UNIDO: Efficienza energetica industriale: Raccogliere i frutti a portata di mano

28 June 2017 da Jürgen Ritzek
UNIDO: Efficienza energetica industriale: Raccogliere i frutti a portata di mano

Li Yong è direttore generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO)

Si concentra su due aspetti: I benefici dell'implementazione dei sistemi di gestione dell'energia e - soprattutto - i benefici non energetici. Il ruolo dell'innovazione rimane in primo piano per i governi, l'industria, il settore privato, gli investitori e le organizzazioni come l'UNIDO, al fine di promuovere, supportare e sostenere efficacemente l'innovazione nelle tecnologie, nelle applicazioni, nei processi produttivi e nei modelli di business. Il potenziale di efficienza energetica nel settore industriale è sostanziale. L'innovazione tecnologica ha raggiunto la cima delle agende dei politici in molti paesi, compresi molti stati membri dell'UNIDO.

Tuttavia, rimane un lavoro sostanziale davanti ai governi e alle imprese per promuovere l'innovazione nelle industrie, dice. Aggiunge che l'innovazione è l'altro driver/fattore chiave per raggiungere un cambiamento trasformazionale verso percorsi di sviluppo a basso contenuto di carbonio e maggiore produttività è l'innovazione. Per le aziende nell'efficienza energetica industriale dovrà affrontare il futuro dell'industria, ma rimane ancora un lavoro sostanziale davanti a sé.


Contenuti correlati   #domanda dell'industria  #gestione dell'energia  #efficienza energetica 


Il seguente articolo è l'articolo chiave del Global Sustain Yearbook 2016/17 di LI Yong, direttore generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO) .

Li Yong si concentra su due aspetti:

  1. I benefici dell'implementazione dei sistemi di gestione dell'energia e - soprattutto - i benefici non energetici
  2. Il ruolo dell'innovazione

Potete trovare il suo articolo qui sotto con alcune aree evidenziate e alcuni titoli aggiunti per una lettura più facile, così come ulteriori link e un link all'annuario completo, "The Energy [R]Evolution" e-book, pubblicato da Global Sustain.

La sfida

In tutto il mondo, l'industria è un grande consumatore di energia. Oggi il settore industriale rappresenta quasi il 40% del consumo totale di energia finale del mondo. E, nei prossimi due decenni, si prevede che la domanda di energia dell'industria aumenti ulteriormente, a un tasso dell'1,3% annuo. L'industria è anche la più grande fonte di emissioni di gas serra (GHG), rappresentando quasi un terzo delle emissioni globali totali.

Labuona notizia è che l'adozione di misure di efficienza energetica potrebbe ridurre l'uso di energia industriale di oltre il 25%. Il potenziale per l'efficienza energetica nel settore industriale è sostanziale. Non solo l'efficienza energetica industriale riduce il consumo globale di energia - riducendo così la dipendenza di molti paesi dalle importazioni di energia - ma incoraggia anche lo sviluppo, crea posti di lavoro e diminuisce l'inquinamento. In effetti, gli sforzi per migliorare l'efficienza energetica industriale sono fondamentali per raggiungere l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e gli obiettivi di sviluppo sostenibile, specialmente quelli relativi al cambiamento climatico e all'energia sostenibile.

Una delle principali barriere all'efficienza energetica nel settore industriale è che le aziende industriali si concentrano sulla guida della produzione e la maggior parte non sono consapevoli dei molteplici benefici dell'implementazione di attività di efficienza energetica o della gamma di tecnologie disponibili. Ma, negli ultimi due decenni, i sistemi di gestione dell'energia (EnMS) sono emersi come una comprovata metodologia di best practice per garantire l'efficienza energetica sostenibile e migliorare continuamente le prestazioni industriali. (Un sistema di gestione dell'energia è una serie di processi che permette alle persone con diverse responsabilità in un'organizzazione di utilizzare i dati e le informazioni per mantenere e migliorare le prestazioni energetiche, migliorando l'efficienza operativa, diminuendo l'intensità energetica e riducendo l'impatto ambientale).

Il ruolo di EnMS - ISO 50001

Lo standard globalmente accettato e riconosciuto per l'EnMS è l'ISO 50001 e la sua attuazione può aiutare l'industria a sviluppare strategie e processi per gestire l'uso dell'energia, aumentare l'efficienza, ridurre i costi e migliorare le prestazioni ambientali.

Le politiche e i meccanismi di mercato che incoraggiano l'adozione dell'EnMS nell'industria possono essere molto efficaci per migliorare l'efficienza. Questo perché un sistema di gestione dell'energia stabilisce legami più stretti tra l'efficienza energetica e i valori fondamentali dell'industria, come la riduzione dei costi, l'aumento della produttività, la conformità ambientale e la competitività globale.

Nell'ultimo decennio, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO) ha sostenuto le imprese dei paesi in via di sviluppo e delle economie emergenti nell'implementazione di EnMS, aiutandole così a migliorare il loro rendimento energetico, la produttività e la sostenibilità ambientale. Per le aziende dei paesi in via di sviluppo che sono nuove, la gestione dell'energia può produrre un risparmio energetico dal 5 al 15% nei primi uno o due anni di implementazione. Gli EnMS sono così efficacinel raggiungere riduzioni significative e sostenibili del consumo energetico che molti governi richiedono ai grandi utenti finali di energia di implementarli. La maggior parte dei paesi in Europa ha già reso la gestione dell'energia centrale nei loro programmi di efficienza energetica.

I governi che vogliono creare le condizioni per facilitare l'adozione della gestione dell'energia e implementare la ISO 50001 devono mettere in atto politiche e meccanismi che promuovano la sua adozione. Nello sviluppo di un mix di politiche che meglio si adatta al settore industriale, è importante analizzare gli strumenti e gli schemi che sono in uso in tutto il mondo e presentare considerazioni rilevanti per i responsabili politici nei paesi in via di sviluppo.

