Quando la griglia è "piena"?

18 March 2018 da Craig Morris
Quando la griglia è "piena"?

La Germania è destinata ad avere una continuazione della vecchia coalizione che pochi sembrano volere. Ma la nuova grande coalizione non sarà la stessa della vecchia; le piattaforme sono diverse. Le ambizioni per le energie rinnovabili e la protezione del clima sono maggiori di prima, anche se mancano ancora i dettagli. Altri 4GW di solare e 4 GW di eolico devono essere aggiunti entro il 2020, se la rete può assorbire l'elettricità. La Germania potrebbe rendere più avanzata la costruzione di nuovi progetti di energia rinnovabile scoraggiando, se non escludendo, nuove costruzioni in aree con un livello definito di congestione della rete - noi abbiamo i dati. La quantità di elettricità rinnovabile cur

tagliata alle stelle dal 2013 al 2015, dopo essere scesa nel 2016, è risalita leggermente nel 2017 secondo i dati preliminari, ma non ha mai raggiunto l'1% della produzione totale di energia elettrica tedesca (circa 6.000 GWh)

E il requisito della capacità di rete potrebbe essere solo una scappatoia per limitare i volumi d'asta, dice Energy Post. Torna su MailOnline.


Contenuti correlati   #rinnovabili  #parchi eolici  #elettricità rinnovabile 


Recentemente, ho scritto sugli ultimi risultati dei negoziati per un nuovo governo tedesco. Domenica i socialdemocratici hanno adottato la proposta di una nuova grande coalizione - una ripetizione con i democristiani - anche se con un tiepido 56% dei votanti. Il paese è ora destinato a ottenere una continuazione della vecchia coalizione che pochi sembrano volere, compresi gli stessi partner della coalizione.

Ma la nuova grande coalizione non sarà la stessa della vecchia; le piattaforme differiscono. Le ambizioni per le energie rinnovabili e la protezione del clima sono maggiori di prima, anche se mancano ancora i dettagli. Per esempio, altri 4 GW di solare e 4 GW di eolico saranno aggiunti entro il 2020 "se la rete può assorbire l'elettricità". Come si fa a capire se la rete può assorbire di più?

Prezzi negativi e "EinsMan

Ci sono due potenziali punti di partenza: i prezzi negativi dell'elettricità e la decurtazione dell'elettricità rinnovabile. Quest'ultimo è chiamato in tedesco "EinsMan", che è l'abbreviazione di "feed-in management". Prendiamo ognuno di questi in ordine.

Il numero di ore con prezzi negativi dell'energia elettrica è stato in aumento negli ultimi anni, come mostrato qui sotto. Ma questa metrica riguarda solo indirettamente la capacità della rete; mostra più precisamente i casi in cui la domanda di energia dalle centrali convenzionali scende così in basso che diventa più conveniente (a causa di vincoli tecnici) per queste centrali pagare i clienti per prelevare l'elettricità per evitare un'ulteriore rampa di discesa.

 

 

Fonte: Energiewende 2017 State of Affairs

Inoltre, i prezzi negativi si applicano nell'intera zona di prezzo sia per la rete tedesca che per quella austriaca. C'è solo un segnale di prezzo quindi per questa intera zona, ma la congestione della rete si verifica localmente, non in tutta la Germania e l'Austria contemporaneamente. Qui, dobbiamo tornare a una metrica più precisa: "EinsMan". Gli operatori di rete sono autorizzati a ridurre l'elettricità da eolico, solare, biogas, cogenerazione e gas di miniera quando specifiche sezioni della rete sono in pericolo.

La quantità di elettricità rinnovabile decurtata è salita alle stelle dal 2013 al 2015. Dopo essere scesa nel 2016, è aumentata di nuovo leggermente nel 2017, secondo i dati preliminari.

 

 

La linea verde rappresenta la quantità totale di elettricità rinnovabile decurtata; non ha mai raggiunto l'1% della produzione totale di energia tedesca (circa 6.000 GWh). La maggior parte dell'elettricità decurtata è l'energia eolica a terra (linea blu); poco solare è decurtato (linea gialla) probabilmente perché gran parte di esso è collegato al livello di distribuzione a bassa tensione, mentre la decurtazione avviene ai livelli di alta e media tensione. Lo Schleswig-Holstein è lo stato in cui si verifica la maggior parte della decurtazione (linea tratteggiata). Fonte: Ubimet.

Ubimet, un fornitore di servizi, visualizza già i dati EinsMan, che sono disponibili per codice postale, e li combina con i dati meteorologici, le previsioni di energia rinnovabile, i profili di carico standard, la topologia della rete e i calcoli del flusso di carico per produrre una previsione. I politici non hanno nemmeno bisogno delle previsioni, che non sarebbero comunque disponibili per un anno intero; i dati dell'anno precedente potrebbero essere usati per mostrare dove si verifica la congestione della rete, e i parchi eolici potrebbero essere esclusi dalle aste in quel codice postale a meno che la rete non sia stata ampliata in quell'area.

Ma nessuno con cui ho parlato si aspetta che questo accada. Angela Pietroni del think tank Energy Brainpool dice che il requisito della capacità di rete potrebbe essere solo "una scappatoia per limitare i volumi d'asta". A peggiorare le cose, Andreas Jahn del Regulatory Assistance Project (RAP) dice che c'è una mancanza di trasparenza nei dati di rete in generale, anche con i re-dispatch - quando l'operatore di rete richiede che un impianto convenzionale cambi immediatamente la sua produzione per stabilizzare la rete. Ma fa anche notare che la maggior parte dell'eolico e del solare sono collegati a livelli di tensione più bassi sulla rete; i ridispacciamenti avvengono a livelli più alti.

La questione della trasparenza dei dati di rete sta entrando in primo piano in Germania. Su Energy Post, Jahnriassume le questioni principali, tra cui una sentenza della Corte costituzionale tedesca dell'anno scorso, secondo cui le entrate dalla rete devono essere più aperte. La causa è stata intentata dal fornitore di energia verde Lichtblick, che sottolinea che le tariffe di rete sono ora la parte più grande dei prezzi al dettaglio dell'energia - ed è difficile verificare queste tariffe in modo indipendente. Gli operatori di rete sono considerati monopoli naturali; come tali, propongono i prezzi ai regolatori, che hanno bisogno di dati trasparenti per confermare le tariffe proposte. "Trattenere i dati rilevanti è una violazione della legge europea", aggiunge.

In altre parole, la Germania potrebbe rendere più avanzata la costruzione di nuovi progetti di energia rinnovabile scoraggiando, se non escludendo, nuove costruzioni in aree con un livello definito di congestione della rete - noi abbiamo i dati. In alternativa, i politici potrebbero usare la congestione della rete per incentivare l'elettricità locale per il riscaldamento; l'eccesso di energia verde non verrebbe quindi ridotto, ma utilizzato come fonte di calore. La sezione 13, paragrafo 6a della legge sulla gestione dell'energia del 2017(in tedesco) è un punto di partenza, ma non si applica ancora all'eolico e al solare.

Se l'attuale dibattito sulla trasparenza dei dati di rete aiuterà o ostacolerà questi progressi è un'ipotesi di chiunque al momento.

Pubblicato originariamente qui

 

Articoli correlati