2 iniziative UE non legislative per l'efficienza energetica industriale

15 August 2017 da Rod Janssen
2 iniziative UE non legislative per l'efficienza energetica industriale

La Commissione europea ha pubblicato le sue proposte sull'energia pulita alla fine dello scorso anno. Non c'erano proposte legislative relative all'industria e poca attenzione data al settore in generale. L'EFIG organizzerà un evento in ottobre a Bruxelles sull'efficienza energetica industriale. L'Investor Confidence Project è stato portato in Europa per sviluppare un sistema per dare fiducia a tutte le parti attive. C'è ancora la preoccupazione che investire nell'efficienza energetica sia rischioso. ICP è stato progettato per cambiare questo. ICP ha iniziato con gli investimenti negli edifici e ora sta ampliando il campo di applicazione per includere l'industria, l'energia distrettuale e l'illuminazione stradale attraverso un progetto biennale finanziato dalla Commissione europea. È importante progettare l'intero processo di certificazione per affrontare le raccomandazioni identificate dall'EEFIG. Per i proprietari, l'istituzione finanziaria è contenta e lo sviluppatore/auditore/installatore è contento. L'istituzione finanziaria/il revisore/gli installatori sono felici. Il progetto funzionerà con la soddisfazione di tutte le parti interessate se tutte le parti interessate sono felici e trasparenti.


Contenuti correlati   #sviluppo di progetti  #calore di scarto  #efficienza energetica 


2 iniziative UE non legislative per l'efficienza energetica industriale

La comunità dell'efficienza energetica industriale era depressa alla fine dello scorso anno dopo che la Commissione europea ha pubblicato le sue proposte sull'energia pulita. Non c'erano proposte legislative relative all'industria e poca attenzione data al settore in generale. In effetti, le valutazioni d'impatto della Commissione mostrano che i tagli più alti nella domanda di energia sono previsti nel settore residenziale e terziario, mentre il settore industriale dovrebbe ottenere le riduzioni più basse nella domanda di energia.[1] Questo è particolarmente vero per le industrie ad alta intensità energetica.[2]

In qualche modo, questa mancanza di attenzione diventa un vantaggio.

La direttiva sull'efficienza energetica del 2012 aveva alcune misure che erano direttamente per l'industria - audit obbligatori per la grande industria, promozione dei sistemi di gestione dell'energia, sostegno alle PMI e promozione dell'uso del calore residuo, per citare le principali. La Commissione avrebbe potuto basarsi su queste per i recenti cambiamenti, ma non l'ha fatto. Non capiremo mai del tutto il perché. La Commissione vuole certamente che il suo Emissions Trading Scheme sia il principale motore per i miglioramenti nella grande industria, ma è ben noto che, indipendentemente dal successo che ha avuto l'EU ETS, non ha portato a miglioramenti nell'efficienza energetica.

Ma questo non significa che l'industria sia completamente trascurata. Ci sono due iniziative che meritano la nostra attenzione e che ci danno la speranza di un impatto significativo.

Gruppo di istituzioni finanziarie per l'efficienza energetica

L'Energy Efficiency Financial Institutions Group (l'efficienza energetica nei processi industriali è un membro), per identificare le barriere al finanziamento a lungo termine per l'efficienza energetica e proporre soluzioni politiche e di mercato ad esse. Lo scopo di questo gruppo è quello di far sì che le istituzioni finanziarie e le altre parti interessate aiutino a trovare modi per superare il blocco dei finanziamenti. Ci sono finanziamenti disponibili, le banche hanno scarsa capacità e interesse a finanziare l'efficienza energetica e i consumatori (in questo caso l'industria o le imprese o le istituzioni) sono riluttanti a decidere di intraprendere tali misure. Mentre ci sono alcuni investimenti, di sicuro, non sono su una scala che avrà un impatto reale che è necessario per raggiungere i nostri obiettivi a lungo termine. Uno dei problemi è che c'è una mancanza di standardizzazione nello sviluppo dei progetti e nella documentazione e questo è visto come una delle principali barriere per aumentare gli investimenti nell'efficienza energetica.

