Politica nazionale e regionale Città ed edifici intelligenti

Come possiamo far girare l'onda del rinnovamento in Germania?

01 marzo 2021 da Andreas Kuehl
Come possiamo far girare l'onda del rinnovamento in Germania?

L'Unione europea ha annunciato una grande ondata di rinnovamento lo scorso autunno. Vuole raddoppiare il tasso di rinnovamento degli edifici esistenti nei prossimi dieci anni. Questo è anche urgentemente necessario, perché gli edifici giocano un ruolo importante nella protezione del clima. Abbiamo discusso dell'aumento del tasso di rinnovamento in Germania per molti anni, ma non è cambiato molto in questo tempo. L'ondata di rinnovamento europeo è quello che ci mancava? Quando arriverà in Germania? Esploro queste domande nel testo seguente.

L'importanza del rinnovamento in Germania

Gli edifici sono responsabili di circa il 14% delle emissioni totali di CO2 in Germania. Se includiamo il teleriscaldamento e la generazione di elettricità, la cifra è un buon 30 per cento. È quindi di grande importanza per la protezione del clima guardare agli edifici esistenti e ridurre le loro emissioni di gas serra.

I nuovi edifici efficienti sono importanti, ma contribuiscono poco al raggiungimento degli obiettivi di protezione del clima. Al contrario, ogni nuovo edificio aumenta ancora di più le emissioni.

Circa due terzi degli edifici in Germania risalgono ancora a prima dell'entrata in vigore della prima ordinanza sull'isolamento termico nel 1977 (fonte: BMU). Quanti di questi sono già stati rinnovati, nel migliore dei casi allo stato attuale dell'arte, non ho potuto scoprirlo.

Ma non siamo sulla buona strada, perché se non si prendono misure aggiuntive, le emissioni di CO2 del settore edilizio nel 2030 saranno 28 milioni di tonnellate più alte di quanto previsto dal piano di protezione del clima del governo tedesco (fonte: dena Gebäudereport 2019). L'obiettivo è di 70 milioni di tonnellate di emissioni di CO2. Nel 2019 eravamo a 118 milioni e nell'anno di riferimento 1990 a 210 milioni di tonnellate (fonte: governo tedesco). La domanda interessante è quale tipo di edifici dobbiamo guardare. Le case mono e bifamiliari hanno la quota maggiore del consumo finale di energia negli edifici con una quota del 39%. Gli edifici residenziali hanno una quota totale del consumo energetico degli edifici del 64% (fonte: dena Gebäuderport 2019).

A che punto è la ristrutturazione in Germania?

Secondo il GdW Bundesverband deutscher Wohnungs- und Immobilienunternehmen (Associazione federale delle imprese edili e immobiliari tedesche), due terzi di tutti gli appartamenti del settore abitativo sono già stati modernizzati in termini di efficienza energetica, e il 29% sono stati parzialmente modernizzati in termini di efficienza energetica.

In realtà non c'è rimasto molto per completare la ristrutturazione, eppure per anni il tasso di ristrutturazione in Germania è stato solo poco meno dell'uno per cento.

Questo è dovuto solo alle case monofamiliari? A causa del volume di investimento relativamente alto, queste case vengono rinnovate solo passo dopo passo con misure individuali. Nuove finestre qui, un nuovo sistema di riscaldamento lì, e forse un po' di isolamento termico. Nel migliore dei casi, la ristrutturazione passo dopo passo si basa su una tabella di marcia individuale di ristrutturazione elaborata da un consulente energetico.

Dopotutto, dall'inizio del 2020 sono disponibili sussidi più interessanti per la ristrutturazione di edifici efficienti dal punto di vista energetico. Questo include incentivi fiscali e migliori condizioni nei programmi di costruzione e ristrutturazione energetica della KfW.

Mentre il sussidio per le nuove costruzioni è molto richiesto, solo una piccola parte dei fondi disponibili va alla ristrutturazione. Secondo l'aiuto ambientale tedesco DUH, il 60 per cento delle sovvenzioni finiscono in nuove costruzioni.

Tre anni fa, ho scritto delle possibili soluzioni per aumentare il tasso di rinnovamento. La semplificazione del sussidio, i concetti energetici specifici dell'edificio e la visita di un immobile rinnovato energeticamente sono stati importanti. Dobbiamo ancora aspettare e vedere come viene ricevuto il nuovo sussidio federale per gli edifici efficienti(BEG). Inoltre, il concetto locale di rivolgersi ai proprietari è importante. L'esempio di Bottrop è apparentemente ancora senza imitatori - con un tasso di rinnovamento del tre per cento!

