Una tromba d'aria: Processo di approvazione del pacchetto energia pulita della Commissione europea

22 March 2017 da Rod Janssen
Una tromba d'aria: Processo di approvazione del pacchetto energia pulita della Commissione europea

Il pacchetto energia pulita - o "inverno" - della Commissione europea sta producendo un vortice di attività nel suo processo di approvazione. Ci sono alcune questioni critiche legate al processo di approvazione del pacchetto. Dall'attuale obiettivo non vincolante del 27%, la Commissione ha proposto un obiettivo vincolante più rigoroso del 30% di risparmio entro il 2030. Ma il Parlamento europeo sostiene questo tipo di obiettivo, sembra che il Consiglio (che rappresenta gli stati membri) sia molto meno ambizioso. Questa è un'ottima base per costruire l'opportunità di rendere l'efficienza First attraverso il rendere i consumatori First. È l'opportunità per migliorare l'efficienza energetica di essere posizionata al centro

a Bruxelles, in tutta Europa. Si tratta di gettare le basi per la nostra transizione energetica a basse emissioni di carbonio che è il fondamento. Anche la comunità dei sostenitori (lobbisti professionali e gruppi ambientalisti) deve fare i conti con l'intera gamma di temi e proposte. La Commissione deve essere lodata per il pacchetto è un processo che dovrebbe coinvolgere persone ben oltre Bruxelles, e sta gettando le fondamenta - LE fondamenta.


Contenuti correlati   #ristrutturazione  #iniziative  #europa 


Il turbine del pacchetto invernale di Bruxelles

Il pacchetto energia pulita - o "inverno" - della Commissione europea sta producendo un vortice di attività nel suo processo di approvazione. L'ho visto in prima persona nelle ultime settimane, alle riunioni, ai workshop e alle conferenze che esaminano le valutazioni d'impatto, affrontano il finanziamento dell'efficienza energetica e discutono il ruolo centrale dei consumatori nel pacchetto invernale. È stato sufficiente per competere persino con l'ossessione di Bruxelles per la Brexit.

Ci sono alcune criticità legate al processo di approvazione del pacchetto.

L'obiettivo: C'è divergenza sull'obiettivo. Dall'attuale obiettivo non vincolante del 27%, la Commissione ha proposto un obiettivo vincolante più rigoroso del 30% di risparmio entro il 2030. Mentre il Parlamento europeo sostiene questo tipo di obiettivo, sembra che il Consiglio (che rappresenta gli stati membri) sia molto meno ambizioso. Da prove recenti, come le valutazioni d'impatto esaminate in un workshop organizzato daLeonardo Energy, sembra che un obiettivo ambizioso sia necessario. Ma qualunque sia l'obiettivo, la mia preoccupazione è il ruolo che sarà assegnato all'efficienza energetica nel raggiungerlo. Speriamo che ci sia un crescente apprezzamento del contributo critico che una migliore efficienza energetica può dare agli obblighi dell'UE nell'ambito dell'accordo sul clima di Parigi del 2015.

L'efficienza prima di tutto: La discussione sugli obiettivi, e su come raggiungerli, dovrebbe fare riferimento all'impegno dell'Unione dell'energia per Efficiency First, che essenzialmente pone l'efficienza energetica come primo filtro per tutte le politiche energetiche. "Dà la priorità agli investimenti in risorse di efficienza sul lato del cliente (compresa l'efficienza energetica negli usi finali e la risposta alla domanda) ogni volta che costano meno, o forniscono più valore, rispetto agli investimenti in infrastrutture energetiche, combustibili e fornitura da soli", secondo il RegulatoryAssistance Project (RAP).

Vorrei essere rassicurato sul fatto che le altre direttive in esame (rinnovabili, governance e mercato interno dell'elettricità), così come le iniziative di accompagnamento, siano state sviluppate secondo il principio Efficiency First. Lo spero, ma al momento sono scettico.

Per quanto riguarda l'industria, il principale motore per l'efficienza energetica è considerato il sistema di scambio di emissioni dell'UE. Ma, secondo recenti analisi discusse a Bruxelles, l'ETS non sta effettivamente fornendo efficienza energetica. Eppure il pacchetto invernale non offre praticamente nessuna proposta di efficienza energetica per l'industria. Sembra esserci una lacuna.

