La Cina affronta 4 grandi rischi se continua a costruire altre centrali a carbone

19 December 2019
La Cina affronta 4 grandi rischi se continua a costruire altre centrali a carbone

La flotta di carbone cinese è oltre la capacità; la maggior parte degli impianti funziona solo a circa il 50% della capacità. I costi per la salute e l'inquinamento dell'aria potrebbero crescere sostanzialmente entro il 2030 se le centrali a carbone continuano a funzionare ai tassi attuali. La Cina è il leader mondiale dell'energia pulita, ed è stata il primo investitore in energia pulita per nove degli ultimi 10 anni. La crescita e i mercati a lungo termine possono essere assicurati spostando gli investimenti e modernizzando i mercati energetici, aggiornando e digitalizzando le infrastrutture di trasmissione e distribuzione, e riconoscendo i bassi costi operativi dell'energia pulita e dello stoccaggio. Il paese sta già sperimentando un clima estremo più frequente e intenso, il ritiro dei ghiacciai, inondazioni significative

e l'innalzamento del livello del mare che porta ulteriore salinità e rischio per le infrastrutture. Lo sviluppo del carbone ha implicazioni pericolose per l'ambiente, per la salute umana e per i bisogni ecologici. Le centrali a carbone devono competere per le scarse acque sotterranee fresche con l'agricoltura e l'allevamento e altri bisogni umani ed ecologici. Lo sviluppo del carbone non farà che aumentare questi rischi. Le centrali elettriche devono anche competere con l'agricoltura.


Contenuti correlati   #impianti a carbone  #capacità di carbone  #carbone locale 


Autore: Jennifer Layke

Da gennaio 2018 a giugno 2019, la Cina ha aggiunto43 gigawatt (GW) di nuova capacità netta di potenza di carbone alla sua flotta di carbone esistente di 1.000 GW, mentre il resto del mondo ha ridotto collettivamente la capacità di carbone di 8 GW. Durante lo stesso periodo, il paese ha installato 85 GW di capacità di generazione di energia solare ed eolica. E dal 2005-2018, la Cina ha ridotto la sua intensità di carbonio del 45,8%e ha aumentato i combustibili non fossili al 14,3% del suo mix energetico primariototale.

Se la Cina sta raggiungendo i suoi obiettivi energetici dichiarati e ha l'obiettivo di raggiungere il picco delle emissioni di carbonio nel 2030, è un successo?

Non esattamente - dipende dalla tempistica.

Anche al di là dell'urgenza globale di raggiungere una drastica riduzione delle emissioni di gas serra, la Cina deve anche considerare se il suo percorso attuale è l'opzione economicamente più efficiente e sostenibile per il suo sviluppo a lungo termine. La continua espansione del carbone nel breve termine compromette la sua aspirazionead essere una "civiltà ecologica" e aumenta i costi economici dell'economia energetica cinese nei prossimi decenni.

Ci sono quattro rischi principali per la continua espansione del carbone:

1. Rischi finanziari ed economici

La Cina è sia una potenza economica globale che un paese in via di sviluppo. Vanta una forte industria mineraria del carbone che fornisce i posti di lavoro necessari, ed è un leader nella tecnologia efficiente di combustione del carbone, che ha contribuito a lanciare i suoi successi economici nei decenni passati. Ma la Cina di oggi non è la Cina di dieci anni fa. Oggi, laflotta di carbone cineseè oltre la capacità; la maggior parte degli impianti funziona solo a circa il 50% dellaloro capacità totale. E anche se i posti di lavoro nel carbone rimangono importanti e il sistema energetico è considerato più sicuro grazie al carbone locale, la Cinaè il più grande importatore di carbone del mondo. Negli ultimi dieci anni, la Cina ha importato sempre più carbone a basso tenore di zolfo dall'Australia e dall'Indonesia perché produce meno inquinamento atmosferico.

Allora perché vengono costruite centrali elettriche che erano in attesa fino a poco tempo fa? Lo sviluppo economico locale e lo stimolo stanno guidando le decisioni a breve termine. I leader provinciali desiderosi di sviluppo locale stanno cercando di soddisfare le industrie locali. Global Energy Monitor riporta che le autorità provinciali hanno rilasciato 245 GWdi permessi per impianti a carbone tra il 2014 e il 2016. Continuare asviluppare nuove regole di mercato potrebbe aiutare a integrare le reti regionali e contribuire a fornire un sistema energetico più finanziariamente solido ed efficiente che possa accogliere più energia rinnovabile.

Dato il loro utilizzo potenzialmente basso, investire in impianti a carbone è una proposta rischiosa per il settore bancario, che è estremamente importante per fornire sicurezza economica a livello nazionale. Negli anni passati, più della metà delle centrali a carbone in funzione hanno affrontatoperdite finanziarie nette, risultanti da un eccesso di investimenti nell'energia del carbone, dall'aumento dei prezzi del carbone e dalla riduzione della decurtazione dell'energia rinnovabile (più dell'energia rinnovabile generata viene effettivamente distribuita per soddisfare la domanda di elettricità).

