Senza conducente ed elettriche, o senza auto? Le città che eliminano le auto e perché

26 November 2019
Senza conducente ed elettriche, o senza auto? Le città che eliminano le auto e perché

Vanessa Bates: Alcune città stanno eliminando del tutto le auto a gas, limitando l'uso di auto ibride ed elettriche. Lei dice che tagliare fuori le auto ha l'ovvio vantaggio di ridurre l'inquinamento e ridurre l'inquinamento. Bates: Tagliare le auto è una buona cosa, ma sarebbe abbastanza incasinato aggiungere altri milioni di auto in città che non hanno infrastrutture. I Paesi Bassi permetteranno solo veicoli senza emissioni entro il 2030, e sta pompando 345 milioni di euro nelle sue infrastrutture per le biciclette, dice. Berlino sta ridisegnando i suoi sobborghi, che la gente raggiunge principalmente in auto, in comunità pedonali collegate al trasporto pubblico, scrive

Bayer: "È un futuro più luminoso quello che rinuncia alle auto in favore di modi di trasporto più sostenibili e salutari".

Lei chiede: Cosa potrebbe pensare Henry Ford se vedesse cosa è diventato della sua invenzione? Bayers: "Pensi che sia il modo migliore per spostarsi nel futuro del mondo è il modo migliore per ridurre l'inquinamento.


Contenuti correlati   #boom demografico  #energie rinnovabili  #energia solare 


Autore: VanessaBates

È opinione comune nell'industria tecnologica che i giorni delle auto come le conosciamo - alimentate a gas, guidate da esseri umani e possedute individualmente da tutti coloro che vogliono e possono permettersene una - sono contati. È imminente l'era del trasporto autonomo, elettrico e condiviso, e stiamo continuamente facendo piccoli passi verso la sua realizzazione. Il software di guida autonoma sta migliorando per evitare gli incidenti. La capacità di immagazzinamento delle batterie sta salendo. L'energia solare sta diventando più economica. Tutto questo indica un futuro automobilistico brillante.

Ma non tutti sono a bordo - infatti, alcune città stanno adottando l'approccio opposto, eliminando gradualmente le auto a gas del tutto, limitando l'uso di auto ibride ed elettriche, e rendendo i centri urbani senza auto. Saranno lasciati nella polvere mentre il resto di noi viene guidato autonomamente verso il tramonto (che produce energia)? Oppure la gente anti-auto ha ragione: il futuro più luminoso è quello che rinuncia alle auto in favore di modi di trasporto ancora più sostenibili e salutari?

Troppo di una cosa buona

Cosa penserebbe Henry Ford se vedesse cosa è diventato della sua invenzione? Autostrade intasate dal traffico, incidenti che sono una delle principali cause di morte, pendolari seduti da soli e sedentari nei loro veicoli per ore.

Ford forse non si sarebbe mai aspettato che le automobili diventassero così economiche e accessibili da permetterci di usarle nella misura in cui lo facciamo oggi. E man mano che la classe media globale cresce, è probabile che le auto proliferino ancora di più; man mano che la gente guadagna di più, vuole le auto non solo per il trasporto e la comodità, ma come status symbol.

I paesi dove la classe media ha il maggior potenziale di crescita - cioè i paesi dove i tassi di povertà sono ancora relativamente alti - stanno anche vedendo le persone affluire nelle città in cerca di lavoro e sicurezza. L'ONU prevede che il 90% dello spostamento globale verso le aree urbane avrà luogo in Asia e in Africa, con Delhi, Dhaka, Bombay e Kinshasa tra le prime 10 megalopoli future più popolate.

Sarebbe già abbastanza complicato aggiungere milioni di auto in più a città che hanno un'infrastruttura esistente per loro, e molto più complicato aggiungerle a città come queste che non ce l'hanno. Inoltre, anche se le auto sono elettriche, l'elettricità deve venire da qualche parte, e anche i paesi più ricchi del mondo non arriveranno al 100% di energie rinnovabili fino al 2050 al più presto. E non si può avere così tanta congestione prima che la qualità della vita e l'economia di una città abbiano un impatto.

Città del Messico è stata la prima al mondo a prendere seri provvedimenti contro la congestione del traffico, implementando ogni giorno delle "restrizioni di non guida" basate sui numeri di targa. Londra, Singapore e Stoccolma usano tutti prezzi di congestione, dove i guidatori devono pagare per entrare nei centri città o nelle strade affollate.

Queste sono misure minori rispetto ai passi che altre città stanno facendo per scoraggiare la gente a guidare.

Auf Wiedersehen, non guidare

Pronti? Ecco alcune statistiche a raffica sulle città che prendono provvedimenti per limitare le auto.

Madrid ha reso il suo centro città una zona a basse emissioni, limitando l'accesso alle vecchie auto diesel e a gas e progettando di bandire completamente questi veicoli dalla zona entro il 2020. Le auto ibride possono ottenere una "etichetta ecologica" e circolare liberamente.

Tutta la Danimarca sta progettando di vietare la vendita di nuove auto a gas e diesel a partire dal 2030, e la vendita di auto ibride a partire dal 2035. Copenaghen ha già uno dei più bassi tassi di proprietà di auto e il più alto tasso di pendolarismo in bicicletta in Europa.