Ristrutturazione degli edifici: Le schede informative che accompagnavano il pacchetto invernale dicevano che "I cambiamenti proposti dalla Commissione nella direttiva sull'efficienza energetica e nella direttiva sul rendimento energetico degli edifici mirano ad accelerare il tasso di ristrutturazione degli edifici esistenti con l'obiettivo di decarbonizzare il parco edilizio entro la metà del secolo". Non è ovvio come questo possa avvenire. Mentre iniziative come il finanziamento intelligente per gli edifici intelligenti sono benvenute, non sembrano accelerare le ristrutturazioni profonde sulla scala necessaria. Come ha sostenuto l'Energy Advice Exchange (EAE), senza un'efficace consulenza energetica, i consumatori non intraprenderanno ristrutturazioni significative di efficienza energetica. Gli Stati membri sono tenuti a preparare strategie di rinnovamento (prima sotto la direttiva sull'efficienza energetica e ora proposto sotto la direttiva sul rendimento energetico degli edifici), ma non vi è alcun obbligo di attuare le strategie. Una recente revisione da parte dell'EAE ha mostrato che molti (se non la maggior parte) degli Stati membri non hanno nemmeno usato queste strategie come documenti di consultazione nelle discussioni con gli stakeholder nazionali.

Un pacchetto di energia pulita incentrato sul consumatore: Ogni pagina del pacchetto invernale è incentrata sulle esigenze dei consumatori. Questo è molto gradito e atteso da tempo. Una recente conferenza organizzata dal BEUC, l'organizzazione europea dei consumatori, ha discusso il pacchetto energia pulita dal punto di vista dei contatori intelligenti, permettendo ai consumatori di cambiare fornitore, le questioni di bundling e la protezione dei consumatori. Mentre queste misure sono certamente tutte importanti, non si è discusso del ruolo dei consumatori nelle strategie di rinnovamento (anche se alla fine è stato tirato fuori). I pacchetti di finanziamento e l'attestato di prestazione energetica dell'EPBD, anche se utili, non saranno sufficienti per incoraggiare i consumatori a investire in ambiziose ristrutturazioni a risparmio energetico. Un pacchetto invernale che metta il consumatore al primo posto dovrà fornire molto più aiuto e incoraggiamento al consumatore se si vogliono ottenere risparmi energetici significativi.

Il processo: È stato frustrante che nella EED e nella EPBD, così pochi articoli siano stati aperti alla revisione. Questo non ha senso se i primi principi - Efficienza prima di tutto - vengono attuati e quando l'efficienza energetica è sul punto di giocare finalmente il ruolo che dovrebbe nelle nostre strategie di mitigazione del carbonio.

Il Consiglio e il Parlamento hanno un grande lavoro davanti a loro per rivedere e riflettere sull'analisi delle valutazioni d'impatto e sulle proposte di revisione delle direttive. Anche la comunità dei sostenitori (lobbisti professionali e gruppi ambientalisti) deve fare i conti con l'intera gamma di temi e proposte sollevate dalla Commissione.

La Commissione deve essere lodata per il pacchetto. Questo approccio olistico e integrato non è mai successo prima. È una base eccellente su cui costruire.

Ora c'è l'opportunità di mettere l'efficienza al primo posto attraverso la messa al primo posto dei consumatori. È l'opportunità di posizionare il miglioramento dell'efficienza energetica al centro delle strategie di mitigazione delle basse emissioni di carbonio post-Parigi.

Questo è un processo che dovrebbe coinvolgere persone ben oltre Bruxelles, in tutta Europa. Si tratta di gettare le fondamenta - LE fondamenta - per la nostra transizione energetica a basse emissioni di carbonio che risuonerà per molti anni a venire. Non abbiamo molte opportunità di fare passi così importanti. Merita tutte le critiche positive che contribuiranno a un pacchetto invernale più forte ed efficace.

 

Maggiori dettagli sull'industria e il "Pacchetto Inverno" dell'UE nei miei ultimi blog

  1. Cosa significa il "Pacchetto invernale" dell'UE per l'industria
  2. Dov'è l'industria nell'affrontare gli obblighi climatici ed energetici dell'Europa?