Houston, abbiamo un problema...

12 November 2018 da Rod Janssen
Houston, abbiamo un problema...

Il recente rapporto speciale dell'IPCC dovrebbe cambiare le carte in tavola, dice Rod Janssen. La comunità dell'efficienza energetica ha molto da fare per convincere il grande pubblico che l'efficienza energetica deve essere presa molto, molto più seriamente. Questo è il momento perfetto per un impegno significativo per migliorare significativamente l'efficienza energetica in tutte le nostre economie, dice. Janssen: "Non è solo ai governi che dobbiamo guardare. Questa è una sfida che ognuno di noi deve affrontare. Non sarà presto, ma si spera che saremo in grado di cambiare il verbo da avere ad avere. Nessuno ha detto

ha detto che la transizione energetica a basse emissioni di carbonio sarebbe stata facile, ma la transizione energetica sarà facile. Clicca qui per maggiori informazioni, scrivimi, email janssen a rod.janssen@ee-ip.org. Non si può fare l'efficienza energetica. L'efficienza energeticaStati membri della Comunità: Essere quel "ponte sulle acque agitate".


Contenuti correlati   #tecnologie  #crisi  #progetti pilota 


 

Questa fotografia della sala di controllo delle operazioni di missione nel Mission Control Center del Manned Spacecraft Center (ora Johnson Space Center), Houston, fu scattata il 13 aprile 1970, durante la quarta trasmissione televisiva della missione Apollo 13. Eugene F. Kranz (in primo piano, spalle alla telecamera)

Quando ho letto il recente rapporto speciale dell'IPCC, ho avuto quella sensazione di sprofondamento che la gente ha provato quando l'Apollo 13 ha avuto seri problemi nel 1970 durante la sua missione lunare. In realtà, la vera citazione del comandante James Lovell aveva il verbo al passato. Per noi, nella nostra attuale situazione climatica, il verbo è decisamente al presente. È urgente e abbiamo bisogno di un'azione urgente.

Durante e subito dopo le crisi petrolifere degli anni '70, l'efficienza energetica era vista come una soluzione a lungo termine. Non si può "fare" l'efficienza energetica con uno schiocco di dita. Ci vuole un'attenta pianificazione e un'implementazione completa. Abbiamo avuto più di 40 anni di esperimenti, progetti pilota, ricerche e altri programmi. Sappiamo cosa fare, abbiamo molta esperienza. Sì, stiamo sviluppando nuove tecnologie e tecniche. E stiamo trovando nuovi modi per finanziare e motivare. Quello che non vogliamo è una riduzione insostenibile della domanda di energia che sia solo una reazione a una crisi. A questo punto, non c'è nessuna crisi climatica, anche se ci sono momenti preoccupanti. Tuttavia, questo è il momento perfetto per un impegno significativo per migliorare significativamente l'efficienza energetica in tutte le nostre economie.

Quello che ci manca davvero oggi è quel reale senso di urgenza, quell'impegno per ambiziosi miglioramenti dell'efficienza energetica che portino a significativi risparmi energetici e riduzioni di carbonio. Forse la gente non crede davvero che una migliore efficienza energetica possa avere un tale impatto. Comprensibilmente, una migliore efficienza energetica è solo una parte della soluzione. Non è la pallottola d'argento per risolvere tutte le nostre preoccupazioni. Non c'è una pallottola d'argento. Punto.

Sappiamo che siamo nel bel mezzo della transizione energetica a basse emissioni di carbonio. Sappiamo che dobbiamo decarbonizzare in tutti i settori e che il nostro legame con i combustibili fossili deve essere spezzato. Sappiamo anche, più che mai, che possiamo farlo. Un decennio fa non avremmo mai pensato di poter migliorare il rendimento energetico dei nostri edifici di un fattore quattro. Ora, con le nuove tecniche e tecnologie, sappiamo che possiamo. Ci sono possibilità simili in tutti i settori di uso finale.

  • Alla recenteconferenza globale dell'AIEsull'efficienza energetica, ci sono state alcune ottime presentazioni di iniziative in corso. Non solo ho sentito che non c'era un senso di urgenza che dovevamo prendere le nostre lezioni apprese e sostanzialmente scalare le nostre azioni. È importante notare che c'erano prove che dimostravano che i miglioramenti nell'efficienza energetica si sono effettivamente bloccati in molte parti del mondo. E questo è venuto fuori anche sull'Europa, quindi non ci si può vantare di quanto siamo bravi.
  • Alla quinta conferenza europea sul comportamento e l'efficienza energetica, tenutasi a Zurigo in settembre, c'erano prove di buone ricerche in corso, ma una simile mancanza di urgenza. La maggior parte delle ricerche presentate portavano a piccoli cambiamenti nel comportamento e non affrontavano ovviamente come questo potesse essere raggiunto su scala nazionale o regionale. E di nuovo, non erano solo i miei sentimenti.

Ma è il recente rapporto speciale dell'IPCC che dovrebbe cambiare le carte in tavola. Speriamo che l'Unione Europea e tutte le sue istituzioni siano all'altezza della situazione e mostrino la leadership di cui abbiamo bisogno. Ci sono altri paesi che si sono tirati indietro (speriamo solo temporaneamente). L'Unione Europea deve accettare la sfida e stabilire nuove politiche che convincano gli altri ad agire di conseguenza.

Quindi, tutti noi abbiamo un ruolo da svolgere. Non è solo ai governi che dobbiamo guardare. Questa è una sfida che ognuno di noi deve affrontare.

Non sarà presto, ma speriamo di riuscire a cambiare il verbo da avere ad avere. Nessuno ha detto che la transizione energetica a basse emissioni di carbonio sarebbe stata facile. La comunità dell'efficienza energetica ha molto da fare per convincere il grande pubblico del perché "l'efficienza energetica prima di tutto" deve essere presa molto, molto più seriamente.

Houston, è giunto il momento di risolvere questo problema.

_______

Non dimenticate...

Per ulteriori informazioni, scrivete a me, Rod Janssen, a rod.janssen(at)ee-ip.org

Articoli correlati

 

Restate sintonizzati! Le migliori idee per l'efficienza energetica e la transizione energetica...