La Banca europea per gli investimenti (BEI) rivede i criteri di prestito per l'energia

08 August 2019 da Dusan Jakovljevic
La Banca europea per gli investimenti (BEI) rivede i criteri di prestito per l'energia

La Banca europea per gli investimenti eliminerà gradualmente il sostegno ai progetti energetici che dipendono dai combustibili fossili. Questi progetti non saranno presentati per l'approvazione al consiglio della BEI oltre la fine del 2020. Tutte le attività della Banca nel settore energetico saranno pienamente allineate all'accordo di Parigi. La decarbonizzazione dell'approvvigionamento energetico per raggiungere gli obiettivi del 2030 richiede almeno un raddoppio dell'attuale capacità di produzione di energia rinnovabile nell'UE. La Banca rafforzerà i suoi servizi di consulenza tecnica e finanziaria agli sviluppatori di progetti e alle autorità pubbliche che cercano di aumentare i programmi di investimento. E cercherà di sostenere lo sviluppo di una fornitura interna sostenibile di materie prime critiche necessarie per la trasformazione. Vedi il documento qui. Torna alla home del Mail Online. torna alla pagina da cui sei arrivato: originariamente pubblicato dalla Commissione Europea.Torna all'ufficio del Daily Mail Online. Per un supporto confidenziale chiama il Samaritans nel Regno Unito al numero 08457 909090 o visita una filiale locale o clicca qui per i dettagli dei paesi membri dell'European Investment Board.


Contenuti correlati   #approvvigionamento energetico  #energie rinnovabili  #programmi di investimento 


La Banca europea per gli investimenti (BEI) eliminerà gradualmente il sostegno ai progetti energetici che dipendono dai combustibili fossili: produzione di petrolio e gas, infrastrutture dedicate principalmente al gas naturale, generazione di energia o calore basati sui combustibili fossili.

Questi tipi di progetti non saranno presentati per l'approvazione al consiglio della BEI oltre la fine del 2020. Di conseguenza, tutte le attività della Banca nel settore energetico saranno pienamente allineate all'accordo di Parigi.

La decarbonizzazione dell'approvvigionamento energetico per raggiungere gli obiettivi del 2030 richiede almeno un raddoppio dell'attuale capacità di produzione di energia rinnovabile dell'UE. In stretta collaborazione con la Commissione europea e altri partner, la Banca lavora per sostenere l'integrazione nel mercato di progetti di efficienza energetica e di elettricità rinnovabile, così come una maggiore cooperazione regionale. Inoltre, c'è bisogno di sostenere altri tipi di rinnovabili (riscaldamento rinnovabile), la produzione e l'integrazione di gas a basso contenuto di carbonio (come l'idrogeno) e i carburanti a basso contenuto di carbonio.

La Banca rafforzerà i suoi servizi di consulenza tecnica e finanziaria agli sviluppatori di progetti e alle autorità pubbliche che cercano di aumentare i programmi di investimento. Infine, cercherà di sostenere lo sviluppo di una fornitura interna sostenibile di materie prime critiche necessarie per la trasformazione.

Vedi il documento qui