Nuovo rapporto del CCR: Enabling Positive Energy Districts across Europe: l'efficienza energetica accoppia le energie rinnovabili

11 November 2020 da Rod Janssen
Nuovo rapporto del CCR: Enabling Positive Energy Districts across Europe: l'efficienza energetica accoppia le energie rinnovabili

Nuovo rapporto del Centro comune di ricerca della Commissione europea. Mira a capire come gestire gli obiettivi di rendimento energetico. Questo è uno sforzo relativamente nuovo sia nella ricerca scientifica che nei progetti realizzati. Esistono diversi concetti di "energia zero" e "comunità energetica", in termini di quadro giuridico, ma non esiste una definizione del genere nell'attuale legislazione europea. Ma ci sono molti strumenti nel pacchetto Energia pulita per tutti gli europei che possono sostenere i cittadini, le comunità locali e le autorità nazionali per sviluppare tali distretti o comunità (in particolare REDII, EPBD, EED)

La revisione della letteratura e le interviste intraprese in questo studio sono giunte

a una conclusione comune: anche se ci sono ancora alcune barriere di applicabilità - è possibile sviluppare obiettivi di performance ottimali in termini di costi per un PED e al fine di soddisfare gli obiettivi del Green Deal dell'UE e dell'Accordo di Parigi i seguenti passi dovrebbero essere presi in considerazione durante la progettazione. Il rapporto è disponibile qui. e fornire una tabella di marcia per i comuni,.


Contenuti correlati   #ped  #comuni  #progetti 


Dal punto di vista energetico, i distretti a energia zero o positiva (PED) offrono l'opportunità di raggiungere livelli di efficienza energetica e di sistemi di energia rinnovabile ad alta efficienza energetica a costi contenuti. Questo rapporto pubblicato di recente dal Centro comune di ricerca (CCR ) della Commissione europea mira a capire come gestire gli obiettivi di prestazione energetica spostandosi oltre i singoli edifici verso un livello distrettuale. Si tratta di un'impresa relativamente nuova sia nella ricerca scientifica che nei progetti realizzati.

 

 

 

Sebbene esistano diversi concetti di "energia zero" e di "comunità energetica", in termini di quadro giuridico non esiste una definizione di questo tipo nell'attuale legislazione europea. Tuttavia, ci sono molti strumenti nel pacchetto"Energia pulita per tutti gli europei" che possono aiutare i cittadini, le comunità locali e le autorità nazionali a sviluppare tali distretti o comunità (in particolare REDII, EPBD, EED).

 

 

 

Questo rapporto delinea i passi generali per aiutare gli sviluppatori e i decisori politici ad implementare un distretto ad energia positiva o a zero costi ottimali. Discute anche gli aspetti relativi alle prestazioni e fornisce una tabella di marcia per i comuni locali, i pianificatori urbani e i responsabili politici nazionali da utilizzare nella progettazione:

 

1. Una politica per legiferare e abilitare i PED / ZED a livello nazionale, oppure

 

2. Un PED / ZED individuale a livello di progetto.

 

 

 

La revisione della letteratura e le interviste effettuate in questo studio sono giunte ad una conclusione comune: sebbene ci siano ancora alcune barriere di applicabilità - è possibile sviluppare obiettivi di prestazione energetica ottimali in termini di costi per un PED e al fine di raggiungere gli obiettivi dell'EU Green Deal e dell'Accordo di Parigi i seguenti passi dovrebbero essere presi in considerazione nello sviluppo di un PED o di uno ZED:

 

- Soddisfare i requisiti di efficienza energetica del codice edilizio locale

 

- Ottimizzare l'efficienza energetica rispetto alle fonti di energia rinnovabili

 

- Ottimizzare l'offerta della domanda rimanente attraverso l'energia rinnovabile in loco (nel distretto)

 

- Ottimizzare l'alimentazione attraverso un sistema di rete separato.

 

 

 

Il rapporto è disponibile qui.