Servizi per l'efficienza energetica Finanza

Alimentare un futuro di efficienza energetica

03 novembre 2020 da Dr. Steven Fawkes
Alimentare un futuro di efficienza energetica

Il30 settembre ho moderato un webinar sull'efficienza energetica, Powering anEnergy Efficient Future, per l'IPFA come parte della loro serie di transizione energetica.

 

 

 

Abbiamo avuto tre grandi panelisti che sono tutti direttamente coinvolti nell'efficienza energetica e nell'investimento nell'efficienza energetica:

 

 

 

Murray Birt, Senior ESG Strategist per DWS con sede a Londra. Murray è coinvolto in tutti gli aspetti della sostenibilità in DWS, ma ha un interesse particolare per l'efficienza energetica e ha lavorato con diversi gruppi sull'efficienza energetica, tra cui l'Energy Efficiency Financial Institutions Group, EEFIG, e il Green Finance Institute.

 

 

 

Jessica Luk, Direttore dello Sviluppo NYCEEC di New York , che è stata la prima banca verde locale degli Stati Uniti. Jessica ha una vasta esperienza in materia di sostenibilità, politica e finanza, anche nell'ufficio dei sindaci di NYC per la sostenibilità durante l'amministrazione del sindaco Bloomberg, ed è stata una delle fondatrici del NYCEEC.

 

 

 

Andy Holzhauser, della Donovan Energy con sede in Ohio. Donovan Energy sviluppa e realizza progetti di efficienza energetica per una vasta gamma di clienti commerciali e Andy è un esperto di finanziamento PACE, che è un modo importante di finanziare l'efficienza energetica negli Stati Uniti. Ha redatto la legislazione PACE in due stati e siede nel consiglio di amministrazione di PACE Nation - l'associazione per PACE negli Stati Uniti.

 

 

 

Di seguito è riportata una versione modificata delle mie osservazioni introduttive.

 

 

 

Benvenuti a questo webinar che si occupa di efficienza energetica che, come sentiremo, è una parte essenziale della transizione energetica, ma che è stata a lungo trascurata rispetto a cose più fredde come il solare, l'eolico e l'immagazzinamento. Grazie all'IPFA per avermi invitato a moderare la discussione. Questo potrebbe essere l'ultimo della serie, ma credetemi, questo è l'elemento più importante della transizione energetica.

 

 

 

Dovrei iniziare definendo l'efficienza energetica. In sostanza si tratta di ridurre l'apporto di energia per ogni particolare attività. Come specialista dell'efficienza energetica tendo verso una posizione fondamentale che esclude le tecnologie di generazione, e questo significa cose come l'isolamento o migliori controlli, ma sempre di più quando diciamo "efficienza energetica" si tratta di tutta la gamma di misure energetiche dal lato della domanda, compresa la generazione locale e la risposta alla domanda che si uniscono per ridurre l'input di energia primaria per qualsiasi attività. In realtà mi piace il termine meno comune, produttività energetica, ma continuiamo con l'efficienza energetica.

 

 

 

L'efficienza energetica è stata a lungo la cenerentola della politica energetica. Di solito è stata l'ultima in ordine di importanza per i responsabili politici e gli specialisti dell'energia, in parte perché per definizione è "l'assenza di qualcosa", in parte perché è costituita da centinaia e migliaia di piccoli progetti difficili da vedere, e in parte perché è noiosa. Nelle parole di un poster che ho visto una volta nell'ufficio di un ministro dell'energia del Regno Unito c'è la sensazione che "i veri uomini costruiscono centrali elettriche", non fanno efficienza energetica. Le centrali elettriche, le turbine eoliche e persino i pannelli solari sono fotogenici e possono essere usati come sfondo dai politici, cose come l'isolamento non possono e quindi l'efficienza è spesso letteralmente un pensiero successivo nella politica energetica - i politici spesso finiscono i discorsi di politica energetica dicendo "e infine non dobbiamo dimenticare l'efficienza energetica", anche se poi la dimenticano prontamente.

 

 

 

Ma dopo aver detto tutto questo, quando si guarda bene la realtà è molto diversa. L'efficienza energetica è la risorsa energetica più grande, più economica e più veloce che abbiamo e dopo molti anni e decenni di negligenza questo viene riconosciuto dai governi e dagli investitori di tutto il mondo ed è per questo che siamo qui oggi. Voglio solo ripercorrere alcune delle caratteristiche importanti dell'efficienza energetica.

 

 

 

Cominciamo con una verità fondamentale,gli utenti dell'energia, siano essi industriali, commerciali o domestici, non vogliono o hanno bisogno di elettricità o combustibile di per sé, vogliono o hanno bisogno dei servizi che l'energia fornisce. Secondo le parole del guru dell'efficienza energetica Amory Lovins, la gente non vuole energia, vuole "docce calde, birra fredda, comfort, mobilità e illuminazione". Spostando l'attenzione sui servizi richiesti e sul costo totale e sull'apporto totale di energia per fornirli, si apre la possibilità di raggiungere livelli di efficienza energetica molto più elevati, nonché nuovi modelli di business basati sui servizi energetici.

