   #licenze  #meccanismi  #carbonio 


La Turchia sta creando le basi per un'efficace strategia di efficienza energetica industriale

L'efficienza energetica è una priorità dichiarata sia per le politiche energetiche che per quelle sul cambiamento climatico in Turchia. Essendo un membro fondatore dell'Agenzia Internazionale dell'Energia, la Turchia ha considerato l'efficienza energetica un'importante area politica a lungo termine. Negli anni '80, la Turchia ha iniziato alcune attività di efficienza energetica che continuano fino ad oggi - segnalazione obbligatoria dei dati e manager energetici per la grande industria e i grandi edifici, creazione di consapevolezza e coordinamento istituzionale, per citarne solo alcune. L'attuale strategia copre tutti i settori di uso finale e al settore industriale viene data alta priorità. Il settore consuma il 34% del consumo finale totale, dopo solo il settore residenziale/commerciale. È importante notare che l'industria manifatturiera è uno dei principali motori dell'economia turca, rappresentando circa il 24% del PIL totale.

I fattori chiave per migliorare l'efficienza energetica in Turchia sono:

  1. Migliorare la sicurezza energetica
  2. Ridurre le importazioni e la bolletta energetica totale
  3. Migliorare la competitività dell'industria fortemente orientata all'esportazione e ad alta intensità energetica
  4. Migliorare i servizi energetici per tutti i consumatori
  5. Abbassare il carbonio utilizzato in tutto il sistema energetico
  6. Riduzione dell'impatto ambientale totale (inclusa la qualità dell'aria).

L'attuale strategia di efficienza energetica è stata approvata nel 2012 e stabilisce un obiettivo di riduzione dell'intensità energetica complessiva (la quantità di energia consumata per unità di PIL) di almeno il 20% entro il 2023, utilizzando il 2011 come anno di riferimento. Per l'industria, c'è un sotto-obiettivo di ridurre l'intensità energetica in ogni sotto-settore industriale almeno del 10% entro il 2023.

Adozione delle politiche dell'UE

La Turchia sta pianificando il recepimento della direttiva UE sull'efficienza energetica, che include alcuni obblighi per il settore industriale, e ha già iniziato a intraprendere alcuni degli elementi di tale direttiva (cioè la preparazione del piano d'azione nazionale sull'efficienza energetica). La Turchia ha anche recepito la direttiva sull'ecodesign e la direttiva sull'etichettatura energetica, in gran parte per avere accesso ai suoi prodotti nel grande mercato dell'UE.

Attività di efficienza energetica, dalle OIZ alla ISO50001

Le attività di efficienza energetica nel settore industriale combinano sia le iniziative governative che il supporto multilaterale/bilaterale. Viene utilizzata l'intera gamma di strumenti politici. Ciò include incentivi finanziari, audit energetici, reporting obbligatorio del consumo energetico annuale per la grande industria, energy manager obbligatori, certificazione degli energy manager, licenze per le società di audit energetico e promozione della gestione energetica. I progetti bilaterali e multilaterali hanno dato un forte contributo. La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo ha alcuni importanti fondi per l'energia sostenibile. Uno degli obiettivi chiave della BERS è quello di sostenere lo sviluppo delle micro, piccole e medie imprese (PMI) che sono cruciali per nutrire un'economia del settore privato. Ha la Turkey Sustainable Energy Financing Facility (TurSEFF) così come la Turkey Mid-size Sustainable Energy Financing Facility (MidSEFF). La Banca Mondiale ha recentemente fornito più di 200 dollari per progetti di efficienza energetica nelle PMI.

Ci sono due importanti sviluppi in Turchia che stanno guadagnando grande interesse. Un progetto UNDP/UNIDO sull'efficienza energetica industriale ha, tra l'altro, due elementi di grande interesse: sta lavorando per aiutare a sviluppare unità di gestione dell'energia nelle zone industriali organizzate e sta promuovendo sistemi di gestione dell'energia (essenzialmente ISO 50001) attraverso formazione e informazione mirate.

Lezone industriali organizzate (OIZ) sono progettate per permettere alle aziende di operare all'interno di un ambiente favorevole agli investitori con infrastrutture e strutture sociali pronte all'uso. L'infrastruttura esistente fornita nelle zone include strade, acqua, gas naturale, elettricità, comunicazioni, trattamento dei rifiuti e altri servizi. Ce ne sono circa 150 attive in Turchia. Il progetto di efficienza energetica industriale sta lavorando per creare unità di gestione energetica in un numero selezionato di esse. Sei delle OIZ sono state ora formate e hanno attrezzature di misurazione fornite attraverso il progetto delle Nazioni Unite. Hanno anche ricevuto materiale di sensibilizzazione da distribuire. L'idea è che le aziende all'interno delle OIZ si affidino sempre di più alle UEM per informazioni sia tecniche che relative ai programmi. Per quanto riguarda il programma, è importante che le UEM conoscano, per esempio, tutti i meccanismi finanziari disponibili nel paese. In effetti, diventano degli sportelli unici. Queste UEM aiutano a creare consapevolezza, possono organizzare formazioni, possono incoraggiare le istituzioni finanziarie a promuovere i loro servizi, e così via. In un nuovo progetto della Banca Mondiale, continueranno a costruire sul successo delle OIZ.

Il secondo importante sviluppo è quantosiano diventati popolari i sistemi di gestione dell'energia (ISO 50001). Nel 2016 è stato stimato che circa 100 su 1.200 grandi impianti industriali ad alta intensità energetica applicano lo standard. Il progetto delle Nazioni Unite, in particolare, ha organizzato una formazione iniziale per gli esperti nelle aziende e ha anche formato molti esperti locali per diventare essi stessi formatori. L'ISO 50001 sta guadagnando popolarità man mano che le aziende si rendono conto dell'importanza di un approccio integrato a livello aziendale. Le prime indicazioni mostrano anche che le aziende che stanno ottenendo la certificazione stanno anche iniziando a investire in misure di efficienza energetica.

C'è altro da fare? Indubbiamente, la Turchia può rafforzare le sue politiche e programmi relativi all'industria. Sia le grandi industrie ad alta intensità energetica che le PMI hanno bisogno di aiuto e incoraggiamento. Ha fatto dei buoni passi avanti e, a suo credito, ha una forte base legislativa da cui partire.