Ondata di rinnovamento dell'UE per aumentare l'efficienza degli edifici

A metà ottobre 2020, la Commissione europea ha pubblicato la sua strategia per un'ondata di rinnovamento per migliorare l'efficienza energetica degli edifici in Europa. Con questa strategia, vuole almeno raddoppiare il tasso di rinnovamento nei prossimi dieci anni. Questo dovrebbe migliorare la qualità della vita delle persone, ridurre le emissioni di gas serra e sostenere la digitalizzazione. L'ondata di rinnovamento mira a promuovere la ristrutturazione degli edifici con la più bassa efficienza energetica e a combattere la povertà energetica.

Uno sfondo chiave per l'ondata di rinnovamento è che molti milioni di europei: all'interno non possono permettersi di riscaldare le loro case. Migliorare l'efficienza energetica serve anche a combattere la povertà energetica e a migliorare la salute delle persone.

Per conciliare la sostenibilità con il design, sarà lanciato un nuovo Bauhaus europeo. La Commissione vuole promuovere una nuova estetica e combinare l'accessibilità economica con l'ambizione artistica in un futuro sostenibile.

Con l'ondata di rinnovamento, la Commissione vuole sostenere il contributo degli edifici all'obiettivo di riduzione delle emissioni del 55% entro il 2030. Questo significa che gli edifici devono ridurre le loro emissioni di gas serra del 60%, l'uso di energia del 14% e l'uso di energia per il riscaldamento e il raffreddamento del 18%.

6 pilastri dell'ondata di rinnovamento

La strategia si basa su sei pilastri:

  • Regolamenti più severi sull'efficienza energetica degli edifici, compresi gli standard minimi per gli edifici esistenti, regolamenti aggiornati sui certificati di rendimento energetico e un'espansione dei requisiti di ristrutturazione per il settore pubblico.
  • Garantire un finanziamento accessibile e mirato, compresi gli incentivi per il finanziamento privato
  • Rafforzare la capacità di effettuare ristrutturazioni, compreso il sostegno alle autorità coinvolte e le misure di formazione e qualificazione dei professionisti
  • l'espansione di un mercato di prodotti e servizi per l'edilizia sostenibile, compresa una revisione della legislazione e degli obiettivi di riutilizzo/recupero
  • un nuovo Bauhaus europeo come organo consultivo interdisciplinare
  • sviluppo di approcci distrettuali per le comunità locali, con soluzioni intelligenti basate sull'energia rinnovabile, idealmente con un bilancio energetico e alimentando le eccedenze nella rete. La strategia include anche un'iniziativa di alloggi a prezzi accessibili progettata per 100 distretti.

Il riscaldamento e il raffreddamento rinnovabili avranno un profilo più alto quando la direttiva europea sull'energia rinnovabile sarà rivista nell'estate del 2021. Per gli edifici, la Commissione sta pensando di introdurre un livello minimo di energia da fonti rinnovabili.

Primi passi per l'ondata di rinnovamento

Dopo l'annuncio dell'ondata di rinnovamento, i primi passi per l'attuazione devono seguire quest'anno. Questi includono la revisione della direttiva sull'efficienza energetica e la direttiva sul rendimento energetico degli edifici. In questi, la Commissione raccomanderà un'introduzione graduale di requisiti minimi di rendimento energetico per gli edifici. Un'altra raccomandazione sarà quella di rafforzare l'obbligo di presentare gli attestati di rendimento energetico.

Estenderà anche i requisiti per la ristrutturazione degli edifici a tutti i livelli della pubblica amministrazione.

Come l'ondata di rinnovamento si abbatterà sulla Germania

Ho già affrontato sopra la sfida di aumentare il tasso di rinnovamento in Germania. Sono necessari incentivi per i proprietari per effettuare ristrutturazioni efficienti dal punto di vista energetico. Allo stesso tempo, le ristrutturazioni non devono aumentare l'affitto caldo o porre un onere aggiuntivo sugli inquilini.

Usare gli edifici pubblici come modello

Un passo importante nell'ondata di rinnovamento è il ruolo esemplare degli edifici pubblici con la ristrutturazione di scuole, ospedali ed edifici amministrativi. Per questo motivo, 48 associazioni in Germania hanno chiesto in una lettera congiunta al governo federale di investire nella ristrutturazione energetica delle scuole e nella formazione e nel perfezionamento degli specialisti dell'edilizia con nuovi programmi speciali.

