L'eolico offshore in aumento per sfidare il re carbone nel mercato energetico polacco

11 September 2018 da Jürgen Ritzek
L'eolico offshore in aumento per sfidare il re carbone nel mercato energetico polacco

L'eolico offshore sta diventando competitivo in termini di prezzo con forme di energia ad alta intensità di carbonio. La Polonia è uno dei diversi paesi dell'Europa settentrionale e orientale in cui l'eolico offshore sembra destinato a giocare un ruolo molto più importante in futuro. La Polonia ha fatto i primi passi per introdurre una maggiore flessibilità nel suo sistema energetico, ma l'infrastruttura di rete obsoleta richiederà una modernizzazione. L'eolico offshore ha il potenziale per portare alla creazione di posti di lavoro significativi in Polonia, dice l'analista. Il mercato polacco sta improvvisamente mostrando un potenziale significativo, dice il direttore di BVG Associates Giles Hundleby. Le aziende polacche di proprietà dello Stato hanno galvanizzato gli attori polacchi come PKN Orlen per spingere

O parchi eolici offshore nel Baltico, dice. Ma lo stato ha bisogno di definire il processo prima di poter procedere con decisioni finali di investimento nei primi anni 2020, aggiunge. I progetti eolici offshore potrebbero essere costruiti a metà del 2020, con l'inizio dei lavori di costruzione nei piani del gruppo energetico statale polacco per il Baltico.


Contenuti correlati   #carbone  #polacco  #polacchi 


Pubblicato per la prima volta qui.

I mercati dell'energia e dell'elettricità della Polonia stanno subendo grandi cambiamenti. Mentre i costi scendono nell'industria dell'eolico offshore, questa sta diventando competitiva a livello di prezzi con le forme di energia ad alta intensità di carbonio che hanno a lungo dominato nel paese.

Passare all'eolico offshore non è senza rischi politici in un paese come la Polonia in cui il carbone ha giocato a lungo un ruolo così importante, ma il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki sembra ora essere un sostenitore dell'energia eolica e la Polonia è emersa come uno dei diversi paesi dell'Europa settentrionale e orientale in cui l'eolico offshore sembra destinato a giocare un ruolo molto più grande in futuro. Sostenendo lo spostamento verso l'energia rinnovabile, la Polonia ha fatto i primi passi per introdurre una maggiore flessibilità nel suo sistema energetico, ma l'infrastruttura di rete obsoleta richiederà una modernizzazione.

Parlando a OWJ all'inizio di maggio, l'analista MAKE offshore Søren Lassen e i suoi colleghi vedono la Polonia come un primo esempio di un emergente mercato eolico offshore dell'Europa settentrionale e orientale, dove un potenziale significativo è stato creato dal forte calo dei costi dell'energia eolica offshore negli ultimi anni.

Il signor Lassen ha detto che MAKE ha previsto che i mercati eolici offshore emergenti selezionati nell'Europa nord-orientale - di cui la Polonia è un esempio - supereranno i 4 GW di capacità installata entro il 2027.

In un'analisi di questi mercati, Lassen e colleghi hanno detto che il crollo dei prezzi d'esercizio ha fatto emergere l'eolico offshore come un sostituto attraente in tutti i mercati dell'Europa nord-orientale, soprattutto quelli che cercano di ridurre le emissioni di gas serra, migliorare la sicurezza energetica e scongiurare il rischio di un deficit di generazione.

"I bassi prezzi di esercizio nei mercati offshore consolidati in Europa e la crescente concorrenza nei mercati emergenti come Taiwan e gli Stati Uniti hanno aumentato l'attrattiva dei mercati offshore emergenti nell'Europa nord-orientale per gli sviluppatori offshore", ha detto MAKE in una recente nota di ricerca.