 

 

 

I progetti di efficienza energetica hanno spesso un rapido ritorno dell'investimento. Nella banca dati Derisking Energy Efficiency Platform (DEEP)[i] del gruppo di istituzioni finanziarie per l'efficienza energetica (EEFIG), che comprende oltre 10.000 progetti, i rimborsi medi riportati sono di 5 anni per gli edifici e di 2 anni per i progetti industriali.

 

 

 

Nonostante questa attrattiva economica molti progetti potenziali non procedono a causa di altre priorità dell'ospite del progetto, della mancanza di capacità interna di sviluppare progetti o della carenza di capitale di investimento. Inoltre, i normali investimenti in ristrutturazioni di edifici e impianti industriali o in nuovi edifici e strutture spesso non sfruttano tutto il potenziale di efficienza energetica in termini di costi.

 

 

 

Molti studi hanno dimostrato che l'efficienza energetica è il modo più economico per fornire servizi energeticiUno studio britannico del 2012, basato su progetti reali, ha dimostrato che il costo dell'energia livellato (LCOE) per l'efficienza energetica è stato di 4,34 sterline / MWh rispetto a 44/MWh per l'eolico off-shore e 95 sterline / MWh per il nucleare. I progetti nel database DEEP dell'EEFIG hanno mostrato un LCOE ancora più basso. L'efficienza energetica è davvero l'opzione energetica più economica.

 

 

 

Il potenziale di miglioramento dell'efficienza energetica è enorme. E' stata ampiamente studiata, in molti settori e in molte aree geografiche. Una ricerca dell'Università di Cambridge[ii] ha concluso che a livello globale utilizziamo 475 Exajoule di risorse energetiche primarie per fornire 55 Exajoule di servizi energetici utili (movimento, calore, raffreddamento, luce e suono), il che significa che per tutta la nostra tecnologia abbiamo un'efficienza energetica globale globale di solo l'11%, ed è per questo che il mio blog è chiamato soloelevenpercento.com. Sebbene questo numero non tenga conto di considerazioni economiche, mostra che esiste un'enorme risorsa potenziale nelle opportunità di efficienza energetica non sfruttate, una risorsa tecnicamente fattibile ma non necessariamente economica, analoga a una stima delle risorse di petrolio o gas. La parte più interessante di questa risorsa è il potenziale economico, potenziale che è tecnicamente ed economicamente fattibile ma non ancora sfruttato, che può essere considerato simile alle riserve accertate di petrolio e gas - tipicamente riduzioni del 30-40% nell'uso di energia.

 

 

 

L'impatto dell'efficienza energetica nella transizione energetica è stato trascurato rispetto ai combustibili fossili e alle energie rinnovabili. Senza i miglioramenti dell'efficienza energetica dal 2000, l'uso globale dell'energia sarebbe stato superiore del 13% nel 2018 e le emissioni di carbonio legate all'energia sarebbero state superiori del 14%[iii]. In un'analisi statunitense è stato dimostrato che l'efficienza energetica ha "alimentato" tre quarti della crescita della domanda di servizi connessi all'energia dal 1970 e la storia del Regno Unito è stata simile. Si parla vagamente di un aumento dell'uso dell'energia, ma nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in altri paesi l'uso dell'energia sta effettivamente diminuendo - soprattutto a causa del miglioramento dell'efficienza. Una volta che inizieremo a elettrificare i trasporti e il riscaldamento con sempre più energia rinnovabile, scenderà ancora di più, poiché taglieremo la generazione di calore, che è incredibilmente dispendiosa, e useremo motori elettrici che sono molto più efficienti dei motori a combustione interna.

 

 

 

L'efficienza energetica è stata descritta come "il perno che può tenere aperta la porta a un futuro a 2°C". L'AIEstima che per raggiungere unoscenario a2°Cl'efficienza energetica deve rappresentare il 38% della riduzione totale delle emissioni cumulative fino al 2050, mentre l'energia rinnovabile deve rappresentare solo il 32%.

 

 

 

Quindi, abbiamo questa enorme risorsa di efficienza energetica, molto economica e sottoutilizzata, che è una parte essenziale della transizione energetica globale e fondamentale per raggiungere i nostri obiettivi di carbonio. Siamo circondati da un'enorme riserva di energia a basso costo, pulita e sfruttabile sotto forma di potenziale di efficienza energetica ovunque si guardi, ma abbiamo storicamente sottoinvestito in essa e continuiamo a sottoinvestire. Lasfidaessenzialeè come spostare gli investimenti nell'efficienza energetica per pareggiare lo squilibrio tra gli investimenti nell'approvvigionamento energetico e il miglioramento dell'efficienza energetica.

