Costruire un futuro più verde una PMI alla volta

25 April 2022 da Sabine Alexandre-Klein
Costruire un futuro più verde una PMI alla volta

Il settore dell'edilizia sta lasciando dietro di sé qualcosa di più degli edifici. Gli interventi che mirano a ridurre o ottimizzare l'uso di energia di questo settore ci aiuterebbero a lasciare un segno migliore sul pianeta. La 100x100 Biopasiva è un'azienda spagnola specializzata nella costruzione di case ed edifici biopassivi ad alta efficienza energetica e basso consumo. L'azienda ha anche adottato valutazioni di audit energetici per verificare l'efficienza dei propri sistemi e ha adottato la certificazione EMAS (Eco-Management and Audit Scheme)

Essere premiati con rinomate certificazioni industriali e diventare un marchio associato all'edilizia eco-consapevole è un distintivo d'onore che attira l'attenzione dei clienti. Per tutte queste aziende, diventare verdi ha significato non solo risparmiare una risorsa preziosa, l'energia, e risparmiare denaro, ma anche ottenere un riconoscimento sociale e industriale.


Contenuti correlati   #biopasiva  #efficienza  #efficienza energetica 


Le piramidi in Egitto, l'Empire State building di New York e la Torre di Pisa in Italia sono tutti esempi di creazioni umane che hanno lasciato un'impronta nella storia. Tuttavia, oggi il settore delle costruzioni si sta lasciando dietro di sé molto più che edifici. Questo settore richiede l'uso di quasi il 55% dell'elettricità globale, contribuendo a quasi il 40% delle emissioni totali di CO2 legate all'energia. legate all'energia. Dato il suo impatto ambientale, gli interventi che mirano a ridurre o ottimizzare l'uso di energia di questo settore ci aiuterebbero a lasciare un segno migliore sul pianeta. Uno di questi interventi positivi è la realizzazione di audit energetici, come proposto dal progetto UE INNOVEAS.

 

Molte persone sognano di avere una casa. La 100x100 Biopasiva è un'azienda spagnola specializzata nella costruzione di case ed edifici biopassivi ad alta efficienza energetica e basso consumo. Poiché biopassiva implica l'utilizzo di materiali da costruzione naturali al 100%, queste case sono anche un sogno per il pianeta.

Fondata nel 1994, da allora le sue costruzioni puntano a un livello energetico minimo A, ma dal 2014 segue lo standard di efficienza energetica più rigoroso, il Passivhaus. Come spiega Raquel Peláez, manager della 100x100 Biopasiva:

"Per la nostra nuova casa showroom, Casa Sophia, abbiamo puntato alla massima efficienza energetica e raggiunto la massima sostenibilità e salute nell'edificio. Abbiamo ottenuto per essa diversi certificati e sigilli di qualità. In primo luogo, il PASSIVHAUS PREMIUM, in quanto sarà una casa positiva che genererà più energia di quella che consuma. Poi, abbiamo ricevuto il SIGILLO AMBIENTALE VERDE con tutte le cinque foglie possibili e un punteggio del 92%. Infine, abbiamo ottenuto i sigilli di qualità RECYCLE e ZERO WASTE, poiché ricicliamo e riutilizziamo il 100% dei rifiuti del sito".

 

Grazie a tutte queste caratteristiche "verdi", questa casa mira a diventare la casa più sostenibile d'Europa quest'anno.

In generale, il percorso verso l'efficienza energetica non appare così impegnativo dopo aver identificato i processi suscettibili di miglioramento. Secondo Jure Kristan, Senior Team Manager di Komunala Kranj d.o.o.,

"Le misure di efficienza energetica non sono così difficili. È importante identificare prima i processi e le aree che non sono efficienti e trovare soluzioni che migliorino la situazione. Se la soluzione proposta risparmia energia ed è finanziariamente vantaggiosa a lungo termine, non ci sono problemi".