A Parigi, nessuna auto è permessa nel centro della città tra le 10 e le 18 della prima domenica di ogni mese. Le auto prodotte prima del 1997 non sono ammesse in città nei giorni feriali, e la città sta raddoppiando il numero di piste ciclabili.

Atene vieterà le auto diesel entro il 2025 e limita già i giorni della settimana in cui possono circolare nel centro della città, in base ai numeri di targa.

Oslo ha fissato l'obiettivo di diventare carbon neutral entro il 2030, e l'eliminazione delle auto non elettriche sarà la chiave del suo successo. La città ha limitato l'accesso ai veicoli privati, ha trasformato lo spazio stradale in spazio pedonale e ha eliminato quasi tutti i posti auto nel centro della città.

Mentre Amburgo permetterà ancora l'accesso alle auto nel suo centro città, sta stabilendo piani che renderanno molto più facile per le persone non dover guidare, compresa una "rete verde" che collegherà i parchi e coprirà il 40% dello spazio della città.

Bruxelles vieterà tutti i veicoli diesel entro il 2030 e sta promuovendo fortemente il trasporto pubblico e condiviso. Sta persino rendendo i suoi treni, gli autobus e le biciclette condivise gratuiti nei giorni di eccessivo inquinamento dell'aria.

I Paesi Bassi permetteranno solo veicoli senza emissioni entro il 2030, e sta pompando 345 milioni di euro nella sua già robusta infrastruttura ciclabile.

Helsinki sta riprogettando i suoi sobborghi, che la gente raggiunge principalmente in auto, in comunità pedonali collegate alla città dal trasporto pubblico, nella speranza che i finlandesi non abbiano bisogno di possedere auto entro 10 anni.

Perché tutti questi addii?

Eliminare le auto ha l'ovvio vantaggio di ridurre l'inquinamento - di nuovo, anche se le auto sono elettriche, non siamo ancora al punto di avere il 100% di energia pulita. E in effetti, le temperature più alte e le minori piogge in molte parti del mondo significano che l'inquinamento delle auto è ancora più potente, e viene lavato via meno frequentemente.

Andare senza auto è un bene anche per le persone; incoraggia più esercizio fisico (camminando e andando in bicicletta), meno isolamento (prendendo il trasporto pubblico o condiviso), più tempo risparmiato (non stando fermi nel traffico intasato) con meno stress (ripeto, non stando fermi nel traffico intasato), e una maggiore sicurezza (gli incidenti d'auto uccidono sicuramente più persone di quelli in bicicletta o in treno). Rendere i centri urbani più verdi renderà anche le città più piacevoli da vivere e da visitare.

Vale la pena notare che le città che riducono l'uso dell'auto sono quasi tutte in Europa, dove tali misure sono molto più fattibili che, diciamo, negli Stati Uniti, dove al di fuori delle grandi aree urbane, è difficile andare da qualche parte senza un'auto. Le città americane si sono espanse in sobborghi che ora si estendono in gran parte grazie all'invenzione dell'automobile, e hanno un grado di dipendenza dalla guida che sarà difficile da ridimensionare.

Le città europee, al contrario, erano già più sviluppate quando le automobili proliferarono; erano già state costruite in gran parte intorno al trasporto pubblico, e continuarono a espandere i sistemi ferroviari anche quando le automobili divennero più popolari. Inoltre, le dimensioni relativamente piccole dei paesi europei rendono molto più pratico fare affidamento sul trasporto pubblico che negli Stati Uniti; molti stati americani sono più grandi dei paesi europei.

Le città dei paesi in via di sviluppo che sono destinate a un boom demografico nei prossimi due o tre decenni farebbero bene a seguire l'esempio dell'Europa piuttosto che quello degli Stati Uniti.

Un'abitudine che non prenderemo mai del tutto

Le automobili continueranno, naturalmente, ad essere ampiamente utilizzate, anche ai margini delle città che le stanno vietando. Le misure per scoraggiare l'uso e la proprietà dell'auto sono un inizio, ma i grandi cambiamenti nella pianificazione urbana e nel comportamento delle persone non sono così semplici, e ci vorrà molto più tempo per cambiare.

Se la visione di Big Tech si realizza, però, le persone saranno in grado di usare le auto e ridurre il pericolo, il tempo e lo stress associati ad esse; le auto autonome ci prenderanno, navigheranno abilmente le strade della città, ci lasceranno a destinazione e poi andranno a prendere il loro prossimo passeggero.

Sembra, quindi, che i giorni delle auto come le conosciamo siano contati, sia che vengano sostituite da versioni high-tech di quelle precedenti, sia che vengano sostituite da biciclette e treni.

Ma non temete, la transizione avverrà lentamente. C'è ancora un sacco di tempo per cantare a squarciagola (tra un colpo di clacson ai cattivi automobilisti e il controllo di un'applicazione di mappe per vedere com'è il traffico) mentre siete chiusi dentro la vostra buona vecchia affidabile carrozza privata, alimentata a gas e a guida umana.

 

Autore: VanessaBates

Immagine di credito: Joshua Bolton / Unsplash

Questo articolo è ripubblicato sotto la licenza Creative Commons CC BY-ND 4.0 ed èoriginariamente apparso su Singularity Hub, una pubblicazione della Singularity University.