Investire nel miglioramento dell'efficienza energetica è l'occasione per l'industria di partecipare alla ripresa economica post-pandemica

10 June 2020 da Rod Janssen
Investire nel miglioramento dell'efficienza energetica è l'occasione per l'industria di partecipare alla ripresa economica post-pandemica

La Commissione europea ha presentato il suo piano europeo di investimenti Green Deal. Il piano è quello di mobilitare almeno 1.000 miliardi di euro di investimenti sostenibili nel prossimo decennio. Nel marzo 2020, la Commissione ha anche pubblicato la sua strategia industriale. Essa mira a ridurre la burocrazia e ad aiutare le numerose PMI europee a fare affari nel mercato unico e oltre, ad accedere ai finanziamenti e ad aiutare a guidare la transizione digitale e verde. La tabella seguente mostra che gli investimenti nel settore industriale non sono cambiati negli ultimi sei anni. Ci sono altre ragioni importanti per l'industria per investire in miglioramenti dell'efficienza energetica come parte della spinta per una maggiore decarbonizzazione. Questo settembre, il Consiglio europeo per un'economia dell'efficienza energetica (eceee) sta organizzando l'evento virtuale Industrial Efficiency 2020. Esplorerà le tendenze attuali ed emergenti nell'industria, come i nuovi modelli di business, la digitalizzazione, l'industria 4.0, l'economia circolare e l'efficienza delle risorse, e discuterà il significato di queste tendenze per realizzare la decarbonizzazione.


Contenuti correlati   #europa  #digitalizzazione  #nuove tecnologie 


Nel gennaio 2020, la Commissione europea ha presentato il suo Piano di investimento europeo Green Deal. Il Piano europeo di investimenti Green Deal mobiliterà i finanziamenti dell'UE e creerà un quadro di riferimento per facilitare e stimolare gli investimenti pubblici e privati necessari per la transizione verso un'economia neutrale dal punto di vista climatico, verde, competitiva e inclusiva. Il piano prevede la mobilitazione di almeno 1.000 miliardi di euro di investimenti sostenibili nel prossimo decennio.

 

Nel marzo 2020, la Commissione ha ulteriormente sviluppato il Green Deal proponendo un progetto di legge UE sul clima che propone un obiettivo giuridicamente vincolante di zero emissioni nette di gas serra entro il 2050.

 

Nel marzo 2020, la Commissione ha anche pubblicato la sua strategia industriale[1]. Ci saranno "misure globali per modernizzare e decarbonizzare le industrie ad alta intensità energetica, sostenere le industrie della mobilità sostenibile e intelligente, promuovere l'efficienza energetica, rafforzare gli attuali strumenti di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio e garantire un approvvigionamento sufficiente e costante di energia a basse emissioni di carbonio a prezzi competitivi". La strategia comprende una strategia dedicata alle piccole e medie imprese (PMI) che mira a ridurre la burocrazia e ad aiutare le numerose PMI europee a fare affari nel mercato unico e oltre, ad accedere ai finanziamenti e ad aiutare a guidare le transizioni digitali e verdi.

 

Per il settore industriale ciò significa che il livello di miglioramento dell'efficienza energetica deve essere aumentato e che, per aumentare tali miglioramenti, sono necessari maggiori finanziamenti sia da parte del settore pubblico che di quello privato. Questi devono sostenere altre iniziative come gli audit energetici obbligatori per le grandi imprese, il sostegno alle PMI e la promozione di sistemi di gestione dell'energia come ISO 50001.

 

 

 

Recentemente l'Agenzia Internazionale per l'Energia ha pubblicato il suo Investimenti energetici mondiali 2020. La tabella seguente mostra che gli investimenti nel settore industriale non sono cambiati negli ultimi sei anni, anche se ci sono state iniziative a livello nazionale e internazionale per incoraggiare maggiori investimenti per l'efficienza energetica e per aumentare la consapevolezza.