Fino a poco tempo fa, la Polonia non era probabilmente tra quei paesi che si concentravano sulla riduzione delle emissioni, essendo il suo mercato energetico interno fortemente sbilanciato verso il carbone, ma sta dovendo importare sempre più carbone dai paesi vicini e il governo polacco ha iniziato ad allineare la sua politica energetica più strettamente con l'Unione europea e con gli obiettivi di quest'ultima per un uso crescente delle energie rinnovabili. Poiché il "clima energetico" nel paese ha cominciato a cambiare, le aziende attive nel mercato dell'eolico offshore in Europa - e almeno un'azienda polacca - hanno segnalato la loro volontà di sviluppare l'eolico offshore, se la politica può essere sviluppata in modo da fornire un sostegno affidabile alle energie rinnovabili. Questo cambiamento nelle prospettive delle rinnovabili è significativo, dato che fino a poco tempo fa il settore polacco dell'eolico onshore era stato influenzato negativamente dalla legislazione.

Ilpassaggio dal carbone alle rinnovabili ha implicazioni per l'occupazione nel settore del carbone, ma la Polonia ha anche produttori e industria pesante che potrebbero beneficiare in modo significativo dello sviluppo di una catena di approvvigionamento eolico offshore.

"Dobbiamo cambiare ed essere davvero reattivi alle mega-tendenze e anche per mantenere i prezzi dell'energia su livelli ragionevoli", ha detto a Bloomberg Joanna Mackowiak-Pandera, il capo del Forum Energii con sede a Varsavia, che si consulta con le aziende e le autorità sull'industria eolica. "Quello che vediamo ora nel settore energetico è che finalmente dobbiamo raggiungere alcuni obiettivi".

"L'eolico offshore ha il potenziale per portare alla creazione di posti di lavoro significativi in Polonia", ha detto Lassen a OWJ, un sentimento sostenuto da un rapporto McKinsey del 2016.

Lassen ha anche sottolineato il fatto che, anche se l'eolico offshore è stato sviluppato principalmente nel Mare del Nord, c'è ora una crescente esperienza di eolico offshore in altri paesi del Baltico, come la Germania. La Polonia potrebbe trarre vantaggio dalle sinergie, dalle competenze tecniche e dall'esperienza di questi paesi mentre si muove nell'energia eolica offshore.

"La Germania installerà più di 1 GW entro la fine del 2019 e ha recentemente assegnato un ulteriore 750 MW di eolico offshore nel Baltico, esperienza che giocherà nel mercato polacco man mano che si sviluppa", ha detto a OWJ.

Tuttavia, come ha anche notato, lo sviluppo dell'eolico offshore nel Baltico polacco non sarà privo di sfide: queste includono la connessione alla rete. Soprattutto, ha detto, è essenziale il giusto tipo di politica da parte del governo polacco.

Tom Harries, socio di Bloomberg New Energy Finance, ha concordato che la politica - o la mancanza di una politica coerente e di sostegno - è ciò che ha frenato il mercato polacco, ma questo sta cambiando. Il direttore della BVG Associates, Giles Hundleby, ha concordato sul fatto che il mercato polacco sta improvvisamente mostrando un potenziale significativo. Ha citato un recente accordo tra il maggiore energetico norvegese Statoil e Polenergia, il più grande gruppo energetico privato in Polonia, per collaborare alla costruzione di parchi eolici offshore nel Baltico. Questo ha galvanizzato gli attori polacchi come PKN Orlen a spingere per lo sviluppo di progetti eolici offshore.

  • Hundleby ha detto che anche se il governo polacco deve ancora proporre un processo d'asta per l'eolico offshore, ha anticipato che una volta che la politica è stata sviluppata gli attori industriali potrebbero essere in grado di procedere con decisioni finali di investimento all'inizio del 2020, con la costruzione che inizierà a metà del 2020. "Prima di tutto, lo stato deve definire il processo", ha detto.
  • L'operatore polacco di proprietà statale del sistema di trasmissione PSE ha detto che fino a 8 GW di capacità eolica offshore potrebbero essere installati in Polonia. Il presidente di PSE Eryk Klosowski ha detto che 4 GW di eolico offshore potrebbero essere installati nel settore polacco del Baltico entro il 2026/27 e fino a 8 GW nel lungo termine.
  • L'amministratore delegato di WindEurope, Giles Dickson, ha detto che la Polonia è diventata un attore importante nella catena di approvvigionamento dell'eolico offshore negli ultimi anni, con grandi investimenti nella produzione di fondazioni di turbine, gru e navi jack-up utilizzate per l'installazione e la manutenzione. L'industria eolica polacca ora supporta 12.000 posti di lavoro. Questo numero crescerebbe significativamente con lo sviluppo di un mercato nazionale dell'eolico offshore.
  • Dickson ha detto che, dopo un periodo di stagnazione nell'eolico onshore, la Polonia ha l'opportunità di rimettersi sulla mappa europea dell'energia eolica, aiutare a diversificare il mix energetico del paese e sostenere un'ulteriore crescita e la creazione di posti di lavoro nella catena di approvvigionamento dell'eolico offshore.