Questa azienda slovena ha iniziato le sue attività nel 1990, e da allora l'efficienza energetica è stata presente nella sua agenda. Finora l'azienda ha migliorato le sue pompe di installazione meccanica, il sistema di riscaldamento e ha installato un sistema di gestione dell'energia. L'azienda è anche passata all'illuminazione a LED, utilizza veicoli ad alta efficienza energetica e produce il proprio biogas dal sistema delle acque reflue. Anche se interventi come questi ultimi richiedono spesso un forte investimento iniziale, ci sono modi per minimizzare il loro impatto economico. Per esempio, l'impresa edile italiana Appennino Building Cooperative calcola preventivi e tempistiche prima di adottare misure di efficienza energetica in modo da ammortizzare gradualmente il costo iniziale, come spiega Massimo Trabucchi, membro del consiglio di amministrazione. Hanno adottato sistemi di gestione dell'energia secondo la norma ISO 50 001 per il risparmio e la riduzione degli sprechi energetici, hanno effettuato valutazioni di audit energetici per verificare l'efficienza dei loro sistemi e adottato la certificazione EMAS (Eco-Management and Audit Scheme). Ora usano anche il trasporto elettrico e hanno installato pannelli solari sui tetti dei magazzini per permettere l'autosufficienza energetica.

 

Per tutte queste aziende, diventare "verdi" ha significato non solo risparmiare una risorsa preziosa come l'energia e risparmiare denaro, ma anche ottenere un riconoscimento sociale e industriale. Essere premiati con rinomate certificazioni industriali e diventare un marchio associato alla costruzione eco-consapevole è un distintivo d'onore che attira anche l'attenzione dei clienti. Secondo Raquel Peláez del 100x100 Biopasiva,

"Non molti anni fa venivamo guardati in modo strano quando spiegavamo che le nostre costruzioni erano fatte con materiali naturali, riciclati, a bassissimo impatto ambientale e che contribuivano alla nostra salute. Tuttavia, ora abbiamo accumulato più esperienza di altre aziende e, di conseguenza, siamo già molto ben posizionati sul mercato come impresa di costruzioni sane e sostenibili. Questo ha portato i clienti ad avvicinarsi direttamente a noi".

Come in altri rami, inculcare l'importanza dell'efficienza energetica è partito dalle posizioni dirigenziali, ma si è espanso in tutte le aziende fino a diventare parte della loro cultura. Per esempio, nella Cooperativa Edile Appennino,

"il team di ricerca e sviluppo persegue obiettivi di efficienza energetica in collaborazione con università e centri di ricerca. I temi di interesse provengono dai vertici dell'azienda, in linea con l'Agenda e gli obiettivi europei".

come spiega Massimo Trabucchi. In generale, sembra essere facile trovare informazioni rilevanti su argomenti interessanti legati alla sostenibilità in questo campo, anche nonostante la mancanza di un forum centralizzato per le piccole-medie imprese (PMI) che cercano di migliorare la loro efficienza energetica. Per Jure Kristan di Komunala Kranj d.o.o,

"In generale, ci sono molte informazioni e conoscenze disponibili. Questo è un bene e un male, perché rende più difficile identificare le migliori soluzioni e ottenere un accordo".

Ma il progetto di ricerca europeo INNOVEAS cambierà presto le cose, dice Luisa Sileni dell'IIPLE, l'Istituto Professionale Edile di Bologna, e coordinatrice del progetto INNOVEAS:

"Nelle prossime settimane il consorzio INNOVEAS lancia la "Business Alliance for Climate and Sustainable Energy". Questa rete di stakeholder sosterrà le imprese europee nell'adozione di buone pratiche verso lo zero netto entro il 2050. Questa alleanza è uno dei risultati più importanti del nostro progetto triennale, perché è giunto il momento di offrire una rete di supporto alle aziende più piccole".

Poiché l'obiettivo del progetto INNOVEAS è quello di aiutare le PMI nella loro transizione verde con audit energetici, "era una priorità per noi affrontare il settore delle costruzioni, data l'importanza del potenziale risparmio di CO2 che ne deriverebbe", come spiega Luisa Sileni. Tutte le aziende citate hanno approfittato di questa opzione e sono d'accordo sul fatto che l'attuazione di interventi volti all'efficienza energetica non è così costosa e si ripaga nel tempo, in termini di ritorno sociale, ambientale ed economico.

Per Raquel Peláez della 100x100 Biopasiva, lo sforzo è valso la pena.

"Se consideriamo che in questi 28 anni abbiamo costruito più di 1000 costruzioni di tutti i tipi e la relativa riduzione di emissioni di CO2 che abbiamo ottenuto costruendo in questo modo, credo che abbiamo contribuito a mitigare gli effetti del cambiamento climatico".

Scritto da Rosa Garcia-Verdugo

Ricerca di Sabine Alexandre-Klein/ Corinna Hackenbroch