Finanza sostenibile: La semplicità libera l'azione!

01 July 2019 da Dusan Jakovljevic
Finanza sostenibile: La semplicità libera l'azione!

Il finanziamento dell'efficienza energetica è una delle basi del finanziamento sostenibile nell'UE. Il TEG ha identificato 67 attività per la finanza sostenibile e ha sottolineato le urgenze per gli investimenti che hanno bisogno di una rapida transizione energetica, come il cemento e l'acciaio. L'obiettivo chiave è la categorizzazione e la semplificazione dei canali di finanziamento e di investimento. Per attuare l'accordo di Parigi e l'impegno verso gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, la Commissione europea ha proposto di aumentare il livello di ambizione per l'integrazione del clima in tutti i programmi dell'UE, con un obiettivo di. l'obiettivo di definire la metodologia e i requisiti tecnici minimi per consentire agli investitori di adottare una strategia di investimento consapevole del clima. il rapporto stabilisce anche i requisiti di divulgazione da parte dei fornitori di benchmark in relazione ai fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) e il loro allineamento all'accordo di Parigi. È incoraggiante che la finanza sostenibile sia al centro della decarbonizzazione e che il bilancio dell'UE diventi sempre più un motore del mainstreaming climatico. per attuare l'accordo di Parigi e che sia.


Contenuti correlati   #innovazione  #iniziative  #tecnologie ambientali 


Per quasi dieci anni l'efficienza energetica nei processi industriali (EEIP) ha lavorato sulle politiche e gli strumenti che consentono il finanziamento dell'efficienza energetica nell'industria. La complessità di investire nell'efficienza energetica spazia dalla mancanza di classe di attività degli investimenti, alle dimensioni e alla portata dei progetti, alla gestione e alla mitigazione dei rischi. La più recente iniziativa di tassonomia dell'UE, mappa e consolida molte di queste sfide e posiziona il finanziamento dell'efficienza energetica come una delle basi del finanziamento sostenibile nell'Unione europea.

IlTaxonomy Expert Group (TEG) ha identificato 67 attività per la finanza sostenibile e ha sottolineato le urgenze per gli investimenti che hanno bisogno di una rapida transizione energetica, come il cemento e l'acciaio. Entrambi dirigono gli investimenti in progetti di efficienza energetica e sostengono iniziative come gli investimenti in reti elettriche rinnovabili che possono guidare l'elettrificazione dei processi industriali ad alta intensità energetica (cioè forni o fonderie).

Inoltre, il lavoro di tassonomia incapsula in modo importante il "pensiero di sistema" nell'accelerazione della transizione energetica. Collegare le energie rinnovabili, l'innovazione nelle tecnologie ambientali, gli strumenti e i meccanismi di finanziamento, le prospettive della società e dei consumatori, è stata a lungo la prospettiva dell'EEIP. L'efficienza energetica in un settore non funziona in modo isolato.

Anche se l'iniziativa della tassonomia potrebbe apparire complessa a coloro che sono fuori dai settori di finanziamento, l'obiettivo chiave è la categorizzazione e la semplificazione dei canali di finanziamento e di investimento. Eravamo presenti al dialogo tra gli stakeholder dell'UE il 24 giugno sulle linee guida per il reporting delle informazioni aziendali relative al clima come parte del Piano d'azione per la finanza sostenibile(https://ec.europa.eu/info/publications/180308-action-plan-sustainable-growth_en). Sean Kidney, che guida il lavoro del TEG, è stato inequivocabile: "la semplicità libera l'azione". Lo sviluppo di un solido quadro politico per gli investimenti e linee guida chiare può solo aumentare gli investimenti sostenibili.