"Le capacità e le competenze industriali necessarie per soddisfare questi volumi sono presenti. È fantastico che l'operatore del sistema di trasmissione abbia confermato che anche la rete elettrica polacca può sostenerli. Il Baltico offre un enorme potenziale di crescita per l'eolico offshore ed è molto bello vedere che la Polonia si sta preparando per fare la sua parte nel soddisfarlo".

  • Ilpresidente della Polish Wind Energy Association (PWEA) Janusz Gajowiecki ha detto che le aziende polacche potrebbero fornire fino al 50% dei componenti necessari per costruire parchi eolici offshore. La PWEA ha identificato quasi 80 aziende che potrebbero fornire i prodotti e i servizi necessari, a partire dalla progettazione e pianificazione dei parchi eolici offshore; la produzione e l'installazione dei componenti delle turbine e delle infrastrutture di connessione; il funzionamento e la manutenzione dei parchi eolici offshore.

Statoil ha firmato il suo accordo con Polenergia nel marzo 2018. La società ha siglato un accordo con Polenergia per acquisire una partecipazione del 50% in due progetti di sviluppo eolico offshore in fase iniziale in Polonia, Baltyk Srodkowy III (BSIII) e Baltyk Srodkowy II (BSII). I progetti hanno una capacità combinata di 1,2 GW. Statoil sta anche entrando in una joint venture 50/50 con Polenergia per far maturare i progetti con Statoil che gestisce lo sviluppo, la costruzione e le fasi operative.

  • Irene Rummelhoff, vicepresidente esecutivo di Statoil per le nuove soluzioni energetiche, ha sottolineato che Polenergia è una società energetica con esperienza, con un portafoglio di rinnovabili in crescita e una profonda conoscenza del mercato polacco dell'elettricità. Ha detto che Statoil ha l'ambizione di crescere significativamente nel settore delle energie rinnovabili, investendo fino a 10 miliardi di euro (12 miliardi di dollari) entro il 2030. "Questa acquisizione rafforza la nostra presenza nel Baltico, fornendo opportunità di scala e sinergie a lungo termine", ha detto.

Le aree dei parchi eolici Baltyk Srodkowy II e III si trovano nel Baltico a circa 27 km e 40 km dal porto di Leba in acque profonde 20-40 m.

Poco dopo l'annuncio di Statoil, PKN Orlen ha annunciato una gara d'appalto per sviluppare un concetto tecnico preliminare per determinare le opzioni per realizzare un progetto eolico offshore nel Baltico. La società possiede una licenza per un parco eolico di 1,2 GW.

"Imbarcarsi in un progetto di parco eolico è in linea con i nostri obiettivi strategici e i piani per la transizione della Polonia verso un'economia a basse emissioni di carbonio. Speriamo che la gara attiri un forte interesse da parte delle imprese nazionali", ha detto il direttore esecutivo di PKN Orlen, Marcin Wasilewski.

_____________

Articoli correlati

 

Restate sintonizzati! Le migliori idee per l'efficienza energetica e la transizione energetica...

 

A proposito dell'autore

Offshore Wind Journal è prodotto da Riviera Maritime Media, il principale editore europeo di riviste marine e offshore e uno dei principali organizzatori di eventi per questi mercati. Il Jorunal riunisce in modo unico tutti gli attori del settore sotto un unico ombrello e li proietta nel loro insieme ai suoi lettori.