Politica e regolamentazione Fonti e forme di finanziamento

Blockchain sarà il prossimo GDPR

14 agosto 2019 da Dusan Jakovljevic
Blockchain sarà il prossimo GDPR

Ciò che è evidente da molto tempo per tutti noi coinvolti nell'efficienza energetica nelle imprese e nell'industria è che lo strato di comunicazione è il fondamento del nascente sistema energetico. Cambierà radicalmente la relazione tra l'utente finale e la distribuzione e le reti di energia. Per quanto riguarda la tecnologia abilitante, i contatori avanzati e gli elettrodomestici moderni innescano il potenziale di risposta attiva alla domanda e abilitano nuovi servizi per l'utente energetico, dove "la partecipazione del cliente in tutte le fasi dello sviluppo e dell'espansione del sistema energetico è favorita da strumenti digitali" (EU). L'Internet of Things (IoT), l'Industrial Internet of things (IIoT), i big data, la blockchain, la tecnologia digital twin, sono tutti elementi costitutivi dell'ecosistema in evoluzione e si prevede che cambieranno radicalmente la pianificazione e il funzionamento del sistema, trasformando il mercato dell'energia.

Come affermato sulla blockchain nel recente rapporto dell'associazione europea dell'elettricità, Eurelectric, "lesoluzioni abilitate alla blockchain possono essere implementate e sbloccare enormi opportunità per far partecipare tutti e trarre benefici economici nel nuovo mondo dell'energia usando 'semplici' piattaforme interoperabili e convenienti". Potenziali applicazioni delle tecnologie blockchain potrebbero essere: mercati per i certificati di origine, gestione e sicurezza della rete, ricarica e coordinamento dei veicoli elettrici, servizi di flessibilità, mercati peer to peer, integrazione dei mercati di elettricità al dettaglio e commercio di energia all'ingrosso.

Un focus sull'innovazione e sui nuovi servizi per i consumatori è importante per sostenere il cambiamento strutturale e la trasformazione digitale. La chiave è gestire la complessità dello spazio digitale e della rete fisica e lavorare su accordi e innovazioni in una vasta gamma di settori industriali. Fino ad ora, c'è una comprensione molto limitata di un concetto praticabile per l'evoluzione del mercato dai servizi energetici ai servizi intersettoriali. Un upscaling di successo deve apparire attraverso diversi elementi del mercato e creare valore su tutta la linea, sia per i consumatori che per la società.

I mercati dell'energia dovrebbero avere un mezzo per includere lo scambio di dati sull'uso o la produzione di energia, valorizzare lo scambio di dati, fornire incentivi per la condivisione dei dati e determinare il valore della flessibilità. Rimangono molte domande aperte relative ai mercati aperti abilitati digitalmente che riguardano l'interfaccia / la piattaforma / lo scambio di dati / il ponte di dati come lo strato tra gli elettrodomestici / le case e gli edifici, le automobili, gli impianti industriali / le risorse di dati e l'infrastruttura fisica della rete.

Ciò che rimane da rispondere è il livello e l'architettura più appropriati della "governance" della blockchain. In altre parole: come combinare i requisiti legislativi con elementi di autoregolamentazione. La Commissione europea sta affrontando queste domande in diversi forum e gruppi di stakeholder in cui è coinvolto anche l'EEIP. Inoltre, sta sostenendo la ricerca e l'innovazione per testare soluzioni all'interfaccia dell'Unione dell'energia e del mercato unico digitale, per esempio sui grandi dati, le città intelligenti e l'IoT, e i mercati e le piattaforme per i servizi di rete;

Infine ci sono questioni di blockchain in cui lo strato di comunicazione è sicuramente una chiave. Come le interfacce utente, le innovazioni che possono aumentare la consapevolezza dei clienti, le competenze digitali, i futuri modelli di business e le proposte di valore. Per quanto riguarda il finanziamento, una questione chiave è la necessità di avviare i finanziatori alle soluzioni del mercato dell'energia digitale, e la necessità di creare un track-record degli investimenti che permetta ai finanziatori di valutare i rischi/opportunità.

 

Se siete interessati a partecipare a uno qualsiasi dei lavori innovativi qui menzionati, non esitate a contattare l'EEIP in quanto stiamo pianificando la partecipazione in numero su progetti e bandi finanziati dall'UE.

 


Di Dusan Jakovljevic

Jakovljevic

Dusan Jakovljevic è co-fondatore e Direttore delle politiche e delle comunicazioni per l'efficienza energetica nei processi industriali (EEIP). Formatosi alla London School of Economics, Dusan lavora dal 1999 a Londra e Bruxelles nel campo degli affari pubblici e della politica energetica dell'UE. Sostenendo le più ampie collaborazioni tra gli attori della transizione energetica, Dusan sostiene più di 40 associazioni al Tw4SE (Twitter per l'energia sostenibile), ed è l'esperto di impegno di DecarbEurope (EEIP è uno degli oltre 20 membri).