C'è ancora una questione di tempo. C'è una chiara urgenza di agire se vogliamo mitigare il cambiamento climatico. Nancy Saich ha notato che "latransizione energetica deve essere ambiziosa e veloce. Deve avvenire entro i prossimi 10 anni... o l'Europa transiterà in una posizione economica non vincente". Ha aggiunto che "gli investimenti nell'industria devono essere una parte del piano di decarbonizzazione a lungo termine. Preferibile a misure e azioni autonome".

È incoraggiante che la finanza sostenibile stia arrivando al centro delle politiche di decarbonizzazione e di economia circolare. Valdis Dombrovskis, vicepresidente responsabile della stabilità finanziaria, dei servizi finanziari e dell'Unione dei mercati dei capitali, ha dichiarato: "L'emergenza climatica non ci lascia altra scelta che passare a un modello di economia neutrale per il clima. Le nuove linee guida di oggi aiuteranno le aziende a rivelare l'impatto del cambiamento climatico sulla loro attività e l'impatto delle loro attività sul clima, permettendo così agli investitori di prendere decisioni di investimento più informate.

Tre relazioni

In pratica, le linee guida sono state sostenute dalla pubblicazione di tre rapporti del TEG, tra cui raccomandazioni chiave sui tipi di attività economiche che possono dare un contributo reale alla mitigazione o all'adattamento al cambiamento climatico (tassonomia).

Il primo è un sistema di classificazione - o tassonomia - per le attività economiche ambientalmente sostenibili(https://ec.europa.eu/info/files/190618-sustainable-finance-teg-report-taxonomy_en) . Si tratta di una linea guida fondamentale che fornisce strumenti pratici per gli investitori, l'industria e i responsabili politici sui modi migliori per sostenere e investire in attività economiche che contribuiscono a raggiungere un'economia neutrale per il clima nell'Unione europea. Include un focus sulle attività in una vasta gamma di settori, tra cui l'energia, i trasporti, gli edifici, la produzione e l'ICT. Ha identificato attività a bassa emissione di carbonio come il trasporto a zero emissioni, ma anche attività di transizione come la produzione di ferro e acciaio, al fine di compilare il sistema di classificazione più completo per le attività sostenibili fino ad oggi.

Il secondo rapporto di esperti su un EU Green Bond Standard(https://ec.europa.eu/info/files/190618-sustainable-finance-teg-report-green-bond-standard_en) raccomanda criteri chiari e comparabili per l'emissione di obbligazioni verdi collegandoli alla tassonomia. Determina quali attività rispettose del clima e dell'ambiente dovrebbero essere ammissibili per il finanziamento attraverso un green bond dell'UE. La Commissione europea si aspetta che questo stimoli il mercato delle obbligazioni verdi permettendo agli investitori di aumentare gli investimenti sostenibili e verdi.

Infine, un terzo rapporto di esperti sui benchmark climatici dell'UE(https://ec.europa.eu/info/files/190618-sustainable-finance-teg-report-climate-benchmarks-and-disclosures_en) stabilisce la metodologia e i requisiti tecnici minimi per consentire agli investitori di adottare una strategia di investimento consapevole del clima e affrontare il rischio di greenwashing. Il rapporto stabilisce anche i requisiti di divulgazione da parte dei fornitori di benchmark in relazione ai fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) e il loro allineamento con l'accordo di Parigi.

Inoltre, il bilancio dell'UE diventa sempre più un motore del mainstreaming del clima. Per attuare l'accordo di Parigi e l'impegno verso gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, la Commissione europea ha proposto di aumentare il livello di ambizione per il mainstreaming del clima in tutti i programmi dell'UE, con un obiettivo di almeno il 25% della spesa dell'UE che contribuisce agli obiettivi climatici tra il 2017-2021.

È ora di agire! Il processo non è concluso ed è tempo per voi di agire e sostenere. Nelle prossime settimane, il TEG condurrà una richiesta di feedback sulla relazione della tassonomia dell'UE e sulla relazione provvisoria sui parametri di riferimento per il clima. Registrati alla newsletter dell'EEIP per ricevere gli aggiornamenti.