Dov'è l'industria nell'affrontare gli obblighi climatici ed energetici dell'Europa?

02 March 2017 da Rod Janssen
Dov'è l'industria nell'affrontare gli obblighi climatici ed energetici dell'Europa?

La Commissione europea ha pubblicato le sue proposte per rivedere la sua gamma di legislazione sull'energia pulita. Informalmente, le proposte sono conosciute come il Pacchetto Inverno. Ha proposto un nuovo obiettivo di risparmio energetico per il 2030 - 30%, dal 27% e ora vincolante invece che indicativo. Il pacchetto sta ora attraversando il processo di approvazione all'interno del Parlamento europeo e del Consiglio europeo (ministri degli stati membri)

La valutazione d'impatto che ha sostenuto le proposte ha mostrato che le riduzioni nell'industria entro il 2030 vanno dallo 0,5% al 12% rispetto alla linea di base. Ci sono alcune iniziative non legislative che potrebbero essere positive per l'industria. L'UE deve dare i giusti segnali che farà tutto il possibile per aiutare il suo settore industriale a mantenere il suo vantaggio competitivo. Migliorare il modo in cui utilizza l'energia è fondamentale, dato che nuove tecnologie e tecniche stanno arrivando sul mercato in continuazione. Speriamo che questo cambi perché c'è una maggiore consapevolezza che l'industria non dovrebbe essere trascurata, scrive Andrew Hammond, aggiunge, scrive.


Contenuti correlati   #Europa  #iniziativa  #iniziative 


Dov'è l'industria nell'affrontare gli obblighi climatici ed energetici dell'Europa?

Lo scorso novembre, la Commissione europea ha pubblicato le sue proposte per rivedere la sua serie di legislazioni sull'energia pulita per renderle più adatte allo scopo di aiutare l'Europa a rispettare gli obblighi dell'accordo di Parigi sul clima. Informalmente, le proposte sono conosciute come il "Pacchetto invernale". Importante, ha proposto un nuovo obiettivo di risparmio energetico per il 2030 - 30%, dal 27% e ora vincolante invece che indicativo. Il pacchetto sta ora attraversando il processo di approvazione all'interno del Parlamento europeo e del Consiglio europeo (ministri degli stati membri).

Il pacchetto ha tre obiettivi principali:

  1. mettere l'efficienza energetica al primo posto,
  2. raggiungere la leadership globale nelle energie rinnovabili e
  3. fornire un accordo equo per i consumatori.

Le azioni di facilitazione includono, tra l'altro

  • iniziative per accelerare l'innovazione dell'energia pulita,
  • la promozione di iniziative guidate dall'industria per favorire la competitività, e
  • massimizzare la leadership dell'Europa nella tecnologia e nei servizi di energia pulita per aiutare i paesi terzi a raggiungere i loro obiettivi politici.

C'è un atto legislativo, la direttiva sull'efficienza energetica del 2012, che ha avuto elementi che riguardano direttamente il settore industriale.

In primo luogo, c'era il requisito per la grande industria di avere un audit obbligatorio entro la fine del 2016 e poi di averli su base regolare. La definizione è stata definita in modo lasco e, a suo merito, l'Italia ha incluso le piccole e medie imprese che erano grandi consumatori di energia.

L'EED ha anche spinto per una maggiore promozione dei sistemi di gestione dell'energia, come la ISO 50001 e per un maggiore aiuto alle PMI.

Per qualsiasi motivo, e non è ovvio, non ci sono state nuove proposte legislative per l'industria. La valutazione d'impatto che ha sostenuto le proposte ha mostrato che le riduzioni nell'industria entro il 2030 vanno dallo 0,5% al 12% rispetto alla linea di base. È interessante notare che i risparmi previsti sono principalmente guidati dal sistema di scambio di emissioni dell'UE (EU ETS) e dall'impatto dell'Ecodesign sulle prestazioni dei motori industriali.

Questo è strano dato che c'è un ampio accordo sul fatto che, per qualsiasi impatto generale che l'ETS ha avuto, sicuramente non ha incoraggiato l'industria a migliorare la sua efficienza energetica.

C'è un problema principale. La Commissione ha limitato il numero di articoli della direttiva che saranno rivisti. Solo essa può accettare di aprire qualsiasi altro articolo e non mostrano alcun segno di volontà di farlo. Questo non significa che i rappresentanti dell'industria non debbano alzare la voce. Significa che i risultati potrebbero non arrivare rapidamente.

Su una nota più positiva, ci sono alcune iniziative non legislative che potrebbero essere buone per l'industria. Discutiamo solo due.

Il gruppo di istituzioni finanziarie per l'efficienza energetica (EEFIG)

L'Energy Efficiency Financial Institutions Group (EEFIG) è stato istituito dalla Commissione e dal Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente - Iniziativa Finanziaria alcuni anni fa. EEIP ne è membro. Mentre inizialmente forniva raccomandazioni alla Commissione e al settore finanziario su come migliorare il flusso di finanziamenti all'industria e agli edifici, sta iniziando a intraprendere altre azioni. Si sta creando una banca dati che aiuterà gli investimenti in efficienza energetica in Europa. Chiamato DEEP - De-risking Energy Efficiency Platform - è un'iniziativa open-source attraverso una migliore condivisione e un'analisi trasparente dei progetti esistenti negli edifici e nell'industria. Recentemente lanciato, il database ora include più di 7.000 progetti.

Ora EEFIG deciderà presto quali ulteriori passi saranno fatti. Si spera che includa un forum più formalizzato per le parti interessate per discutere come il settore finanziario possa giocare un ruolo più proattivo ed efficace nel garantire la disponibilità di finanziamenti sufficienti.

Progetto Industria, Infrastruttura e Fiducia degli investitori in Europa (I3CP)

Collegato a questo è un nuovo progetto finanziato dalla Commissione europea, noto come Industry, Infrastructure & Investor Confidence Project Europe (I3CP) per accelerare una classe di attività globale per gli investimenti in efficienza energetica nell'industria e nelle infrastrutture, standardizzando i progetti, dalla progettazione iniziale alla misurazione e alla verifica. Questo aiuterà a migliorare l'intero processo del progetto, dando agli investitori più fiducia nell'impatto previsto. Il progetto è appena iniziato e EEIP è un membro del consorzio del progetto. Ci assicureremo che i lettori siano tenuti aggiornati sui progressi. Per ulteriori informazioni su questa valutazione, controllare il post del dottor Steven Fawkes su"Standardizzazione, dati e rischio per gli investimenti in efficienza energetica".

A che punto siamo?

L'industria è uno dei principali motori dell'economia europea. Deve rimanere competitiva e innovativa. Migliorare il modo in cui utilizza l'energia è fondamentale, dato che nuove tecnologie e tecniche stanno arrivando sul mercato in continuazione. È importante che l'Unione Europea dia i giusti segnali che farà tutto il possibile per aiutare il suo settore industriale a mantenere il suo vantaggio competitivo. Purtroppo, il pacchetto invernale non riesce a farlo. Speriamo che le cose cambino man mano che aumenta la consapevolezza che l'industria non deve essere trascurata.

Per ulteriori informazioni sul Pacchetto Invernale, compresi i link alle pubblicazioni della Commissione Europea sui tre obiettivi principali ("mettere l'efficienza energetica al primo posto", "raggiungere la leadership globale nelle energie rinnovabili" e "fornire un accordo equo per i consumatori"), controllate il mio post precedente su "Cosa significa il Pacchetto Invernale per l'industria".