2. Costi per la salute e l'inquinamento dell'aria

La diffusione del carbone in Cina ha implicazioni pericolose per l'ambiente, per la salute umana e per l'economia del paese. La combustione del carbone è lapiù grande fonte di impatti sulla salute legati all'inquinamento atmosferico nel paese, contribuendo a circa 366.000 morti premature solo nel 2013. Questi oneri potrebbero crescere notevolmente entro il 2030 se le centrali a carbone continuano a funzionare ai tassi attuali. Gli impatti sulla salute legati all'inquinamento atmosferico ammontano a 38 miliardi di dollari(267 miliardi di yuan) all'anno.

L'aumento dei danni alla salute e all'inquinamento potrebbe anche portare a una regolamentazione più rigorosa in futuro, compresi i limiti delle emissioni o gli standard di rendimento per le centrali a carbone. Questi ulteriori requisiti ambientali e di inquinamento atmosferico renderanno il carbone ancora meno competitivo e più rischioso dal punto di vista finanziario.

3. Crescita e mercati a lungo termine

La Cina è illeader mondialedell'energia pulita. È il più grande produttore dipannelli solari, turbine eoliche, batteriee veicoli elettrici,ed è stato responsabile del 32% di tutti gli investimenti globali nelle rinnovabili nel 2018. Infatti, è stato il primo investitore in energia pulita per nove degli ultimi 10 anni, e guida il mondo nella capacità installata di energia idroelettrica, solare fotovoltaica ed eolica.

Eppure la sua reputazione di leader globale dell'energia pulita potrebbe essere a rischio. Gli investimenti nelle energie rinnovabili sono calati l'anno scorso con i cambiamenti neisussidi per i progetti solari, e la Cina è anche nel mezzo di un rollback di ulteriori sussidi per l'eolico. Gli investimenti nel carbone e l'impatto negativo sorprendente e rapido della nuova politica dei sussidi significano che l'ago della bilancia è ora inclinato verso il perseguimento di infrastrutture altamente inquinanti e ad alto costo invece di tecnologie pulite a basso costo. L'investimento di capitale sta favorendo il business as usual.

Il futuro energetico pulito della Cina può essere assicurato spostando gli investimenti e modernizzando i mercati energetici, aggiornando e digitalizzando le infrastrutture di trasmissione e distribuzione, e riconoscendo i bassi costi operativi dell'energia pulita e dello stoccaggio.

4. Rischi e impatti climatici crescenti

La Cina è uno dei paesi più vulnerabili al mondo alle perturbazioni climatiche. Ilrapporto 2019 della China Meteorological Administration ha rilevato che il paese sta già sperimentando un tempo estremo più frequente e intenso, il ritiro dei ghiacciai, inondazioni significative e l'innalzamento del livello del mare che porta ulteriore salinità e rischio per le infrastrutture. Il continuo sviluppo del carbone non farà che aumentare questi rischi.

Le centrali elettriche devono anche competere per le scarse acque sotterranee fresche con l'agricoltura e altri bisogni umani ed ecologici. L'analisi del WRI mostra che il 51% dei progetti di carbone pianificati in Cina nel 2013 - alcuni degli stessi impianti costruiti di recente - erano in regioni soggette a stress idrico. Mentre molti paesi cercano di ridurre le loro flotte di carbone, e l'energia rinnovabile è sempre più riconosciuta come la risorsa elettrica a più basso costo, la Cina potrebbe bloccare le emissioni significative o mandare in pensione prematuramente le costose risorse energetiche.

Significativamente, l'espansione del carbone cinese limita anche la sua leadership nella diplomazia climatica globale. Altri paesi stanno guardando la Cina. Se la Cina guida la transizione a basse emissioni di carbonio, gli altri probabilmente la seguiranno. Se la Cina ritorna a una strategia energetica ad alto contenuto di carbone, altri probabilmente la seguiranno. La politica climatica della Cina ha un effetto moltiplicatore.

L'espansione del carbone è una sconfitta per la Cina come leader globale: Sia la sua posizione economica che la sua reputazione globale potrebbero soffrire.

La Cina può ancora guidare il mondo nell'energia sostenibile

La Cina è nota per la sua attenta pianificazione dello sviluppo a lungo termine e può rimodellare i suoi investimenti a breve termine. Unrecente rapporto della Commissione per le transizioni energetiche condotto dal Rocky Mountain Institute mostra che la Cina può tecnicamente ed economicamente raggiungere il suo duplice obiettivo di raggiungere le emissioni nette di carbonio zero e diventare una ricca economia sviluppata entro il 2050. Ma nel caso del settore energetico, gli interessi storici e provinciali si frappongono.

La Cina sta costruendo la sua economia del futuro. Ma per arrivarci, i politici devono guardare a percorsi settoriali che spostano la domanda di energia, implementare riforme del mercato energetico, agire su nuove tecnologie di energia pulita e coinvolgere i leader provinciali in un nuovo approccio agli investimenti. La Cina deve riesaminare le sue centrali a carbone in cantiere rispetto ai quattro rischi di cui sopra. Le nuove centrali a carbone creano un ostacolo economico, che intrappola la prosperità finanziaria e le opportunità di azione climatica. Evitando il futuro sviluppo del carbone, la Cina può ancora cogliere l'opportunità di guidare il mondo verso un sistema energetico pulito, accessibile e sostenibile.

 

Autore: Jennifer Layke

Credito d'immagine: Dmitri Makeev. Wikimedia Commons

Questo articolo è ripubblicato sotto la licenza Creative Commons CC BY 4.0 ed è apparso originariamente su Sito web di WRI.