Standard minimi di rendimento energetico (MEPS)

La definizione di standard di rendimento energetico per le attrezzature industriali è un'altra area che detiene un potenziale significativo per il risparmio energetico nell'industria. Molti paesi sviluppati hanno già degli standard minimi obbligatori di rendimento energetico (MEPS) in vigore per una serie di attrezzature che consumano energia nell'industria, mentre molti paesi in via di sviluppo si stanno muovendo verso l'introduzione di MEPS obbligatori per attrezzature industriali come motori e caldaie.

Icomponenti efficienti possono portare a guadagni nell'ordine del due-cinque per cento, ma le misure di ottimizzazione dei sistemi possono raggiungere guadagni medi di efficienza del 20-30 per cento con un periodo di recupero di meno di due anni. Pertanto, gli sforzi per affrontare gli ostacoli all'ottimizzazione dell'efficienza energetica nella progettazione, funzionamento e manutenzione dei sistemi energetici industriali dovranno essere fatti al fine di catturare il pieno potenziale economico e ambientale dell'efficienza energetica.

Innovazione

Guardando al futuro dell'efficienza energetica nell'industria, l'altro driver/fattore chiave per raggiungere un cambiamento trasformazionale verso percorsi di sviluppo a basse emissioni di carbonio e a maggiore produttività è l'innovazione - e con questo intendo l'innovazione nelle tecnologie, nelle applicazioni, nei processi produttivi e nei modelli di business.

L'innovazione tecnologica ha raggiunto la cima delle agende dei politici in molti paesi, compresi molti stati membri dell'UNIDO. Tuttavia, c'è ancora molto lavoro da fare per i governi, l'industria, il settore privato, gli investitori e le organizzazioni come UNIDO per promuovere, sostenere e accelerare efficacemente lo sviluppo di tecnologie e soluzioni pulite innovative, specialmente nel e per il settore industriale. I governi devono creare ecosistemi per identificare soluzioni innovative per le sfide tecniche affrontate dall'industria e lavorare con l'industria e la più ampia comunità di ricerca e sviluppo per risolverle.

Il sostegno del governo per la produzione verde, le competizioni per l'innovazione delle piccole e medie imprese (PMI) e gli incubatori e acceleratori per l'innovazione è aumentato negli ultimi anni. Questo è un segno molto positivo. L'UNIDO, insieme a partner chiave come il Global Environment Facility e il Cleantech Open, è stato in grado di sviluppare il programma UNIDO-GEF Global Cleantech Innovation Programme per le PMI, che ora copre sette paesi e dovrebbe essere esteso ad altri, per aiutare a sbloccare il pieno potenziale di efficienza energetica nell'industria.

Una nuova area di attenzione per UNIDO in termini di innovazione per l'efficienza energetica industriale è quella dei Big Data e dell'Internet-of-Things. Recenti rapporti del McKinsey Global Institute hanno fornito una visione molto interessante del potenziale di produttività e innovazione che i Big Data e l'Internet-of-Things offrono all'industria. Uno studio eseguito da una delle imprese digitali leader in Europa ha scoperto che l'implementazione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) e la digitalizzazione dei processi aziendali possono aiutare a rimuovere 7,6 gigatonnellate (GT) di emissioni di carbonio in sei settori industriali, tra cui 2,2 GT dai servizi pubblici e 0,7 GT dalla produzione.[

La maggior parte delle aziende sta ancora catturando solo una frazione del valore potenziale dei dati, dell'analisi e dell'applicazione dell'ICT, e il settore manifatturiero è uno dei settori in cui il progresso è stato particolarmente lento. È interessante notare che lo studio evidenzia anche il fatto che le maggiori barriere che le aziende affrontano nell'estrarre valore dai dati e dall'analitica sono organizzative; molti lottano per incorporare le intuizioni guidate dai dati nei processi aziendali quotidiani.

All'UNIDO abbiamo iniziato a esaminare alcune di queste opportunità e le loro barriere associate, e ora stiamo lavorando in diversi paesi, tra cui la Russia e l'Iran, sull'applicazione di soluzioni all'avanguardia basate su internet per l'analisi e il monitoraggio dell'efficienza energetica nell'industria, consentendo un monitoraggio istantaneo delle prestazioni energetiche e una misurazione in tempo reale dell'uso e del risparmio energetico.

Altre soluzioni innovative che hanno un ottimo potenziale per l'efficienza energetica industriale includono servizi relativi al monitoraggio e al controllo a distanza delle utenze energetiche, in particolare per le PMI, e sistemi automatizzati per monitorare e riferire sulle prestazioni energetiche. Le aziende industriali e gli imprenditori innovativi che lavorano in collaborazione con il programma di efficienza energetica industriale dell'UNIDO hanno sperimentato molteplici benefici oltre al puro risparmio dei costi energetici, tra cui una maggiore produttività e competitività, una ridotta esposizione alla volatilità dei prezzi dell'energia e una maggiore affidabilità operativa. Tuttavia, la maggior parte dei paesi ha ancora notevoli opportunità non sfruttate per migliorare la propria efficienza energetica industriale.

Link e ulteriori osservazioni dell'EEIP

L'annuario completo è accessibile qui

Un tema collegato è come finanziare gli investimenti nell'efficienza energetica industriale. L'EEIP è un partner in un progetto europeo sul collegamento dell'industria e delle ESCO con i mercati dei capitali. Qui potete trovare maggiori informazioni e come collaborare. Il progetto, chiamato ICP, riceve finanziamenti dal programma di ricerca e innovazione dell'Unione europea Horizon 2020 sotto l'accordo di sovvenzione n. 754056