 

 

 

Voglio solo concludere parlando delle molte ragioni per cui le istituzioni finanziarie dovrebbero prendere in considerazione l'impiego di più capitali nell'efficienza energetica:

 

 

 

  • L'efficienza energetica rappresenta un grande mercato potenziale. L'AIE stima che nel 2018 l'investimento globale nell'efficienza energetica è stato di 240 miliardi di dollari. Per raggiungere gli obiettivi allineati a Parigi questo livello di investimenti deve crescere fino a circa 1 trilione di dollari all'anno entro il 2050 e la fornitura di finanziamenti può aiutare a superare alcuni degli ostacoli agli investimenti nell'efficienza energetica.
  • L'efficienza energetica può produrre flussi di cassa stabili e a lungo termine, che possono fornire prodotti basati sul rendimento, comprese le obbligazioni verdi, se si raggiunge una scala sufficiente.
  • Ilmiglioramento dell'efficienza energetica riduce i rischi in due modi. In primo luogo, l'aumento dell'efficienza energetica migliora il flusso di cassa degli ospiti del progetto. In secondo luogo, c'è il rischio di finanziare attività che si arenano a causa dell'inasprimento delle normative sull'efficienza energetica. Per esempio, in Inghilterra e nel Galles i regolamenti sugli standard minimi di efficienza energetica rendono illegale l'affitto di un edificio commerciale con un rating di certificazione energetica inferiore a E, e lo standard minimo sarà reso più severo nel tempo. La mancata riqualificazione di edifici poco performanti mette a rischio i proprietari di edifici poco performanti ei loro finanziatori.
  • L'efficienza energetica è uno dei percorsi chiave per ridurre le emissioni di gas serra. È fortemente a favore degli impegni netti a zero e dell'accordo di Parigi.
  • Investire nel miglioramento dell'efficienza energetica è in linea con l'Obiettivo 7 dello Sviluppo Sostenibile, "Garantire a tutti l'accesso a un'energia accessibile, affidabile, sostenibile e moderna", e in particolare con l'Obiettivo 7.3: "Raddoppiareil tasso globale di miglioramento dell'efficienza energetica entro il 2030". Inoltre, sostiene anche l'SDG 9, 'Costruireinfrastrutture resilienti, promuovere un'industrializzazione inclusiva e sostenibile e favorire l'innovazione', l'SDG 11 'Rendere lecittà e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, resilienti e sostenibili' e l'SDG 12 'Garantiremodelli di consumo e produzione sostenibili'.
  • L'efficienza energetica è un investimento a impatto. Oltre a ridurre il consumo di energia, i progetti di efficienza possono avere un impatto positivo su fattori quali l'inquinamento atmosferico locale, la creazione di posti di lavoro, il miglioramento della salute e i risultati dell'apprendimento. Pertanto dovrebbe essere una parte fondamentale di qualsiasi programma di investimento di impatto o programma CSR/ESG.
  • I regolatori guardano sempre più ai rischi legati al clima. Le azioni includono la richiesta alle banche di rivelare i rischi legati al clima dei loro portafogli di prestiti, il che permetterà alle istituzioni finanziarie di essere meglio informate sulle prestazioni dei prestiti e quindi sul costo del rischio e di effettuare una migliore valutazione del rischio. Possibili azioni future potrebbero includere la riduzione dei requisiti di riserva di capitale per i finanziamenti "verdi". Investire nell'efficienza energetica riduce i rischi legati al clima.

 

 

 

Riteniamo che queste ragioni significhino che gli investimenti nell'efficienza energetica dovrebbero essere sempre più all'ordine del giorno della sala del consiglio di amministrazione di tutte le istituzioni finanziarie. In qualsiasi mercato essi operino ci sono opportunità di crescita, opportunità di riduzione del rischio e opportunità di raggiungere obiettivi di impatto più ampi.

 

 

 

Sembra che la scala e l'attrattiva della risorsa dell'efficienza energetica sia finalmente riconosciuta e che stia emergendo una nuova classe di attività.

 

 

 

Grazie all'IPFA per aver ospitato il webinar e per aver incluso l'efficienza nella serie di transizione energetica.https://www.ipfa.org

 

i]Piattaforma EEFIGDerisking Energy Efficiency Platform.https://deep.eefig.eu

 

[ii] Riduzione delladomanda di energia: Quali sono i limiti pratici? Jonathan M. Cullen, Julian M. Allwood e Edward H. Borgstein. Scienza e tecnologia ambientale. 2011.

 

[iii]Raccomandazioni della Commissione Globale. Commissione globale per un'azione urgente per l'efficienza energetica. Giugno 2020.

 


Di Dr. Steven Fawkes

Fawkes

Steven lavora a diversi progetti di finanziamento per l'efficienza energetica in tutto il mondo, tra cui l'Investor Confidence Project Europe. Ha fondato EnergyPro nel 2012 per contribuire ad accelerare gli investimenti nella transizione energetica, soprattutto nel campo dell'efficienza energetica e delle risorse, e gestisce il blog OnlyElevenPercent.


Contenuti correlati