Una politica europea efficiente per un'industria europea efficiente

17 February 2016 da Kristin Karlstad

La Commissione europea considera giustamente l'innovazione come la chiave per raggiungere una società a basse emissioni di carbonio. Le aziende europee di ferroleghe sono state le prime a muoversi e sono già tra le più efficienti al mondo per quanto riguarda il clima. L'UE deve ora imparare dai suoi errori politici e fare i cambiamenti necessari per guidare il cambiamento globale. Fino a quando non ci sarà un accordo globale sul clima, il campo di gioco deve essere livellato attraverso una protezione sufficiente contro la fuga di carbonio. Solo allora l'industria potrà avere il quadro prevedibile necessario per fare un salto nell'innovazione e applicare nuove tecnologie per ridurre il consumo energetico e le emissioni. La Commissione dovrebbe anche

esaminare le opzioni di finanziamento che possono accelerare questo processo. E con un quadro politico di sostegno e prevedibile l'industria europea ha i mezzi, la volontà e la competenza per essere un veicolo per il cambiamento, l'industria europea (ferro-leghe) ha. per guidare il mondo a fare i cambiamenti necessari. l'UE ha la. capacità di condurre a condurre.


Contenuti correlati   #impegno per il clima  #industria europea  #innovazione abilitante 


L'energia e il suo ruolo centrale nella produzione di ferroleghe

La produzione di ferroleghe e silicio è ad alta intensità energetica. Il costo dell'energia è uno dei principali fattori competitivi per l'industria e quindi l'efficienza energetica è ricercata dove possibile. Le misure di efficienza energetica prese dall'industria hanno anche il beneficio aggiunto di ridurre le emissioni di CO2, e quindi l'efficienza energetica e gli sforzi per il clima sono strettamente collegati nel processo decisionale industriale.

Un allineamento più stretto sulla politica climatica ed energetica dell'UE

Quindi la nuova struttura proposta delle istituzioni dell'UE, dove la politica energetica e climatica saranno collegate, è ben accolta dalla nostra industria. La futura squadra della Commissione europea mostra un impegno per l'integrazione della competitività e della politica industriale, in linea con l'obiettivo del 20% per l'industria nel PIL dell'UE entro il 2020, che accogliamo calorosamente.

Il momento in cui il mondo si impegnerà fermamente ad agire contro il cambiamento climatico non è ancora arrivato; l'ETS dell'UE non ha equivalenti nelle regioni concorrenti (mentre alcuni dei sistemi emergenti hanno imparato dagli errori dell'UE).

Le principali preoccupazioni delle industrie ad alta intensità energetica sono l'aumento dei costi dell'energia e la crescente incertezza sulla politica climatica dell'UE. L'industria europea si trova di fronte a prezzi energetici più alti rispetto ai nostri principali concorrenti e c'è un crescente bisogno di cercare soluzioni. In particolare, il costo indiretto di CO2 incluso nel prezzo dell'elettricità deve essere affrontato in modo efficiente attraverso nuove politiche.

La politica climatica - e in particolare i continui cambiamenti e le interferenze al mercato ETS - sono di grande preoccupazione. Le riduzioni delle emissioni viste nell'industria sono venute in parte a causa della recessione economica con conseguente riduzione della produzione invece dell'innovazione nelle tecnologie a bassa emissione di carbonio.

Permettere l'innovazione per un futuro più efficiente dal punto di vista energetico

La Commissione europea considera giustamente l'innovazione come la chiave per raggiungere una società a basse emissioni di carbonio. Le aziende europee di ferroleghe sono state le prime a muoversi e sono già tra le più efficienti al mondo dal punto di vista climatico. Tuttavia, ulteriori miglioramenti nell'efficienza e nella tecnologia richiedono investimenti. E per giustificare gli investimenti l'industria deve essere competitiva e redditizia, mentre il quadro politico deve essere competente e prevedibile. L'industria europea ha la competenza e la volontà di innovare e cercare nuove soluzioni più efficienti dal punto di vista energetico. Tuttavia, finché non ci sarà un accordo globale sul clima, il campo di gioco deve essere livellato attraverso una protezione sufficiente contro la fuga di carbonio. Solo allora l'industria potrà avere il quadro prevedibile necessario per fare un salto nell'innovazione e applicare nuove tecnologie per ridurre il consumo energetico e le emissioni. La Commissione dovrebbe anche esaminare le opzioni di finanziamento che possono accelerare questo processo. Un esempio può essere trovato in Norvegia, dove il sostegno statale ha permesso di investire 15 TWh (quasi il 12% del consumo totale annuo) in misure di efficienza energetica e diversi progetti innovativi di R&S.

Il "vecchio continente" è stato un precursore della politica climatica, ma gli investimenti industriali soffrono... L'UE deve ora imparare dai suoi errori politici e fare i cambiamenti necessari per guidare il cambiamento globale. E con un quadro politico di sostegno e prevedibile, l'industria europea (delle ferroleghe) ha i mezzi, la volontà e la competenza per essere un veicolo di cambiamento.