Il suo rapporto finale del 2015 ha fornito importanti raccomandazioni sull'efficienza energetica industriale ai responsabili politici:

  • Il quadro politico dovrebbe sostenere positivamente le scelte di investimento in efficienza energetica delle imprese in punti chiave del loro ciclo di investimento
  • Le risorse e le facilitazioni pubbliche dovrebbero essere impegnate per stabilire sistemi dinamici ed efficaci per la condivisione delle informazioni e delle esperienze tecniche
  • Garantire che le politiche e le risorse nazionali e dell'UE lavorino efficacemente insieme per guidare la R&S e i risultati ottimali dell'efficienza energetica
  • Sostenere il chiarimento del trattamento normativo, fiscale e contabile e la standardizzazione dei contratti di rendimento energetico
  • L'identificazione delle opportunità di efficienza energetica e le pipeline di progetti investibili dovrebbero essere sostenute con strumenti di assistenza allo sviluppo di progetti per le PMI

Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti fino ad oggi? No, ma stiamo iniziando a vedere qualche azione, ma un paio di queste raccomandazioni sono affrontate da progetti come l'Investor Confidence Project che sarà discusso di seguito.

In primo luogo, è importante notare che EEFIG organizzerà un evento in ottobre a Bruxelles sull'efficienza energetica industriale. Questa sarà un'opportunità per la comunità dell'efficienza energetica industriale di alzare la voce con le istituzioni dell'UE e altri soggetti interessati. Ne saprete di più nel prossimo futuro.

Progetto "Investor Confidence" per l'industria, l'energia distrettuale e l'illuminazione stradale

L'Investor Confidence Project è stato portato in Europa per sviluppare un sistema per dare fiducia a tutti gli stakeholder attivi. C'è ancora la preoccupazione che investire nell'efficienza energetica sia rischioso. ICP è stato progettato per cambiare questa situazione. ICP ha iniziato con gli investimenti negli edifici e ora sta ampliando il campo di applicazione per includere l'industria, l'energia distrettuale e l'illuminazione stradale attraverso un progetto biennale finanziato dalla Commissione europea.

Il concetto di ICP è relativamente semplice da capire. Si identifica un potenziale progetto in una fabbrica o in un sistema di teleriscaldamento, per esempio. Qualcuno deve fare i calcoli necessari per determinare la fattibilità. Qualcuno deve essere identificato per installarlo (spesso la stessa organizzazione). E qualche organizzazione deve finanziarlo. Ciò che questo progetto fa è standardizzare le procedure in modo che tutti gli attori abbiano fiducia nel sistema. Il proprietario della fabbrica è felice. Lo sviluppatore/revisore/installatore è felice. L'istituzione finanziaria è felice. Ci sono protocolli in atto e un monitoraggio da parte di terzi per assicurare che tutto sia fatto correttamente. I protocolli sono sviluppati da esperti interessati e non da interessi commerciali.

Il progetto lavorerà con tutti coloro che sono coinvolti nel ciclo del progetto, dai proprietari agli sviluppatori del progetto e ai verificatori. Per garantire che i protocolli siano solidi, sono stati istituiti dei forum tecnici per rivedere le bozze dei protocolli e fornire un importante contributo tecnico al loro sviluppo.

L'ICP è stato finanziato dalla Commissione europea in parte per affrontare le raccomandazioni identificate dall'EEFIG. È importante progettare l'intero processo di certificazione per la soddisfazione di tutte le parti interessate.

Per i proprietari o i gestori, l'approccio ICP fornirà la trasparenza del processo e darà loro la fiducia nell'attuazione delle misure.

Per lo sviluppatore del progetto, ICP fornisce un processo che è compreso e accettato da tutti i partecipanti. Questo ridurrà i costi di transazione e dovrebbe minimizzare qualsiasi malinteso.

Per la comunità finanziaria, l'approccio ICP standardizzerà il processo di sviluppo del progetto e porterà la fiducia necessaria per intraprendere gli investimenti.

 

Invito a partecipare al forum tecnico

Per sviluppare tali protocolli, vorremmo invitarvi ad unirvi al nostro Forum Tecnico per rivedere e commentare lo sviluppo. Le prime bozze saranno inviate in giro a settembre 2017 - quindi c'è ancora tempo per unirsi.

Nel caso in cui siate interessati, basta registrarsi tramitehttp://europe.eeperformance.org/technical-forum.html Potete anche contattarmi in qualsiasi momento sottoRod.Janssen(at)ee-ip.org

 

Articoli correlati

 

[1] OpenEXP, Clean Energy for All Europeans Package - Do the Commission's Impact Assign the Right Role to Energy Efficiency?, Parigi, 2017, p. 14.

[2] Ibidem, p. 24