Investimenti per la transizione energetica nei mercati emergenti e nei paesi in via di sviluppo

08 November 2022 da Jürgen Ritzek
Investimenti per la transizione energetica nei mercati emergenti e nei paesi in via di sviluppo

I mercati emergenti e le economie in via di sviluppo (EM&DE) sono responsabili di quasi la metà delle emissioni globali di gas serra. Ma il volume di capitale attualmente impiegato per la transizione di questi Paesi verso fonti energetiche a più basso contenuto di carbonio è insufficiente rispetto alle dimensioni della sfida climatica. Il rapporto BNEF "Mobilizing Capital Into Emerging Markets and Developing Economies" (Mobilitare il capitale nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo) offre un'istantanea delle condizioni attuali per gli investimenti nella transizione energetica. Gli investimenti in capacità di energia rinnovabile sono aumentati del 40% nei cinque anni che terminano nel 2021, rispetto al periodo 2012-2016. Negli ultimi cinque anni si è registrato anche un calo del 25% degli investimenti in capacità a combustibili fossili in questi mercati, mentre le energie rinnovabili hanno attirato il 15% in più di capitale. Questa tendenza dovrebbe continuare se gli investitori daranno seguito agli investimenti pubblici e privati. Gli investimenti in combustibili fossili sono diminuiti dal 2019, ma i volumi rimangono significativi.


Contenuti correlati   #economie in via di sviluppo  #energie rinnovabili  #finanziamenti per il clima 


Read the original article here: BNEF