 

 

 

 

 

 

Eppure, in un altro rapporto dell'AIE Rapporto sull'efficienza energetica 2019la spesa evitata per l'energia grazie ai miglioramenti dell'efficienza energetica è significativa per l'industria, e in crescita.

 

 

 

 

 

 

Se vediamo questi benefici nella riduzione dei costi, perché non si fa di più? E ci sono altre importanti ragioni per l'industria per investire nel miglioramento dell'efficienza energetica come parte della spinta per una maggiore decarbonizzazione.

 

 

 

Sappiamo cosa bisogna fare

 

 

 

La grande industria in Europa è stata obbligata ad effettuare regolari audit obbligatori come richiesto dalla Direttiva UE sull'efficienza energetica del 2012. Ora se ne sarebbero dovuti effettuare due. Tali audit forniscono la prova di ciò che può e deve essere intrapreso nelle aziende per migliorare le loro prestazioni energetiche. Tuttavia, non stiamo assistendo a nuovi investimenti significativi.

 

 

 

Per le PMI è più complicato perché il livello di consapevolezza e la loro capacità tecnica sono più limitati. Qui abbiamo bisogno che gli sviluppatori di progetti, soprattutto le ESCO, svolgano un ruolo chiave. Progetti come il progetto "Investor Confidence Project", TrustEE e iQuad hanno lavorato con questi intermediari per rafforzare il loro ruolo.

 

 

 

La Commissione Europea ha anche sostenuto progetti per testare nuove tecnologie e tecniche per migliorare le prestazioni energetiche. Retrofeed è solo un esempio. Fornisce un pacchetto interessante. L'obiettivo principale di Retrofeed è quello di consentire l'uso di una materia prima sempre più variabile, bio-based e circolare nelle industrie di processo attraverso il retrofitting di attrezzature di base e l'implementazione di un sistema avanzato di monitoraggio e controllo, e fornendo supporto agli operatori dell'impianto attraverso un DSS - Decision Support System - che copre la catena di produzione. Ci saranno investimenti significativi per testare il sistema in diversi sottosettori industriali.

 

 

 

La Commissione Europea e UNEP FIsostenere il Gruppo Istituzioni Finanziarie per l'Efficienza Energetica (EEFIG) e si sta creando un gruppo di lavoro sull'industria. Questo gruppo di lavoro valuterà le pratiche industriali che si occupano di efficienza energetica, individuerà e valuterà i principali ostacoli e i principali motori per migliorare l'efficienza energetica nell'industria, individuerà le migliori pratiche e fornirà raccomandazioni alla DG ENERGIA su quali siano gli strumenti e gli strumenti politici probabilmente più efficaci per aumentare gli investimenti nell'efficienza energetica nell'industria. Il gruppo di lavoro si occuperà di vari aspetti dell'efficienza energetica nelle industrie ad alta intensità energetica e nelle PMI industriali e nelle industrie non ad alta intensità energetica.

 

 

 

Questo settembre, il Consiglio europeo per un'economia dell'efficienza energetica (eceee) sta organizzandoEfficienza industriale 2020 un evento virtuale questo settembre. Esso esplorerà le tendenze attuali ed emergenti nell'industria, come i nuovi modelli di business, la digitalizzazione, l'industria 4.0, l'economia circolare e l'efficienza delle risorse, e discuterà l'importanza di queste tendenze per la realizzazione della decarbonizzazione.

 

 

 

Sia l'EEFIG che l'eceee sono importanti per condividere le esperienze e costruire lo slancio.

 

 

 

Ora è il momento

 

 

 

Possiamo accelerare le azioni per contribuire a sostenere la ripresa economica dopo la pandemia COVID-19. Possiamo accelerare le azioni per soddisfare i nostri obblighi climatici di Parigi. L'EEIP sarà presente ad ogni passo. Ci auguriamo che lei sia parte della soluzione.

 

 

 

[1]ec.europa.eu/info/strategy/priorities-2019-2024/europe-fit-digital-age/european-industrial-strategy_en