Gli standard minimi non devono rendere gli alloggi più costosi

L'industria dell'edilizia è particolarmente critica nei confronti degli standard minimi per l'efficienza energetica degli edifici. Vede il pericolo che gli alloggi precedentemente accessibili diventino costosi e inaccessibili per gli inquilini come risultato delle ristrutturazioni. Per il GdW, la strategia dell'UE contiene molte misure che causano costi e sforzi, ma non risolvono il problema reale. I sussidi non aiutano in questo caso, perché non sono compatibili con le misure obbligatorie.

Una soluzione potrebbe essere, per esempio, una sovvenzione basata sulla quantità di risparmi ottenuti.

Più energie rinnovabili non devono essere bloccate a livello nazionale

Aumentare la quota di energie rinnovabili nell'approvvigionamento energetico degli edifici è certamente un approccio utile. Tuttavia, questo non deve essere ostacolato dalla legislazione nazionale. Nell'EEG 2021 sono stati avviati importanti cambiamenti nel settore dell'elettricità per gli inquilini. Tuttavia, sono solo un primo passo. In particolare, la prevista esenzione dall'imposta sul commercio deve essere attuata in modo che le società immobiliari non siano esposte a rischi incalcolabili. Altrimenti, l'implementazione dell'elettricità degli inquilini rimarrà al basso livello attuale.

Un approccio per più energie rinnovabili nel settore dell'edilizia è offerto dalla legge sull'energia degli edifici (GEG). Una novità è l'integrazione dei sistemi fotovoltaici, che sicuramente avranno un ruolo maggiore nelle ristrutturazioni.

Il prezzo del CO2 nel settore del riscaldamento deve avere un effetto di guida

Dall'inizio del 2021, la Germania ha un prezzo sulle emissioni di CO2 nei settori del riscaldamento e dei trasporti. Attualmente ammonta a 25 euro per tonnellata di CO2 e aumenta ogni anno. Ho spiegato i dettagli qualche settimana fa in un post sul sistema nazionale di scambio di emissioni.

Questa misura può diventare uno strumento efficace se ha un effetto di indirizzo e offre incentivi per il rinnovamento. Se gli inquilini abbassano il riscaldamento, però, questo non è ancora un vero incentivo.

Proposte costruttive sono state avanzate da Dena e dall'industria degli alloggi. In entrambi i modelli, i proprietari di edifici a bassa efficienza energetica dovrebbero sostenere una quota maggiore dei costi aggiuntivi. Con l'aumento dell'efficienza energetica, d'altra parte, gli inquilini dovrebbero pagare una quota maggiore del prezzo della CO2. In questo modo, entrambe le parti dovranno pagare la parte dei costi su cui hanno più influenza.

La ristrutturazione degli edifici deve essere un prodotto finito

La ristrutturazione degli edifici è una questione molto complessa e su piccola scala. Non c'è un prodotto finito che può essere preso dallo scaffale quando serve. Le ristrutturazioni sono corrispondentemente costose. È quindi tanto più importante che riducano significativamente le emissioni nella realtà e non solo sulla carta.

Un passo importante per superare la complessità e ridurre i costi è la ristrutturazione in serie. Ho spiegato cosa significa in dettaglio qualche anno fa. Nel frattempo, un'iniziativa è stata formata in Germania con la partecipazione dell'industria dell'alloggio e della costruzione, così come delle start-up. Oggi, questa iniziativa offre una piattaforma di scambio per le aziende interessate. I primi progetti pilota sono già in corso.

Creare trasparenza e documentare i risultati

La riduzione delle emissioni è il fattore decisivo nella ristrutturazione degli edifici esistenti. Finora, non si sa quanto successo abbiano le misure attuate in questo senso. Non c'è ancora un monitoraggio sistematico delle ristrutturazioni sovvenzionate. Non sappiamo quindi se e in che misura riducono le emissioni di questi edifici. Una documentazione dei risultati potrebbe mostrare i diversi effetti delle singole misure in modo trasparente.

Pubblicato per la prima volta su energynet.de


Di Andreas Kuehl

Kuehl

Content Manager, Online Marketing, Social Media, Esperto in energia degli edifici, efficienza energetica ed energie rinnovabili, specializzato in edifici e quartieri neutrali per il clima, elettricità degli inquilini, efficienza energetica, energie rinnovabili, stoccaggio di energia e innovazioni per la transizione energetica globale. Specialista di contenuti per le aziende nel campo della transizione energetica, degli edifici climaneutrali e della sostenibilità.


Contenuti correlati